Jazzitalia - Io C'ero: Tino Tracanna Quartet presenta l'album 'Un'ora'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tino Tracanna Quartet
Un'ora
Blue Note - Milano, 14 marzo 2010
Recensione e intervista di Rossella Del Grande
Foto di Enrico Milani

Tino Tracanna - sax soprano e sax tenore
Massimo Colombo - pianoforte
Giulio Corini - contrabbasso
Francesco Petreni - batteria


1. Assenza ed Essenza (Tino Tracanna) 3.26
2. Il Mercato dei Pazzi (Tino Tracanna) 6.26
3. Insidia Ipnotica (Massimo Colombo) 2.09
4. Stroke 1 (T. Tracanna – M. Colombo) 1.05
5. Ad Intonar Canti (Francesco Petreni) 3.49
6. Fata (Tino Tracanna) 6.02
7. Stroke 2 (T. Tracanna – M. Micheli) 0.39
8. Punti di Vista (T. Tracanna) 7.55
9. Narciso (T. Tracanna) 6.24
10. Controfasce (T. Tracanna) 5.54
11. Fata (T. Tracanna) 1.21
12. Raymond (T. Tracanna) 3.48
13. Stroke 3 (T. Tracanna / M. Micheli) 0.31
14. I Cicli dell'Anima (Massimo Colombo) 5.18

Grande jazz tutto italiano, questa sera al Blue Note di Milano: Tino Tracanna presenta il suo nuovo album in Quartetto, dal titolo "Un'Ora".

La scaletta del concerto di oggi non comprende solo i pezzi del nuovissimo disco, ma anche altri brani presenti in precedenti album. Tutti i brani sono composizioni originali, firmate da Tino Tracanna o dagli altri musicisti che fanno parte del suo Quartetto. Questa formazione esiste da una quindicina di anni, con Marco Micheli al contrabbasso, Massimo Colombo al pianoforte e Francesco Petreni alla batteria. In questa serata al Blue Note, il bassista storico del gruppo non ha però potuto essere presente ed ha dovuto essere sostituito dal giovane e bravo Giulio Corini che merita un applauso tutto per sé, per aver imparato i difficili brani nuovi in tempi davvero record e per aver dimostrato una grande abilità anche sul piano prettamente tecnico.

Il primo brano è "Born in the Zoo", una composizione di Tino Tracanna non recentissima. E' il pezzo con il quale abitualmente Tracanna apre i propri concerti. Brano abbastanza articolato con l'apertura del solo sax soprano, ma ben presto l'intera formazione interseca le proprie voci dando al pezzo tanti colori e dinamiche molto diverse. Ottimo assolo di Massimo Colombo al pianoforte, seguito dal bravo Francesco Petreni alla batteria.

Segue "Il Mercato dei Pazzi". Questo brano fa parte del nuovo disco "Un'Ora", un lavoro che potrebbe essere descritto come un breve viaggio o come una passeggiata in una bella città italiana, dove si passa da una piazza antica con un mercato pieno di cose buone o di tessuti colorati, per poi arrivare in una zona industriale. Un po' come accade durante un viaggio in treno, quando ci si assopisce un po', poi si guarda un po' fuori, si pensa o si sogna qualcosa, mentre lo scenario continua a scorrere e a mutare, all'esterno. "Il Mercato dei Pazzi" si apre con un ostinato del contrabbasso a cui fanno eco, in progressione, batteria e piano. Il tema, articolato e costituito da elementi contrastanti, è ripetuto più volte dal sax soprano di Tracanna. Anche in questo brano tutti gli strumenti hanno ampio spazio di espressione e di improvvisazione. Al solo del piano segue nuovamente il sax, quindi un bell'assolo della batteria, quasi "tematico". Cambia la dinamica, assottigliandosi notevolmente con l'entrata del contrabbasso che ripropone da solo l'ostinato iniziale, trillo del pianoforte sui toni medi per dare colore, ed il sax soprano ripropone il tema portando il brano verso la sua conclusione che, come ascolteremo in diversi brani di Tracanna, è netta, decisa e senza nulla di superfluo.

Il pezzo successivo è un "divertissement", nel senso più antico del termine: nato come un esercizio ritmico che Tracanna proponeva ai suoi allievi, costituito da una sola nota. Ma partendo da questo nucleo minimo, Tracanna si era accorto di poter costruire un tema che avrebbe lasciato tanto spazio per la creatività e l'improvvisazione. Inizia il sax tenore, batteria con le spazzole e lievissime pennellate del pianoforte. La prima improvvisazione è del contrabbasso. Segue Tracanna, che a sua volta improvvisa sempre sul "canovaccio" ritmico che è l'idea di partenza del brano. Molto pulito anche l'assolo di Colombo, con sonorità asciutte, da jazz nord-europeo. L'essenzialità di questa composizione permette al Quartetto di ricercare sia il suono che la sfumatura, e di portare l'idea iniziale ad evolversi con un progressivo incremento improvvisativo e dinamico. Tracanna lo ha intitolato "Pow Wow" prendendo spunto dal nome di un personaggio animato, l'indianino protagonista di una pubblicità degli anni '60. Ha un andamento molto ricco di swing, ma si rifà anche alle ritmiche della musica dei pellerossa. Per questo motivo il leader ha associato l'idea al piccolo "Pow Wow" della nostra infanzia.

"Fata" fa parte invece del nuovo disco "Un'Ora" ed è una bellissima ballad. E' il brano più "classico" di questo album ed è basato su un bel tema cantabile. Seguono le improvvisazioni del pianoforte e del contrabbasso. E' una musica dolce ma anche modernamente asciutta, pur strutturata sulla scorta delle ballads più tradizionali. Anche qui il giovane Giulio Corini ci regala un assolo di grande gusto. Dopo l'improvvisazione del sax, morbida e toccante, il brano si conclude con delicatezza, sopra al tappeto di note lunghe, tenute, eseguite dal contrabbasso suonato con l'arco.

Di seguito una composizione del batterista Francesco Petreni: "A intonar canti". Tino Tracanna lascia alla fantasia degli ascoltatori il compito di dare un'interpretazione a questo titolo, voluto da Petreni (ma poi Tracanna svelerà l'arcano: in effetti si tratta dell'anagramma del suo nome e cognome). Tema difficilissimo, per giunta molto veloce, gran tiro, e nel contempo si ha un suono ben dosato e contemporaneamente molto brillante. Fraseggi velocissimi del sax sopra ad una ritmica importante. Poi un bellissimo cambiamento di dinamica e Massimo Colombo al pianoforte ha grande spazio per un eccellente solo, velocissimo e cristallino che si assottiglia ulteriormente sul finale, mettendo ancor più in evidenza per antitesi la ripresa del tema, così deciso, così scandito e per nulla prevedibile.

E' la volta di "Insidia ipnotica", una composizione molto suggestiva di Massimo Colombo, eseguita in duo: pianoforte e sax soprano, sempre dal nuovo disco "Un'Ora". E' ' un dialogo tra i due strumenti, dal sapore impressionistico, sospeso, molto debussyano. Il brano successivo viene eseguito di nuovo in quartetto ed ha per titolo: "Casta Rumba". Fa parte di "La Forma delle cose", inciso sette anni fa.

"In realtà - ci fa notare Tracanna - il pezzo in origine era un latin, ma poi essendosi estremamente addolcito, la rumba è diventata molto casta". E' un pezzo abbastanza delicato che sa creare un'atmosfera molto avvolgente. Anche qui si lascia apprezzare la classe di Massimo Colombo nella sua raffinatissima improvvisazione al pianoforte.

Tracanna nel presentare i brani spiega di aver seguito vari filoni compositivi, a volte melodici, altre volte ritmici e scherza col pubblico, riferendosi anche a quello che lui chiama ironicamente il "filone psichiatrico". Il brano che segue si chiama "Burro Cacao",che Tracanna suona da tantissimi anni. Era nel primo disco a suo nome (ancora in vinile) registrato davvero molti anni fa, ed è un brano nel quale i musicisti cercano di dare il meglio di sé perché ha una struttura molto complicata, ma nel contempo è un pezzo nel quale il quartetto (dice Tracanna) dà anche "il peggio" di sé perché vi sono dei momenti di improvvisazione totale dove i musicisti cercano di usare gli strumenti in maniera impropria, quasi come fossero dei "corpi contundenti".

Tracanna è al tenore. Passaggi velocissimi che richiedono un'abilità tecnica non comune da parte di tutti e quattro i musicisti. All'inizio il piano viene suonato anche dall'interno, agendo direttamente sulle corde e sugli smorzatori mentre il sax scrive una punteggiatura con poche note ora graffianti, ora sommesse. La struttura cambia continuamente aspetto, ora dilatata, ora stringatissima, "up" e con grandissimo tiro, ora swing, ora a tempo ternario. Il contrabbasso è suonato anche con l'arco, che però viene utilizzato in modo "percussivo" sulle corde. Segue una parte in cui il contrabbassista dà prova di grandissima tecnica in un walking velocissimo veramente impressionante. Riprende la batteria che simula il tema e nel contempo lo destruttura, riducendolo di intensità a tal punto che il brano sembra concluso. Invece ci inganna e a sorpresa torna il tema eseguito con grande energia e sul finale, in netto crescendo, con anche un "urlo" fatto dalle voci dei quattro musicisti. Quindi la rapida riproposizione del tema e la chiusa con precisione millimetrica.

Ultima capitolo della scaletta è "Punti di Vista": è la prima volta che questo brano viene eseguito dal vivo, ed anch'esso fa parte della nuova produzione discografica.

Grandissimo apprezzamento da parte del pubblico. Tracanna presenta i musicisti, si complimenta in particolare con Giulio Corini che ha sostituito il contrabbassista titolare. Tracanna spende anche alcune parole a favore del jazz "tutto italiano" che è una bella realtà nel nostro panorama musicale, e ringrazia il pubblico per la sua calorosa partecipazione.

Il concerto si chiude con un bis, "Danzon", dal ritmo latin, sempre composto da Tracanna che suona il sax tenore. Davvero notevole l'assolo di Francesco Petreni che si dimostra abilissimo percussionista, suonando la batteria con le mani come se si trattasse di congas.

Al termine del concerto incontriamo Tino Tracanna e gli poniamo alcune domande.

Parlami di questo tuo nuovo album, del tuo Quartetto e dei tuoi precedenti lavori.

Il Quartetto esiste da molti anni. La formazione ufficiale è quella con Marco Micheli al contrabbasso, ed è una formazione molto collaudata, anche se in pratica dalla registrazione del disco non avevamo più suonato nessuno dei nuovi brani. Ieri siamo stati ospiti per una ventina di minuti della trasmissione "Piazza Verdi", su RAI 3, ed in tale occasione abbiamo presentato alcuni dei nuovi brani. Gli altri sono stati presentati questa sera in questo bellissimo contesto che è il Blue Note di Milano. Sono molti i dischi che ho registrato con questa formazione o con piccole variazioni di organico. Mi fa piacere ricordare in particolare: "Mr Frankenstein Blues" (1988), "292", con Micheli al basso e Sotgiu alla batteria, "Arcadia" con Paolino Dalla Porta al basso. "Affinità Elettive" sempre con Dalla Porta, secondo me è un bel esempio di integrazione tra un quartetto jazz, un'orchestra classica ed una partitura di tipo contemporaneo. Mi piace che nella mia musica ci siano un po' tutti questi colori che vengono combinati con libertà all'interno delle composizioni. "Quartetto" con la formazione presente nel cd "Un'Ora", "Gesualdo" (un lavoro sui Madrigali di Gesualdo Da Venosa), "La Forma delle Cose" sempre in quartetto con Colombo, Micheli e Petreni, così come anche il cd "Live 2005 registrato dal vivo e pubblicato nel 2006.
Il Quartetto è un gruppo che mi accompagna da tanti anni ed è abbastanza rappresentativo, anche se non ho fatto solo questo…Gran parte della mia attività nasce dalla collaborazione con altri musicisti: a parte i celeberrimi Franco D'Andrea, con il quale ho collaborato dieci anni (dai primi anni '80 ai primi anni '90), e Paolo Fresu, con il quale collaboro tuttora (sono appena usciti due cd nuovi, tra cui uno nella collana dell'Espresso), ma collaboro anche con tantissimi altri musicisti in tutta Italia e direi che questa è una parte preponderante del mio lavoro, anche perché una delle cose che mi piace di più fare è di interpretare la musica originale degli altri, più che suonare standards, cosa che comunque mi piace.
Poi un'altra grossa parte della mia attività è il lavoro in conservatorio, sono Coordinatore dei corsi di Jazz presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano ed anche questa è molto impegnativa come attività".

E a livello compositivo?

Come hai potuto sentire stasera, ci sono vari archetipi compositivi diversi. Da una parte mi piace la ricerca, amo cercare di lavorare su organizzazioni del materiale musicale non convenzionale, non tonale, non tipo "standards", a volte lavoro su tempi dispari, con strutture anomale, ma mi piace molto anche la melodia. Quando mi capita di scrivere una bella melodia (ho scritto delle ninne nanne, delle ballads come quella di stasera che ho intitolato "Fata"), mi piace suonarla anche in maniera abbastanza classica, perché penso che in un concerto sia bello avere anche una melodia cantabile, perché fa anche parte della nostra cultura. Poi invece ci sono delle cose molto più ritmiche o espressionistiche dove si lavora sulle timbriche estreme dello strumento, quindi non necessariamente sul temperamento ma sui suoni anomali, sui doppi suoni. Da un punto di vista proprio stilistico mi ispiro sia al jazz moderno e contemporaneo, ma a volte anche al jazz "antico"… Stasera non ho suonato alcuni miei pezzi che si ispirano proprio al jazz degli anni '30 che a me piace tantissimo. Mi piace che nella mia musica ci siano un po' tutti questi colori e mi diverto a farli apparire nelle mie composizioni combinandoli liberamente. Anche nel disco ultimo ci sono diversi colori di questo tipo.  Tra l'altro nel cd "Un'Ora" ci sono anche composizioni dei miei collaboratori, in particolare una di Francesco Petreni e due di Massimo Colombo, mentre nei miei precedenti album era tutta musica mia.

Questa sera mi ha molto colpita l'abilità di Giulio Corini al contrabbasso…

Sì, Giulio è molto in gamba. Ci ho suonato un po' in trio e quando ho dovuto sostituire Marco Micheli questa sera, Giulio già conosceva alcuni miei brani vecchi, ma non i nuovi… Abbiamo dovuto provarli oggi, e via…! È stato molto sveglio e molto bravo!

C'era un pezzo velocissimo ("Burro Cacao")…

Sì, è davvero tremendo quel pezzo, molto complicato, bisogna ricordarsi un sacco di cose! Fra le mie composizioni ci sono alcuni brani abbastanza complessi strutturalmente, mentre altri sono abbastanza semplici. Cioè, per la verità tendono a venirmi pezzi complicati, però non mi piace che la musica sia complicata quindi tendo a tagliare, a semplificare, a sintetizzare.. magari scrivo un tema con un sacco di note ma alla fine mi rimane un tema molto più esangue ed essenziale, perché da un tema essenziale poi puoi costruire cose… mentre se fai un tema molto complicato hai già detto tutto… Questo lo poteva fare Charlie Parker…!! (ride). A me invece piace partire da un'idea molto essenziale e semplice e cercare di svilupparla coi musicisti, dove ognuno metta del suo e tutti insieme si cerchi di fare una cosa che abbia una sua coerenza ed una sua consistenza. Però ogni tanto c'è anche il pezzo che nasce complesso e ha la sua ragione di esser complesso… e allora me lo tengo così. E poi, uno dei miei modelli compositivi per eccellenza è Thelonious Monk.

Con quale label hai realizzato questo nuovo disco?

Il nuovo cd è della Double Stroke Records che è un'etichetta di Bergamo. E' la prima volta che incido con loro, ma mi hanno fatto un'offerta molto interessante, credono molto in me e speriamo di far uscire un po' di più questo Quartetto, perché io sono soprattutto conosciuto come il saxofonista che suona "lì", che suona "là" (nelle formazioni degli altri), mentre sono tanti anni che faccio cose mie e mi piacerebbe farle ascoltare di più.

Ho avuto il piacere di recensire anche il tuo album precedente, quello in duo con Luigi Martinale "Passi Leggeri" (SNJ RECORDS/Bflat)

L'album precedente, con Luigi Martinale, è basato prevalentemente su composizioni sue e l'idea è nata in conservatorio. Luigi è un musicista molto maturo. Un giorno gli dissi: portami delle composizioni tue.. (perché Luigi gli standards li faceva già benissimo… sapeva far tutto!!) e ci siamo messi a suonare queste composizioni sue, molto melodiche, molto piacevoli. E allora gli ho proposto: se ti va facciamo una registrazione in duo...Mi piacerebbe anche presentare quel disco, che in effetti non è ancora stato ufficialmente presentato, e spero che questo avvenga presto!

"Passi Leggeri" è un disco molto equilibrato, tu e Luigi vi siete spartiti spazio e ruoli con grande equità.

I brani presenti in "Passi Leggeri" sono temi molto ricchi, melodicamente. Sì, si tratta di un disco molto equilibrato. A me non piace fare la "prima donna", anzi amo molto il lavoro di squadra. Anche in questo nuovo cd che ho presentato stasera, "Un'Ora", ogni musicista ha ampi spazi per potersi esprimere individualmente.

Ringraziamo Tino Tracanna per la sua gentile disponibilità ed il Blue Note di Milano per aver permesso di realizzare questo servizio.









Articoli correlati:
01/11/2017

Tempered Blues (Massimo Colombo)- Alceste Ayroldi

11/09/2016

Trio Grande (Massimo Colombo, Peter Erskine, Darek Oleszkiewicz)- Gianni Montano

10/05/2015

Red Note: il Jazz ad "Alli Due Buoi Rossi": "Il "rinato" Alessandria Jazz Club continua la programmazione cambiando location e impostazione: un concerto l'ultimo giovedì di ogni mese con formazioni di musicisti italiani - dal trio al quartetto: Inside 4et, Francesca Ajmar 4et e Fabio Giachino Trio" (Andrea Gaggero)

09/11/2014

Hymnus Ad Nocturnum (Gabriele Mitelli)- Gianni Montano

23/12/2013

Ritratti di donna (Maria Laura Bigliazzi)- Francesco Favano

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

18/08/2013

Drops (Bonnot, Tracanna, Cecchetto)- Gianni Montano

17/02/2013

Acrobats (Tino Tracanna)- Alceste Ayroldi

22/12/2012

Latorrenelmare (FVL Quartet (feat. Battista Lena)) - Francesco Favano

02/09/2012

Bach Off Beat (M.Clombo, F. Faraò, O. Zoboli, Y. Zamir, S. Del Mastro)- Roberto Biasco

08/04/2012

La Fuga Di Majorana (Jacarè) - Andrea Gaggero

12/02/2012

'S Wonderful (Lara Iacovini Quartet)- Rossella Del Grande

18/12/2011

Intervista con Giovanni Falzone: "Oggigiorno mi capita spesso di sentire molte cose che mi fanno pensare che ci sia la tendenza a far diventare il jazz un po' musica di maniera, e c'è poca autenticità sia nei gesti, sia nel preparare un progetto, sia nel suono delle cose che si sentono in giro." (Eva Simontacchi)

22/10/2011

Border People (Israel Varela) - Cinzia Guidetti

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

20/02/2011

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Enzo Fugaldi

25/12/2010

Doppia Traccia (Massimo Colombo, Felice Clemente)- Francesco Martinelli

11/12/2010

Mares (Giulio Stracciati Trio Boy)- Francesco Martinelli

28/11/2010

LEZIONI (piano): Notturno 1dai "9 Notturni" op. 581 per pianoforte e sax soprano (Massimo Colombo)

21/11/2010

The Blue Note Years (Paolo Fresu)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

26/09/2010

InventaRio (Ceccarelli, Dadi, Spinetti) - Dario Gentili

18/09/2010

Come se i pesci (Roberto Demo)- Morena Ragone

11/08/2010

Songlines / Night & Blue (Paolo Fresu Quintet) - Alceste Ayroldi

31/07/2010

Progetto Macchiaioli (Quintetto di Livorno) - Cinzia Guidetti

04/04/2010

When the Teacher (Einfalt) - Giuseppe Mavilla

16/03/2010

Black out (Aldo Bucci Quintet special guest Tino Tracanna) - Cinzia Guidetti

06/03/2010

Darwinsuite (Ferdinando Faraò) - Giuseppe Mavilla

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

02/01/2010

Passi Leggeri (Tino Tracanna, Luigi Martinale)- Rossella Del Grande

20/07/2009

Dall'8 al 30 maggio si è tenuta a Cagliari la 12a edizione della Rassegna "Forma e Poesia nel Jazz". Jazz: come dalla forma può scaturire la poesia. Chiacchierata con Nicola Spiga sulla rassegna jazz di primavera. (di Viviana Maxia)

06/06/2009

No leader (Nelide Bandello / Leibniz)

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

14/03/2009

4Steps (Luca Boscagin)

28/02/2009

Helios (Alessandro Altarocca 4tet)

21/12/2008

Stylus Q (Stylus Q)

29/11/2008

Spiral Tales (Marta Raviglia Quartet)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

16/09/2008

Il gioco delle forme (Massimo Colombo)

14/09/2008

R-Evolution Suite (Giovanni Falzone Contemporary Orchestra)

15/06/2008

LEZIONI (piano): "In breve 9", un brano dedicato al grande Bill Evans (Massimo Colombo)

15/09/2007

Mingus' sound of love (Federica Gennai Quartet)

15/08/2007

LEZIONI (piano): 7 pezzi per la mano sinistra op. 269 - 6. Mano Verde (Massimo Colombo)

08/07/2007

Rosso, Verde, Giallo e Blu (Paolo Fresu Quintet)

10/03/2007

LEZIONI (piano): "21 Studi op. 66 – Studio N° 18" (Massimo Colombo)

12/08/2006

LEZIONI (piano): Esatonale, uno studio basato su una successione di scale esatonali da suonare in varie posizioni e con tutte e due le mani. (Massimo Colombo)

04/08/2006

Caravaggio (Massimo Colombo)

11/03/2006

Il Paolo Fresu Quintet alla Maison Musique

10/12/2005

LEZIONI (piano): Palla, breve studio tratto da una raccolta di 30 brani per pianoforte dedicati alla tecnica ed all'improvvisazione. (Massimo Colombo)

13/09/2005

Big Chief Dreaming (G. Fewell - J. Tchicai - T. Tracanna)

12/03/2005

ARTICOLI (intervista): Massimo Colombo: "...Una formazione classica è fondamentale per una buona preparazione sullo strumento e per la cultura musicale. E' fondamentale incontrare il "maestro" giusto, se incappi nell'insegnante mediocre sei "fregato"..." (Alceste Ayroldi)

02/02/2005

LEZIONI (piano): Corale Pop dall'album Conscious. (Massimo Colombo)

02/01/2005

Conscious (Massimo Colombo Trio)

08/10/2004

Virtualmente (Massimo Colombo)

03/05/2004

LEZIONI (piano): Preludi Apolidi n° 8 (Brincadeira). Un brano basato sul choro brasiliano. (Massimo Colombo)

31/01/2004

LEZIONI (piano): Da 21 studi op. 66: studio n. 16. Dedicato all'armonia per quarte. (Massimo Colombo)

06/09/2003

LEZIONI (piano): Mano Rossa: studio per l'esercizio della mano sinistra. (Massimo Colombo)

15/06/2003

LEZIONI (piano): Un'altra composizione originale di Massimo Colombo. Si tratta dello Studio N° 13 da 21 studi op. 66. (Massimo Colombo)

11/05/2003

LEZIONI (piano): Al via una nuova sezione contenente composizioni di Massimo Colombo attraverso cui analizzare risoluzioni armoniche, tecniche pianistiche, schemi di arrangiamento...La prima composizione è Studio N° 2 da 21 studi op. 66. (Massimo Colombo)

07/02/2001

Massimo Colombo (pianoforte)





Video:
Erskine, Oles and Colombo Ft. Bob Mintzer - We All Love Burt Bacharach
"We All Love Burt Bacharach", performed by the band Erskine, Oles & Colombo, which contains No.13 hits of the american composer among th...
inserito il 17/10/2016  da PLAY Record Company - visualizzazioni: 1001
Paolo Fresu Quintet backstage 2007
Il backstage del Paolo Fresu Quintet al Vasto festival 2007...
inserito il 06/12/2007  da jazzconvention - visualizzazioni: 3425


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.788 volte
Data pubblicazione: 15/05/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti