Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Rochester International Jazz Festival 2006
Rochester, New York, June 9 – June 17, 2006
di John Coltelli (per Jazzitalia)

Click here to read the english version

Il volo 20 decolla deciso, ci lasciamo alle spalle i grattacieli della Grande Mela per dirigerci rapidamente verso i confini nord-ovest in direzione Rochester, N.Y in occasione della quinta edizione del Jazz Festival. Situata vicino le rive del Lago Ontario, ai confini con il Canada, questa città conta 225.000 abitanti e offre nove giorni di Jazz, Soul, Blues e world music di alto profilo in tredici palchi che spaziano da teatri in stile antico e sale da recital a piccoli, scuri club con bianche tende esterne che si gonfiano al vento come le gonne di giovani donne con la brezza pomeridiana.

I musicisti provengono da più di dieci paesi e, in questa terra vergine bagnata dal fiume Genesee, fino al termine del festival ci saranno stati 170 concerti eseguiti da più di 600 musicisti. Gli artisti principali come McCoy Tyner, Wayne Shorter, James Brown, Etta James e Phil Woods susciteranno grande desiderio di essere visti ed ascoltati da parte di tutto il pubblico, nazionale e internazionale, del Rochester Jazz che è il festival con il tasso di crescita più veloce nel paese e che, in quanto a dimensione, ha eclissato il per molto tempo dominus Monterey Jazz Festival. Lo scorso anno, più di 65.000 appassionati sono venuti ad assistere e quest'anno si prevede un aumento.

Appena il volo 20 comincia la discesa e vira verso Rochester, colline lievemente ondulate danno modo alla valle del fiume di indicare la via verso la città. Giù, il Genesee River, sinuoso come un serpente, delinea attraverso il suo letto la direzione verso questa città che è bagnata in profondità dalla tradizione e dalla cultura musicale. L'opera è sempre stata amata ed apprezzata e questa città, arricchita dall'era moderna che ha visto la crescita di grandi aziende come Kodak, Xerox, Bausch and Lomb e altre, ha avuto per anni la musica classica come costante fondamento.

Incentrato all'interno e nei pressi di una delle più importanti istituzioni musicali di Rochester, la Eastman School of Music, il festival si svolge molto vicino a Gibbs Street in modo da avere un facile accesso a tutti i teatri coinvolti posizionati uno vicino all'altro e raggiungibili a piedi. Lo stridore delle gomme che frenano sulla pista concludono il breve volo e subito le belle strade soffiate dal vento, localizzate nel modesto centro, verranno oscurate dalla calda forza della musica americana.

Sabato 10 giugno, alla Kilbourn Hall, collocata maestosamente nei confini dell'"Eastman school of music", ospita il pianista Cedar Walton il quale entra nell'edificio, saluta velocemente per poi essere accompagnato dalla maschera nel camerino. Il corridoio di ingresso, decorato in modo dettagliato, conduce in una sala pannellata di castagno, apparentemente simile ad un vecchio stile Tudor, con il soffitto in stile rinascimentale e grandi candelieri.

La musica suonata da Walton è sempre elegante con un programma costituito da un insieme di standard come "Skylark", "Every Time We say Good-Bye", "Time After Time" e di brani originali come "Cedar's Blues". Oltre alle sue divagazioni divertenti e alla sua carismatica personalità, Walton ha eseguito delle introduzioni sempre molto serie, dense di musicalità e lirismo che hanno catturato l'attenzione dei circa 500 presenti. Il pianista di Coltrane e discepolo dei "Messenger" ha rapidamente riscaldato la notte di Rochester con i suoi voicing smooth e funky al tempo stesso. Con affreschi e statue che fanno da sfondo, fluidi sonori sono fuoriusciti dal palco e hanno attraversato il pubblico, arricchiti dall'ottima, chiara ma calda acustica della sala. Il nuovo album di Walton, "Underground", è dedicato alla metropolitana di New York City e gli accordi profondi, scuri, sotterranei che accompagnano la musica, sicuramente omaggiano i treni che scorrono la loro strada attraverso i tunnel cavernosi sotto Manhattan Island. Lasciando da parte un'inconscia divagazione che vede il pianista tornare ad un precedente brano, "Everytime We Say Goodbye", mentre ha eseguito "I Didn't Know What Time It Was", Walton è la testimonianza vivente di cosa possono produrre la grande conoscenza musicale e molti anni di esperienza.

Sebbene questa sala e questa musica parlino di un'epoca differente, fuori al teatro, su un palco esterno, una band liceale esegue un loro brano basato su improvvisazioni jazz assicurando, pertanto, un futuro a questa eloquente forma d'arte.

Uscendo dalla Kilbourn Hall della rinomata Eastman School of Music, si avverte il senso della resistenza alla tradizione che questa istituzione promuove. Fondata nei primi anni '20 da George Eastman, magnate della Kodak, trai suoi allievi ha visto grandi musicisti come il bassista Ron Carter, il batterista Steve Gadd, il trombettista Chuck Mangione e molti altri. E', di fatto, il college musicale della University of Rochester e attualmente conta 800 studenti e 150 membri di facoltà.

"Sin da quando ero piccolo ho guardato questo posto come uno dei grandi centri musicali al mondo e ho sempre desiderato essere qui", dice il diciannovenne Nick Brust, studente e sassofonista all'Eastman. "Avverto che qui fanno costantemente tutto ciò che si può fare per favorire la diffusione della musica nel mondo e in special modo qui nella zona di Rochester."

Più tardi nella sera, questa tranquilla cittadina è stata testimone dell'esuberanza e delle selvagge e buffe movenze del leggendario James Brown insieme ai Generals of Soul! La gente ha riempito l'atrio dell'Eastman Theatre ed è fluita verso i percorsi della celebrazione riflettendo sull'età di Mr. Brown e se fosse ancora o no "Il più duro lavoratore dello show business". Mentre i 3.000 posti lentamente si riempiono la band composta da 11 elementi e 4 coriste si prepara a salire sul palco. Il batterista Mousie Thompson, che ha suonato con Brown per 14 anni ci parla nel backstage sul tempo che ha trascorso insieme al Padrino del Soul. "La sua alchimia, il modo in cui realmente pone le cose insieme, è sorprendente, è qualcosa che non ho mai capito e che è causa sempre di qualcosa di nuovo. E' un grande uomo per cui lavorare, devo essere grato per aver avuto l'opportunità di lavorare per un uomo come James Brown", dice il batterista, "il solo averlo al microfono è la cosa più bella che potesse capitare alla musica in questo momento. Non abbiamo sintetizzatori, tutti suoniamo, effettivamente suoniamo", continua, "parliamo di musica per tutto il tempo, ed è sufficiente parlare di musica che lui di tira fuori sempre nuovi concetti".

Alcuni momenti dopo, la band, vestita con uno smoking rosso acceso, invade il palco. Sotto il riflesso di luci arancione, la band sembra una fiamma rabbiosa che brucia nella notte. Suonano un groove funky con una tesa, forte sezione di fiati, la sensualità piomba sul palco nel momento in cui le 4 coriste ballano dietro i microfoni. MC Hammer, presentatore di James Brown da almeno 40 anni, entra sul palco in smoking bianco ed esorta il pubblico a dare il benvenuto a: "The Godfather of Soul!", "The Sex Machine!", "The Hardest Working Man in Show Business!". James Brown fa il suo ingresso, il pubblico è molto riscaldato, inizia lo spettacolo. Da una rauca versione di "Popcorn" e "I Got You" ad un classico del R&B come "Try Me", Mr. Brown apre il Libro del Soul e inizia a predicare come ha fatto per cinque decadi. Il soul-groove che egli e la band stanno sprigionando, camuffa i 70 e oltre anni di Brown. In questo tour del 50° anniversario Brown sta realmente dimostrando che il Soul è Anima.

"Mi sento bene e ad ogni battito del mio cuore mi sento meglio", afferma. E' questo battito interiore, questo ritmo interiore, che soppianta il vero cuore mantenendolo giovane e vibrante a dispetto degli anni che passano. Il suo vero cuore agisce come fosse un terzo batterista della band, un groove senza fine che avvolge il suo cammino attraverso cinque decadi durante le quali è riuscito ad andare in ogni direzione.

Durante la serata, Brown fornisce un tributo a quei soul man che sono scomparsi di recente come Lou Rawls, Wilson Pickett e Ray Charles. Lo fa eseguendo il blues popolare "The Night Time is the Right Time". In un'intervista effettuata poco prima dello spettacolo Brown ha esternato alcuni suoi pensieri riguardo la sua fortuna e la sua longevità: "Dio è il mio principale segreto", poi, rivolto alla stampa e al pubblico, "…inoltre, tutti voi siete stati grandiosi nell'aiutarmi e vi ringrazio davvero molto per avermi aiutato ad avere una vita che non avrei mai avuto e poi anche la bella gente che mi circonda. Queste sono le cose che mi aiutano fuori dalla musica, realizzando che abbiamo un Dio, in qualsiasi modo lo chiamiamo Buddha o Allah, è sempre Dio e gli siamo devoti. Non si può picchiare la gente per la loro religione ma dobbiamo combattere affinchè la gente si ami. Dobbiamo imparare ad amarci l'un l'altro! Se ci amiamo reciprocamente possiamo fare tutto!".

Attraverso l'esecuzione di "Sex Machine" e "Living in America", Brown ha dissipato tutta la chiaccherata effettuata prima dello spettacolo. Egli ancora suda, urla e grida e mentre lo fa trasmette di più di ciò che si possa pensare. Qualcuno potrebbe dire che questo è soltanto un esercizio di replica di vecchia musica ma questa sera la gente non ha visto nulla di statico o robotico nella sua performance, è stata l'autentica essenza del soul! Così come ha detto uno spettatore mentre usciva dal teatro, "…chiunque dica che questa sia roba vecchia, non sa di cosa sta parlando, non capisce. Credimi, non sono neanche vivi!". Fuori per le vie, in una notte ventosa, la gente si attarda e discute su ciò di cui sono stati testimoni.

Presso il Jazz Street Stage, un teatro all'aperto posizionato ad angolo tra Gibbs Street ed East Avenue, c'è una band ungherese di sei elementi dal nome Djabe che suona una musica molto ispirata. Alcuni brani piuttosto eclettici giungono ai confini del funk e della fusion. Da sporadici colpi funk di basso ad attacchi di tromba con sordina a-la-Miles Davis, alcune figurazioni ritmiche africane da parte del percussionista, il tutto ben combinato tanto da rendere i Djabe una delle più interessanti scoperte del festival. Hanno fatto ascoltare una delle più fresche sonorità del weekend.

Lasciando da parte per un momento lo skill tecnico e la capacità improvvisativa, una delle più grandi peculiarità di questa band è il suono. La band, nell'insieme, semplicemente fermandosi nelle retrovie per ascoltare il tutto in modo più ampio, emanava un gran suono. Ed è stato proprio questo suono a catturare molti ascoltatori. Appena la band suonava, elementi di cool jazz e rock venivano opportunamente mescolati, mai in modo forzato, la musica risultava molto naturale. Il modo di suonare molto lirico e le strutture fortemente melodiche hanno definitivamente fornito una dimostrazione del talento musicale europeo. Molte band cercano la libertà di poter suonare la musica che amano in quello che è formalmente noto come il quartiere est ed i Djabe lo fanno risultando una band di gran valore che va tenuta d'occhio.

Questa sensibilità europea che si avverte nell'aria di tarda sera è avvalorata dal fatto che Rochester è una città gemellata a Caltanisetta, una piccola cittadina agricola localizzata nell'entroterra siciliano. Ci sono molti emigranti provenienti da Caltanisetta che si sono fermati a Rochester più che in qualsiasi altra città del mondo. Pertanto, nel 1964, le due città hanno deciso di unirsi e di celebrare i loro destini di gemelle.

Camminando per qualche centinaio di metri si giunge press l'East Avenue Stage dove i Little Feat "dispensano giustizia" all'esterno del palazzo della Corte Suprema che è all'angolo. Hanno intrattenuto la corte con una spavalda e costante andatura e con un rock duro come quello suonato nei loro giorni di gloria dagli inizi alla fine degli anni '70. Suonano ancora con un sound molto orientato alle origini che viaggia tra Blues, Rock, Jazz e Soul. Poderosi licks di chitarra e cromatici suoni di tromba con sordina producono una sound ricco di ottani che diventa combustibile per il motore della musica. Hit come "Dixie Chicken" e "Tennessee" sono stati molto graditi dal pubblico.

Domenica 11 giugno, il Montage, un club molto ospitale, confortevole e spazioso ha aperto le sue porte alle 6 della sera per il Roberto Occhipinti Quintet. "Attraverseremo il globo stasera", ci dice e prosegue per ottenere il sold out su un viaggio musicale che ha riscaldato la notte. Dal Brasile a Cuba con tocchi di Italia del Sud, Occhipinti ci ha condotti in questo percorso attraverso composizioni complesse che hanno teso i muscoli e stirato la mente.

Il contrabbassista, noto per la sua capacità di focalizzare l'attenzione e saper distinguere i dettagli, è come un'aquila che sorveglia, osserva l'andamento del tutto ed orchestra un equilibrato, feroce attacco mirato a scuotere la quiete. Molti dei brani eseguiti sono tratti da "Yemaya", il suo ultimo album per la Alma Records. Registrato in Canada, con gli archi registrati in Russia, le percussioni e le voci registrate a Cuba, "Yemaya" riflette l'attrattiva di Occhipinti verso le influenze del mondo e certamente le distilla con estasianti accostamenti.

Dice Occhipinti: "Così come mi piace pensare a me stesso come italiano, io vengo da Toronto dove ognuno appartiene e a due categorie, non nel senso che si sia semplicemente acquisito un cognome ma nel senso che effettivamente si vive in due culture allo stesso tempo…le nuove generazioni dicono che noi siamo felici nel vivere in entrambi i mondi e che la dicotomia dell'avere due cittadinanze, una doppia mentalità, è un qualcosa di tipico in Canada nel senso che si possa essere differenti allo stesso tempo. Questo è ciò che modella il mio Jazz".

Il viaggio nel mondo ha inizio con "Maracatres" e "Yemaya", e subito dopo Occhipinti ci conduce verso le proprie origini con un improvvisato solo su "E lucevan le stelle" di Puccini il quale approda poi in modo splendido in "A Ilha", una lussureggiante, calorosa ballad evocante il profumo delle notti brasiliane e il lento passeggiare sulle spiagge lontane.

Molto competente sia sulla musica classica che sull'opera, Occhipinti avverte che il suo Jazz raccorda tutte queste influenze insieme: "La ragione per cui mi piace pensare a me stesso come un musicista Jazz è perchè penso che il Jazz sia la prima vera world music, è una musica universale, non conosce confini". Parlando del Jazz europeo, continua dicendo: "Come si può osservare, c'è un elevato livello di musicisti. Ad esempio, in Italia il livello dei musicisti negli ultimi dieci anni è cresciuto enormemente, si possono trovare tutti i tipi di musicisti e tutti di eccellente livello. E' per lo stesso motivo che ha attratto me. Il Jazz comprende tutto ciò che voglio trovare nella musica…mi da il lirismo dell'opera, il groove del R&B, il senso del Blues, è sacro e profano al tempo stesso, è intellettuale e rude al tempo stesso, questo è ciò che mi attrae."

La band comprende i due musicisti cubani Manuel Valera al piano e Dafnis Prieto alla batteria che si è infiammato in un solo col quale si è concluso lo spettacolo. A comporre in modo eccellente la sezione fiati ci sono Kelly Jefferson al sax e Kevin Turcotte alla tromba il quale ci dice "….più suoniamo, con i fiati nella frontline, più apprendiamo cosa sia realmente previsto che debba accadere in modo che non si suoni solo generica musica latina. Diventa una bella combinazione di autentici ritmi cubani, brasiliani e puro jazz al punto che tale mix diventa talmente consistente da essere reale".

Il viaggio termina e tutti noi risultiamo come trasportati da una band di primo livello, una band che ci ha condotto lontano dai luoghi vicini portando il mondo in un piccolo club situato poco distante dall'angolo con Chestnut street.

Un grande apporto alla scena musicale di Rochester è fornito dalla radio WGMC 90.1 FM che trasmette Jazz 24 ore al giorno 7 giorni su 7. Ha iniziato nel 1975 e credendo che il jazz sia un'arte vitale, dedica almeno metà del tempo delle trasmissioni ai nuovi talenti. Trasmettendo in un raggio di 60 miglia, l'emittente ha contribuito ad incrementare la conoscenza del Jazz festival oltre ad aumentarne la popolarità. Dice Ed Trefzger, un volontario dell'emittente, "Siamo qui sin dall'inizio, dalle prime edizioni, trasmettiamo dal vivo dal festival ogni anno e ogni anno il nostro coinvolgimento diventa più ampio".

Degno di essere ospitato da P.T. Barnum (ndt titolare del famoso circo) in persona, la Robert Mondavi Big Tent (ndt. sponsor del festival) ha presentato Badi Assad, cantante e autrice brasiliana. Con i suoi lunghi riccioli scuri e il nero vestito con casacca ricamata, la Assad ha sostato sul palco come un bimbo della natura. Questa esibizione in solo ha visto la Assad eseguire diverse acrobazie musicali che hanno rievocato i suoni della foresta sudamericana. Creando vocalmente i suoni di uccelli, grilli, rane e del vento con l'aggiunta di scatti e scoppiettii, Badi Assad ha cantato la sua musica attraverso un set di brani Samba e Bossa Nova trasformando canzoni come "One Love" di Bono e "Black Dove" di Tori Amos tratti dal suo ultimo album intitolato "Wonderland".

Sebbene molti brani sono stati cantati in inglese, la musica ha raggiunto momenti di apice quando Badi Assad ha cantato nella sua lingua natìa, il portoghese, fornendo un maggiore impatto poetico al suono e creando un paesaggio da sogno...

Il più recente album di Joel Harrison, "Joel Harrison Plays George Harrison", ha fornito al cantante/chitarrista l'opportunità di coprire alcune delle canzoni dell'ex-Beatles che egli trovava maggiormente intriganti. Attraverso un approccio disteso, Harrison si è esibito in un club di nome Milestones ed ha apportato a questa tarda serata un conclusione quieta. La sua voce, unica, tinta di blues, ha fornito grande cromatismo ai brani e l'approccio maturo ha rimarcato sia le canzoni che i testi.

Chitarra e sax liberamente percorrono la musica dei Beatles con "Within You Without You" che casualmente si tinge di sonorità dell'Est e di una sorta di acid raga che invade il club. Ha uno stile elettrico che scorre per il Gange, un'esperienza che anche i Beatles stessi, nel loro viaggio in India del '67 non avrebbero potuto immaginare. Si deve anche aggiungere che il lavoro svolto da Harrison sulla slide guitar ha una purezza di suono esemplare. Ci dice Harrison: "Ho suonato la slide guitar per anni, ma in questo progetto per me è molto importante perchè George Harrison suonava la slide guitar, ed è ancora più importante perchè la musica indiana è una parte delle influenze di questo progetto. Ho cercato di semplificare il modo di emulare un po' del suono tipico degli strumenti a corda indiani mediante l'uso della slide guitar ed è stato molto duro ottenere questo risultato".

"Beware of Darkness" è stata eseguita egregiamente con l'aggiunta di un ulteriore livello di profondità grazie alla batteria di Dan Weiss. La band è completata da David Ambrosio al basso e David Binney al sax il cui suono rievoca a tratti quello di Dave Liebman. "Isn't it a pity" ben evidenzia la voce bluesy di Harrison seguita da due composizioni originali: "My Father's House" e "You Bring the Rain". La conclusione è affidata a "My Sweet Lord" eseguita con una voce molto intensa.

I musicisti, i teatri e l'atmosfera di questa quinta edizione del Rochester International Jazz Festival sono stati ancora una volta determinanti per ottenere un clamoroso successo. Molto di tutto ciò è dovuto alla visione, all'energia e alle capacità organizzative dello straordinario creatore e produttore John Nugent. Lo abbiamo visto passeggiare per le vie del Festival dalla mattina fino alle ore piccole, mostrando sempre grande entusiasmo. "Sono venuto qui inizialmente come insegnante e come guest del gruppo di Jon Faddis per un evento jazz. La gente qui in città diceva, ‘perchè non prendi in considerazione l'dea di creare un evento', dato che a quel tempo ero appena reduce dalla produzione del Stockholm Jazz Fest ….ora, dopo cinque anni il Rochester Festival è ben accolto, la gente è contenta che ci sia, il festival sta crescendo, vi sono molte persone che vengono dalla zona, dalla regione e persino dall'Europa."

Mentre parliamo, il pubblico dei concerti continua a compilare la scheda per ottenere il Mondavi Big Tent pass che consente di accedere agli eventi, "E' fatto tutto per la musica e sta crescendo rapidamente..." dice Nugent che sorride come un titolare di un circo sazio per la gente che arriva e conclude: "Credo che in futuro qui avremo uno dei migliori eventi al mondo!"


John Nugent
John Nugent at the Bob Sneider Trio Jam Session
State St. Bar & Grill - Crowne Plaza Hotel
Photo by Thomas P. Frizelle






Articoli correlati:
23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

15/07/2017

Wayne Shorter: In prima assoluta Juliab Bliss con la Argovia Philharmonic eseguono il concerto per clarinetto e orchestra «Sherwood Forest» scritto da Wayne Shorter

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

17/08/2014

Herbie Hancock e Wayne Shorter: "Un concerto costruito su un doppio binario in cui Hancock è riuscito a fare qualcosa di interessante grazie alla sua immensa tecnica, mentre Shorter dal canto suo è apparso non particolarmente in forma." (Nina Molica Franco)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

30/09/2013

Without a net (Wayne Shorter)- Vincenzo Fugaldi

31/08/2013

Wayne Shorter Quartet feat. Brian Blade, John Patitucci, Danilo Pérez: "Shorter, inossidabile, suona ancora come un ragazzino di vent'anni, e dopo più di mezzo secolo di musica e storia riesce ancora a rinnovarsi..." (Valeria Loprieno)

07/04/2013

Cedar Walton presents Piero Odorici (Piero Odorici with Cedar Walton Trio)- Gianni Montano

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

04/12/2011

Wayne Shorter Quartet: Wayne Shorter, Danilo Pèrez, John Patitucci, Brian Blade. "La breve tournèe italiana del Wayne Shorter Quartet (tre date) fa tappa all'Auditorium di Roma per impreziosire l'edizione di quest'anno del Roma Jazz Festival. Nei suoi dieci anni di attività, il quartetto di Shorter ha già diverse volte calcato il palco romano ma ogni volta, a giusto titolo, si parla di evento." (Dario Gentili)

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

18/10/2009

Cedar Walton al Ronnie Scott's di Londra: "Una vera lezione di storia del jazz, un hard bop che non ha eta' poiche' e' ancora estremamente attuale." (Florindo Grillo))

03/05/2009

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "...una musica che definire semplicemente "jazz" può essere riduttivo o, forse esagero, addirittura offensivo. Si tratta di grande musica improvvisata e basta. Una magia che non può ripetersi facilmente, richiede un livello di rapporto umano, oltre che artistico, che raramente si riesce a raggiungere." (Roberto Biasco)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

15/07/2007

Infant Eyes (Arrigo Cappelletti - Giulio Martino)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

27/12/2006

L'ultima partecipazione di James Brown ad Umbria Jazz 2006 (Francesco Truono)

17/12/2006

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "Repentini sbalzi delle dinamiche, dolci linee melodiche rotte da articolazioni cromatiche singhiozzanti, atmosfere cameristiche seguite da dirompenti eruzioni, accelerazioni e pause improvvise sono le caratteristiche primarie delle esibizioni dal vivo di questo straordinario gruppo..." (Marco De Masi)

30/11/2006

Intervista a Roberto Occhipinti, da Toronto a Modica il mondo virtuale della rete ci rivela un jazzman che porta la Sicilia nel cuore... (Giuseppe Mavilla)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

27/12/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Freddie Hubbard sul brano Fee-Fi-Fo-Fum dell'album "Speak No Evil" (Marcello Zappatore)

24/09/2005

Profilo di Wayne Shorter, dai Jazz Messenger, a Davis fino ai Weather Report, il periodo buio e la rinascita con l'ultimo Wayne Shorter Acoustic Quartet

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.





Video:
Piero Odorici With the Cedar Walton Trio "Bolivia" - Cantina Bentivoglio - Bologna
Piero Odorici in Bolivia (Cedar Walton), sax solo short , with the Cedar Walton Trio , alla Cantina Bentivoglio - BolognaCedar Walton piano,Piero Odor...
inserito il 02/03/2013  da nickingos - visualizzazioni: 2624
Bobby Hutcherson & Cedar Walton Quartet
Bobby HutchersonCedar WaltonDavid WilliamsEddie MarshallSan Javier Jazz Festival 2010....
inserito il 01/11/2012  da JazzPianoGiants - visualizzazioni: 2556
Lush Life Cedar Walton
From Album: "Cedar Walton Trio Plays Billy StrayhornCedar Walton- Piano Andy Simpkins- BassBilly Higgins- Drums...
inserito il 23/08/2012  da ??? ???? - visualizzazioni: 2802
Cedar Walton / Satin Doll
100 GOLD FINGERS'95 (Live in Japan)Cedar Walton(p)Bob Cranshow(b)Grady Tate(ds)...
inserito il 09/06/2012  da hidesuke1948 - visualizzazioni: 2157
Art Blakey & The Jazz Messengers - Live Italy, Sanremo 23-03-1963
Drums: ART BLAKEY, Trumpet: FREDDIE HUBBARD, Sax: WAYNE SHORTER, Trombone: CURTIS FULLER, Piano: CEDAR WALTON, Contrabass: REGGIE WORKMAN....
inserito il 08/01/2012  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 2241
Freddie Hubbard with Cedar Walton Trio / God Bless The Child (1992)
Freddie Hubbard : flhCedar Walton : pDavid Williams : bBilly Higgins : dsMt. Fuji Jazz Festival with Blue Note...
inserito il 31/07/2010  da paris0820 - visualizzazioni: 2642
Freddie Hubbard with Cedar Walton Trio / Misty (1986)
Freddie Hubbard : flhCedar Walton : pBuster Williams : bBilly Higgins : dsMt. Fuji Jazz Festival with Blue Note...
inserito il 19/07/2010  da paris0820 - visualizzazioni: 2320
Wayne Shorter Quartet.mp4
...
inserito il 04/06/2010  da ilRitmoDelleCitta - visualizzazioni: 2478
Wayne Shorter Quartet - All Blues.mp4
...
inserito il 04/06/2010  da ilRitmoDelleCitta - visualizzazioni: 2575
Carlos Santana and Wayne Shorter at Night Music Show 1989 - Afro Blue
...
inserito il 29/03/2009  da sigmundgroid - visualizzazioni: 2412
Carlos Santana and Wayne Shorter at Night Music Show 1989 - La Raza
...
inserito il 28/03/2009  da sigmundgroid - visualizzazioni: 2712
Wayne Shorter Quartet - most intense piece ever
...
inserito il 20/01/2009  da temporarygod - visualizzazioni: 2133
joe zawinul & wayne shorter
...
inserito il 18/12/2008  da menzaparola - visualizzazioni: 2735
Carlos Santana And Wayne Shorter - Apache (Live) - Supernatural Tour 2003
Carlos Santana And Wayne Shorter - Apache (Live) - Supernatural Tour 2003...
inserito il 01/12/2008  da Orbs2009 - visualizzazioni: 2358
Wayne Shorter - Footprints part1
...
inserito il 24/09/2008  da Geepereet - visualizzazioni: 2489
Brian Blade with the Wayne Shorter Quartet!
...
inserito il 12/08/2008  da Lassesteff - visualizzazioni: 2467
Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River Live on Abbey Road
Download the mp3 of this performance: http://www.eezy.weebly.com, , Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River live on Abbey Road featuring Wayne S...
inserito il 10/08/2008  da eezlewax2 - visualizzazioni: 2941
WAYNE SHORTER QUARTET LIVE IN ITALY 08 - #2
...
inserito il 06/08/2008  da estede81 - visualizzazioni: 2469
Wayne Shorter Quartet
...
inserito il 22/07/2008  da soundcontest - visualizzazioni: 2260
Wayne Shorter Fiesole 1 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 2621
Wayne Shorter Fiesole 2 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 2601
WAYNE SHORTER QUARTET
...
inserito il 18/07/2008  da mastjazz - visualizzazioni: 2608
Fee Fi Fo Fum - Wayne Shorter
...
inserito il 13/01/2008  da Lot2learn - visualizzazioni: 2597
Wayne Shorter - Over Shadow Hill Way
...
inserito il 18/12/2007  da digimaton - visualizzazioni: 2406
Wayne Shorter Quartet - Masqualero
...
inserito il 10/11/2007  da jazzster123 - visualizzazioni: 2856
Carlos Santanna & Wayne Shorter
...
inserito il 29/10/2007  da kbelna - visualizzazioni: 2610
Wayne Shorter, The Three Marias
...
inserito il 01/09/2007  da plectrum71 - visualizzazioni: 2233
Wayne Shorter, Children of the Night
...
inserito il 01/09/2007  da plectrum71 - visualizzazioni: 2279
Wayne Shorter Quartet
...
inserito il 28/08/2007  da apachekadid - visualizzazioni: 2331
Wayne Shorter Quartet - Over Shadow Hill Way
...
inserito il 22/05/2007  da benenunes - visualizzazioni: 2843
Wayne Shorter live Milan 23/4/2007 a
...
inserito il 28/04/2007  da alemok - visualizzazioni: 2560
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3178
Wayne Shorter - Children of The Night Solo
...
inserito il 25/01/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2682
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2940
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3123
Cedar Walton - Blue Monk
From a performance in 1976 at the Umbria Jazz Festival, here is Cedar Walton's solo on Blue Monk. Cedar Walton, piano, George Coleman, tenor sax, Sam ...
inserito il 11/11/2006  da jazzster123 - visualizzazioni: 2396
Freddie Hubbard & Art Blakey - Moanin'
CLASSIC FREDDIE! This is from 1962 with Art Blakey and the Jazz Messengers. The rest of the band is Wayne Shorter, Curtis Fuller, Cedar Walton, and Re...
inserito il 17/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2889
Freddie Hubbard - Fantasy In D
This is from the Village Vanguard, 1982 with Cedar Walton, Ron Carter, and Lenny White....
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2803
Art Blakey and the Jazz Messengers - Are you real?
are you real? paris 1959...
inserito il 14/06/2006  da avelaz3 - visualizzazioni: 2553


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.534 volte
Data pubblicazione: 08/07/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti