Jazzitalia - Io C'ero: New Conversations Vicenza Jazz 2009
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

New Conversations Vicenza Jazz
"Il Jazz che venne dal freddo"
8-16 maggio 2009
di Giovanni Greto


8 maggio, Teatro Olimpico
"An Evening with John Zorn"
John Zorn featuring Uri Caine
Uri Caine, pianoforte; John Zorn, sax alto

10 maggio, Tempio di San Lorenzo
Jan Garbarek & Hilliard Ensemble, "Officium"
Jan Garbarek, sax tenore e soprano
Hilliard Ensemble: David James, controtenore; Rogers Covey-Crump, tenore; Steve Harrold, tenore; Gordon Jones, baritono

15 maggio, Ridotto del Teatro Comunale
Pete Churchill "solo Performance"
Pete Churchill, pianoforte e voce. Ospite: Alessia Obino, voce

Mingus Dynasty: ‘Mingus Ah Um'
Alex Sipiagin, tromba; Craig Handy, sax alto e flauto; Wayne Escoffery, sax tenore; Ku-Umba Frank Lacy, trombone e voce; David Kikoski, piano; Hans Glawischnig, contrabbasso; Donald Edwards, batteria

La serata dedicata alla musica di John Zorn ha luogo al teatro Olimpico, dove anche un alito di respiro e' acusticamente perfetto. Inizia Uri Caine e propone brani dell'amico musicista, uno di seguito all'altro, senza pausa. Il pubblico, a poco a poco rimane imprigionato – positivamente, si intende – nelle trame musicali del pianista. Lo stile e' energicamente percussivo, ma da' luogo ad uno swing appassionante. Il pubblico applaude dopo ogni finale e ritroviamo uno spettatore che da tempo segue il festival e che per manifestare la propria gioia, emette un grido profondo monosillabico, caratteristico, che puo' far sorridere, ma anche accalora di piu' l'atmosfera. Caine e' in serata rilassata, ma inesorabile come non mai. Alterna momenti dolcissimi, malinconici, a sequenze a pedale schiacciato, a fortissimi. Le improvvisazioni si snodano dal tema con trame azzeccate. La platea segue rapita e in silenzio, pronta all'esplosione finale. La tecnica e' impeccabile. La classicita' si mescola con le melodie della tradizione, forse ebraica. C'e' un frammento decisamente percussivo, con prevalenza della parte bassa della tastiera, che cresce di volume, quasi a togliere il respiro. Un altro che svolge una linea melodica strappalacrime, ma che grazie alla pratica improvvisativa tende a sganciarsi da un pericoloso sentimentalismo. Un itinerario che va dall'amato mainstream al jazz moderno sperimentale, alla musica del '900 con echi di Satie, Gershwin, fino al Klezmer, il tutto filtrato nella mente dell'artista e proposto come un genere personale, fresco, nuovo, ideato in quel particolare istante. Il tempo passa quasi senza accorgersene. Finche' arriva il momento dell'ingresso del compositore e sassofonista. Zorn si getta a corpo morto nell'improvvisazione piu' libera: armonici, fraseggi laceranti, uso della respirazione circolare, versi di uccelli imploranti, colpi d'ancia, effeti honky. La sala ammutolisce. Non sempre riesce a seguire le trame improvvisate, ma si rende conto della statura dell'esecutore. E quindi c'e' un senso di rispetto, quasi religioso, verso chi in certo qual modo esprime la difficolta' della vita umana e delle relazioni quotidiane, lasciandosi guidare dai pensieri della mente, spesso intricati, ansiosi, avventati, privi di equilibrio. Un lungo applauso allenta la tensione accumulata. Caine ritorna sul palco per altri tre brani, alcuni dominati da un fraseggio triste, forse dovuto anche alla nasalita' timbrica dello strumento di Zorn. I due si sfiorano, sembrano seguire ciascuno pensieri diversi, ma alla fine, grazie ad una morbida dissolvenza, si ritrovano la', dove erano partiti per un percorso solitario, perche', in fondo, ognuno era attento ad ascoltare cio' che faceva l'altro. Un bis brevissimo, per il tripudio finale. Poi, pur se affaticati, non lesinano foto ed autografi a quanti vanno a salutarli in camerino.

T
empio di San Lorenzo gremito, per la ripresa di "Officium", ossia l'incontro tra il quartetto vocale inglese degli Hilliard Ensemble e il sassofonista norvegese Jan Garbarek. Ne era uscito un disco capolavoro, registrato nel '93 e pubblicato nel '94. Un lungo set, non interrotto da applausi, se non nel brano finale, come era stato chiesto all'inizio dal frate che aveva presentato la serata, per non spezzare l'atmosfera magica – finalmente l'occasione giusta per usare un aggettivo troppo spesso utilizzato a sproposito – instauratasi fra esecutori ed ascoltatori. I cantori dell'Hilliard – gli stessi di 15 anni fa, ad eccezione del tenore Steve Harrold, al posto di John Potter – sono apparsi come al solito professionalmente impeccabili, mentre Garbarek, dal suono inconfondibile sia al sassofono tenore che al soprano ricurvo, ha improvvisato, cogliendo sempre l'attimo adatto per inserirsi, le frasi melodiche adeguate e la giusta collocazione spaziale, variabile, a seconda del brano interpretato. Abbiamo riconosciuto oltre a pezzi contenuti in ‘Officium', in un periodo che dai canti Gregoriani del Duecento si spinge fino al Cinquecento, altri che fanno parte del doppio CD ‘Mnemosyne', il quale pero' non incontro' un uguale successo, altri in parte opera di autori contemporanei, ascoltati per la prima volta, che potrebbero, chissa', comparire in una futura registrazione, come ci hanno rivelato gli Hilliard a fine concerto, prima di essere ricondotti in pulmino dalla chiesa all'albergo. Saremmo rimasti ad ascoltarli, anche piu' a lungo dei 75 minuti effetivi, una durata, d'altronde non breve per un concerto impegnativo, con episodi solistici sia del quartetto che di Garbarek. Piacevole, la dipartita finale, una lenta processione verso la sacrestia continuando a cantare, mentre il suono via via scompare e con la sensazione di aver arricchito il nostro senso dell'udito e di aver pulito la mente dai cattivi pensieri. Garbarek rimane un insuperabile descrittore di paesaggi, immersi in una natura inscindibile dalla vita dell'uomo, eppure sempre piu' in pericolo a causa di una cementificazione scriteriata. E proprio l'ascolto dei 5 artisti dovrebbe indurre a una riflessione i politici insensibili al bello, desiderosi solo di fare i propri interessi, attraverso giochi perversi, per ottenere il consenso dei grandi elettori, con conseguenze letali per la vita degli umani, sotto la cui categoria anch'essi dovrebbero pensare di appartenere. Un'ultima riflessione: l'ascolto dal vivo di un simile organico, collocato in uno spazio accogliente come la chiesa vicentina, risulta piu' ricco ed emozionante, che quello proveniente da un CD, sia pure tecnicamente sofisticato come ECM, anche se inserito in un impianto Hi-fi strabiliante quanto a professionalita'.

La serata al teatro Comunale e' stata aperta dal pianista, cantante, compositore e docente Pete Churchill, stabilitosi in Inghilterra nel 1985 dopo aver completato gli studi musicali in Canada. Una gradevole mezzora di standard ad opera di uno swingante crooner –citiamo tra i titoli l'iniziale ‘Come rain or come shine'. Ad un certo punto, il pianista ha invitato a salire sul palco l'italiana Alessia Obino, che stava partecipando al workshop di canto dal 14 al 16 tenuto da Churchill, che avrebbe avuto come esito un saggio-concerto il pomeriggio del 16 al conservatorio Pedrollo della citta' veneta. Non tradendo, o forse solo celando una comprensibile emozione, la cantante ha ben duettato con il maestro denotando una buona pronuncia, qualita' assai importante per chi non e' di madrelingua inglese.

Ma il pubblico era in attesa degli scatenati musicisti della "Mingus Dynasty", voluta e subito messa in piedi dalla vedova Sue Mingus, non appena ripresasi dalla scomparsa del marito nel 1979, per continuare a rendere viva la sua musica. Per il festival, vista la ricorrenza temporale, il settetto americano ha riproposto con arrangiamento e carica in cui aleggiava la presenza del carismatico contrabbassista, il capolavoro – eravamo nel 1959- nonche' primo album uscito a suo nome, "Mingus Ah Um", un titolo ideato dal leader – come ha spiegato Sue in un intervista contenuta nel libretto del festival - ispirato dalle declinazioni del latino. E dunque Mingus, maschile, Minga, femminile, Mingum, neutro. La Dynasty appare in forma sin dal primo brano senza alcuna necessita', come spesso si verifica, di scaldarsi. Ecco allora inanellate una dopo l'altra le attraenti composizioni di un album memorabile da "Better git in your soul", nel ricordo di Sue "un ritorno all'infanzia, ai Gospel, all'educazione cristiana" ad "Open letter to Duke", "una sorta di remix di vecchi brani, ispirati alle musiche di Ellington", a "Fable of Faubus", "un attacco al governatore dell'Arkansas che nel 1957 aveva assunto una posizione antigovernativa diffondendo la segregazione nelle scuole di Little Rock" esposto in un brano " che rappresenta al meglio la militanza di Charles". Aggressivi, feroci e allo stesso tempo commoventi gli assolo dei fiati, molto lunghi e avvolti dalle frasi che insieme gli altri tre disegnavano per colui cui toccava il compito di improvvisare. Ottimi i rilanci della sezione ritmica, un instancabile Donald Edwards alla batteria, abile scompositore poliritmico, ideatore di accentazioni efficacissime, ed attentissimo nel mantenere un metronomo quasi sempre ultraveloce, con raddoppi interni, all'unisono con gli altri compagni. Swingante e godibile il fraseggio di David Kikoski, un pianista capace ad inserirsi in contesti differenti, dando prova di tecnica e fantasia. Ha ben figurato anche il contrabbassista Hans Glawisching, con pochi interventi in assolo, ma un driving attento e sicuro ed un timbro caldo e pastoso. Energici apportatori di una tensione scoppiettante i 4 fiatisti, tra i quali ha sorpreso la corposa, spesso arrabbiata, vocalita' del trombonista Frank Lacy, che ha interpretato con molto soul ‘Good bye Pork Pie Hat', tributo a Lester Young, che all'epoca del disco era morto da poco e che Mingus "adorava come un santone del jazz". Applausi scroscianti, accompagnati sovente da urla per un pubblico conquistato ed eccitato dalla vitalita' di un organico che continua con ardore e passione a riproporre una scrittura che rivela sorprendentemente ad ogni rilettura qualche cosa di nuovo.

Vicenza Jazz ha gia' pronto il titolo per le New Conversations di maggio 2010: "Allonsanfan: il Jazz al di la' delle Alpi".






Articoli correlati:
20/08/2017

Two Minuetos (Paolo Fresu & Uri Caine)- Alceste Ayroldi

29/06/2017

Gezziamoci 2017: Torna, organizzato dall'Onyx Jazz Club, il Jazz Festival di Basilicata alla sua XXX edizione, un grande traguardo che rinsalda il legame con la città di Matera

31/05/2015

Vicenza Jazz New Conversations - XX Edizione: "Venti anni di passione e consapevolezza per un festival al servizio della città e dei tanti artisti che gravitano nel suo comprensorio, con una partecipazione mai registrata in precedenza." (Vittorio Pio)

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

24/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Giandomenico Ciaramella, Jando Music: "Il nemico siamo noi stessi, il declino culturale, però sono fiducioso: vedo un sacco di ragazzi ai concerti e nelle scuole di musica e spero che le cose cambino." (Alceste Ayroldi)

25/05/2014

Uri Caine e Dave Douglas: "Un vero dialogo a tratti delicato, a tratti tumultuoso, ma anche sprezzante e poetico. Un concerto retto sulle contraddizioni nonchè sulla bravura dei musicisti." (Valeria Loprieno)

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

14/07/2013

John Zorn - The Book of Heads per chitarre e oggetti vari : "Arriva un momento in cui capisci che sei libero di condurre il gioco a tuo piacere ma sempre con qualcuno che ti tiene la mano." (Andrea Gaggero)

08/01/2012

Con due grandi protagonisti del jazz contemporaneo quali Paolo Fresu e Uri Caine, il palcoscenico del teatro delle Api di Porto Sant'Elpidio, sembra trasformarsi in un luogo incredibilmente magico. (Viviana Falcioni, Andrea Feliziani)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

27/11/2010

Officium Novum (Jan Garbarek – The Hilliard Ensemble) - Dario Gentili

07/12/2009

Dresden (Jan Garbarek Group) - Alceste Ayroldi

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

06/06/2009

Think (Paolo Fresu & Uri Caine)

06/06/2009

Luminescence (Borah Bergman)

21/12/2008

Uri Caine, il futuro tra le dita: "...la musica classica è stata fonte di ispirazione per diversi jazzisti nel corso della storia. Il jazz è in continuo sviluppo e si muove in molte diverse direzioni. Continuerà a farlo finché i giovani daranno un contributo vitale al suo rinnovamento." (Franco Bergoglio)

02/11/2008

"Arkitekturae", la ventunesima edizione della rassegna "Time in jazz", creatura musicale sarda di Paolo Fresu, ha avuto come protagoniste le architetture nel senso più ampio del termine. (Viviana Maxia)

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

05/07/2008

Jazz! Appunti e Note del Secolo Breve. (Franco Bergoglio )

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)

30/09/2007

Festival "Note di Notte 2007" con Paolo Fresu e Uri Caine in un duo che ha saputo craere "pagine di musica indimenticabili" e Raffello Pareti, Mauro Negri e Bebo Ferra "per un evento musicale che ha ancora una volta confermato la bontà e l'universalità del jazz italiano" (Giuseppe Mavilla)

19/08/2007

Nattjazz 2007 in Norvegia: "...qui si percepisce una cultura musicale molto diversa da quella che c'è nel nostro paese, gli organizzatori rischiano e propongono una miscela di stelle e di giovani totalmente sconosciuti, il pubblico da parte sua si fida del direttore artistico e non è vittima del grande nome. Gli artisti sperimentano e produco dei veri "workshop" spontanei. Il risultato è unico, la cornice straordinaria per cui di giorno c'è davvero la possibilità di trascorrere delle splendide giornate tra i Fiordi in attesa dei concerti serali." (Luca Vitali)

18/08/2007

Jan Garbarek Quartet a Venezia: "Deludente, e lo diciamo dispiaciuti, l'esibizione del sassofonista norvegese nel celebre teatro veneziano, per la seconda edizione di Jazz at Fenice..." (Giovanni Greto)

13/08/2007

Anthony Braxton Sextet e Paolo Fresu & Uri Caine al Piacenza Jazz Fest 2007 "...frutto dei risultati ottenuti con lo stupore e la solidità di chi è riuscito a trasformare, in soli quattro anni, una sparuta serie di appuntamenti musicali in un festival." (A. Armando - L. Schiavone)

17/06/2007

Paolo Fresu & Uri Caine Duo al Teatro Lirico di Cagliari: "I due rispolverano con stile sobrio grandi pezzi del passato senza mai forzare ed è come assistere ad una chiacchierata tra amici sinceri che si ricordano vecchie storie vissute insieme raccontandole in modo asciutto, limpido, ogni tanto infervorandosi come se stuzzicati da un buon bicchiere di vino rosso." (Enzo Saba)

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

10/12/2005

John Zorn in 'Acoustic Masada' all'Auditorium di Roma: "...Sicuramente questo concerto è stato una delle più interessanti proposte musicali di jazz delle tante, forse troppe, che hanno riempito i cartelloni dell'estate a Roma..." (Daniele Mastrangelo)

18/12/2004

In Praise of Dreams (Jan Garbarek)

04/07/2004

Uri Caine e Paolo Fresu per Musicus Concentus: "...per questi due musicisti la tradizione è un'identità in cui riconoscersi ma allo stesso luogo da cui partire e dirigersi altrove..." (Dimitri Berti)

13/12/2003

Uri Caine e Paolo Fresu: "Il loro incontro è prima di tutto la fusione di due straordinarie sensibilità artistiche, il segreto dell'equilibrio sottile tra la coscienza viva del passato e la necessità dell'innovazione, della ricerca..." (Francesco Lombardo)





Video:
John Zorn - Masada Sextet live 1/6
John Zorn's Masada Sextet live in Marciac, 2008 // a film by Samuel Thiebaut // John Zorn - saxophone / Dave Douglas - trumpet / Uri Caine - p...
inserito il 01/01/2010  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 3456
Dave Douglas Quintet 2003 - The Infinite
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Title-track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: T...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2674
Dave Douglas Quintet 2003 - Penelope
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: Tenor ...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2774


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.223 volte
Data pubblicazione: 01/11/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti