Jazzitalia Eventi - Padova Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Giordano in Jazz Autunno/Inverno 2019, edizione del segno delle donne e del piano solo internazionale. Apertura affidata a Linda May Han Oh e poi si continua con Rickie Lee Jones e Brad Mehldau..

Ventisettesima edizione per l'EFG London Jazz Festival, uno dei più importanti festival europei in programma dal 15 al 24 Novembre prossimi con una line up stellare, disseminata fra le principali (e prestigiose) venues della capitale britannica. .

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ALESSI Piero (batteria)
            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Padova Jazz Festival
XIII Edizione
dal 15/11/2010 al 20/11/2010
Padova (PD)

modifica
Info/Luogo: Associazione Culturale Miles
Telefono: +39 347 7580904
Email: festival(at)padovajazz.com
Sito: www.padovajazz.com

direzione artistica Claudio Fasoli

Lunedì 15 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
Aisha Ruggieri e Kubopower – 1° set
Aisha Ruggieri pianoforte
Titti Castrini fisarmonica
Edu Hebling contrabbasso e basso elettrico
Valerio Galla percussioni
Roberto Rossi batteria

Hotel Plaza ore 20.30
FRANCESCO SOVILLA presenta
"UNA" STORIA DEL JAZZ
PERSONAGGI E SUONI DAL COOL JAZZ ALLE AVANGUARDIE
Immagini, video e brani musicali

Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
Aisha Ruggieri e Kubopower – 2° set
Aisha Ruggieri pianoforte
Titti Castrini fisarmonica
Edu Hebling contrabbasso e basso elettrico
Valerio Galla percussioni
Roberto Rossi batteria


Martedì 16 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
Newropean Quartet presents "Amapola" – 1° set
Danilo Memoli pianoforte
Ralph Reichert sassofono tenore e soprano
Stefano Senni contrabbasso
Mauro Beggio batteria

Hotel Plaza ore 20.30
FRANCESCO MARTINELLI presenta
BASQUIAT'S KING ZULU
L'ENIGMA JAZZ DI JEAN-MICHEL BASQUIAT
Immagini, video e brani musicali per comprendere quest'opera del grande pittore americano

Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
Newropean Quartet presents "Amapola" – 2° set
Danilo Memoli pianoforte
Ralph Reichert sassofono tenore e soprano
Stefano Senni contrabbasso
Mauro Beggio batteria


Mercoledì 17 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
Alboran trio – 1° set
Paolo Paliaga pianoforte
Dino Contenti contrabbasso
Mattia Barbieri batteria


Teatro MPX ore 20.30 (1° set)
Loïc Dequidt 4et feat. Staffan Svensson
Loïc Dequidt pianoforte
Staffan Svensson tromba
Mattias Hjorth contrabbasso
Peter Nilsson batteria


Teatro MPX ore 21.45 (2° set)
"The Trio of Oz" feat. Omar Hakim & Rachel Z
Rachel Z pianoforte
Maeve Royce contrabbasso
Omar Hakim batteria


Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
Alboran trio – 2° set
Paolo Paliaga pianoforte
Dino Contenti contrabbasso
Mattia Barbieri batteria


Giovedì 18 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
Alessandro Fabbri "PIANOCORDE" - 1°set
Alessandro Fabbri batteria
Massimiliano Calderai pianoforte
Mauro Fabbrucci violino
Vieri Bugli violino
Marcello Puliti viola
Damiano Puliti violoncello
Filippo Pedol contrabbasso


Teatro Verdi ore 20.45
Dave Douglas & Keystone
Spark of Being, a film by Bill Morrison
A re-imagining of the Frankenstein story through film and music
Dave Douglas tromba
Marcus Strickland sassofono tenore
Adam Benjamin fender rhodes
Brad Jones contrabbasso
Gene Lake batteria


Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
Alessandro Fabbri "PIANOCORDE" - 2°set
Alessandro Fabbri batteria
Massimiliano Calderai pianoforte
Mauro Fabbrucci violino
Vieri Bugli violino
Marcello Puliti viola
Damiano Puliti violoncello
Filippo Pedol contrabbasso


Venerdì 19 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
Max De Aloe & Bill Carrothers Duet
presentano APNEA – 1° set
Max De Aloe armonica
Bill Carrothers pianoforte


Teatro Verdi ore 20.45
New Gary Burton Quartet
Gary Burton vibrafono
Julian Lage chitarra
Scott Colley contrabbasso
Antonio Sanchez batteria


Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
Max De Aloe & Bill Carrothers Duet
presentano APNEA – 2° set
Max De Aloe armonica
Bill Carrothers pianoforte



Sabato 20 novembre
Hotel Plaza ore 18.30
"APERITIVO IN JAZZ"
"Egg project" presenta "URLA" – 1° set
Roberto Nannetti chitarra
Mirco Mariottini clarinetti
Franco Fabbrini contrabbasso
Francesco Petreni batteria


Teatro Verdi ore 20.45
Charles Lloyd New Quartet
Charles Lloyd sax, flauto, tarogato, piano
Jason Moran pianoforte
Reuben Rogers contrabbasso
Eric Harland batteria


Hotel Plaza ore 23.00
"NOTTE di NOTE"
"Egg project" presenta "URLA" – 2° set
Roberto Nannetti chitarra
Mirco Mariottini clarinetti
Franco Fabbrini contrabbasso
Francesco Petreni batteria

EVENTI SPECIALI

MICHELE GIOTTO presenta
JAZZ IMPRESSIONS
Ricordi fotografici dall'edizione 2009
del Padova Jazz Festival.
Dal 6 al 30 novembre all'Hotel Plaza di Padova.
Inaugurazione sabato 6 novembre, ore 18.30.

ANNA PIRATTI presenta
DAP - DISCORSO ALLA PARI
Con la partecipazione di Claudio Fasoli, sax
Dal 6 al 21 novembre in Galleria Sottopasso della Stua, largo Europa.
Inaugurazione sabato 6 novembre, ore 17.30.

APPROFONDIMENTI

Aisha Ruggeri e Kubopower
La pianista padovana Aisha Ruggieri inizia con la classic, ma il jazz la invita a un percorso formativo che la porta dalla scuola "G. Gershwin" al Dipartimento Jazz del Conservatorio "Sweelinck" di Amsterdam, poi di nuovo in Italia per studiare con Paolo Birro e in seminari e workshop, tra cui i corsi della Berklee e Siena Jazz. Negli anni 2000 si è concentrata sull'arrangiamento e la composizione per i propri gruppi, oltre a suonare con la "Luca Flores Big Band". Dal 2005 vive fra l'Italia e gli USA, lavorando come pianista e arrangiatrice: giovanissima, ha già tre dischi all'attivo di cui il primo realizzato tra Londra e New York. Il suo lavoro si segnala per l'originalità della parte armonica ma anche per l'incisivo senso del ritmo, curato con molta attenzione in tutti i suoi progetti.

Newropean Quartet presents "Amapola"
Il quartetto esegue un repertorio che, oltre a "standard" appositamente riarrangiati, comprende brani originali di Memoli. Dave Schnitter ha scritto: "Posso affermare che Reichert ha un proprio marchio di creatività e immaginazione, e di un meraviglioso controllo di entrambi i sassofoni tenore e soprano: il suono del suo tenore ha radici profonde e presenta reminiscenze di Stan Getz, pur con una personale identità. Memoli ogni volta che lo ascolto, aggiunge qualcosa di nuovo e di fresco alla sua tavolozza musicale. E' un musicista in continua ricerca e crescita, un conoscitore della tradizione per nulla impaurito di affrancarsene." Completano il gruppo Stefano Senni al contrabbasso, che sostiene la musica con maturità e destrezza, e l'energetico ma sensibile batterista Joris Dudli.

Löic Dequidt 4et feat. Staffan Svensson
Il pianista francese Loïc Dequidt, nato nel 1973, studiava già il pianoforte quando a sedici anni si innamorò del jazz grazie a un disco di Thelonious Monk che ascoltava suo padre. Più tardi, dopo il diploma al Conservatorio di Parigi, ha studiato ai seminari di Siena Jazz; la sua curiosità musicale l'ha portato poi a studiare la musica indiana. La musica del quartetto, appassionante per la costruzione e straordinaria per la dimensione orchestrale, elegante e sostenuta da una ritmica rigorosa e inventiva, riflette diverse influenze: armonia del 1900, improvvisazione modale, tonale e libera, lirismo, astrazione, swing, grooves, ritmi importati ed inventati. Ma il loro scopo è soprattutto che la musica si sviluppi nel modo più naturale possibile, grazie all'ascolto e alla complicità.

Alboran trio
Paolo Paliaga, autodidatta, tecnica sicura, suono tenace, sintetico, percussivo, non solo pianista ma forse soprattutto compositore. "Alboran è l'ingresso nel Mediterraneo, è il mare che congiunge il continente africano" scrive, e infatti i suoi temi viaggiano intorno al Mediterraneo, da "Balkan air" a "Duende". In concerto rende anche omaggio a Fiorenzo Carpi, con il tema di "Pinocchio", o ad Ahmad Jamal, altro pianista che "suona il trio", con "Poinciana". Paliaga non occupa tutti gli spazi, e interloquisce di continuo colle ricche sonorità del basso di Dino Contenti e con i colori percussivi della batteria di Gigi Biolcati: Risultati: molto swing, invenzioni divertenti, una drammaturgia d'insieme ben calibrata, e un trio che si afferma tra le formazioni più interessanti d'Europa.

The trio of OZ feat. Omar Hakim & Rachel Z
Il nuovo progetto del leggendario batterista Omar Hakim, pioniere del jazz elettrico e della fusion come membro dei Weather Report e dei gruppi di Miles Davis e Sting, lo vede insieme alla pianista Rachel Z, che ha collaborato con successo con artisti assai diversi come Wayne Shorter, Ron Carter, Stanley Clarke, gli Steps Ahead e Peter Gabriel, e alla giovane e originalissima contrabbassista Maeve Royce, di ascendenza gitano-irlandese. Il trio esegue un repertorio che spazia da Duke Ellington ai Depeche Mode, da Wayne Shorter a Joni Mitchell, da Judy Garland a Bjork, fino ai Killers e ai Coldplay, in nuovi arrangiamenti che combinano fantasia, un profondo senso del ritmo, e una ricca tavolozza armonica, creando una perfetta piattaforma di lancio per improvvisazioni creative e coraggiose.

Alessandro Fabbri "PIANOCORDE"
Pianocorde coniuga strumenti ad arco in un contesto squisitamente jazzistico, ispirandosi tra l'altro alle esperienze di Claus Ogermann con Bill Evans e di Eddie Sauter con Stan Getz. La formazione di "Pianocorde", infatti, è costituita da un tradizionale trio Jazz con l'aggiunta del quartetto "Archæa". Il repertorio prevede brani originali appositamente pensati e scritti per questo organico ma anche alcuni arrangiamenti: "Caravan" del grande Ellington o di "For Those I Never Knew" di Luca Flores appositamente riconfezionati ed elaborati nella prospettiva del suono di questa formazione. In "Pianocorde", infatti, l'attento lavoro di scrittura, a cura di Alessandro Fabbri, risulta un elemento che si affianca pariteticamente a quello più jazzistico dell'improvvisazione solistica.

DAVE DOUGLAS & KEYSTONE
Spark of Being, a film by Bill Morrison
A re-imagining of the Frankenstein story through film and music

Dave Douglas è il più originale trombettista-compositore della sua generazione. La sua carriera discografica, iniziata nel 1993 grazie alla italiana Soul Note, comprende oltre 30 dischi da leader; nel 2005, dopo sette Cd di grande successo per la Bluebird/RCA, Douglas ha fondato Greenleaf, la propria etichetta su cui tra l'altro pubblica i progetti del suo sestetto elettronico Keystone (un gioco di parole con la casa cinematografica del muto con i suoi buffi poliziotti, i Keystone Cops) basato sul sound di rhodes, basso elettrico e DJ. Come sideman Douglas è stato tra l'altro collaboratore di John Zorn per i progetti Masada e Bar Kokhba. Tra le più importanti iniziative dell'attivissimo musicista si trovano la fondazione e la direzione del Festival of New Trumpet Music, giunto alla ottava edizione. "Spark of Being" è un progetto audiovisivo che Dave Douglas ha sviluppato in collaborazione con il regista Bill Morrison per reinterpretare la storia di Frankenstein narrata da Mary Shelley. Una serata di multi-media con film e musica originale dal vivo dedicata al dialogo tra umanità e tecnologie. La parte filmica esplorerà le invenzioni dell'uomo dai tempi antichi a quelli moderni usando materiali d'archivio e sequenze originali, e la musica sarà creata combinando i musicisti d Keystone con i suoni generati al computer che si ispirano al jazz, ma anche alla musica ambient e groove.

Max De Aloe & Bill Carrothers Duet present "APNEA"
De Aloe, uno tra i più i significativi armonicisti della scena jazz europea, suona con uno dei più accreditati pianisti statunitensi brani originali ispirati dal grande scrittore giapponese Haruki Murakami. Il pianismo di Carrothers è caratterizzato da una brillante sintesi di swing e lirismo, dalla varietà di ispirazioni - ha dedicato il Cd The Blues And The Greys alle canzoni della Guerra Civile Americana - da un solismo delicato e lirico, dalla narrazione avvincente, ricca di sfumature e chiaroscuri. De Aloe è uno dei musicisti che sono riusciti ad inventare un sound per il jazz italiano, unione tra le radici afroamericane e ricerca melodica italiana, perché quello che colpisce di questo musicista non è lo straordinario virtuosismo ma l'originalità compositiva e improvvisativa.

New Gary Burton Quartet
Personaggio centrale del jazz degli ultimi quarant'anni, Burton è un grande innovatore nel modo di suonare il vibrafono, mentre l'introduzione nei suoi gruppi della chitarra elettrica ha fornito l'ispirazione anche a Miles Davis, oltre ad aver influenzato lo sviluppo del jazz-rock e in genere di esperimenti di composizione/improvvisazione che non tenevano conto della divisione tra generi. Tra i musicisti da lui lanciati si possono annoverare John Scofield, Mike Goodrick e Pat Metheny. Il suo primo ingaggio di rilievo è stato con Stan Getz, ed è il grande tenorista che gli ha insegnato il valore della ispirazione, della spontaneità e della mancanza di formalità che apportano i giovani musicisti. Burton ha inciso celeberrimi dischi con Chick Corea, Steve Swallow e Keith Jarrett: molte di queste collaborazioni si intrecciano con il suo importante lavoro di didatta alla Berklee di Boston, di cui è vicepresidente. Con il suo nuovo quartetto, nuovo davvero e non solo nel nome, Burton aggiorna alcune delle idee che lo hanno reso famoso grazie al contributo di giovani musicisti: Lage, scoperto dallo stesso Burton, ha già suonato con Nnenna Freelon, Colley è uno tra i bassisti più ricercati che ha collaborato tra gli altri con Hancock, Hall, Potter e Carmen McRae, oltre a dirigere un suo quartetto con Ralph Alessi; Sanchez, pur giovanissimo, è collaboratore fisso di Pat Metheny.

Egg project presents "URLA"
Quattro musicisti della zona di Siena, dalla vasta esperienza in molti e diversi campi musicali – dal pop alla libera improvvisazione, dalla musica brasiliana al funky – seguono un percorso libero di spaziare con naturalezza nella varietà d'atmosfere e d'influenze stilistiche, dal jazz elettrico a delicate atmosfere acustiche. Liricità, swing, grooves e creatività sono gli elementi base della ricerca del gruppo. La felice combinazione tra cantabilità dei temi originali, particolare ricerca timbrica basata sul sound di chitarra acustica e clarinetti e spiccata componente ritmica, rendono il quartetto estremamente originale e accattivante. Il nome del progetto gioca con il nome del tranquillissimo borgo di pescatori vicino a Smirne, Urla appunto, visitato dopo un concerto a quel festival.

CHARLES LLOYD NEW QUARTET
Questa ultima edizione del quartetto di Lloyd è dedicata al progetto "Rabo de Nube" (La coda di una nuvola) che prende il titolo da una meravigliosa canzone lenta del compositore e cantante cubano Silvio Rodríguez, brano di cui il sassofonista si è innamorato. Nel repertorio figurano anche "Sweet Georgia Bright", un brano dello stesso Lloyd registrato nel 1964 quando suonava con Cannonball Adderley; "Booker's Garden", gioiosa celebrazione sul flauto contralto dell'amico d'infanzia Booker Little, e "Ramanujan", un brano di "folk universale" per cui il sassofonista usa il tarogato, raro strumento ad ancia della tradizione ungherese. Prendere accanto a Lloyd il posto che è stato tra gli altri di Joe Zawinul, Keith Jarrett, Geri Allen e Michel Petrucciani non preoccupa Jason Moran, che grazie ai suoi studi con Muhal Richard Abrams, Jaki Byard e Andrew Hill riesce ad andare verso il futuro con naturale e piena coscienza del jazz delle origini. Jason condivide esperienze musicali con il batterista Harland fino dai tempi del liceo di Houston e la forza del loro rapporto non sorprende, come non sorprende l'eccezionale musicalità del bassista Rogers, nato nei Caraibi, che ha suonato clarinetto e chitarra assorbendo l'elastico swing della musica della sua patria. I tre assicurano a Lloyd un ambiente reattivo ma delicato che favorisce lo sviluppo della sua variegata immaginazione musicale.

Il programma in PDF


Circuito Geticket: www.geticket.it – call center 848 002008 e filiali Unicredit abilitate
Concerti Teatro Verdi presso biglietteria Teatro Verdi
Concerti MPX presso biglietteria MPX



modifica





Bookmark and Share

Comunicati:
03/10/2010Padova Jazz Festival - XIII Edizione. A Padova il jazz incontra arte, letteratura, cinema e musiche mondiali. Fra gli ospiti, Gary Burton, Charles Lloyd e Dave Douglas.


[Invia un commento]      [Torna all'elenco degli eventi]

Questa pagina è stata visitata n° 965 volte

  Invia questa pagina ad un amico