Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tuck & Patti
Festival internazionale della chitarra di Mottola
08 luglio 2004 – Pastificio Ambra – Bari
di Rosa Surico




E' stato sufficiente mettere insieme una chitarra, una voce, un folto pubblico con la complicità di una calda sera d'estate per creare un'atmosfera magica. Alle 21:40 l'attesa dell'audience presente (circa un migliaio di persone) è stata appagata dalla presenza sul palco di due grandi nomi del panorama jazz internazionale: Tuck Andress (chitarra) e Patti Cathcart (voce). Il loro straordinario sodalizio, che li unisce sulla scena come nella vita, trasmette attraverso le loro esibizioni una sensazione di pace interiore oltre ad una buona dose di dolcezza unita ad una grande professionalità.

Il primo brano è On a clear day: immediatamente voce e strumento iniziano a dialogare parlando il linguaggio universale della musica comprensibile a tutti e che va oltre la semplice emissione sonora e vocale. A seguire la dolcissima My romance in cui Patti fa risaltare le sue notevole doti vocali ed ancora Afro blue.

Le mani di Tuck sembrano librarsi sul manico della sua "Gibson" mentre accompagna, improvvisa: ci si incanta a guardarlo.

Durante la serata ci vengono proposti vari brani tra cui ricordiamo Love floates like a river, Honey pie e Wild flower che Patti dedica a tutte le donne presenti.

Patti è capace di trasmettere grande energia ed instaura con il suo pubblico un dialogo virtuale che idealmente, come ci spiega, va dal suo cuore ai nostri cuori. Dopo questo pezzo, Patti lascia il palco a Tuck che si produce nella mirabile esecuzione di: Over The Rainbow tratto dalla colonna sonora del film "Il mago di Oz" passando per Fragile di Sting e per due classici di Santana: Moonflower e Europa.

Applausi scroscianti sottolineano il gradimento del pubblico per la sua capacità di rendere con arrangiamenti personalissimi brani notissimi e quindi ampiamente "sfruttati".

Da sottolineare che il repertorio di questo duo spazia dai classici del jazz al pop scegliendo fra un grande ventaglio di proposte che poi eseguono con arrangiamenti vocali e strumentali che li rendono unici e facilmente riconoscibili all'ascolto.

L'ultimo brano che ci propongono Tuck & Patti è Time After Time. Patti entusiasta del pubblico lo coinvolge nell'esecuzione creando un coro diviso in tre sezioni: ovviamente il risultato è di grande effetto.

Il concerto è terminato ma il pubblico richiama subito sul palco i due artisti i quali ci regalano un ultimo memorabile pezzo: You take my breath away.

Splendida serata! splendida musica! Chiudiamo augurandoci che eventi di questa portata si moltiplichino nella nostra regione dando la possibilità al maggior numero di persone, appassionati e non, di godere dell'energia positiva che artisti di questo calibro sono in grado di trasmettere a tutti noi!





Articoli correlati:
18/08/2008

Tuck & Patti a Conegliano: "L'affiatamento musicale e la vita in comune sembrano non conoscere momenti di stanca. La formula del duo che per altri musicisti che magari suonano soprattutto in situazioni più allargate può apparire mancante di qualche cosa, per loro calza invece a pennello." (Giovanni Greto)

06/07/2006

Tuck & Patti e il John Patitucci Trio per Jazz al Metropolitan di Palermo: "...la strumentalità della voce di Patti...la complementarietà dell'accompagnamento di Tuck, mai invasivo...Sempre intrigante il tocco energico e pimpante del contrappuntista d'origini calabre..." (Antonio Terzo)

01/06/2006

Tuck and Patti al Blue Note di Milano: "...Tuck e Patti non solo riescono ad arrivare a toccare delle corde profonde e nascoste nell'ascoltatore, arrivando a commuoverlo, ma lo fanno anche sorridere e divertire." (Eva Simontacchi)

10/08/2004

Dal Fandango Jazz Festival, i concerti di Diane Schuur e di Tuck & Patti: senza grandi emozioni la prima, assolutamente stratosferici i secondi. (Franco Giustino)

25/02/2004

Tuck & Patti al Blue Note: "...Grandissimi artisti, imperdibile serata. E, per chi è in grado di comprendere i testi, un balsamo per l'anima." (Eva Simontacchi)

07/10/2003

Intervista esclusiva a Tuck & Patti: "Io non eseguirei mai un brano di cui non sia io stessa innamorata. Dunque è importante eseguire ciò che ti commuove, che ti emoziona, perché come posso sperare di emozionare te se non mi emoziono io?" (Marco Losavio)

19/07/2003

Tuck & Patti al Pulsano Jazz Festival 2003. I due musicisti sono stati protagonisti di un grandissimo concerto seguito da più di 5.000 spettatori accorsi da ogni parte della Puglia nella piccola ma graziosa piazza di Pulsano. (Marco Losavio)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.443 volte
Data pubblicazione: 01/08/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti