Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



Corsi di Formazione professionale editoriale in Fotografia Jazz & Giornalismo Musicale

di Antonio Terzo e Francesco Ughi

Dal 2001 il Corso di Giornalismo Musicale e Fotografia Jazz – organizzato dalla rivista specializzata Jazzit in collaborazione con l'Associazione Culturale Charlie e Terni in Jazz – costituisce un'importante opportunità per chi, neofita o già attivo come free lance ovvero nell'ambito di realtà redazionali, intenda affinare le proprie conoscenze da appassionato di musica jazz nonché i propri strumenti di ascolto, di osservazione ed espressione. Lo stage, infatti, si suddivide in due sezioni, una dedicata alla scrittura musicale e l'altra rivolta alla fotografia, entrambe articolate in un ciclo di quattro incontri che puntano all'apprendimento delle tecniche di scrittura e di fotografia.

Il corso, aperto a tutti, è tenuto da professionisti del settore che operano in ambito redazionale da svariati anni, i quali hanno deciso di porre le proprie esperienze a beneficio di chiunque sia interessato, in modo più o meno professionale, ad apprendere l'arte del giornalismo musicale o della fotografia musicale.

Ospitalità
L
a sede dello stage è il borgo medioevale di Collescipoli, frazione di Terni. Grazie alla collaborazione di realtà locali operanti nel settore alberghiero e ristorativo, l'organizzazione ha potuto offrire agevolazioni riguardo il vitto e l'alloggio. Le strutture ospitanti si sono dimostrate in grado di offrire un buon servizio, grazie anche alla cortesia ed al buonumore che hanno contraddistinto i rapporti fra operatori, organizzatori e stagisti stessi.

Giornalisti
P
er il corso di giornalismo, lo studio si svolge partendo dall'ascolto, in modo da acquistare le capacità analitiche necessarie per sezionare un brano musicale (introduzione all'ascolto critico, analisi di standards appositamente scelti, ragionamento sugli aspetti timbrici, formali e ritmici), onde poi sviluppare ed esercitare il proprio senso critico, secondo l'individuale sensibilità. Necessario quindi passare attraverso la distinzione delle forme musicali proprie non soltanto al jazz ma anche alla musica popolare afro-americana da cui questo genere scaturisce, i ritmi su cui si basa, gli schemi di riferimento, l'appropriato lessico tecnico. Le attività sono principalmente concentrate sull'apprendimento e l'immediata sperimentazione delle più importanti tecniche del giornalismo musicale (recensione, intervista, saggio, etc.), fungendo da vero e proprio laboratorio nel quale attivare una serie di esperienze formative che coniughino teoria e pratica e concretizzino la sperimentazione delle tecniche esaminate. Particolare attenzione è pure rivolta alle caratteristiche dei mezzi di informazione ed alla diversificata tipologia dei fruitori che, pur in presenza di scritti della stessa natura, impongono tuttavia differenti linguaggi ed obiettivi. Soprattutto, lo stage intende far misurare concretamente gli allievi con fasi e processi dell'attività giornalistica e di allestimento di una rivista, tenendo sempre presente che il lettore è il fruitore primo di una pubblicazione ed è sempre e soltanto lui che determina le scelte e le strategie editoriali e redazionali.

L'aspetto pratico-linguistico viene sviluppato attraverso letture consigliate (non soltanto specialistiche), giochi linguistici ed esercitazioni di scrittura, con un metodo che spinge ad approfondire i meccanismi stessi della scrittura, la riflessione sui processi creativi, sulle dinamiche personali, sugli aspetti lessicali e stilistici, la costruzione, la brillantezza, per trovare poi applicazione pratica in recensioni reali di concerti, partecipazione a conferenze stampa appositamente allestite e conseguente realizzazione di interviste.

Fotografi
A
naloga opportunità è offerta ai fotografi che durante concerti e conferenze stampa hanno modo di realizzare scatti attraverso cui ricevere suggerimenti in sede di analisi. Importantissimo, poi, per lo stage di fotografia, l'apprendimento delle tecniche di sviluppo in camera oscura seguito dall'effettivo sviluppo pratico delle pellicole, fase, questa, molto particolare, nella quale il tocco del fotografo si esprime tanto quanto il suo occhio all'atto dello scatto, momenti entrambi integranti per la realizzazione di una buona foto, molto più che una semplice operazione di editing.

Concerti
P
roprio per queste ragioni il Corso viene organizzato in concomitanza con la rassegna Terniinjazz, dando modo agli stagisti fotografi non soltanto di assistere accreditati al concerto, ma anche di frequentare il sound-check degli artisti al fine di esercitarsi in un ambiente che sarà habitat naturale per chi intende svolgere tale attività professionalmente, e così catturare un rilevante numero di scatti su cui successivamente lavorare in laboratorio. Accedendo al concerto, anche gli studenti del corso di giornalismo hanno materiale per far pratica sulle metodologie e le tecniche acquisite durante lo stage, esercitandosi in quella descrizione dell'evento musicale indispensabile per una buona analisi di qualunque ascolto, sia dal vivo che su supporto.

Successo
I
l successo di questa edizione (una sessantina i partecipanti, provenienti da tutte le regioni italiane) si spiega con alcune semplici motivazioni: il seminario tiene conto delle capacità, del livello e quindi delle necessità dei corsisti in modo da rispondere agli specifici input da essi richiesti, cercando altresì, nonostante le lezioni di classe, di fornire in generale gli strumenti di base da cui partire per dar modo poi a ciascuno di proseguire secondo le proprie motivazioni ed interessi. L'intento degli organizzatori è anche quello di creare una rete di potenziali collaboratori, fornendo loro tutti gli strumenti per poter lavorare ad alti livelli. E questo viene realizzato in un clima rilassato, disteso e gioviale, evitando di ricorrere ad una didattica esasperata.

Prospettive
A
nche dopo la fine del corso, il rapporto con la realtà editoriale e redazionale viene comunque mantenuto grazie a degli incontri (– extra –) con professionisti del giornalismo e della fotografia internazionale. In questo modo gli organizzatori continuano a fungere da punto di riferimento per la formazione degli stagisti.





Articoli correlati:
23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

20/06/2010

Jazzitalia compie 10 anni: "...il 20 giugno 2000, iniziava l'avventura di Jazzitalia. Oggi, a distanza di 10 anni, siamo ancora qui a rendere disponibile uno strumento utile per chiunque voglia far conoscere il proprio lavoro nell'ambito della musica Jazz, per chiunque voglia essere aggiornato sulle evoluzioni, le tendenze, le novità di questo mondo musicale..." (Marco Losavio)

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

18/11/2007

90 Secondi all'inferno - Storie Jazz (Massimo Basile - Gianluca Monastra)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

22/07/2004

Un lavoro unico nel suo genere, Luciano Vanni Editore pubblica la Guida al Jazz in Italia con più di 700 schede informative.

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

09/02/2004

Il n° 20 di Jazzit con in allegato il di Mike Melillo & Chet Baker, "Symphonically"

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

04/08/2003

Attivato un motore di ricerca in grado di individuare, all'interno delle migliaia di pagine di Jazzitalia, articoli, immagini, file audio.

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.





Video:
Mike Mainieri, Carlo Bernardinello, Claudio Allifranchini, Fabio De March, Fabrizio Spadea
"Mallets, brushes and.... more" Project © Special guest Mike Mainieri at the Serravalle Night Festival the 10th. August 2010. Mike Main...
inserito il 24/09/2010  da carlobernardinello - visualizzazioni: 3359
Pugliaeccellente.com ospite: Marco Losavio
Descrizione:Altri video http://www.pugliaeccellente.comFacebook: http://www.facebook.com/pages/Puglia-......
inserito il 14/05/2010  da Pugliaeccellente - visualizzazioni: 3514
Francesca Ajmar - Doze Cordas Trio: "Eu e a brisa" from "Brisa"
Francesca Ajmar, Vocalist; Tito Mangialajo Rantzer, Doublebass; Massimo Minardi, Acoustic and classical guitars, cuban tres. [Guest: Carlo Nicita, flu...
inserito il 22/04/2010  da ciaopino - visualizzazioni: 2727
Io sono metà - Petra Magoni & Ferruccio Spinetti
Io sono metà - Petra Magoni & Ferruccio Spinetti...
inserito il 22/08/2008  da koba5622 - visualizzazioni: 2770


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 4.858 volte
Data pubblicazione: 17/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti