Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


 Ciclo "Jazz Club"
 
Phil Woods Quartet
 
 Bird with Strings…and more!
 
con l'orchestra I Nuovi Cameristi
 
direttore Giovanni Seminerio
 
Teatro Sangiorgi - Catania, 26 aprile 2005
 
di Antonio Terzo
 
foto di Celestino Roberto Bellavia
 


 Phil Woods sax contralto
 Ben Aronov piano
 Jesper Lundgaard contrabbasso
 Douglas Sides batteria


I Nuovi Cameristi
dir. Giovanni Seminerio


violini
Aldo Traverso
Marcello Spina
Antonio D'Amico
Massimo Cipria
Alessandro Cortese
Giuseppe Costantino
Aldo Piazzese
Giuseppe Valastro
Vincenzo Di Mauro
Antonio De Simone
Antonio Pulvirenti
Marco Giuffrida
Elisa Ligresti
Danilo Pistone

viole
Vincenzo Di Ruggiero
Patrizia Concas
Roberta Bullace
Marco Traverso

violoncelli
Marco Bologna
Antonio Di Credico
Giuseppe Bullace
Alessandro Longo
Annamarie Conti
Laura Di Lorenzo

contrabbasso
Giuseppe Giacalone

flauto
Giovanni Roselli

oboe
, corno inglese
Gaetano Lo Iacono

clarinetto
Domenico Gaglio


Se c'è un contraltista accreditato come continuatore del verbo che fu di Charlie Parker, quegli è certamente Phil Woods. Basta ascoltarlo. Non si pretende certo di affermare che si tratta di un "Parker redivivo", anzi, tutt'altro: potrebbe e dovrebbe essere considerato come una sorta di "anello mancante", rappresentativo di quello che il contraltismo sarebbe diventato se l'amato Bird non avesse preso così tragicamente – e prematuramente – il volo e avesse avuto il tempo di calarsi nelle moderne sonorità che hanno percorso il jazz dalla sua scomparsa ad oggi.

Ed è quanto Phil Woods ha fatto risaltare, con il dovuto rispetto, nel concerto "Bird with Strings and more…!" inserito nel cartellone Jazz Club di EtnaFest 2005, lo scorso 26 aprile al teatro Sangiorgi di Catania. Seduto su uno sgabello di legno, il suo concerto parte con l'inconfondibile incipit di orchestra prima e sax poi, tal quale si ritrova nella registrazione newyorkese del '49 di Just Friends, con la sola differenza che ai pizzichi dell'arpa, assente in organico, sopperisce lo svolazzante piano di Ben Aronov. E subito si desume la buona sintonia fra le parti, l'orchestra I Nuovi Cameristi ed il suo conduttore Giovanni Seminerio, la sezione ritmica del gruppo di Woods, e ovviamente il corpulento sassofonista di Springfield, fra le cui mani il contralto sembra più piccolo di quanto non sia: ma il suono è chiaro e brillante.

Sottilissimi i violini per Everything Happens To Me, pregnante comunicazione fra sax ed archi, di gran trasporto, e risoluzione in "arrampicata" del sassofonista, quindi April in Paris, ritratto di primavera a tinte pastello, trascinante, come trascinanti sono gli intercalari orchestrali, mentre Aronov svolge il proprio momento improvvisativo in block chords, con Woods che lo segue in silenzio scandendo i quarti con la destra, fino al proprio serpeggiante giro bop ed all'epilogo teso di violini e clarinetto. Dopo aver presentato i vari musicisti che lo accompagnano, segnala i pezzi eseguiti, quindi un brano originale, Solitude, inserito nell'album The thrill is gone del 2003, di non semplice lettura per l'ascoltatore. Più diretto invece You go to my head, brano a firma Coots/Gillespie tratto dallo stesso cd, dove il sax diviene a tratti possente, con attacchi che si impongono su tutta l'orchestra, suono preciso anche negli staccati, per divenire quasi ballabile e quindi "boppeggiare" in un vivido assolo, forse il più fantasioso della serata: molle – glissati compresi – adagiato sul tempo beguine architettato dall'intera sezione da leggìo. Chiude il primo set un pezzo costruito sulla falsa riga di All Blues e lasciato all'estemporaneità dei solisti, incluso il direttore Seminerio con il suo violino, in un continuo dialogo fra il quartetto woodsiano e l'ensemble orchestrale.

Il concerto riprende con Woods che stacca («one, two, you know what to do») e lancia una Yardbird suite che più bop non si può, con scattante profluvio di note imbastite sulla linea motivica, mettendo l'ascoltatore in condizione di seguirne godibilmente i passaggi. Poco volume, invece, nell'intervento – pure incisivo – del piano, cristallino, in tono con lo spirito del brano e sospinto in modo rettilineo dal pulsare della batteria del vivacissimo ma composto Douglas Sides. Quindi il borbottante inserimento del contrabbasso del danese Jesper Lundgaard, che in alcuni frangenti indugia anch'esso sulle frasi del celebre capolavoro parkeriano, con un'articolazione swingante che entusiasma i presenti. A ruota, gli spazi di quattro battute lasciati alla batteria, che poi divengono due ad interloquire con sax e piano e quindi, velocissimi, addirittura di una sola misura. Basta un pugno alzato con disinvoltura dall'indiscusso catalizzatore della serata per ricondurre tutto al tema. E la platea applaude con convinzione.

Si procede con una (lunga) serie di soft ballads, languida e strascicata l'apertura di I'll remember April avviata dall'orchestra, come languida è anche la voce del contralto che nelle note più gravi recupera lo spessore che gli stridori degli acuti, invece, assottigliano. Woods esplora le possibilità diatoniche del brano, poderoso nella fase di raccordo, creativo nella riproposizione dell'ultimo chorus tematico. Chiusura con corno inglese che denota una particolare cura dei colori nell'orchestrazione, perfino nelle sfumature. Easy to love, direttamente presa a prestito dall'incisione di Bird: dopo una intensa intro pianistica, l'orchestra punteggia l'armonia del noto brano di Cole Porter, in ritmo dondolante, quasi una samba. Si arriccia il sax di Woods fra le composite triadi dipanate dall'orchestra, contrappuntandone le progressioni con alterazioni di passaggio. E ancora lento e malinconico è il mood di And when we were young, composta e dedicata da Woods a due grandi del contrabbasso recentemente scomparsi, Ray Brown e Jimmy Woode: lirico il saxalto, ben affiatata l'orchestra, anche nelle coloriture dinamiche, a raggiungere un pathos che viene sottolineato dal piano, solo insieme alla sezione ritmica. Siparietto caudale in salsa sudamericana, a smuovere finalmente l'andamento, sopra la quale scivola brioso ancora il sax.

In debito di fiato, il sassofonista lascia il palco al proprio trio che su un brano presentato come Buzz the Wuzz, evidenzia una volta di più lo splendido interplay esistente fra i tre. Quindi If I should lose you, ancora una ballad in stile bop e dai curatissimi colori espressivi in orchestra, con oboe e flauti in prima linea, cui risponde lo scivoloso guizzo di Woods, breve ma intenso, e a seguire la suadente The nearness of you, con coda vibratissima.

Avviandosi il concerto a conclusione, non poteva non passare attraverso Repetition, brano che – narra la leggenda – assume tale nome a dispetto del fatto che sia stato registrato in "first take" da Charlie Parker: e la grande lezione parkeriana si materializza nelle legatissime e vorticose scale di abbellimento di Woods, su uno strepitoso fraseggio solistico che lascia l'uditorio senza fiato. Ed anche il finale riesce corale, con combinazione fra la batteria, vari scambi tra i fiati – leader compreso – all'unisono ed in alternanza.

Il bis è un raffinato pezzo che sembra uscito da un musical anni '50, con qualche momento di tensione comunque egregiamente superato. Ed infatti i presenti non vogliono saperne di andar via e Woods, che ringrazia sentitamente, riprende in mano lo strumento ed improvvisa una Besame Mucho cui partecipano i vari solisti, fra i quali spicca il clarinettista Domenico Gaglio, a fianco del direttore Seminara, il cui violino ora si tinge di accenti tzigani molto puntuali e coinvolgenti.

Ma il congedo definitivo si ha quando costretto ancora una volta a tornare in pedana, causa gli scroscianti applausi, Woods si mette al piano e, attorniato dagli archi, esegue Surrender (Torna a Surriento), appagando finalmente il soddisfatto pubblico.






Articoli correlati:
08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

27/08/2010

The New Continent (Dizzy Gillespie) - Alceste Ayroldi

01/07/2007

Encontro (on Jobim) (Phil Woods - Irio De Paula)

08/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "In Your Own Sweet Way" solo di Phil Woods (Paolo Mannelli)

11/06/2005

Eric Alexander & The Real Thing: "...il piacere di aver sentito suonare "in carne e ossa" vere e proprie leggende del jazz di tutti i tempi, aver potuto assistere realmente alle movenze che le loro – sublimi – esecuzioni su disco lasciano solo immaginare..." (Antonio Terzo)

14/05/2005

Charles Lloyd Quartet a Etnafest 2005: "...Lloyd riesce senza dubbio a conglobare meravigliosamente le varie forme stilistiche fin'oggi concepite, riconducibili a questo favoloso grande dizionario che è la musica di matrice afro-americana..." (Antonio Terzo)

26/03/2005

Bobby McFerrin, One Voice Show nell'ambito di Etnafest 2005: "...il pluripremiato artista afroamericano è molto più di un pop singer, ed anche di più di un jazz vocalist, concentratosi da sempre sull'aspetto comunicativo della propria musica, la trasmissione di interiori emozioni sonore, come un moderno "griot"...(Antonio Terzo)





Video:
Abbey Lincoln And Phil Woods at Night Music Show 1989 - Hi Fi
...
inserito il 28/03/2009  da sigmundgroid - visualizzazioni: 2152
Abbey Lincoln Phil Woods on Nightmusic
...
inserito il 28/10/2006  da bobby4000 - visualizzazioni: 2109
Legends of Jazz: David Sanborn & Phil Woods - Senor Blues
...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 2566
Phil Woods - The Midnight Sun Will Never Set
Recorded : Live In Switzerland 1960....., ......., ......., , FAIR USE DISCLAIMER: I do not own copyright for this copyrighted artwork, but under Sect...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 3568
Phil Woods Quartet with Strings
The phenomenal Phil Woods (alto) Ben Aronov (piano) Reginald Johnson (bass) Doug Sides (drums)with the Orchestre du Conservatoire National Regional de...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4005
Phil Woods and His European Rhythm Machine '' Flowers '' 1969
Phil Woods and His European Rhythm Machine '' Flowers '' 1969...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4127
Phil Woods Concert at Yamaha New York with Capitol Quartet
From Yamaha's free podcast- I own nothing....
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 3510
Phil Woods-Goodbye Mr. Evans
1989 concert in Stuttgart;Composition by Phil Woods;Cedar Walton(piano)Rufus Reid(bass)Mickey Roker(drums)....
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 3068
Phil Woods Big Band - Blue Note , Paris 1960 '' Steeplechase '' + '' A night in Tunysia ''
Phil Woods Big Band - Blue Note , Paris 1960 '' Steeplechase '' + '' A night in Tunysia ''...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4300


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.901 volte
Data pubblicazione: 30/04/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti