Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nico Stufano, Pippo Matino e Mimmo Campanale
(Bari, Il Pentagramma, 24 novembre 2000)
Francesco Genco

Carissimi amici di Jazzitalia, questa volta ho il piacere di offrirvi - e spero voi un po' di pazienza di leggermi - un reportage sul seminario tenutosi presso la scuola "Centro Musica Il Pentagramma" di Bari (diretta da Guido Di Leone ) che ha avuto come protagonista un trio composto da Nico Stufano (chitarra), Pippo Matino (basso) e Mimmo Campanale (batteria) con una particolare impostazione dominante da parte del bravissimo leader Nico quale principale interlocutore. 
Ricordiamo brevemente che Nico Stufano ha partecipato, tra le altre, all'incisione di tre dischi con i gruppi Jazzerie, e come solista ha all'attivo il CD Trace of Jazz (Gala Records) con a fianco sempre il fedelissimo Mimmo Campanale.

Il pubblico era formato prevalentemente da chitarristi tranne un bassista e due batteristi: in tutto 20 persone.

Sia Pippo Matino al basso che Mimmo Campanale alla batteria (due musicisti che hanno accompagnato e accompagnano jazzisti di fama nazionale e internazionale) avrebbero forse meritato la presenza in sala di più affezionati dei rispettivi strumenti ma, come si vedrà in seguito, sono stati comunque molto utili anche alla platea dei chitarristi. 

Lo stage è iniziato alle
16,00 per terminare alle 18,30 e la breve durata, bisogna premettere, è stata la forza e nello stesso tempo il "limite", diciamo così, del seminario. Infatti da un lato hanno prevalso sia dimostrazioni pratiche di alcuni brani originali tratti da "Trace Of Jazz" di Nico Stufano, eseguiti dal trio in un mini-concerto didattico, sia continui esempi sulla sola chitarra di alcuni elementi che Nico adotta abitualmente nell'approccio alla composizione, all'arrangiamento e all'improvvisazione. E' stato interessante, nella piccola ed attrezzata sala-concerto, assistere da subito al breve sound-check in diretta dopo l'"uscita" degli strumenti (bel modello di basso Godin per Pippo, chitarra Carvin customizzata personalmente per Nico - quasi un lavoro completo di liuteria - complimenti!). La presentazione del trio è stata poi accompagnata da un sentito applauso. Dall'altro lato, però, non è stata, a mio avviso, ben concertata la seconda fase prevista dallo stage, quella "interattiva", nella quale si sarebbe potuto predisporre un più ordinato e completo avvicendamento sul palco dei presenti. Ma andiamo con ordine.

La parte teorica ha avuto come oggetto le diverse fasi compositive di alcuni brani tratti principalmente da Trace Of Jazz; il brano più sfruttato è stato Il Piccolo Klaus
.

In tale contesto è intervenuto anche Mimmo Campanale, tra l'altro batterista sul disco citato, il quale, interagendo con Nico, ha esposto varie modalità di esecuzione ritmica. E' sicuramente risultata utile, specie alla maggior parte dei giovani chitarristi presenti, veder delineata la dialettica tra solista e base ritmica. Nico e Mimmo infatti, supportati da un poco loquace ma incisivo Pippo Matino, hanno mostrato sui rispettivi strumenti il modo in cui sono nate le prime sequenze ritmico-armoniche del brano e, in una sorta di arrangiamento contestuale, lo hanno risuonato come se fosse quello della prima volta.
Partendo quindi da un "quattro" molto semplice e, a detta di Mimmo stesso, praticamente infantile, contando ad alta voce i quattro movimenti ci faceva notare come in realtà il ritmo eseguito sullo strumento poteva diventare sempre più complesso, grazie ad anticipi, ritardi, cambi di accenti, pur rimanendo sempre saldamente ancorato al quattro iniziale. E' stato molto utile ed esplicativo notare come si poteva anche eseguire qualche battuta in "tre" poi compensata da una in "cinque" ottenendo così un bel cambio ritmico. L'importante è che tutti gli elementi del gruppo abbiamo nella testa lo stesso "quattro", in questo modo chiunque può fornire nuovi spunti ritmici senza che gli altri corrano il rischio di perdersi. E' stato anche sottolineato però, che un buon interplay si basa anche su fattori extra-musicali, quali il rapporto di intesa amichevole e la continua ricerca di canali comunicativi interpersonali; il tutto ulteriormente supportato da solide basi di preparazione.
In questa occasione è stato possibile apprezzare anche i preziosi spunti del basso di Pippo Matino che conferiva allo strumento, grazie a diteggiature ad accordi, un tocco di classe e, con l'ausilio della pedaliera, un ruolo tastieristico molto interessante.

In ambito squisitamente chitarristico, Nico si fa apprezzare per il suo formidabile bagaglio tecnico, cosa che, unitamente alla presenza sulla scena jazz-fusion da ormai più di 15 anni, lo porterebbero tranquillamente a reggere il confronto con altri chitarristi più blasonati. Egli inoltre svolge ormai da vari anni un'attività di collaboratore della rivista
AXE , una delle principali riviste di chitarra sul mercato.

Dal lato tecnico Stufano ha fatto sfoggio di pentatoniche in tutte le salse ma non a scopo ostentativo bensì in quanto tali scale, in tutte le varie combinazioni e slittamenti su diversi centri tonali, sembrano proprio essere diventate una specie di sua seconda natura!!
Quello che sconcerta è poi la velocità di esecuzione di tali note che, in maniera compositiva, creano delle sequenze melodiche già complete. La qualcosa gli va sicuramente riconosciuta come una sua peculiarità e, aggiungiamo noi, dovette riconoscerlo anche un certo Mike Stern quando in un club di Bari, diversi anni fa, non si trattenne dal prenderlo quasi in braccio, in tripudio, dopo che Nico, da spalla, si era esibito prima del concerto dell'americano.

Fatte queste considerazioni mi si è confermato il dubbio, venutomi dopo un'ora dall'inizio dello stage, che non ci sarebbe stato il tempo, né probabilmente l'intenzione (absit iniuria verbis) di descrivere un po' la storia del chitarrismo di Nico, i percorsi seguiti, i chitarristi, i musicisti, gli stili a cui si è riferito nella sua crescita. Ma questa era una mia particolare curiosità che non è detto che doveva essere esaudita. In una domanda finale sul valore che la tradizione ha nel loro essere musicisti oggi, Mimmo Campanale ha citato batteristi come Kenny Clarke e Jack DeJohnette mentre Nico ha detto di aver studiato e assimilato la tradizione ma di essere rimasto folgorato da Alan Holdsworth e di cercare oggi, sia nella composizione che nella tecnica sullo strumento, un approccio innovativo con soluzioni che non siano in qualche modo già state adottate.
Come gusti musicali, preferisce la musica sinfonica.

La seconda parte, come già accennato, è stata, a mio avviso, più carente rispetto alla prima poiché è stato proposto ad alcuni ragazzi di esibirsi senza un filo conduttore particolare. Alcuni si sono "avventurati" sul palco, con un lecito "panico", per esibirsi in alcuni riff e passaggi ritmici prevalentemente blues e funky del tutto casuali. Nico li invitava, escludendosi dal palco, a provare a suonare qualsiasi cosa più che altro per sfruttare la presenza di una base ritmica del calibro di Matino-Campanale. Nonostante i buoni propositi, però, le esibizioni non le posso ritenere molto interessanti dal punto di vista didattico poiché non ho rilevato degli interventi correttivi, analitici, nei confronti dell'allievo di turno. Ciò sarebbe stato molto interessante sia per chi si è esibito che per chi ha ascoltato. Infatti in un solo caso Nico ha ritenuto opportuno redarguire uno dei chitarristi cercando di fargli suonare meno note appoggiando la mano sul manico in modo da ottenere delle pause "forzate" che, oltre a dare maggior respiro al solo, aiutavano l'allievo a pensare delle frasi più compiute.

Sono sicuro, conoscendolo, che Nico avrebbe avuto dei consigli preziosi da trasmettere a tutti ma oramai il senso dell'esibizione aveva prevaricato quello dello spirito didattico. A tal proposito un piccolo aneddoto

Uno dei ragazzi che si è esibito, un attimo prima di salire sul palco era indeciso se utilizzare la sua Godin fiammante con corde nuove, quindi ritenute insicure, o la Carvin del maestro e, rivolgendomi lo sguardo tra il serio e il faceto mi ha comunicato la sua tensione con un'espressione simpaticamente colorita :-))
Mi ha fatto un po' di tenerezza ma mi ha fatto anche sorridere e ho apprezzato la sua genuinità. Salito poi sul palco ha eseguito "All Blues" e l'emozione effettivamente si è vista. Mi è un po' dispiaciuto che non sia stata colta l'occasione per spiegargli magari come avrebbe potuto essere suonato questo standard in modo da avere più sicurezza in una prossima evenienza.

E così, tra un'esibizione e l'altra, sono giunte le
18,30 e il seminario si è concluso tra i saluti e le strette di mano. Rimane la bella sensazione di aver interagito con questi tre bravissimi musicisti che hanno comunque cercato, nel poco tempo disponibile, di trasmettere un po' delle loro esperienze. In conclusione desidero ringraziare Guido Di Leone e la scuola Il Pentagramma per aver offerto l'accogliente struttura. Un caro arrivederci.

Invia un commento

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.231 volte
Data pubblicazione: 16/12/2000





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti