Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tuck & Patti: What a wonderful world!
Pulsano Jazz - 13 luglio 2003
di Marco Losavio

Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003

Pulsano è un comune della provincia di Taranto dove per il secondo anno consecutivo si organizza un festival jazz ricco di nomi di rilievo grazie all'impegno di alcune persone coordinate dal direttore artistico Antonello Parisi. Nella piccola piazza Castello, che fa un po' fatica a contenere il bel palco, l'apertura dell'edizione 2003 è stata affidata a due icone della musica, coloro che hanno dimostrato come è possibile cambiare il mondo musicale impregnandolo di originalità attraverso il solo utilizzo di una voce ed una chitarra. Stiamo parlando di William Charles Andress e Patricia Cathcart, meglio noti come Tuck & Patti.

Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Giunti sul luogo nel tardo pomeriggio, i due musicisti sono subito protagonisti partecipando attivamente al sound check per circa un'ora raggiungendo un risultato acustico eccellente grazie anche alla collaborazione del service, sicuramente adeguato.

Alle 22:20, ben 5.000 persone attendono carichi di energia i due beniamini. Il concerto ha inizio e diciamo subito che è stato un evento eccezionale di livello molto alto. Proviamo a ripercorrerlo.

Il brano di apertura, uno dei loro cavalli di battaglia, è
I've got just about everything, uno swing che mette subito in risalto il poderoso walkin' di Tuck e il gran senso ritmico di Patti, nonchè il loro straordinario affiatamento. Subito dopo è la volta del dolcissimo Love flows like a river, tratto dall'ultimo album Chocolate Moment. Sempre dallo stesso album è tratto il 3/4 One for all: Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003esecuzione impeccabile, la voce di Patti arriva nel cuore di tutti grazie anche al modo mimico con cui interpreta il testo. Ancora da Chocolate Moment, è tratto Comfort me, uno dei brani più intensi di tutto l'album. Scritto col pensiero alla tragedia immane dell'11 settembre, interpretato ottimamente, ha commosso una platea ormai interamente catturata dalla magia della musica di Tuck & Patti. Sul finale la voce di Patti emula una chitarra con wha-wha in un riff ripetuto ad libitum fino ad approdare direttamente ad un altro classico del duo: Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Everything is gonna be all right. Ed è emblematico come si sia legata la disperazione di Comfort me con la positività di Everything is gonna be all right, segno di quell'ottimismo ottenuto attraverso un profondo senso della spiritualità che li contraddistingue.

Un omaggio alle donne:
Wildflower. Con poesia e grinta, il brano descrive come le donne sappiano sempre riemergere, rinascere, proprio come un fiore selvatico, sfidando ogni avversità.

Dopo una pausa brasiliana con
Early Morning Music Box, si passa ad un altro momento intriso di poesia. Un inizio di chitarra in cui è accennato Stella by Starlight serve per introdurre la splendida My Romance interpretata da Patti con una bellissima voce vellutata. Il pubblico ascolta in silenzio e l'onnipotente Tuck sfodera un'improvvisazione con armonici ottenuti in ogni punto del manico. Un grande applauso rompe quel silenzio per rendere omaggio a questa ennesima emozionante performance. Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Patti si allontana e lascia Tuck solitario il quale, con la sua splendida Gibson L5 natural, regala due suoi arrangiamenti per sola chitarra ormai celebri: si tratta di I wish ed Europa. Senza parole!!! Al termine di queste esecuzioni a dir poco allucinanti, il pubblico gli riserva un lunghissimo e meritato applauso.

Un vero e proprio boato accoglie con entusiasmo
Time after time. Tutti cantano e sul finale Patti si produce in un rap in cui invita ad "aprire i propri cuori e cantare" per far sì che chiunque nel mondo possa ricevere un po' dell'energia positiva sviluppata da tutti noi. Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Dall'Australia al Sud America, dall'Europa all'Asia: "open your hearts and sing". Ed è così che organizza un coro di voci composto da tre sezioni del pubblico il quale si ritrova a cantare Time after time perfettamente armonizzato. All'improvviso Tuck & Patti smettono di suonare e l'ultimo time after time è lasciato al solo pubblico, protagonista inconsapevole, il quale non dimenticherà questa intensissima fantastica esperienza.

Il concerto prosegue e Patti inizia uno scat di percussioni che richiamano tutta l'Africa che c'è in lei e il ritmo si diffonde rapidamente. E' così la volta di
Rejoice sempre tratto dall'ultimo album. Sul finale una lunga e coinvolgente improvvisazione ritmica di Patti prima sincronizzata con Tuck e poi solitaria.

E' finita e il pubblico, oramai tutto a ridosso del palco, richiede subito il bis non dando loro la possibilità di allontanarsi. Senza pausa quindi riprendono a Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003suonare e intonano Glory Glory con Patti che mostra la sua anima gospel trasmettendo tanta passione: balla, canta, gesticola mimando ogni parola, invita il pubblico a cantare con lei Glory Glory Alleluja.

Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Una richiesta del pubblico prontamente accettata da Tuck & Patti che vogliono così omaggiare tanto affetto con una splendida Takes my breath away. Assolutamente impeccabile, eseguito con una delicatezza ed una classe che solo i grandi artisti possiedono. Salutano, ringraziano, vorrebbero abbracciarci tutti e il pubblico vorrebbe abbracciare loro. La gente è ovunque, da ogni lato del palco completamente circondato e la piazza gremita è un vero e proprio tripudio.

What a wonderful world! E' proprio un mondo meraviglioso quello a cui appartiene e sempre apparterrà la musica di questi due grandiosi artisti. Amore, passione, tecnica, ritmo, tradizione, innovazione, genialità questo e molto di più sono Tuck & Patti due personaggi che hanno inebriato il pubblico di Pulsano attraverso un'esibizione di altissimo livello artistico. Grazie per questa fantastica serata e grazie all'organizzazione per aver fatto sì che una tale meteora fosse presente in questo piccolo, grazioso, angolo d'Italia.


Video Tuck & Patti
T1 - ADSL - ISDN - Modem 38kbps

Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003  Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003  Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003Tuck & Patti: Pulsano Jazz 2003
 
Tuck, Antonello Parisi, Stefania, Patti





Articoli correlati:
18/08/2008

Tuck & Patti a Conegliano: "L'affiatamento musicale e la vita in comune sembrano non conoscere momenti di stanca. La formula del duo che per altri musicisti che magari suonano soprattutto in situazioni più allargate può apparire mancante di qualche cosa, per loro calza invece a pennello." (Giovanni Greto)

06/07/2006

Tuck & Patti e il John Patitucci Trio per Jazz al Metropolitan di Palermo: "...la strumentalità della voce di Patti...la complementarietà dell'accompagnamento di Tuck, mai invasivo...Sempre intrigante il tocco energico e pimpante del contrappuntista d'origini calabre..." (Antonio Terzo)

01/06/2006

Tuck and Patti al Blue Note di Milano: "...Tuck e Patti non solo riescono ad arrivare a toccare delle corde profonde e nascoste nell'ascoltatore, arrivando a commuoverlo, ma lo fanno anche sorridere e divertire." (Eva Simontacchi)

10/08/2004

Dal Fandango Jazz Festival, i concerti di Diane Schuur e di Tuck & Patti: senza grandi emozioni la prima, assolutamente stratosferici i secondi. (Franco Giustino)

01/08/2004

Tuck & Patti a Bari: "...E' stato sufficiente mettere insieme una chitarra, una voce, un folto pubblico con la complicità di una calda sera d'estate per creare un'atmosfera magica..." (Rosa Surico)

25/02/2004

Tuck & Patti al Blue Note: "...Grandissimi artisti, imperdibile serata. E, per chi è in grado di comprendere i testi, un balsamo per l'anima." (Eva Simontacchi)

07/10/2003

Intervista esclusiva a Tuck & Patti: "Io non eseguirei mai un brano di cui non sia io stessa innamorata. Dunque è importante eseguire ciò che ti commuove, che ti emoziona, perché come posso sperare di emozionare te se non mi emoziono io?" (Marco Losavio)

06/08/2003

Billy Cobham e gli Spectrum a Pulsano Jazz, "prima mondiale" da vertigini!

25/07/2003

Pulsano Jazz, mercoledì da leoni: in quattromila per Liebman

15/07/2003

TUCK & PATTI, via a Pulsano Jazz con cinquemila spettatori.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 20/7/2003 alle 12.45.20 da "fncgnc"
Commento:
Approfitto della recensione di Marco Losavio, come sempre appassionata e tecnicamente articolata e ben documentata , per esprimere anch'io un ideale ringraziamento a Tuck & Patti per aver regalato ai 5000 del pubblico, - ero anch'io presente, seduto sotto il palco- un momento musicale di classe eccelsa , eleganza, semplicità di modi e stile , calore umano, virtuosismo e bravura coerentemente legati all'arte. Il duo americano - sodalizio del genere forse unico al mondo da qualche tempo, ha saputo trasformare il microcosmo del duo chitarra-voce , grazie allo sfruttamento simultaneo e più ampio possibile delle rispettive sonorità , in un set polifonico di respiro orchestrale e del tutto autosufficiente. La "delicata forza" con cui Tuck gestiva in totale autonomia ritmo e armonia (walking-bass su triadi stoppate in levare o ancora bassi toccati all'unisono su accordi cristallini e perfetti,e con calibrate appoggiature melodiche, il tutto sapientemente condito dal mirabile e discreto uso della pedaliera che vedete nelle belle foto) si incastrava a meraviglia con gli interventi vocali venati di jazz-soul-blues di Patti. La cantante, addirittura, in un crescendo del concerto, è riuscita a generare un "climax" improvvisativo di pura sensualità musicale, con un geniale e prolungato mix di scat , vocalese e percussione della mano sul petto , amplificato dall'eco del microfono ; il tutto su di una straordinaria base di chitarra , a tratti stoppata e percossa a 5 dita ,saltando sui pick-up da manico a ponte (quintessenza di armonici sulla montgomeryana chitarra ). Insomma godimento ed emozione allo stato puro. NON SI POTEVA NON ESSERCI!!
Francesco Genco.
 

Questa pagina è stata visitata 12.517 volte
Data pubblicazione: 19/07/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti