Jazzitalia - Live: Vittoria Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Vittoria Jazz Festival

Vittoria (RG) - 18-26 giugno 2016
di Vincenzo Fugaldi

Chris Cheek Quintet VittoriaChristoff Lauer VittoriaDaniela Spalletta VittoriaFrancesco Cafiso VittoriaFrancesco Cafiso -Mauro Schiavone VittoriaFrancesco Cafiso Nonet VittoriaFrancesco Cafiso Nonet Vittoria
Francesco Calì VittoriaGiovanni Digiacomo Quartetto VittoriaJesper Bodilsen Group VittoriaJoe Barbieri VittoriaJoe Barbieri -Jesper Bodilsen VittoriaJoe Barbieri -Peter Asplund VittoriaJonas Burgwinkel Vittoria
Chris Cheek VittoriaManuel Rocheman VittoriaMauro Schiavone Trio VittoriaNikolaj Bentzon VittoriaNu Roots VittoriaPablo Held Group VittoriaPhilippe Soirat Vittoria
Pablo Held VittoriaJesper Bodilsen VittoriaJorge Rossy VittoriaPeter Giron VittoriaPeter Asplund VittoriaRick Margitza VittoriaRick Margitza Quartet VittoriaRobert Landfermann VittoriaToscano -Cusmano Group VittoriaAttilio Zanchi Vittoria
click sulle foto per ingrandire

Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: non si svolge più in quattro fine settimana, ma in nove giorni consecutivi, presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa.

Dedicato a Gesualdo Bufalino, del quale ricorre il ventennale della scomparsa, il festival è iniziato con un quartetto composto dal sassofonista statunitense Rick Margitza (protagonista di una collaborazione con Miles Davis nel cd «Amandla» e con questi anche in tour per un breve periodo nel 1989) e da tre musicisti francesi (Manuel Rocheman-pianoforte, Peter Giron-contrabbasso e Philippe Soirat-batteria). Un repertorio tutto di composizioni originali del leader, eccetto una toccante "Cry Me A River" dedicata alle vittime dell'orribile strage di Orlando, caratterizzata da una cadenza finale in solo, per un concerto di ineccepibile classicità, pur se non particolarmente incisivo in termini di groove. Il valore di questo tenorista di solida matrice breckeriana è storicamente testimoniato da altre collaborazioni importanti (Corea, Tyner per citarne alcune) e da una bella discografia a suo nome per etichette come Blue Note e Palmetto. Il trio che lo accompagnava ha mostrato belle qualità, dalle sapide armonizzazioni di Rocheman (unico allievo di Martial Solal), al robusto walking di Giron, alla delicatezza ritmica di Soirat, valorizzando belle composizioni come Truth Be Told, Gypsies, la breve ballad Sacred Heart dedicata al nipotino scomparso, Sometimes I Have Rhythm (basata sulle armonie di I Got Rhythm), Far From Home, il bis hardbop di E Jones con un penetrante duo sax-batteria.

Il quartetto del trombettista palermitano Giacomo Tantillo (Francesco Patti-tenore, Francesco Lo Giudice-hammond, Paolo Vicari-batteria) ha tenuto un concerto antimeridiano nella splendida cornice del Teatro Comunale, con un excursus nella storia del jazz che andava dal jazz tradizionale a Roy Hargrove, passando per una versione di Day Break di Tom Harrell in cui emergeva il buon livello raggiunto dal leader e il valore dei suoi collaboratori.

Il contrabbassista danese Jesper Bodilsen, già venuto a Vittoria in una edizione precedente del festival con il trio di Stefano Bollani, ha portato le musiche del suo nuovo cd «Scenografie». Insieme agli scandinavi Peter Asplund alla tromba e flicorno e Nikolaj Bentzon al pianoforte, e al siciliano Francesco Calì, fisarmonicista da anni trasferitosi in Danimarca, ha ospitato la voce partenopea di Joe Barbieri, per un progetto dedicato alle ballad e alla forma canzone. La stessa formazione, priva di batteria, faceva intuire gli sviluppi della musica, che è stata intima e coinvolgente, valorizzando le qualità di ciascuno e dell'insieme, grazie a sonorità che si integravano alla perfezione. Il delicatissimo suono di Asplund ha introdotto in solitudine il primo brano, seguito dal sostegno ritmico-armonico del leader, che si conferma come uno dei migliori contrabbassisti europei, e da pianoforte e fisarmonica, definendo immediatamente il mood del concerto, su cui aleggiava, delicato e assorto, lo spirito di Chet Baker. Il pianismo di Bentzon, essenziale, mai debordante, si incrociava con i fraseggi riccamente melodici della fisarmonica e gli assolo di Bodilsen, per una celebrazione delle melodie condotta con passione e creatività. Dopo la iniziale Song For Her si è unito al quartetto Joe Barbieri, per una medley fra la sua Subaffitto (dal nuovo cd «Cosmonauta da appartamento») e Estate. Dapprima solo chitarra e voce, seguite poi dal quartetto, la integrazione tra la suadente voce di Barbieri e il gruppo costituiva il valore aggiunto del concerto, la cui scaletta prevedeva altre composizioni originali del leader (Marie, dedicata alla figlia, Please Walk Me back con ospite Francesco Cafiso, Caetano, dedicata a Veloso, Regni e corone, Another Heart, Napoli). Una menzione a parte meritano la brasiliana Retrato em Branco e Preto e Normalmente, la più bella canzone contenuta nel cd capolavoro di Barbieri «Maison Maravilha», interpretata da questo quintetto con gusto ineguagliabile. Bis quanto mai bakeriano sulle note intramontabili di But not for me affidata alla voce di Barbieri, che proprio a Baker ha dedicato il cd «Chet Lives!» del 2013.

Lo spazio raccolto di Piazza Unità ha accolto il quartetto di Nello Toscano e Claudio Cusmano, con Seby Burgio e Peppe Tringali. Le musiche erano quelle del loro progetto "Blowin' In The Wind" dedicato alle canzoni degli anni Sessanta e Settanta, dall'omonima di Dylan, a Help, Desperado, Mrs. Robinson, Superstition. Il concerto è stato estremamente coinvolgente, grazie agli arrangiamenti gradevolissimi, e alla perizia di tutti a iniziare dal chitarrista Cusmano, sui cui ottimi fraseggi gravava buona parte dei brani, al valoroso contrabbasso di Toscano, alla perizia alle tastiere di Burgio e alla batteria di Tringali, sempre pertinente ed efficace.

Il trio di Mauro Schiavone (oltre al leader al pianoforte, Pietro Ciancaglini al contrabbasso e Adam Pache alla batteria) ha presentato un suggestivo viaggio attraverso la storia del piano jazz moderno, spaziando da Hank Jones a Hancock, da Bill Evans a Bud Powell, a Monk, a Corea. Grande padronanza dello strumento e del repertorio, spazio per un paio di belle composizioni originali, apporto dei partner empatico ed essenziale, per un concerto di classica compostezza, che ha visto in un paio di brani l'intervento di Cafiso. Particolarmente riuscita l'esecuzione della powelliana Hallucinations.

Il venticinquenne sassofonista comisano Giovanni Digiacomo, oggi allievo di Attilio Zanchi, ha portato a Vittoria un quartetto con al contrabbasso il suo maestro, e i giovani Gennaro Cotena alla chitarra e Alfonso Donadio alla batteria. Buona prestazione del gruppo, grazie ovviamente al solido accompagnamento di Zanchi, ma anche al valore del leader, che si alternava fra alto e soprano, in una serie di interessanti composizioni originali dei tre, oltre a Shorteriana del contrabbassista.

Il trio del pianista tedesco Pablo Held (Robert Landfermann-contrabbasso e Jonas Burgwinkel-batteria) ha ospitato il veterano Christof Lauer, una delle voci sassofonistiche più importanti della scena europea, come ha ampiamente dimostrato imbracciando tenore e soprano, sorretto da un trio di magistrale qualità, testimonianza dell'eccellente stato di salute del jazz tedesco. Il drumming personale, elastico ed efficacissimo di Burgwinkel, la solidità swingante di Landfermann e la cristallina tecnica di Held (appena ventinovenne) hanno supportato al meglio i travolgenti fraseggi e il sound poderoso e postcoltraniano di Lauer, in una serie di composizioni originali di taglio avanzato, e ciò nonostante quanto mai coinvolgenti. Cameo, Encore, Chiffre, una delicatissima rielaborazione della bartokiana Mountain Horn Song che fa parte delle Romanian Folk Dances, la lirica Talla e Nana di Manuel De Falla fra i brani suonati dal gruppo. Bis sulle note indimenticabili di You Won't Forget Me, dal memorabile disco di Shirley Horn con Miles Davis.

La nuova formula del festival ha previsto anche l'utilizzo di spazi diversi della cittadina iblea, oltre alla consueta piazza Enriquez. Uno dei più suggestivi è stato quello di S. Antonio Abate, una chiesa barocca a cielo aperto, nella quale Francesco Cafiso ha voluto ambientare il suo duo con Mauro Schiavone. La perfetta intesa fra i due ha determinato la riuscita del concerto, basato su un repertorio ad hoc specie all'inizio costituito da nuove composizioni dal carattere astratto, lunare, intenso, davvero impegnative per gli esecutori. Echi di tango, spanish tinge in un memorabile brano al flauto traverso, e altri noti ma mai eseguiti prima in duo come Scenario. Una prova magistrale, di grande suggestione.

Il trio Nu Roots del trombettista catalano David Pastor (José Luis Guart-tastiere; Tony Pages-batteria) ha proposto una fusion debitamente aggiornata - a tratti decisamente easy listening - fra suoni campionati, massiccio groove e infuocati assolo di tromba, con hit come Milestones, Mas que nada e A Night In Tunisia, riscuotendo un notevole successo di pubblico.

Daniela Spalletta è stata ospite del quartetto del sassofonista e clarinettista Claudio Giambruno (Giovanni Conte-piano elettrico; Stefano India-basso elettrico; Fabrizio Giambanco-batteria), gruppo che ha dimostrato solidità anche eseguendo alcune composizioni di Chick Corea. La cantante palermitana, che nel 2015 ha pubblicato il primo cd da leader («D/Birth» per Alfa Music), ha mostrato una maturità espressiva a tutto tondo: qualità del timbro, estensione, attitudine improvvisativa, personalità, sia nei brani mossi che nelle ballad. Una nuova, bella realtà del jazz italiano.

Il quintetto del sassofonista statunitense Chris Cheek (Jaume Llombart-basso elettrico, Jordi Matas e Pierre Perchaud-chitarra elettrica, Jorge Rossy-batteria), è arrivato a Vittoria con una formazione piuttosto differente da quella in programma, per una carrellata di composizioni assimilabili al genere noto come Americana, oltre a Forever Green di Tom Jobim. Il suo recentissimo cd per la Sunnyside («Saturday Song») è ancora più marcatamente vicino allo stile, per la presenza della pedal steel guitar di David Soler, che a vittoria era assente. Qui il rigoglioso fraseggio del tenore del leader poggiava sui fantasiosi ritmi di Rossy e sul supporto armonico e solistico dei due chitarristi (Matas, pur non suonando la steel guitar, ne imitava a tratti il suono con il bottleneck), per un concerto gradevolissimo, frizzante, senza alcun momento di stasi, con un approccio solare e coinvolgente.

La serata finale, Francesco Cafiso l'ha voluta riservare tutta per sé, riarrangiando per nonetto le musiche già per quartetto del suo cd «20 cents per note», facente parte del triplo «3» del 2015. Una serata all'insegna dello straight ahead jazz, che schierava sul palco, oltre al leader al sax alto e al flauto, le trombe di David Pastor e Alessandro Presti, il trombone di Humberto Amésquita, il sax tenore di Rino Cirinnà, il sax baritono di Sebastiano Ragusa, e la ritmica composta da Mauro Schiavone al pianoforte, Pietro Ciancaglini al contrabbasso e Adam Pache alla batteria. Una formazione agguerrita, perfettamente equilibrata, nella quale tutti si sono impegnati al massimo per interpretare al meglio le complesse partiture, investendo l'affollatissima piazza di uno swing irresistibile, con assolo trascinanti e un lavoro d'insieme davvero encomiabile. Davvero una bella conclusione per un festival decisamente riuscito e coinvolgente.






Articoli correlati:
29/07/2017

Vittoria Jazz Festival - X Edizione: "Per il decennale del festival della cittadina iblea, un programma ampio, rappresentativo di diverse realtà del jazz odierno: un ideale viaggio fra Francia, Stati Uniti e Italia, con gruppi ben rappresentativi di alcuni aspetti del jazz." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2015

Red Note: il Jazz ad "Alli Due Buoi Rossi": "Il "rinato" Alessandria Jazz Club continua la programmazione cambiando location e impostazione: un concerto l'ultimo giovedì di ogni mese con formazioni di musicisti italiani - dal trio al quartetto: Inside 4et, Francesca Ajmar 4et e Fabio Giachino Trio" (Andrea Gaggero)

12/10/2014

Minianimali (Lino Costa Hypnotic Trio)- Gianni Montano

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

17/06/2013

Simply Marvellous (Tommaso Starace)- Francesco Favano

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

10/02/2013

The Silver Lining (Maria Patti)- Matteo Mosca

23/12/2012

Saragolla (Test Quintet)- Gianni Montano

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

21/11/2010

The Blue Note Years (Paolo Fresu)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

11/09/2010

Massimo Nunzi a Sarzana 2010: Il musicista romano ha presentato il progetto "The Modern World / The Music Of Stan Kenton" con la "Jazz istruzioni per l'uso Orchestra" featuring Francesco Cafiso, Andrea Tofanelli. Intervista a Carmen Bertacchi, direttore artistico di Sconfinando e a Massimo Nunzi: "...sono attratto dai visionari come Kenton. Sono curioso della musica, la rispetto e rispetto i musicisti anche se fanno scelte che non condivido...una cosa che io non sopporto, da parte anche dei miei colleghi e della critica jazzistica, è che non è sufficientemente compreso che se non si ricostituisce il pubblico siamo tutti fregati." (Vincenzo Fugaldi)

11/08/2010

Songlines / Night & Blue (Paolo Fresu Quintet) - Alceste Ayroldi

10/05/2010

Promemoria (Ars 3) - Marco Buttafuoco

01/01/2010

Don't Forget (Tommaso Starace Quartet)- Alessandro Carabelli

26/12/2009

Live at Mikalsa Vol. 1 (O.I.D.) - Cinzia Guidetti

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

24/03/2008

Pure Ecstasy (Eva Simontacchi)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

22/12/2007

Imprinting (Francesco Chebat)

21/10/2007

Distanze (Castiglioni – Grossi – Zanchi )

08/07/2007

Rosso, Verde, Giallo e Blu (Paolo Fresu Quintet)

13/06/2007

La Scomparsa di Majorana (Luca Lo Bianco)

17/03/2007

Improvised music for imaginary films (Nursery Four)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

07/06/2006

Beatles Jazz Tribute (Giuseppe Milici & Mauro Schiavone)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

11/03/2006

Il Paolo Fresu Quintet alla Maison Musique

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

25/01/2006

Blue flat (Sergio Munafò)

06/11/2005

Le foto dell'Enrico Rava Quintet a Jazz in Parco 2005. (Francesco Truono)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

03/07/2005

Intervista a Riccardo Arrighini: "...Sto approfondendo molto lo stile tradizionale, sto tornando al blues e alle improvvisazioni ricche di block chords e di blue notes, di stride piano. Secondo me è importante tornare indietro su cose che pensavi di aver già studiato a sufficienza..." (Michela Lombardi)

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

02/05/2005

Francesco Cafiso per la rassegna Sintesi Jazz "...L'arte di "flautare" l'ancia appartiene a Cafiso, con venature fortemente bebop e mainstream. Ed è forse l'influsso dello swing e del ragtime, il vezzo e il limite – più che naturale data la giovane età, solo 16 anni – dell'altosassofonista di Vittoria..." (Marcello Migliosi)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2702
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2377
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2554
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 2184
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 2297
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 2270
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2213
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2303
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 2565
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 2256
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 2124
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 2115
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3226
Paolo Fresu Quintet backstage 2007
Il backstage del Paolo Fresu Quintet al Vasto festival 2007...
inserito il 06/12/2007  da jazzconvention - visualizzazioni: 3320


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.007 volte
Data pubblicazione: 07/08/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti