Jazzitalia Eventi - Jure Pukl' Doubtless al Circolo del Jazz Thelonious
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Jure Pukl' Doubtless al Circolo del Jazz Thelonious
02/03/2019
Trieste (TS)

modifica
Info/Luogo: Circolo del Jazz Thelonious
Indirizzo: Via della Madonna del mare 7/a
Città: Trieste (TS)
Telefono: 3200480460
Email: thelonious.trieste(at)gmail.com

Sabato 2 marzo alle ore 21.00 presso il Knulp di via della Madonna del mare 7/a a Trieste il Circolo del Jazz Thelonious ospiterà un’autentica superband newyorchese

JURE PUKL’ DOUBTLESS
Jure Pukl – sax
Melissa Aldana – sax
Joe Sanders – contrabbasso
Greg Hutchinson - batteria

Doubtless è praticamente un progetto/album di famiglia - un esuberante quartetto con doppio sax tenore in cui il leader si presenta insieme alla moglie Melissa Aldana e agli amici Joe Sanders e Greg Hutchinson, la ritmica più richiesta del momento.

Doubtless è a cavallo tra la composizione e l'improvvisazione, un album coinvolgente in cui spicca un interplay brillante e di grande qualità. Pukl e Aldana si combinano secondo la chimica intuitiva che ci si aspetterebbe da una coppia sposata e Sanders e Hutchinson sono altrettanto telepatici. Come in una squadra, questa sezione ritmica estremamente versatile e adattabile sembra agire come una singola entità, fornendo ai due sassofonisti un supporto esemplare.

Jure Pukl, newyorkese di adozione ma di origine slovena, ha ricevuto il più alto riconoscimento nazionale per il contributo alle arti in Slovenia (Nagrada Prešernovega sklada 2015) ed è uno dei sassofonisti più profici e creativi della più giovane generazione jazz. Ciò che crea è un personale jazz moderno, fra avanguardia, free jazz e musica contemporanea impressionista eseguita con grande tecnica e amore, privilegiando sempre l'interplay tra i membri delle sue band. Ha pubblicato 8 album a proprio nome e ricevuto recensioni entusiastiche in tutto il mondo, in particolare dall'influente Downbeat, The New York Times, Jazzwise, Jazz Podium e All About Jazz.

La carriera della sassofonista di Santiago del Cile Melissa Aldana è iniziata prestissimo, nella sua città natale, negli anni dell'adolescenza. In seguito a un incontro con Danilo Perez, la giovane ha poi frequentato il Berklee College of Music, diplomandosi nel 2009, e si è quindi trasferita a New York, dove suona da professionista. Oggi la giovane Jazzista cilena che sta facendo impazzire critica e pubblico dei migliori festival internazionali. Nel 2013 vince l’ambito premio “Thelonius Monk” (prima ed unica donna) e nel 2017 ha partecipato al Gobal Concert dell’ International Jazz Day, esibendosi accanto a Herbie Hancock, Kurt Elling, Chucho Valdès, Richard Bona, Kenny Garrett e tanti altri.

Joe Sanders ha fatto carriera grazie la sua versatilità, la dedizione, e l'impegno costante. Joe è senza dubbio, uno dei giovani bassisti più ricercati della sua generazione. Ha suonato, registrato, e si è esibito, e si esibisce in tour con molti grandi musicisti, tra cui, ma non solo Ravi Coltrane, Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Brubeck, Mulgrew Miller, Geri Allen, Jeff "Tain" Watts, Nicholas Payton, Roy Hargrove, Lionel Loueke, Aaron Parks, Chris Potter, Ambrose Akinmusire, Gerald Clayton, Charles Lloyd.

Fin dal suo debutto professionale come turnista teen ager per il trombettista Red Rodney, Greg Hutchinson è stato un’eloquente testimonianza di come i giovani debbano dire la loro. Ancora oggi esprime la freschezza dell’invenzione che è stata una sua evidente caratteristica fin dall’inizio, equilibrata però con la maturità acquisita grazie alle collaborazioni con artisti del calibro di Betty Carter e Joe Henderson.
Nato nel giugno 1970 a Brooklyn, New York, Hutchinson e’ cresciuto ascoltando musica soul anni '70, che è senza dubbio la fonte di quel fuoco che crea il suo swing. Ascoltando artisti jazz , soul e funk, Hutchinson ha sviluppato la sua concezione iniziale. "Tra le mie influenze primarie c’è 'Philly' Joe Jones," ammette, "perché è un musicista che ha incorporato tutti gli elementi della sua vita nella sua musica. Un'altra ispirazione è Charlie Parker," Hutchinson continua , "Voglio cantare alla batteria nel modo in cui Bird canta con il suo sax." Mentre era ancora a scuola, Hutchinson suona negli Stati Uniti e all'estero con Red Rodney e il pianista Stephen Scott lo raccomanda ad una delle leggende del jazz: Betty Carter. Il batterista e’ salito alla ribalta durante il suo periodo di due anni con la Carter. Dopo il suo lavoro nel Betty Carter Trio, Hutchinson ha iniziato una collaborazione di successo con il Roy Hargrove Quintet. Nel corso della sua carriera ha suonato tra gli altri con Joe Henderson, Dianne Reeves, Christian McBride, Joshua Redman, Eric Reed, Aaron Goldberg

Ingresso €10

Info e prenotazioni: 3200480460 / thelonious.trieste@gmail.com

ingresso €10




modifica





Bookmark and Share


[Invia un commento]      [Torna all'elenco degli eventi]

Questa pagina è stata visitata n° 21 volte

  Invia questa pagina ad un amico