Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Aperitivo in Concerto 2003/2004
23 novembre 2003
Sam Rivers - Diaspora Blues
di Paolo Treffiletti

 Steven Bernstein tromba, tromba a coulisse
Sam Rivers sassofoni tenore e soprano, flauto, piano
Doug Matthews contrabbasso, clarinetto basso
Anthony Cole batterista, sassofono tenore, piano

C'era un valido motivo se il concerto presentato al Teatro Manzoni si presentava con il titolo "Diaspora Blues": la comunanza tra le tribolazioni del popolo ebraico e di quello africano, vittime entrambi di un costrittivo e tragico esodo nel mondo. Ed è per lo più con la musica, ed in particolare con il canto, che l'identità dei due popoli si è mantenuta integra nel corso degli anni: da un lato con il canto sacro ed il klezmer, dall'altro con il blues ed i gospel, i due popoli hanno saputo mantenere una integrità culturale e di tradizioni pur integrandosi (non senza momenti storici drammatici) nelle società in cui erano costretti a vivere.

Sam Rivers at the Catalina Bar & Grill, Hollywood, California, 1999E Steven Bernstein ha saputo cogliere quest'elemento di vicinanza tra le due culture, ha saputo rileggerlo come un punto di incontro (già perché tradizione ebraica ed espressione afroamericana si sono più volte mischiati in un ibrido fruttuoso). Così la prima parte del concerto, i primi tre brani presentati, avevano un forte sapore eclettico, con impasti timbrici notevoli, vista la ridotta formazione: i musicisti hanno fatto del polistrumentismo un valore aggiunto (soprattutto per il batterista Anthony Cole che ha sorpreso, non solo per la sua maestria nel suo strumento principale, ma anche per l'ottima capacità di utilizzo del pianoforte e del sassofono tenore, strumento quest'ultimo che non capita spesso di vedere nelle mani di un batterista). Di certo la presenza di un maestro come Sam Rivers (da qualche settimana ottantenne) ha facilitato il gruppo nel gestire i vari momenti musicali, nel saper sfruttare le possibilità offerte da variegate sonorità.

Rivers si è esibito anche al piano solo, per una lunga introduzione ad un brano da un andamento a tratti melodico, a tratti dissonante, con vaghi richiami al free-jazz; quando poi Rivers è passato al flauto traverso la musica si è spostata ancora verso un'altra zona del mondo, toccando l'america latina e la bossa nova. A questo punto i ritmi si sono fatti più funky, mentre Bernstein e Rivers hanno continuato a spremere le loro conoscenze per creare una musica la più possibile eclettica: si è passati da spinti vagamente boppistici (come il tema del settimo brano) ad un utilizzo sapiente dell'esperienza free, toccando il blues e il klezmer.

Un concerto di non facile ascolto, di una proposta interessante ma certamente talmente ricca di indicazioni da poter risultare fuorviante: la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico.

Una menzione particolare la merita anche il fedele pubblico che ha riempito, nonostante tutto, il teatro: una domenica di pioggia e la confusione generata dall'evacuazione per il disinnesco di un ordigno bellico ritrovato (con il conseguente stop della metropolitana e dell'attività della Stazione Centrale), rischiavano di rovinare la calda atmosfera che è d'abitudine al Teatro Manzoni.

Il 7 Dicembre sul palcoscenico si esibirà il ritrovato Henry Grimes con il suo trio.





Articoli correlati:
30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

21/10/2007

Torque (Brian Groder and The Sam Rivers Trio)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

07/12/2006

Black Stars (Jason Moran)

10/07/2006

La gallery di Ziga Koritnik dal Vision Festival 2006 di Huston

11/03/2006

Hank Jones e Joe Lovano in "Joyous Encounter" per Aperitivo in Concerto: "Da una parte 60 anni di storia ‘vissuta' - dall'altra la conoscenza e capacità di esprimere quei 60 anni non vissuti con estrema duttilità e naturalezza in quanto facenti parte della propria cultura..." (Patrizio Gianquintieri)

23/07/2005

Terniinjazz #5: impressioni...(non solo) fotografiche. Mostra improvvisata, ossia come recuperare una gaffe... (Patrizio Gianquintieri)

08/07/2005

Jazz folk e free jazz: I Tangheri featuring Marc Ribot, i WARM con Workman, akLaff, Rivers, Mitchell: "...Anche in questo caso la serata mette insieme due situazioni musicali "antipodiche", una prima leggera ed alla portata di tutte le orecchie, la seconda, invece, più inoltrata fra le pieghe delle enciclopedie storiche del jazz..." (Antonio Terzo)

16/12/2003

Matt Munisteri & Brockmumford per Aperitivo Concerto: Un tentativo ben riuscito di ripercorrere i primi trent'anni di storia sociologica americana attraverso alcune song del tempo." (Paolo Treffiletti)

08/12/2003

Henry Grimes Trio per Aperitivo in Concerto: "...la musica non è mai apparsa scontata; i tre hanno saputo fare buon uso delle dinamiche, insistendo spesso sul pianissimo quasi a trasfigurare la vicenda umana di Grimes..." (Paolo Treffiletti)

07/12/2003

Anthony Braxton e Sam Rivers per il Roma Jazz Festival: "Il pubblico romano ha tributato una calorosa accoglienza a un concerto che si può definire tranquillamente un evento e certo un'occasione da non perdere..." (Dario Gentili)

17/11/2003

The Mingus Orchestra per Aperitivo in Concerto: "la musica di Mingus è forse una delle più inusuali nel jazz, strettamente legata alla personalità stessa dell'autore, piena di sfaccettature, di richiami strettamente personali, eppure così universale proprio per la schiettezza e l'immediatezza con cui si lascia ascoltare." (Paolo Treffiletti)








Comunicati:
18/03/2004Termina Aperitivo in Concerto con una media di 1150 spettatori a concerto
06/03/2004David Byrne conclude la rassegna Aperitivo Concerto al Teatro Manzoni.
17/02/2004Echi di un'epoca, fra arte e entertainment: Raymond Scott Orchestrette per Aperitivo Concerto.
10/02/2004Wayne Horvitz & Sweeter Than The Day (Special guest: Robin Holcomb) in "Tradizioni e innovazioni" per Aperitivo in Concerto
14/01/2004Aperitivo in Concerto: Rinvio del concerto di David Byrne .
06/12/2003Matt Munisteri & Brock Mumford. Echi di un'epoca, fra arte e entertainment per Aperitivo in Concerto.
20/11/2003Henry Grimes Trio featuring Andrew Cyrille per Aperitivo in Concerto 2003
12/11/2003Diaspora Blues con Sam Rivers per Aperitivo in Concerto.
04/11/2003Per Aperitivo in Concerto, al Manzoni è di scena la MINGUS ORCHESTRA ne "Il suono diverso del jazz - Tonight at Noon"
28/10/2003Aperitivo in Concerto al Manzoni: CARLA BLEY & THE LOST CHORDS, il suono diverso del jazz.

Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.214 volte
Data pubblicazione: 26/11/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti