Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Take 6
29 novembre Napoli, Teatro Delle Palme, Stagione 2004-2005 Associazione Scarlatti
di Luigia Bencivenga


La stagione concertistica dell'Associazione Scarlatti, in deroga alla sua programmazione "classica", ha ospitato i Take 6, il maggior gruppo a-cappella degli ultimi anni.

Dal 1980 i sei ragazzi formatisi in un'università dell'Alabama proseguono il loro cammino di fede e musica cogliendo diverse suggestioni sonore e influenzando parte della musica pop contemporanea. Se le modalità di espressione hanno subìto nel corso del tempo sensibili mutamenti, restano costanti i temi e i destinatari delle loro canzoni: si tratta in ogni caso di una dichiarazione di fede nella potenza di Dio in stile gospel, jazz, r&B, doo wop. "Parliamo del Dio che serviamo, di quanto lo amiamo e di quanto Lui ci ama. Sono i sentimenti del nostro cuore", afferma Arvin Chea il basso del gruppo, pioniere dello stile "walking" in un ensemble a cappella.

Il pubblico napoletano ha accolto con forte entusiasmo i Take 6 e il loro stile che definire gospel è estremamente riduttivo. Con sapienza riescono a trattare testi e musiche già codificati dalla tradizione per poi restituirli al pubblico in una dimensione nuova; la narrazione evangelica si avvale dunque di un sound urbano aperto anche al funky e al latin quanto al rockabilly antifonale e al rap.

In gran parte a cappella, il gruppo ha eseguito in primo luogo adattamenti innovativi di classici inni spirituali, Get away jordan, Mary, If we ever; i loro grandi successi di odore soul, Fly Away e Spread Love; brani interamente strumentali e la versione hip-hop di Biggest part of me; ballate con voce sola e armonizzazioni vocali o strumentali come la struggente Over the hill is home scritta dal baritono Cedric.

Tra coinvolgimento del pubblico e goliardiche predicazioni del tipo "Niente è impossibile perchè c'è Dio", i Take 6 mostrano quel particolare senso di sacralità da sempre presente nella tradizione afroamericana tesa a celebrare non tanto l'idea di un'entità trascendentale quanto la spiritualità dell'uomo non disgiunta dalla sua fisicità.

I Take 6, che in maggio si esibirono alla monumentale manifestazione di Roma voluta da Quincy Jones, hanno dimostrato quanto ancora riesce a comunicare l'innodia spirituale afroamericana. Sebbene diverse voci si siano levate nel definirla qualcosa di musicalmente lontano dal territorio della sperimentazione, la greve fisicità dei Take 6 restituisce al gospel la giusta fascinazione e il potere di comunicare ad un pubblico nuovo perchè capace di giugere ad un'inedita sintesi delle contemporanee esperienze jazz e pop. Per cui definizioni non ve ne sono se non quella, da loro stessa proposta, di "musica a cappella e oltre".





Articoli correlati:
08/08/2009

I Take 6 al Blue Note: "Il sound dei Take 6 è superlativo. Il loro lavoro negli anni è maturato e gli arrangiamenti sono sempre più raffinati e sofisticati. Sono degli ottimi intrattenitori, e coinvolgono anche il pubblico con spiritose gag e studiate coreografie." (Eva Simontacchi)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

20/11/2005

Intervista a David Thomas dei Take 6: "...quando ci capita di ascoltare qualsiasi tipo di musica, se riesci a percepire l'emozione di chi canta, e senti che sono veramente presi dalla musica che fanno, diventa ancora più interessante..." (Eva Simontacchi)

14/02/2004

Jazzitalia intervista in esclusiva i Take 6 a New York: "...Amiamo tutta la musica, e abbiamo cantato praticamente tutti i generi musicali, inclusi jazz, gospel, doo-wop, latin, R&B, hip-hop, opera, pop, e persino country western." (Sandra Kimbrough)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 5.473 volte
Data pubblicazione: 06/01/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti