Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Viggiano Jazz 2005 - I Concerti
Giacomo AulaAldo Vigorito
Antonio Zambrini Quintet
Venerdì, 19 agosto - Cortile di Villa Sanfelice
Francesco Peluso per MMS
© MMS Mailing Music Services 2005


Aldo Vigorito e Giacomo Aula

E' ancora la Basilicata a tener banco. La volontà di voler riproporre precedenti manifestazioni ben riuscite e un'attenta programmazione sono state le principali motivazioni che hanno spinto enti, associazioni, club alla proposizione di cartelloni in cui, al cospetto di un competente ed interessato nuvolo di appassionati, si sono alternati talenti jazzistici del panorama italiano e d'oltrealpe. Nell'area della Val d'Agri, durante alcune serate di questo capriccioso agosto 2005, si è tenuta la terza edizione del "Viggiano Jazz" che, grazie alla sagace direzione artistica di Mario Raja, ha proposto un cast di solisti di riconosciuto spessore. La connotazione itinerante dei concerti, la proposizione di qualificanti seminari e l'incantevole scenario offerto dal palco centrale nelle terrazze naturali della Villa Sanfelice di Viggiano, hanno riscosso una buona partecipazione di pubblico, che ha saputo apprezzare sia l'impegno dell'associazione promotrice, sia la scelta degli artisti coinvolti. La rassegna, in linea alle scorse edizioni, ha inteso seguire un duplice itinerario, nel quale la formazione proposta nei seminari e la presenza di affermati musicisti del nostro bel Paese, avesse una eguale valenza per i partecipanti agli incontri agostani. Formula consolidata e scelta meditata è stata quella di riservare, nella prima serata viggianese, l'apertura ad un musicista originario della regione: il pianista lucano Giacomo Aula ha ricambiato l'invito con un duo tanto inconsueto, quanto straordinario per la raffinatezza estetica.

L'eleganza pianistica di Aula affiancata all'equilibrio dinamico del contrabbasso di Aldo Vigorito hanno illuminato dalle prime battute un cospicuo parterre, per altro già suggestivamente immerso in una moltitudine di sollecitazioni ambientali, con una sobrietà tecnico-strumentale ed un repertorio dalla coloritura pastello. Con tale asserzione, tengo a precisare, che non si è assistito ad uno scorrere via di brani eseguiti con un classico incedere di maniera, tutt'altro, il duo ha sfoggiato una tale sensibilità e personalismo interpretativi che solo perfetti sincronismi e, soprattutto, ottima conoscenza delle strutture possono realizzare.

Composizioni del pianista di Lagonegro (Further Search for Peace, Maggio, Canzone per Nino Rota, Fedele), una bellissima rivisitazione di Tomato Kiss di Larry Schneider e tre emozionanti riletture molto congeniali al duo (Peri's Scope, Sugar Plum e Comrade Conrad) scritture di Bill Evans, aggiunte al composito Waltz New di Jim Hall, hanno rappresentato l'eccellente tavolozza cromatica del concerto fatto di tenui sfumature, immagini dai contorni arrotondati, paesaggi lontani appena accennati. Un'ora piena in cui la declamazione del tema, la cantabilità delle melodie negli assoli ed il gusto per la correttezza timbrica si sono imposte all'attenzione degli spettatori che hanno ricambiato sottolineando molti passaggi con applausi dettati da uno spontaneo e divertito gradire. Malgrado le nascoste insidie di un tale impegno, i due brillanti artisti si sono distinti per la capacità di rendere assolutamente fruibile una musica, che attraverso una formazione così ridotta, avrebbe potuto risultare fine a se stessa, invece non ha conosciuto pause ed affaticamento espressivo.
Pertanto, c'è da fare un particolare plauso ad Aula e Vigorito sia per la consapevolezza dei propri mezzi, che per il comune linguaggio denso di un accattivante lirismo poetico. Una pausa di qualche minuto per metabolizzare la rarefatta essenza del duo e, di lì a poco, un quintetto dall'inconsueta
formazione: Antonio Zambrini Quintet. Infatti, la seconda parte della serata del
19 agosto si è materializzata con un intrigante intervento del gruppo del pianista e compositore lombardo: le sue doti nella scrittura dalla connotazione ampia e dinamica e la destrezza nel condurre per mano spericolate formazioni non hanno deluso le aspettative. L'incedere concreto del contrabbasso di Tito Magialajo e la percussività del drummin' di Ferdinando Faraò sommati ai primi piani dell'accordion di Fausto Beccalossi e del tenore di Giulio Martino, hanno formato l'asse portante di un quintetto che il suo leader ha controllato sempre con estrema bravura sia nelle composizioni proprie, sia in interpretazioni dalle coloriture forti (vedi Africa del viscerale Abdullah Ibrahim al secolo Dollar Brand). Anche in questo caso circa un'ora di musica per presentare un disco di prossima uscita ed inondare di immagini e suoni una platea in grado di apprezzare variazioni ritmiche, atmosfere balcaniche, contenuti multietnici. E dopo?

Cosa di meglio del condividere un buon panino con il prosciutto e la degustazione di un vino rosso della zona? Credo poco o nulla. Ma, ciò è bastato ad istaurare un clima disteso per scambiare alcune impressioni con i protagonisti della serata.

Il primo a cadere sotto i colpi delle domande è stato Zambrini a cui ho chiesto:

F.P.: Come nasce l'idea di una front line composta da una fisarmonica ed un sax tenore?
A.Z.: Nel pensare ad un quintetto in cui fossero presenti due voci quali la fisarmonica ed il sax tenore, ho provato a ribaltare alcuni canoni precostituiti. Ho voluto assegnare a Fausto Beccalossi il ruolo di prima voce, sovvertendo la subalterna collocazione della fisarmonica quale eco romantico padano, in contrapposizione alla seconda voce del tenore di Giulio. In tal modo, entrambi si scambiano, senza mai sovrapporsi, ruoli e primi piani realizzando una sonorità molto dolce, molto rotonda che a me piace ed è alla fine è la sonorità di questo gruppo.

F.P.: L'imminente uscita del disco registrato con questa formazione prevede un progetto nel tempo?
A.Z.: Si, assolutamente. L'uscita a breve del disco rafforza la voglia di continuare questo percorso e, anche se ho fatto altre cose, a questo progetto ho dedicato l'ultimo anno impegnandomi nella composizione e nella realizzazione degli arrangiamenti, per questo sarà il principale obiettivo su cui lavorare nel mio prossimo futuro.

F.P.: Antonio Zambrini all'estero. Ci vuoi parlare in generale della tua attività sulle scene internazionali? Quali collaborazioni, esperienze, concerti registrazioni?
A.Z.: Le mie influenze musicali sono disordinate, varie e discontinue. Ma ho imparato che questo disordine alla fine è una risorsa, perchè rende la prospettiva più particolare, forse più originale, a tratti, rispetto ad una preparazione enciclopedica... quindi non provo più di tanto a colmare le lacune, se non seguendo l'istinto.

F.P.: Sappiamo che qualche anno fa sei stato per la prima volta in Germania e a Berlino. Ci vuoi descrivere in dettaglio quell'esperienza, quali impressioni hai riportato e in particolare quali incontri e fatti significativi ti sono capitati?
A.Z.: In sintesi, all'estero ho avuto due sostanziali esperienze in tutto, entrambe dovute all'interessamento di pianisti italiani espatriati, per così dire, che gentilmente ed amichevolmente hanno reso possibile il mio soggiorno e le mie esibizioni, a parigi e a Berlino. Fu Achille Gajo, musicista lombardo trasferitosi a Parigi alla metà degli anni '90, amico e persona squisita e generosa, ad invitarmi nella Ville Lumière, ad incoraggiarmi a prendere accordi colà per suonare con il mio trio, cosa che successe poi nel 2001. Oggi, purtroppo, Achille non è più tra noi, ed il ricordo della sua amicizia assume un valore ed un significato particolari. Qualche tempo dopo ho avuto per due volte la possibilità di suonare a Berlino, grazie all'amicizia di Giacomo Aula, il quale oltre ad avermi invitato ed ospitato lassù, ha anche suonato con me al jazzclub Atalante in qualità di bassista. Grazie a Giacomo sono entrato in contatto con David Beecroft, saxofonista canadese residente a Berlino, il quale mi invitò a suonare un una rassegna da lui diretta, Jazz Composers Nights, sempre a Berlino, nel 2003 (credo). È tutto, per ora. Di fatto suono soprattutto in Italia, e per ora va bene così...poi si vedrà.

Ancora qualche battuta qua e là con gli organizzatori ed alcuni amici, sempre presenti agli appuntamenti che contano, poi è la volta dei due virtuosi Aula / Vigorito.

F.P.: Da dove parte l'idea di misurarsi attraverso una formula così rischiosa per le sue insidie nascoste?
A.V.: In realtà, ci siamo conosciuti musicalmente circa quattro anni fa in una situazione simile. Eravamo in duo e, come spesso accade, ci si incontra e si sceglie un territorio comune che individuammo in un, più o meno, repertorio evansiano con l'aggiunta di brani originali (nel caso specifico di Giacomo). L'aria era quella con diverse passioni comuni ed Evans era una di quelle che esaltò l'incontro, poi nel tempo siamo andati anche oltre. Questa sera abbiamo voluto riproporre questa formula a distanza di tempo consapevoli che fa parte di noi e, quindi, quando capita l'occasione la viviamo con entusiasmo.

G.A.: Il duo è un arma a doppio taglio che può appiattirsi nella mera riproposizione di temi e brani, perciò necessita di una terza essenza intrisa delle emozioni che provi per quel repertorio e anche la consapevolezza che il tuo compagno di viaggio provi e condivida le stesse passioni. Ovviamente, sappia condividere gli stessi rischi e voglia impegnarsi in modo simile, in quanto non è assolutamente semplice rendere efficaci brani in duo: le insidie sono tante e, sebbene si goda di molta libertà, i rischi sono maggiori che nel trio. Tuttavia, pur essendo una formula meno canonica o timbricamente più povera di altre, mi appassiona realizzarla, in particolar modo, con Aldo. Tale esperienza, nata da un'occasione molto informale in un piccolo jazzclub, ha rappresentato un ottimo banco di prova per conoscersi, ma in seguito abbiamo avuto altre prove piú impegnative, come il concerto al Festival di Berlino per il Cinema Italiano, con Andrea Marcelli alla batteria e Giorgio Licalzi alla tromba, nel 2002.

A.V.: Tornando al duo comunque devo dire che è fortemente stimolante, anche in ragione dell'assenza della batteria, lasciando che, sia il pianoforte, sia il contrabbasso, occupino uno spazio ampio da esplorare di volta, in volta.

G.A.: Il problema dei piccoli o piccolissimi gruppi è nella massima spontaneità: la strutturazione spesso non è elevata e se non c'è il piacere e la freschezza di fare musica insieme si rischia di cadere nel manierismo. Sicuramente, è più facile nascondersi in un quintetto o in un ottetto, dove arrangiamenti e composizioni possono essere affrontati in modo non totale. In un duo, ma anche in trio, la scelta dei partner è fondamentale:
l'interazione, il respirare e condividere la stessa idea, lo scambiarsi conoscenze reciproche o punti di vista diversi, evidenziano una storia interpersonale che, a volte, risulta prevalente ai parametri professionali.

A.V.: Non dimentichiamo che nel duo c'è anche il profondo piacere del gioco.

F.P.: Mettendo un momento da parte il concerto di questa sera, vogliamo parlare dei vostri ultimi progetti discografici da leader?
A.V.: Napolitanìa è il mio ultimo lavoro da leader uscito per l'etichetta Wide Sound nel 2003. Fare questo disco in quartetto con la bellissima voce del soprano di Stefano "Cocco" Cantini, la morbida percussività di Peppe Lapusata alla batteria ed il pianismo creativo di Francesco Nastro, mi ha dato molte soddisfazioni. A me piace suonare in situazioni, anche le più disparate, ma volevo lasciare una traccia tangibile delle mie composizioni e delle mie esperienze di vita, attraverso il supporto audio. Credo che questo sia un po' il desiderio di tutti i musicisti e mi auguro di continuare su questa strada, pur mantenendo tanti impegni e collaborazioni in corso.

G.A.: Sono usciti e stanno uscendo diversi nuovi lavori, in cui figuro come co-leader o guest soloist. Space Night del trombettista Nils Wülker per Sony BMG del 2003 che viene quest'inverno pubblicato anche in Italia. Poi Trios Version 3.0 di Gordon Johnson su Tonalities del 2004, la collezione di trii che include Steve Gadd, Jay Epstein, Peter Erskine, Kenny Werner, Phil Markowitz, Bill Carrothers e poi ancora, freschissimo di stampa, il nuovo album del sassofonista Douglas Little con Kevin Washington alla batteria e Jeffrey Bailey al contrabbasso. Si chiama The Phoenix, è stato prodotto da Tesca Records di Minneapolis. Saremo in tour di presentazione italiana a fine Novembre a Cosenza, Bergamo, Padova, Lagonegro, Avellino e Cava de' Tirreni.

F.P.: Quali prospettive per questo duo o altre collaborazioni incrociate?
G.A.: Penso che le cose vadano fatte con naturalezza portandole avanti senza forzare i tempi e mirando alla maturazione lenta di ogni produzione. In questo caso particolare spero di continuare con questo duo; Aldo ha fatto parte del mio trio italiano in alcune circostanze significative, oltre all'esperienza di Berlino, per esempio il gruppo con la cantante californiana Judy Niemack e il chitarrista Jean François Prins, belga di origini italiane, al Catanzaro Jazz Fest del 2004. Anche mi ricordo diversi anni fa Aldo prese parte ad uno dei primi tour con Doug Little, in Puglia e Campania, all'epoca con Salvatore Tranchini alla batteria.

A.V.:
Giacomo mi ha coinvolto in diverse occasioni sia in Germania, come ora da lui ricordato, ma anche in Italia ed io mi auguro che queste collaborazioni abbiano un seguito: lo credo assolutamente possibile anche se, al momento, non saprei dirti esattamente in quale contesto.

G.A.:
Fra musicisti ci può essere un legame molto stretto basato sull'empatia o ci può essere un rapporto di semplice stima professionale in cui si riconosce nell'altro un amico idoneo a ricoprire un certo ruolo. In questo Aldo riesce appieno, facendo intuire una interazione più profonda che si addice a gruppi allargati, allo stesso modo nel duo o trio: ciò facilita lo sviluppo di progetti di qualità che entrambi vogliamo perfezionare.

Dunque, uno sguardo alle lancette dell'orologio, i saluti di rito, l'appuntamento alla prossima, ma soprattutto il distacco da un paesaggio accogliente in cui si è consumata una notte di buona musica.

Luca Bonvini/Carla Marcotulli Quintetto
20 agosto 2005
di Mauro Lorusso e Stefania Paterniani

Un concerto che ha saputo catturare l'attenzione del pubblico in tutto il suo svolgimento. L'autore infatti non ha previsto interruzioni musicali nella narrazione delle poesie interpretate muovendosi agilmente in diverse tipologie di canto (dalla lirica al jazz) musicate sia dalla Marcotulli che da egli stesso. Gli applausi si sono fatti sentire solo alla fine del concerto (di circa un'ora) a ragione del fatto che sicuramente il pubblico ha colto il significato dell'evento, fatta eccezione per gli applausi che i singoli musicisti si sono meritati a seguito dei loro virtuosismi. La formazione che si è esibita non è stabile quindi va maggiormente sottolineata la perfetta intesa e professionalità che fa onore al nome che portano. In particolare si è distinto Leveratto in un solo che si inseriva perfettamente nell'ambiente poetico delle musiche di Bonvini il quale ha sicuramente catturato l'attenzione del pubblico sia per la presenza scenica sia per lo strumento che suonava e ovviamente per come lo suonava: si tratta dello "Slide trumpet" un ibrido tra tromba e trombone, della tromba ha le dimensioni e del trombone il resto. Il suono era molto vicino alla tromba, lo slide, tipico del trombone, permetteva al musicista di glissare il suono simulando dei versi quasi animaleschi...come alla ricerca di una nota che una volta trovata rimaneva sospesa.

La suite era suddivisa in due parti. La seconda parte è stata presentata con estrema sensibilità e misticismo dal compositore che si è lasciato ispirare dal vissuto storico del paese di Viggiano per introdurre la registrazione vocale dell'autore stesso delle poesie (Walt Witman), ottenuto grazie ad uno dei primi esperimenti di registrazione del XIX secolo.

Un aneddoto di Luca Bonvini di un paio di sere prima del suo concerto: lo abbiamo incontrato e conosciuto bevendo del vino dopo una session in paese io e altri tre allievi del seminario, dopo averci dedicato una interessantissima versione di 'Round Midnight solo tromba, ci ha preannunciato il suo slide trumpet spiegandoci che lo aveva progettato e fatto costruire egli stesso a New York.



Esibizione Orchestra laboratorio
21 agosto 2005
di Mauro Lorusso e Stefania Paterniani

L'orchestra nel suo organico era completa: sezione fiati, voci, piano, tastiere, sezione ritmica e chitarre.

Diretta dal maestro Raja che è riuscito a coordinare benissimo tutti i componenti in così pochi giorni, l'orchestra ha eseguito 5 brani di cui Flakes di Steve Lacy, In A Silent Way di J.Zawinul, Sonnymoon for two di Sonny Rollins, Mood Indigo e Take the "A" train di Duke Ellington; più un bis in cui sono stati chiamati in causa due pianisti: Aula e Zegna che si sono cimentati contemporaneamente in un blues. Zegna in particolare si è distinto per non essersi lasciato andare a virtuosismi ma per aver sintetizzato in un solo le numerose spiegazioni tenute durante le sue lezioni. L'orchestra si è esibita nei giardini pubblici del paese davanti ad un discreto numero di persone, un ottimo panorama e uno squisito aperitivo a base di vino, formaggi e taralli in abbondanza; in questo contesto ogni musicista ha trovato spazio nell'orchestra per esprimersi con un solo e presentazione al seguito; a conclusione dell'evento, ma anche del seminario, il sindaco di Viggiano ha consegnato l'attestato di frequenza in un elegantissimo foglio pergamenato ad ogni seminarista firmato dal docente del proprio strumento.



Riccardo Zegna
21 agosto 2005
di Mauro Lorusso e Stefania Paterniani

"Grazie" al pianoforte, le cui corde hanno retto tutte eccetto una fino alla fine del concerto, il maestro Zegna ha sicuramente dato prova della sua esperienza eseguendo brani che impegnavano lo strumento in esigenze musicali che assolutamente non era in grado di soddisfare.

Nella seconda parte del concerto si sono susseguite interpretazioni tra le quali un brano di Monk, Misterioso, proposto con gusto soprattutto nella ricerca di note che potessero rimanere nel registro centrale della tastiera vista l'inutilità armonica del resto del pianoforte...nonostante questo è riuscito a comunicare le sue intenzioni e la sua espressività. Scarno il suo stile (o magari quella sera gli andava così...) ma incisivo e di forte presa come una persona di poche parole ma buone...nella sua musica c'era colore e ogni brano aveva una sua sonorità...credo che non a caso abbia proposto Monk visto che anche le composizioni di quest'ultimo si prestano così bene a giocare sui suoni di poche note e alle loro combinazioni. Bravo pianista e bravo didatta di personalità umile e diretta, Zegna è un musicista di notevole esperienza tant'è vero che le sue lezioni si sono svolte sulla base dei suoi racconti di vita fatta di "incontri ravvicinati" con molti dei più grandi della storia, critiche a concerti, consigli sugli ascolti, ascolti guidati con tanto di danze ritmiche e tra tutto questo injazzamento ci siamo conosciuti poi sulla tastiera.

Ma tornando al concerto: si è concluso con tre brani in cui il maestro ha accompagnato il canto della sua compagna Susanna, molto femminile ed energica ma anche spiritosa e dalla voce chiara e sensuale. Hanno divertito il pubblico soprattutto per il loro gioco d'intesa e per come lui facesse del suo meglio per farle da "cuscino"... fino a che il pianoforte non ha ceduto...



Maurizio Giammarco Tricycles
21 agosto 2005
di Mauro Lorusso e Stefania Paterniani

Il concerto in questione è stato sicuramente un colpo di scena perchè non ci si aspettava una tale carica di energia che nel pubblico si è concretizzata con la richiesta direi unanime del bis. Stupisce l'utilizzo degli effetti spesso gestiti dal batterista John Arnold che con un computer portatile sfumava in apertura e chiusura dei brani, notevole il talento del bassista Dario Deidda ed il ruolo che ha ricoperto: ha saputo infatti colmare la mancanza di uno strumento armonico, e si è impegnato a contrappuntare il sax e cantare diverse melodie. La formazione, per l'occasione, si è esibita in trio e con perfetta disinvoltura ha portato a compimento un bellissimo concerto in cui i richiami ad alcuni classici del jazz e le reinterpretazioni con cui sono stati eseguiti hanno avuto un ottimo riscontro nel pubblico. Giammarco con i suoi sax ha colorato e coordinato le musiche della serata garantendo dinamiche molto forti che caratterizzavano ulteriormente i brani. La "modernità" del concerto è ciò che lo distingue dalle serate precedenti sia per lo stile esecutivo, in cui i tre giocavano a "passarsi" idee da sviluppare, (tutto sembrava improvvisato tanto che alla richiesta del bis Giammarco ha preannunciato che loro tre, sapevano dove e come iniziavano ma non come finivano...) sia per le sonorità utilizzate e che lo rendono originale.






Articoli correlati:
15/08/2016

Rag Trio (Giovanni Scasciamacchia)- Niccolò Lucarelli

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

05/01/2015

Hope (Giovanni Scasciamacchia Trio with Fabrizio Bosso)- Alessandra Monaco

12/05/2013

Carla Marciano e il suo Quartetto : "Carla Marciano è una delle più notevoli artiste del jazz contemporaneo nostrano, orgoglio femminile al sax in Italia e all'estero dotata di fraseggi articolati, passionali e che danno vita a notevoli immagini sonore variegate." (Francesco Favano)

28/04/2013

Casa Azul (Silvia Manco (feat. Maurizio Giammarco))- Francesco Favano

28/04/2013

Stray Horns (Alessandro Fabbri)- Nicola Barin

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

13/08/2011

Riccardo Zegna And Mellowtone Orchestra - Ellington Tribute, concerto inaugurale del festival di Clusone. Giunto alla sua trentunesima edizione, continua a rappresentare una tra le proposte più intelligenti e stimolanti nel pur ricco panorama festivaliero italiano. (Andrea Gaggero)

08/05/2011

Early Years (Federico Procopio) - Cinzia Guidetti

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

27/12/2009

Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco in "Jazz Lag/Tassa di Residenza Napoli": "...una serata all'insegna della buona musica, senza colpi ad effetto, particolari debordanze ritmiche, in cui la sobrietà di Puccio Corona e la linearità del Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco hanno dato forma ad un evento dalle sfumature pastello, dalle ambientazioni rilassate, dalle misurate tensioni ritmiche, molto gradite dagli appassionati intervenuti." (Francesco Peluso)

06/09/2009

Ispani Jazz 2009, "Una coraggiosa svolta internazionale" con Bob Mintzer, John Abercrombie, Flavio Boltro: "La macchina organizzativa dell'Ispani Jazz Festival ha rivelato, in questa settima edizione 2009, una concreta ed encomiabile evoluzione che, tanto nella coraggiosa, quanto interessante svolta internazionale, ha riscosso un palpabile gradimento dei numerosi appassionati accorsi." (Francesco Peluso)

06/06/2009

Orfeu Negro (Effetto Musica Ensemble Incontra Claudia Marss)

27/09/2008

Cantabile (Trio di Salerno)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

23/02/2008

Change of Mood (Carla Marciano Quartet)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

11/08/2007

Nella Tana del Coniglio (Giuseppe Onofrietti Trio)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

25/02/2007

Un lupo in Darsena (Danila Satragno)

12/12/2006

Sarno Jazz River 2006: "...un valido incontro fra culture, stili ed interpreti del fascinoso linguaggio afroamericano, misto a quella creatività ed innovatività espressiva del Vecchio Continente, presentato in un cartellone di tutto rispetto." (Francesco Peluso)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

28/05/2006

Carillon (Riccardo Zegna)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

05/06/2005

Punkromatic (Maurizio Giammarco & Megatones)

06/04/2005

Maurizio Giammarco, nell'ambito di Terninjazz 2005: "...la notevole esperienza ed il caldo affiatamento del trio sono stati gli elementi aromatizzanti che hanno smussato sapientemente anche i sapori più aspri di alcune esecuzioni..." (Alceste Ayroldi)

09/02/2005

Mari Pintau e Megatones per Pinocchio Jazz: "...Mari Pintau funziona bene, e i quattro sul palco del Pinocchio lo hanno dimostrato...Meno trasparenze, musica concreta, urbana, a volte astratta ma comunque caratterizzata da un forte legame con la melodia per i Megatones..." (Paolo Carradori)

04/01/2004

Intervista a Aldo Vigorito: "Sono uno con le orecchie molto aperte; un musicista che desidera ancora imparare da ciò che mi circonda...In me convivono molte anime; non amo la staticità. ". (Massimiliano Cerreto)

28/12/2003

Napolitanìa (Aldo Vigorito)





Video:
Quisisana Jazz Events 2010 Part2.mov
Quisisana JAZZ Events 2010 - Direzione Artistica Peppe De RosaPeppe De Rosa GroupGerardo Di Lella Bigband guest star Bob Mintzer (leader degli yellow ...
inserito il 13/10/2010  da totoderosafilmmaker - visualizzazioni: 3215


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 9.190 volte
Data pubblicazione: 01/11/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
->