Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Antonello Salis Solo
(Contrada della scimmia - Modena, 3 ottobre 2002 – ore 22,00)
Anna Armellino

"Tutta la musica del mondo". Idealmente è così che vorrei riassumere il concerto di giovedì sera 3 ottobre 2002, di Antonello Salis.

Lui, un pianoforte e la fisarmonica.

Con la sua musica e la sua energia ha riempito, sovrastando ogni fastidioso rumore di sottofondo, la "Contrada della scimmia" locale situato in quella via un tempo omonima ed ora chiamata Via N. Sauro, nel centro storico della città.

Hanno riaperto con questo straordinario musicista gli appuntamenti col jazz a Modena.

Sono le 22,00 le luci si abbassano fino a sfiorare, soffuse, ogni cosa. Anche il rumore si acquieta per un po'.

Lo spettacolo ha inizio ed eccolo là Antonello, in fondo alla stanza, perso dietro il pianoforte verticale (!) a battere, percuotere, incidere o sfiorare, ora i tasti, ora le corde portandoci in mondi lontani. Poi abbracciato alla sua fisarmonica facendoci sognare con ritmi più melodici ricordandoci ora l’accordeon con arie francesi, ora brani pop come Michelle dei Beatles, che spuntano qui e là sfiorati, rielaborati e reinterpretati anche attraverso la sua fisicità...

E così in preda all'emozione non ci accorgiamo che le lancette dell'orologio girano e al tocco della mezzanotte come nelle favole il sogno finisce.

Bis alla fisarmonica, dalla quale emerge tra cascate di note una romantica "Your song" di Elton John. Bis rapido, non perché Salis sia avaro di note ma per l'orario fiscale che vige nel centro storico.

E mentre Antonello è a cambiarsi, ad asciugare l'impegno fisico della serata, noi siamo ancora lì sicuramente ricaricati dalla sua energia, ma a chiederci cosa è successo, dove siamo stati e soprattutto "dove sarà stato lui, mentre suonava?".

Ed è questo che gli chiedo quando vado a salutarlo. Per tutta risposta una furbissima espressione sul suo volto ed una simpatica risata. E ancora a chiedergli se prepara in anticipo quello che suonerà. Qui risponde «prima preparavo una scaletta alcune ore prima, ma al momento di suonare avevo già cambiato idea su quello che avrei suonato così adesso scrivo giusto una traccia poi sarà quel che sarà.»
 
Tutto questo da Antonello Salis musicista così grande e così umile il cui cuore contiene tutta la musica del mondo.
Anna Armellino.
 


Invia un commento

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.892 volte
Data pubblicazione: 22/10/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti