Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Amici della Musica "SummerNight" - musica jazz & dintorni
Enzo Randisi & Enrico Intra
Palermo, Palazzo Fatta 19-06-2003
di Antonio Terzo

Non è facile per chi sia siciliano e segnatamente palermitano restare obiettivo nel fissare in parole una esibizione del vibrafonista Enzo Randisi: al di là del mero campanilismo, anche chi di jazz non si è mai interessato, del jazzista palermitano giocoforza ha quanto meno sentito parlare. Chi ne ha seguito le gesta, poi, sa anche che trattasi di un pilastro del jazz in Sicilia, uno dei primi pochi musicisti a suonare jazz in un'isola in cui l'arte non è mai stata vista come una vera professione, un jazzista che ha saputo farsi valere nel resto del continente italiano ed europeo (per citarne solo una minima parte, da Gato Barbieri, a Pierre Favre, da John Lewis a Bobby Durham, passando ancora per il Modern Jazz Quartet, Slide Hampton, Bill Smith e tutti i più autorevoli nomi del panorama nazionale), un mecenate anche, se è vero come è vero che molti sono i "ragazzi" che da lui sono stati instradati sulla via della musica d'estemporaneità: da Giuseppe Milici a Giovanni Mazzarino, da Mimmo Cafiero a Stefano D'Anna, a tutti Enzo Randisi ha dato la grande opportunità di potersi esibire nei suoi gruppi, le gloriose band con un altro capostipite del jazzismo siciliano, il batterista Gianni Cavallaro, fino ai recenti Duke Ellington Singers, ensemble che costituisce brulicante vivaio per molti dei giovani talenti nostrani.

Ma dal momento che sentir suonare Randy, come reca la "targa" del suo vibrafono, non è certo raro a Palermo – per fortuna –, ciò che ha reso ancor più godibile la serata dell'associazione Amici della Musica per la rassegna "SummerNight – musica jazz e dintorni", è stato l'incontro del musicista palermitano con un grande pianista italiano, Enrico Intra.
Fra i pianisti più apprezzati del panorama europeo, il suo passaggio per Palermo ha reso possibile regalare al pubblico di Palazzo Fatta un concerto rilassante, con un jazz non impegnativo. Lo testimonia anche la sequenza di brani, decisa appena un'ora prima, in gran parte standards come solo due grandi sanno reinterpretare, senza orpelli e con grande emozione. L'iniziale Bewitched, eseguita in piano solo dall'inconfondibile leggiadro tocco del jazzista milanese, dopo l'ingresso di Randisi, lascia il passo al brano successivo che vede il duo impegnato in scambi di note, magicamente sospese a mezz'aria quelle di Randisi, solidamente aggrappate all'ossatura ritmica accentuata dal pedale quelle di Intra.

Particolarmente saporiti i momenti dedicati ad Ellington, con un'ammiccante interpretazione di
Satin' Doll dall'incedere slow, sì da consentire al vibrafonista degli ampi fraseggi a percorrere l'estensione delle tre ottave della tastiera. A sua volta, il compagno, mantenendo l'atmosfera raffinata del brano, stende il proprio turno di estemporaneità soffermandosi sulla struttura armonica, mentre il vibrafono lo accompagna enfatizzando frammenti di triadi. Poi l'immancabile Sophisticated Lady, dove al torrente di note di piano fanno eco le intense vibrazioni di Randisi, le cui mazze rapidissime e feline tracciano le note senza neppure soffermarsi, apparentemente, sulle piastre metalliche.

Dopo una breve pausa, ancora una fantasia dukellingtoniana, la cui introduzione è celata da dissonanze armoniche del piano che svolgono poi un inevitabile walking-bass a sorreggere il fresco assolo di Randisi, quindi Prelude to a Kiss, molto appassionata sul piano riflessivo di Intra ed incorniciata dagli effluvi armonici che il vibrafonista rilascia dal proprio strumento. Segue un altro momento solistico di Intra che propone una versione "romantica" di Take the "A" train, davvero delicata, stemperata da colori orchestrali ed al contempo arricchita dalle sfumature del sapiente tocco pianistico.

P
oi Gershwin,
Fascinatin' Rhythm di cui Intra declina il tema melodico sottolineandolo o semplicemente accennandolo a seconda degli spunti offertigli dalle mazze di Randisi, con pregevoli modulazioni su due tonalità in chiusura.

L'ultimo brano è tratto dalla colonna sonora di un vecchio film con Deborah Kerr, che Randisi confessa di dedicare sempre alla propria moglie, "un pezzo dei nostri tempi…" viene rimarcato, a testimoniare una volta di più che per la serata s'è prodotto un pezzo di storia del jazz italiano ed internazionale.



Articoli correlati:
21/10/2003

Laura Campisi: "Fa sempre piacere poter ascoltare chi muove i primi passi sulla scena jazzistica e musicale in genere. Soprattutto quando ha i numeri per farlo, mettendo in mostra sensibilità, capacità e qualità." (Antonio Terzo)

25/07/2003

Franco D'Andrea e il giovanissimo Francesco Cafiso: "Un vero jazzista dal bagaglio tecnico stilistico ricco e versatile, nessun timore ad affermarlo, dal quale ci si dovrà attendere molte e grandi cose..." (Antonio Terzo)

09/07/2003

Ana Flora: "Piacevole concerto quello tenutosi a Palazzo Fatta per gli Amici della Musica, svoltosi all'insegna non soltanto della musica brasiliana ma soprattutto del miglior connubio tra samba e jazz." (Antonio Terzo)

18/06/2003

John Taylor a Palermo. "...un lungo applauso conclude la serata del grande pianista inglese, che, sempre all'altezza delle aspettative e della sua odierna fama, non smette mai di incantare, in qualunque veste si produca." (Antonio Terzo)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 10.300 volte
Data pubblicazione: 25/06/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti