Jazzitalia Eventi - Egberto Gismonti
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

In occasione delll'International Jazz Day 2019, a Tricase lo Unit Six Jazz Sextet ripercorre l'hard bop con la guida all'ascolto a cura di Alceste Ayroldi..

Furto di Sax alla collezione privata del Maestro Berni. Trafugato anche un Selmer appartenuto a Sonny Rollins.

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Egberto Gismonti
THE BRAZILIAN SOUL
25/08/2018
Comacchio (FE)

modifica
Info/Luogo: Emilia Romagna Festival
Indirizzo: Via Cavour 48, Imola
Città: Comacchio (FE)
Telefono: 054225747
Email: info(at)erfestival.org
Sito: www.emiliaromagnafestival.it

Il 25 agosto alle ore 21.00, presso i suggestivi Trepponti di Comacchio, si esibirà per il XVIII Emilia Romagna Festival uno dei più grandi musicisti viventi, Egberto Gismonti. Il poliedrico polistrumentista brasiliano si esibirà al pianoforte con “The Brazilian Soul”, un concerto frutto di una vita passata alla ricerca dell’identità musicale della sua terra, tra classica, popolare e jazz.

Egberto Gismonti nacque in Brasile e ne inventò la musica. Prima di Gismonti, esistevano già i ritmi popolari, le danze, le chitarre frenetiche e i fiati europei, con tutti i suoni in ammollo nel calderone dei carnevali. Ma dopo Gismonti, quel calderone e quei suoni hanno finalmente un nome: quel nome è Egberto Gismonti. Nato musicista classico, da padre libanese e madre italiana, al pianoforte unì ben presto l’amore per la chitarra materna. La sua vita potrebbe essere definita come un lungo apprendistato prima della grande scoperta, la sola che avesse valore, quell’anima brasiliana che incessantemente Gismonti cercò tra le pieghe della classica e del jazz, da Maurice Ravel ai valzer viennesi, tra i ritmi popolari dei creoli e degli indios. Quest’anima brasiliana, “The Brazilian Soul”, che sarà evocata da Gismonti al pianoforte per il programma dell’Emilia Romagna Festival.

Tra gli studi degli strumenti più particolari, tra le invenzioni e le idee, tra la perizia nel clarinetto e nel pianoforte, nelle chitarre a sei, otto e dodici corde, tra la prima vita di studio passata in Brasile, ciò che colpisce di più, in una figura come Gistmonti, è una scelta particolare. A vent’anni, infatti, Gismonti vinse una borsa di studio per andare a studiare la classica a Vienna. Incredibilmente, il brasiliano rinunciò: già con le idee chiarissime, decise di rimanere in patria per cercare l’anima brasiliana. Divenne un maestro nel choro, unione di valzer, polca e ritmi africani. Imparò il frevo, il ritmo danzante che accompagnava le risse e i capoeristi durante i carnevali nel Pernambuco. Diede dignità al baião e al forró, finché non raggiunse quell’ideale di musica sempre cercato.

Ispirato dal compositore Heitor Villa-Lobos, Egberto Gismonti ebbe tre vite. La prima vita, fu una vita di studio e ricerca in Brasile. La seconda vita si svolse a Parigi, dove Gismonti divenne direttore d’orchestra e discepolo di Jean Barraqué e di Nadia Boulanger. Da lì partì alla conquista dell’Europa: fu ospite anche al Festival di Sanremo, incise i suoi primi LP, tenne tourneés in Francia e in Germania. La terza vita è invece la vita della consacrazione, con il ritorno in Brasile nel 1971. Incise il leggendario “Dança das Cabeças” con il percussionista Naná Vasconcelos, imparò a suonare il flauto dagli indios, divenne un artista di fama mondiale. Da allora il nome di Egberto Gismonti conobbe un’ascesa inarrestabile, arrivando ad assestarsi di diritto nell’Olimpo dei più grandi autori del ‘900.

Il concerto si svolgerà presso il complesso architettonico dei Trepponti, a Comacchio, situato sul lungo canale che collegava la città all’Adriatico, e ne era la porta fortificata. Costruito nel 1638, il Trepponti è il risultato dell’unione di tre ponti ad arco, in laterizio e pietra d’Istria.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà tenuto nella Sala Polivalente “San Pietro”, Via Agatopisto 7

INGRESSO GRATUITO




modifica





Bookmark and Share


[Invia un commento]      [Torna all'elenco degli eventi]

Questa pagina è stata visitata n° 98 volte

  Invia questa pagina ad un amico