Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Sacile - Il Volo del Jazz '05
7 Nov. - 3 Dic.
Steve Coleman & The Mystic Rhythm
di Giovanni Greto

Dopo Jazz & Wine, il circolo Controtempo di Gorizia, composto da competenti ed appassionati di jazz creativo ha organizzato con successo di pubblico, anche la I^ edizione de "Il volo del jazz" al teatro Zancanaro di Sacile, graziosa cittadina al confine tra Veneto e Friuli, conosciuta in questi anni, per aver ospitato le "Giornate del cinema muto", nell'attesa dei lavori di riammodernamento della storica sede pordenonese.

Il compito di concludere la rassegna - aperta dal trio di Bill Frisell, impegnato adesso a investigare le musiche di John Lennon e proseguito nell'ordine con la Phophonix Orchestra in 'Out to lunch', tributo ad Eric Dolphy, Massimo De Mattia, 'Flute Ahead', Cuong Vu & Scratch, Stefano Bollani Quintet - è stato affidato al nuovo, impegnativo progetto di Steve Coleman, The Mystic Rhythm, che però, rispetto alla formazione annunciata si è presentato alla testa di un settetto, lasciando a casa tre dei 4 musicisti ungheresi previsti e sottoutilizzando l'unico superstite, il violinista Zoltan Lantos, il quale, dopo un buon assolo iniziale nel primo dei 5 brani che costituivano l'esteso set unico, è stato fermamente messo pressochè a tacere dal leader, limitandosi a poche frasi sparse e comunicando un triste effetto di emarginazione.

Ricchi di improvvisazioni i 4 brani in scaletta oltre al bis 'Pad Thai', da parte di tutti i musicisti, mentre la vocalista Jen Shyu, stupenda per la bravura nell'esecuzione di frasi tematiche all'unisono, costituiva quasi un fiato aggiunto che si inseriva o concludeva le frasi del sax alto. Proprio lei a fine concerto ci ha rivelato come il leader - del quale si narra di un difficile carattere - abbia eliminato i 3 ungheresi dopo pochi concerti. E ci ha riproposto il tema dei 5 brani con un impeccabile scat boppistico per aiutarsi a ricordare i titoli. Oltre a Coleman, hanno ben figurato il giovane bassista Thomas Morgan, il trombonista Tim Albright, Zoltan Lantos al violino, mentre non finisce di stupirci il poco più che 20enne Tyshawn Sorey alla batteria (lo avevamo visto la stagione scorsa diretto da Dave Douglas), il quale, non ostante la mole fisica notevole e la giovane età anagrafica, ha invece dimostrato un impeccabile autocontrollo, sia negli scambi infuocati con il leader, che nei solo nei quali ha saputo alternare dinamicamente pianissimi e fortissimi, privo di quella frequente immaturità giovanile - vedi ad esempio il batterista del WSQ - che è causa di ridondanze reiterate, di mancanza di riflessione su ciò che si sta eseguendo e di apprezzamento e conseguente utilizzazione di momenti di silenzio.

Pubblico caloroso fatto non di soli conoscitori dei lavori di Coleman che, partito dal collettivo M-BASE ha affrontato diversi universi sonori - la tradizione latinoamericana, quelle africane ed asiatiche - confezionando sempre una musica densa ed avvolgente, da ascoltare con attenzione perché anche se a volte può sembrare un magma sonoro post-free, nasconde sempre un ordine esecutivo ben preciso. Insomma, Steve Coleman sa come partire e dove arrivare e, quando un brano sembra dissolversi, rinasce seguendo un nuovo percorso.






Articoli correlati:
12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

14/11/2010

Steve Coleman & Five Elements, "Astronomical/Astrological Music Project": "Non un semplice concerto, ma una profonda esperienza musicale...un set continuo di novanta minuti: un'opera dedicata alle stelle e al legame tra musica e natura attraverso la quale il sassofonista di Chicago propone una declinazione completa della sua tecnica compositiva e della sua particolare concezione dell'improvvisazione." (Marco De Masi)

02/11/2008

"Arkitekturae", la ventunesima edizione della rassegna "Time in jazz", creatura musicale sarda di Paolo Fresu, ha avuto come protagoniste le architetture nel senso più ampio del termine. (Viviana Maxia)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

31/10/2007

Steve Coleman & Five Elements "Rhythm Edition" a Catania per Etnafest 2007: "Il solismo di Coleman è sempre diretto, granitico, essenziale ed esente da ogni minimo abbandono lirico; questa sua ben nota peculiarità, nel contesto di questa formazione, grava sull'atmosfera generale, non permettendo alla musica di prendere il volo come nel passato." (Enzo Fugaldi)

16/09/2007

Decima edizione di "Jazz in parco" a Nocera Inferiore che ha "dato al pubblico un'offerta di differenti modalità e impronte della musica jazz contemporanea, con artisti provenienti trasversalmente da nazioni ed esperienze completamente differenti." (Luigi Spera)

03/07/2007

Steve Coleman and The Five Elements " Rhythm Edition" a Jazzinparco di Nocera (Francesco Truono)

10/03/2005

Steve Coleman & Five Elements a La Palma: "...Nell'attuale panorama jazzistico, Steve Coleman è sicuramente uno dei personaggi più carismatici ed influenti: sono ormai vent'anni che è marchiato della qualifica di innovatore..." (Dario Gentili)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.370 volte
Data pubblicazione: 26/02/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti