Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Orchestra Jazz di Chitarre del Pentagramma
gruppo

Un modo raro di proporre standards, valorizzando al massimo la chitarra nella sua funzione solistica, d'accompagnamento, nonché di sezione d'orchestra. Guidato dal chitarrista barese Guido Di Leone, solista ed arrangiatore, il Gruppo si rifà alle sonorità classiche della Big Band della Swing Era affidate, in questo caso, alle sole corde.

Guido Di Leone
(chitarra, band leader, arrangiatore)

Giuseppe Bassi
(contrabbasso)

Michele di Monte
(batteria)

Vito Abrescia, Gianluigi Del Vecchio, Gianni Fedele, Franco Speciale,
Marco Giuliani, Paolo Magno, Francesco Micunco, Massimiliano Monno
(chitarre) 

Ascolta un brano

Titolo Formato Dim
Satin Doll MP3 1,1 Mb

 

...dalla Rassegna stampa: Esordio a Bari per la nuova formazione di Guido Di Leone

Se le chitarre suonano come sax - Cerri "battezza" la big band del PENTAGRAMMA
Un'orchestra di chitarre che swinga come se avesse una sezione di sax. E' la big band del Pentagramma, la nuova formazione allestita dal chitarrista Guido Di Leone, che ha fatto il suo debutto davanti a una platea affollatissima allo Sheraton di Bari, avvalendosi del "padrinaggio" di Franco Cerri, senza dubbio il "padre nobile" di tutti i chitarristi del jazz italiano.
E c'è ben da sperare che questa formazione possa mettersi in luce facendosi apprezzare ben oltre i confini regionali, poiché oltre ad essere decisamente originale ha più di una carta da giocare, soprattutto grazie ad una serie di arrangiamenti - tutti a firma di Di Leone - capaci di valorizzare al massimo la sonorità della formazione, conferendole uno swing leggero, ma costante. A voler andare indietro con la memoria, del resto, l'unico precedente italiano assimilabile a quello di questa orchestra potrebbe essere il Guitar Madness, il quartetto di chitarre fusion formato, tra gli altri, da Umberto Fiorentino e Lello Panico, che il pubblico barese ebbe modo di ascoltare negli Anni '80 allo Strange Fruit. In quel caso, però, si trattava di un incontro fra quattro solisti, a loro modo estremamente graffianti, ma forse non molto disciplinati nel lavoro d'assieme. Quella di Di Leone è invece una formazione che merita a pieno titolo la definizione di orchestra, proprio per l'ottimo lavoro svolto sul "collettivo".
L'occasione della serata inaugurale ha consentito di ascoltare alcuni indovinati arrangiamento di brani come
Undecided, Jordu di Duke Jordan, Satin Doll di Duke Ellington o, ancora, Mambo n. 6, un gustoso original dello stesso Di Leone. Ma il concerto si è ben presto trasformato in una festosa e piacevole occasione di fare musica, anche grazie ai numerosi ospiti che si sono alternati sul palcoscenico, combinandosi in varie formazioni. Fra queste, piace ricordare almeno il duo di chitarre di Cerri e Di Leone nella indovinata fusione fra i temi degli ellingtoniani I Let a Song Go Out of My Heart e Don't Get Around Much Anymore, il duo vocale di Paola Arnesano e Larry Franco su Route 66, il lungo e indovinato omaggio al Brasile di Baden Powell, in cui a Di Leone, Giuseppe Bassi al contrabbasso e Michele Di Monte alla batteria si sono aggiunte anche le percussioni di Enzo Falco e Johnny Vitone e la nostalgica rilettura di Stardust
che ha visto unirsi alla band anche Nino Di Leone (padre di Guido, ndr.) alla clavietta in un gustoso confronto generazionale.
Applausi per tutti a cominciare da Cerri, confermatosi un "gentleman della chitarra", che ha ricevuto anche un premio alla carriera assegnatogli dalla nascente associazione Research@Press. Ma soprattutto, un bravo ai componenti di questa orchestra: Vito Abrescia, Marco Giuliani, Massimiliano Monno, Franco Speciale, Gianni Fedele, Francesco Micunco, Gianluigi Del Vecchio e Paolo Magno. Se i progetti di Di Leone riusciranno a prendere corpo, potremo riascoltarli presto su cd.
Ugo Sbisà, Gazzetta del Mezzogiorno - 21 maggio 2001

Guido Di Leone
Pentagramma Guitar Jazz Orchestra
Seven Come Eleven

PER CONTATTI E DEMO:
080 5022002
email:
info@ilpentagramma.bari.it

Questa pagina è stata visitata 11.340 volte
Data pubblicazione: 08/11/2001





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti