Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Umbria Jazz 2004
di Vittorio Pio
foto di Giancarlo Belfiore



A Umbria Jazz si va per rendersi conto dello stato di salute del jazz anche se una recente indagine condotta dall'Abacus la pone al quinto posto assoluto nel novero delle manifestazioni musicali italiane.

Il cartellone firmato per "edizione 2004" dall'immarcescibile direttore artistico Carlo Pagnotta è risultato quindi in perfetta coerenza con il nuovo corso generalista, dettato dalla necessità di riempire anche uno spazio molto grande come quello dell'Arena di Santa Giuliana. Quindi la matrice afroamericana è rimasta predominante, con fuoriuscite più o meno lecite nei territori accomunati dalla medesima radice black.

B.B. King - Dr. JohnIl primo w-end per esempio, è stato sintomatico: B.B.King e Dr.John hanno sciacquato i loro panni nel blues catartico che lo scorso anno è stato oggetto di ampie celebrazioni negli Stati Uniti, confermando l'ottimo stato di forma che ha proiettato addirittura quest'ultimo nei piani alti delle classifiche con il suo debutto per la Blue Note, poi hanno passato il testimone a uno dei picchi artistici di questa trentunesima edizione, ovvero il magnifico concerto di George Clinton, figura essenziale per comprendere l'evoluzione dei ritmi neri più bollenti e già fondatore di band seminali come Parliament e Funkadelic. Oltre due ore di ritmi vorticosi dettati da ben ventidue elementi sul palco a citare contemporaneamente in causa James Brown e Miles Davis, il doo woop e l'hip hop, Frank Zappa e Count Basie nella medesima carica visionaria.
Spalleggiato dalle tastiere di Bernie Worrell (fondamentale nella svolta elettrica dei Talkin' Heads di David Byrne), Clinton era lucido e pieno di spunti strappando un trionfo personale malgrado l'ora tarda, a causa della fin troppo macchiettistica esibizione del resto dei Blues Brothers che lo avevano preceduto.

Poi è toccato al golden trio di Jarrett, presente per la terza volta nell'arco delle ultime cinque edizioni di UJ con l'animo finalmente rilassato dopo i capricci degli anni scorsi. Non c'è stato il tutto esaurito malgrado un indice di gradimento molto alto, propiziato dall'imprevedibile resa dell'italianissima "
Un'ora sola ti vorrei", popolare negli Usa come del resto dalle nostre parti a metà degli anni '30. Ancorato su quell'antica melodia. Jarrett ha proseguito in scioltezza mostrando di aver ritrovato completamente le forze, così come lo stesso Peacock dopo la difficile operazione che ha dovuto subire nel recente passato. Il solito magnifico pilastro è invece DeJohnette e così l'interplay che si rinnova fra i tre ha sempre del prodigioso, sopratutto quando il contatto con la tradizione jazz è più evidente, nella ripresa di classici dai repertori di Bud Powell, Frank Sinatra e Sonny Rollins, assai più sfuocato se Jarrett professa il culto della personalità, come ribadito dalla sfuocata sequenza in solitudine che ha chiuso il suo brano "One For Majid", prima dell'aureo bis concesso con una rapsodica versione di "When I Fall In Love".

Se Jarrett continua ad essere un oggetto di discussione, un totale vanto per il festival è stata l'esibizione della Liberation Music Orchestra di Charlie Haden rinforzata dalla presenza di Carla Bley, comunque indissolubilmente legata alle fortune dell'Ensamble. Il grande impegno sociale che guarda alle imminenti elezioni presidenziali americane con una decisa presa di posizione contro Bush nella conferenza stampa e alla realizzazione di un disco la cui uscita è prevista per la prossima primavera in un concerto capace di coniugare con emozione ed efficacia inni terzomondismi, composizioni degli stessi leader, pagine sublimi come "
Steady Girl" dell'amico Bill Frisell e schegge dai repertori di Dvorak fino all'ovazione finale.

Detto della retoricità ai limiti del consentito da parte di Milva nel suo omaggio a Piazzolla e della inconsistenza sul palco di Michael Bublè, buono solo per chi di musica ne mastica poca, Umbria Jazz 2004 ha vissuto un'altra serata di straordinaria grazia nel concerto tenuto dal formidabile compositore Burt Bacharach: qualsiasi contingenza economica di un povero mortale potrebbe essere risolta da una sola delle straordinarie canzoni uscite dalla sua penna. Un esempio? "Raindrops Keep Fallin' From My Head", "I Say A Little Prayer", "
On My Own", perle di una scaletta che ha fatto venire gli occhi lucidi alla generazione di mezzo. Lui dall'alto dei suoi 76 anni ben portati è ancora lì che suona il pianoforte, l'aspetto del tombeur de femmes malandrino cui tocca cantare anche quel tema di "Alfie" poi portato al grande successo da Sonny Rollins. Un concerto memorabile che per alcuni versi ha ricordato l'incontro tra Sting e Gil Evans nel 1987.

E se i Manhattan Transfer sono stati perfetti per quanto algidi, James Brown è apparso meno brillante rispetto alla passata edizione, del resto da un uomo che ha vissuto così intensamente come lui non ci si possono aspettare sempre dei miracoli. Passo indietro anche da parte di Dee Dee Bridgewater, che forse sapendo di essere la più brava fra tutte le varie Norah Jones e Diana Krall che oggi circolano, ha pensato di vivere di rendita non preparando al meglio questo progetto Latin Soundscapes. La pronuncia spagnola è un po' scarsina e temi apparentemente facili come "
Quizas, Quizas, Quizas", hanno finito con il delinearne tutti i limiti. Sul palco anche il sopravvalutato David Sanchez ed Ignacio Berroa, formidabile ultimo batterista della United Nations Orchestra di Dizzy Gillespie, alla cui memoria è stata dedicata in finale una scoppiettante resa di "A Night In Tunisia". Nonostante questo ruggito, Miss Dee Dee dovrà applicarsi ancora.

Tra le giovani promesse del soul una buona impressione ha suscitato Alicia Keys, una che in America è già un fenomeno grazie ai 5 Grammys portati a casa per "Songs In A Minor", il suo disco d'esordio. Da sola al piano la Keys ha regalato la parte migliore di se, ricordando Aretha Franklin, sogno che sembra destinato a rimanere impossibile per Umbria Jazz. Nei break con il gruppo i ridondanti arrangiamenti e le trite mossettine sexy hanno finito con il confondere le acque mentre l'implacabile servizio di sicurezza personale si aggirava fra la platea sequestrando ogni mezzo di illecita registrazione con azioni ai limiti della ferocia. La ragazza si farà comunque.

Un altro destinato a un brillante futuro è di certo Francesco Cafiso, che abbastanza misteriosamente sembra spadroneggiare la sintassi del bop nonostante le origini siciliane che non sono propriamente la cinquantaduesima strada di New York. A Perugia ha suonato tutti i pomeriggi dopo i bei film di Bruce Ricker, seguiti da un ristretto numero di "carbonari", beato di poter vedere sullo schermo immagini inedite di Eric Dolphy (addirittura in una misteriosa per quanto eccitante collaborazione con John Cage!) Bill Evans e Charles Mingus tra gli altri, con un buon seguito di pubblico suonando veloce gloriosi anthem di Charlie Parker. Le sue doti sono indubbie, forse i dolori arriveranno tra poco quando dovrà elaborare uno stile personale, in tal caso sarebbe consigliabile più che un soggiorno all'estero la militanza al fianco di qualcuno dei nostri jazzisti con maggiore esperienza. Ma per il momento è giusto non sovraccaricarlo di responsabilità perché la musica rimane prima di tutto un piacere.

Per restare nel paradigma, grande emozione ha suscitato il ritorno in Italia di Jackie McLean, dopo una serie quasi infinita di acciacchi fisici: "Mc Attack" era tra i preferiti di Ahmad JamalMiles Davis e Bud Powell e a guardarlo sul palco anche nelle sue tribolate settantadue primavere si capisce il perché. Il lessico è intatto e quello che manca in carica interpretativa viene sostituito dalle finezze che la sua lunga militanza gli suggerisce. Il figlio Renè aveva uno sguardo sospeso tra l'ammirazione e la commozione ogni volta che finiva un solo: il quasi doveroso rimando a Monk, con la delicata resa di
'Round Midnight resterà negli anni a tutela di chi nei giorni ruggenti del jazz c'era per davvero.

Un altro splendido veterano è Hank Jones pianista insigne che forse non è un beniamino del pubblico come Ahmad Jamal ma che in quanto a gusto e sensibilità non ha niente da invidiare ad alcuno. Insieme a Joe Lovano nell'affascinante territorio delle ballads, l'unico sopravissuto alla gloriosa dinastia di famiglia è stato superbo sia in fase di accompagnamento che negli spot in solitario. Diverso nell'approccio, assai più ritmico e irregolare, il set di Jahmal ha riscosso un consenso al limite del credibile nell'austero mondo del jazz, con vertici di pura estasi nella furibonda cavalcata di "
Poinciana", vero marchio di fabbrica.

Scintille anche dal doppio confronto tra gli estri chitarristici di Pat Martino e la ritrovata ispirazione di John Scofield che adesso suona trasversale ma senza troppi effetti al seguito, con le spalle coperte da Bill Stewart e Steve Swallow, una ritmica con i fiocchi che ha inchiodato la platea del Morlacchi fino alle prime luci dell'alba.

Ottimo anche l'esordio di Rosa Passos, una cantante brasiliana di cui è follemente innamorato (sempre dal punto di vista artistico) un'icona come Ron Carter e che ogni sera al Teatro del Pavone, rinnovava il suo personale omaggio a Joao Gilberto, Tom Jobim e Veloso, doppiando la carezzevole voce con l'ausilio della chitarra acustica. GuingaSempre tra i sudamericani piuttosto ordinario il set di Ivan Lins mentre UJ ha salutato da autentico fuoriclasse (anche dal punto di vista umano) Guinga, un artista malinconico che avrebbe potuto essere protagonista di una pellicola di Truffaut, per la naturalezza con cui ha suonato fino alle lacrime pensando alla figlia lontana, coinvolgendo così tutta la platea e un musicista di grande sensibilità come Gabriele Mirabassi che gli stava al fianco. Il concerto faceva parte della serie a cura dell'Egea, l'etichetta perugina che persegue con volontà e coerenza questa via mediterranea al jazz, con altri bei concerti di Bebo Ferra, Marco Zurzolo ed Enrico Pieranunzi con il suo nuovo progetto orchestrale.

Bad PlusDel super-quartetto guidato da Hancock e Shorter troverete ampio spazio in altra parte del sito, una certa delusione è invece arrivata dal quintetto di Kurt Rosenwinkel che malgrado gli eccellenti solisti di cui poteva disporre (Brad Mehldau e Joshua Redman tra gli altri), non ha invece offerto una prestazione altrettanto convincente riguardo ai contenuti.

Tutt'altra forza invece nei set di Marc Ribot e i Bad Plus, la cui dirompente visionarietà ha permesso persino un accostamento tra i Queen di "We Are The Champions" e Stevie Wonder.

Il finale piuttosto che al pianismo acrobatico di Hiromi e Michel Camilo, è tutto appannaggio dell'infinita classe di un signore che si avvicina alla soglia degli ottant'anni ben sapendo che una nota in meno ha più valore di un arpeggio supersonico: è ancora il maestro Renato Sellani, il cui tocco limpido è da ritenersi un vero privilegio per chi lo ascolta.





Articoli correlati:
23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

09/07/2017

Sì della Camera alla "Legge Umbria Jazz": Il Festival avrà un contributo annuo di 1 milione di euro. La nota del Vice Presidente della Fondazione UJ, Stefano Mazzoni

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

21/09/2014

Franco Cerri meets Umbria Jazz Clinics 2014: "Il racconto del chitarrista italiano ha incantato gli studenti per la semplicità di comunicazione da lui utilizzata, nonostante la sua grandezza artistica, ma soprattutto perchè ambientato in un periodo lontano da noi, pre e post seconda guerra mondiale..." (Giusy Casanova)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

25/08/2009

Italian Lessons (Mirko Guerrini) - Dario Gentili

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

30/07/2008

Bollani "Carioca" e Caetano Veloso: maravilhosa poesia. "Corpo e cuore nel concerto che ha incantato il pubblico dell'Arena Santa Giuliana di Perugia. Stefano Bollani e i componenti del progetto "Carioca" hanno letteralmente elettrizzato i numerosi spettatori mentre Caetano Veloso ha affascinato mettendo insieme poesia e musica." (Enrico Bianchi)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

02/07/2007

Diretta da Umbria Jazz. In tempo reale tutti i resoconti e le foto degli eventi della prestigiosa manifestazione. (Marcello Migliosi)

17/02/2007

Lionel Hampton, con tutta la sua energia, insieme alla All Star Big Band e con la partecipazione straordinaria di Dizzy Gillespie, galvanizza il cielo di Perugia nell'edizione 1978 di Umbria Jazz. (Paolo La Farina)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

16/08/2006

Intervista ad Edmar Castaneda: "Sicuramente non è stato facile emergere, vincere lo scetticismo iniziale anche di molti colleghi, ma alla fine ce l'ho fatta. Per me è stato molto importante, inoltre, suonare in un ambiente stimolante come quello jazzistico, e contemporaneamente poter recuperare le mie origini." (Alberto Francavilla)

23/07/2006

Umbria Jazz 2006: le foto e i concerti del più grande festival internazionale (Marcello Migliosi)

15/07/2006

" La Gente del Jazz" , direttamente da Umbria Jazz 2006, una inconsueta gallery. (Francesco Truono)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

11/03/2006

Cafiso, Soweto, Locke...altra gallery di Umbria Jazz Winter (Giorgio Alto)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

25/02/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Elisa Caldana)

08/02/2006

Le foto di Orvieto Jazz Winter 2005 (Daniela Crevena)

15/01/2006

Gallery di Edmar Castenada Trio ad Orvieto Winter (Francesco Truono)

21/09/2005

Tornano insieme i Doctor 3 al Morlacchi in occasione di Umbria Jazz 2005: "...delle loro esibizioni dal vivo s'era davvero sentita la mancanza, l'unico commento che sembra opportuno esprimere è un semplicissimo e benaugurante: bentornati!" (Antonio Terzo)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

27/08/2005

Tutta dedicata alle voci la giornata dell'11 luglio a Umbria Jazz '05, con un fitto carnet di orari e teatri. Da Lizz Wright a Madeleine Peyroux, da Al Jarreau a George Benson per finire con Peter Cincotti. (Antonio Terzo)

09/08/2005

Il Berklee College Of Music festeggiava quest'anno il suo ventennale di attività all'interno di Umbria Jazz dove dal momento del suo insediamento ha sempre avuto una sua importante funzione.

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

08/07/2005

The best of Blue Note at Umbria Jazz. Con un doppio CD, Umbria Jazz salda la collaborazione con l'etichetta discografica di New York (Marcello Migliosi)

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

29/11/2004

Intervista a Rosa Passos: "...Volevo fare anche io quello che sentivo da Joao. Il caso unito alla mia forza di volontà hanno deciso sul mio futuro di artista e con molta umiltà e ammirazione Joao ha continuato ad ispirarmi..." (Vittorio Pio)

17/10/2004

Enrico Pieranunzi String Project, propone il suo progetto Les Amants inciso per l'Egea nell'ambito di Umbria Jazz 2004: "...Pieranunzi dà tuttavia ancora una volta testimonianza della sua capacità di rendere una raffinata e coinvolgente sintesi fra jazz, senso lirico e coloriture mediterranee con approccio melodico-cameristico che contraddistinguono ormai il suo stile pacato ed intenso al tempo stesso..." (Antonio Terzo)

04/09/2004

Umbria Jazz 2004, una giornata tipo nella famosa kermesse perugina: "...l'impatto è di quelli che non si dimenticano e l'atmosfera trasuda musica da ogni singola pietra, mattone e sanpietrino del capoluogo umbro..." (Antonio Terzo)

18/08/2003

Bilancio da record per Umbria Jazz 2003, che ha festeggiato i suoi trent'anni con un risultato complessivo di circa centomila presenze e un incasso che è andato ben al di là del milione di euro. (Vittorio Pio)

07/08/2001

John Pizzarelli Trio. Perugia, 20 luglio 2001. L'incontro col chitarrista, le foto, il concerto...

01/08/2001

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 20 luglio 2001

16/08/2000

Articoli: Schegge di Umbria Jazz 2000

19/07/2000

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 15 luglio 2000





Video:
Stepping on stars - Joe Locke Rosario Giuliani Dado Moroni (Egea Records-Umbria Jazz)
Spot nuova uscita discografica 2011 "STEPPING ON STARS" J.LOCKE-R.GIULIANI-D.MORONI(EGEA RECORDS-UMBRIAJAZZ) www.egeamusic.comRegistarto dur...
inserito il 24/12/2010  da EgeaRecordsMusic - visualizzazioni: 4261
ROSENBERG TRIO "Melodie au Crepuscule" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 14/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2864
ROSENBERG TRIO "Flamingo - Daphne - Babik" (medley) Umbria Jazz Winter #17 Orvieto 2010
...
inserito il 10/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2685
ROSENBERG TRIO "Strange Eyes" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 03/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2441
The Rosenberg Trio (100 anni dalla nascita di Django Reinhardt) @ Umbria Jazz Winter #17
...
inserito il 02/01/2010  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2567
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3574
McCoy Tyner Trio a Umbria Jazz 09
special guest Bill Frisell Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2345
Dave Douglas "Brass Ecstasy" a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2424
Ahamad Jamal a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 18/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2266
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 03/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2369
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 02/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2200
Umbria Jazz Festival, Perugia, Italy: sound check w/ Baptiste Trotignon, Greg Hutchinson and Fabrizio Bosso
Perugia Italy, Umbria Jazz: sound check for Stefano Di Battista w/ B. Trotignon, G. Hutchinson & F. Bosso:Perugia, Italy July 2008...
inserito il 22/07/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3188
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2222
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2983
Groovinators Umbria jazz 2006
Mother Tongue (Telesforo-Sidran-Peterson) Teatro Pavone di Perugia 13 luglio 2006, Gegè Telesforo vocal, Dario Deidda bass, Alfonso Deidda sax-ke...
inserito il 14/05/2008  da masaboba - visualizzazioni: 2661
Enrico Rava
Enrico Rava torna a Umbria Jazz con un nuovo progetto che è anche un omaggio ad uno dei jazzmen più amati quanto sfortunati: Chet Baker, di ...
inserito il 08/04/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2367
Ornette Coleman - Lonely Woman, at Umbria Jazz 07
Ornette Coleman performing Lonely Woman at the Umbria Jazz Festival in Perugia 2007...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 2767
Stan Getz - On Green Dolphin Street (1989)
...
inserito il 06/11/2006  da weirdcollector - visualizzazioni: 2892


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.609 volte
Data pubblicazione: 02/11/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti