Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Teatro Massimo - Stagione estiva 2003
Dianne Reeves
"The Calling" – Celebrating Sarah Vaughan
Palermo, Teatro Massimo, 16 luglio 2003
di Antonio Terzo

Dianne Reeves
leader vocals
Peter Martin
pianoforte
Reuben Rodgers
Contrabbasso
Gregory Hutchinson batteria

O
rchestra del Teatro Massimo di Palermo e Orchestra Jazz Siciliana, direttore Gaetano Randazzo

Dianne Reeves - The Calling (Celebrating Sarah Vaughan)Interamente dedicata a Sarah Vaughan la serata concertistica di Dianne Reeves, elegante jazz vocalist che così presenta The Calling, in prima esecuzione italiana ed esclusiva mondiale per il Teatro Massimo di Palermo, sua ultima fatica discografica valsale un Grammy Awards. E la cornice di questo suggestivo concerto è, questa volta, proprio l'incantevole teatro palermitano di fine ottocento, terzo d'Europa e primo d'Italia. Evento nell'evento, la cantante di Detroit oltre che dal suo fido trio composto da Peter Martin al pianoforte, Reuben Rodgers al contrabbasso e Gregory Hutchinson alla batteria, è accompagnata da ben due orchestre, l'Orchestra Jazz Siciliana e l'Orchestra del Teatro Massimo, per la conduzione di Gaetano Randazzo.

Ad orchestre entrambe schierate, il gruppo precede l'ingresso della cantante nero-americana, vestita in abito giallo, leggerissimo spolverino bianco e collana di perle lunga fino alle ginocchia. E dagli iniziali vocalizzi, giusto per scaldarsi, si intende già la musica di gran livello che la Reeves si accinge a regalare al pubblico palermitano, procedendo a vocalizzare anche per presentare il "capitano di viaggio", il M° Randazzo. Parte così l'orchestra, con passaggi in sezione da big-band, ad infondere un tocco particolare alle simulazioni trombettistiche della vocalista. Pregevole il fresco drumming del giovane Hutchinson, in un continuo sviso, anche sotto la coltre vaporosa degli archi. Dopo i primi due brani, seduta sullo sgabello la Reeves intona Speak Low, suadente e affascinante sull'intro sfumata di tutti i musicisti, trio compreso. photo by Clay Patrick McBride E mentre gli intermezzi orchestrali riescono a rendere perfettamente gli arrangiamenti dell'album, è la voce comunque che rapisce, facendo netta la differenza tra l'ascolto del cd ed il calore dell'esibizione live.

Molto ricercata Lullaby of Birdland ricostruita sull'atmosfera "bachiana" del Magnificat, con intro orchestrale che in progressione di tredicesime ripete l'iniziale sussurrato della Reeves, di grande presa. Il solo è invece in combinazione con contrabbasso, drums e piano, e risente notevolmente dello stile contrappuntistico del grande compositore tedesco. Notevole anche l'interloquio tra le sfumature vibranti della voce e le tenui coloriture dell'intero ensemble orchestrale.

photo by Clay Patrick McBrideBrano cui tanto la Reeves che la grande Sassy risultano legate è Send in the clowns, aria dai toni melodrammatici trasfigurati in un attacco misterioso del piano e riecheggiati da un pedale grave, ancora più inquietante, ad opera dell'intera sezione di bassi dell'orchestra. Spicca il solo di Giampiero Lo Piccolo al sax, versatile ed articolato, quasi a spezzare l'intensità emotiva dell'esecuzione.

Particolare l'arrangiamento funky di Fascinatin' Rhythm, con basso elettrico ed incipit sincopato del piano, quest'ultimo qui a distinguersi per un assolo di grande verve e fantasia, cui replicano i nervosi ed improvvisi stacchi orchestrali, con il Maestro che si contorce per tenere le fila dialogiche del beat ritmico, dei brass, degli archi e della voce della Reeves, sicuramente non di notevole estensione, ma indubbiamente di gran temperamento interpretativo e profondità timbrica.

Seguono Key Largo, omaggio a Benny Carter recentemente scomparso, e Embraceble you, immancabile brano di Gershwin dove entra tutta l'orchestra a dipanare una finissima trama di ottoni e violini. Compitissimo il solo di Sergio Munafò alla chitarra, caldo e raccolto, che guadagna un altrettanto caloroso applauso dal pubblico, ad anticipare il toccante finale voce ed orchestra. Poi, ancora introdotta dal basso elettrico, What a little moonlight can do, trasformata in una sensuale samba, cui fa riscontro Obsession, tra i brani preferiti della Vaughan, immancabile nel suo repertorio e quindi in una serata a lei dedicata. Sul finale Dianne Reeves presenta il gruppo ed i solisti in orchestra, quindi, dopo un breve ritiro dietro le quinte, propone in bis una coinvolgente Misty, degna della Vaughan, dapprima solo piano e voce, poi con inserimento dell'orchestra, quindi il finale torna pacato, sul solo di contrabbasso, fraseggiato e riflessivo, con punte molto romantiche anche grazie agli ottoni in pianissimo dell'orchestra che così approda ad un ending quasi intimistico.

Tanti dunque gli ingredienti di questo soddisfacente concerto, per un cocktail dal sapore ricco, una performance all'altezza delle grandi esibizioni cui Dianne Reeves ci ha da sempre abituato.





Articoli correlati:
20/06/2017

Annunciati i vincitori del NEA Jazz Master 2018: Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters

21/10/2015

Quattro chiacchiere con...Joyce E. Yuille: In occasione della pubblicazione del suo album di debutto, la cantante americana si racconta: "Penso che l'aver vissuto in Europa mi abbia reso più disponibile ad effettuare sperimentazioni e mi ha reso più aperta durante le mie performance live." (Alceste Ayroldi)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

13/11/2003

Dianne Reeves: "Ha un approccio recitativo al canto, ed esprime con molto vigore ed energia i sentimenti e le sensazioni che i testi le suggeriscono. Osservandola cantare, ho pensato: Una vera Signora del Jazz". (Eva Simontacchi)

25/07/2003

Richard Galliano Septet al Teatro di Verdura: "Un concerto pulsante e ricco di emozioni permette al pubblico palermitano di conoscere dal vivo l'ultimo lavoro discografico di Richard Galliano dedicato interamente ad Astor Piazzolla." (Antonio Terzo)

21/11/2002

Dianne Reeves all'Ancona Jazz Festival: Una grande artisca con un imponente carica spirituale e musicale... (Cinzia Eramo).





Video:
Dianne Reeves @ Jazz in Marciac : Vendredi 3 Aout 2007
Deux guitaristes, Russell Malone et Romero Lubambo, précèdent, en duo sur Beautiful Love, une Dianne Reeves épanouie. Après avoir ...
inserito il 13/01/2010  da jazzinmarciactv - visualizzazioni: 2245
Dianne Reeves & Russell Malone - You've got a friend
sweet stuff. Live 2004...
inserito il 18/10/2009  da emmadetten - visualizzazioni: 2008
Dianne Reeves & Russell Malone - Embraceable You
some super sweet stuff. Now I'm gonna have to sit and play Embraceable You for the rest of the day. So should you. 2004...
inserito il 21/09/2009  da emmadetten - visualizzazioni: 1960
Dianne Reeves-In Your Eyes-Live at Vienne 1999
Extrait du concert du 30 juin 1999 de Dianne Reeves. Otamro Ruiz au piano, Munyungo Jackson percussion, Ricky Briant drums., 9A groove à mort !...
inserito il 10/11/2006  da gaxou - visualizzazioni: 2023


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.471 volte
Data pubblicazione: 05/10/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti