Jazzitalia - Visualizza indirizzo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
<< New York Jazz Clubs...

Le Poisson Rouge
158 Bleecker Street
10012 - New York
telefono: (212) 505-FISH (3474)
e-mail: info@lprnyc.com
vai al sito...
vai alla programmazione concerti...

Nuovissimo, fondato da musicisti, nello storico Village Gate e' un contenitore culturale a 360 gradi dove si puo' assistere a molteplici eventi: film, cabaret, teatro, danza, musica. Dotato di un impianto eccellente, comodi tavolini tutti con visuale ottimale.
In questo posto hanno gia' suonato: Bill Laswell, Brad Mehldau, Edmar Castaneda, John Zorn, Lou Reed, Marc Ribot Trio, Paul Simon, Richie Havens, Soulive w/ Joshua Redman...oltra al nostro Jovanotti...

Come arrivare:
Linee A,B,C,D,E,F,V,: fermata W 4th St.
Proseguire sulla 4th Street fino a Wasington Sqare. Piu' o meno al centro della piazza, prendere Thompson St. e proseguire fino all'incrocio con Bleecker St.
Oppure, camminare lungo la 6th (Avenue of the America) fino ad incrociare, sulla sinistra, Bleecker Street.
















Art D'Lugoff owned The Village Gate, a famous jazz club in New York City's Greenwich Village. D'Lugoff sought out the hottest talent, hosting prominent jazz artists, including Billie Holiday, Duke Ellington, Dizzy Gillespie, Aretha Franklin, and Miles Davis, as well as the best in comedy, including Bill Cosby, Mort Sahl, Woody Allen, and John Belushi.
D'Lugoff has the notorious honor of having turned away Bob Dylan, prompting the latter to write music in the basement of the club. He also fired a young Dustin Hoffman for providing poor table service. D'Lugoff styled himself on the famous showman Sol Hurok.
A series of what The New York Times characterized as bad investments, a change in the market, the loss of a low rent due to a change in landlords, and some plain bad luck all led D'Lugoff to declare bankcrupcy in 1991 and close the club in 1994.
In the wake of The Village Gate's closing, D'Lugoff dreamed of opening a new jazz club near Times Square. He also worked on raising money for the development of a national jazz museum and hall of fame to be located in New York City.D'Lugoff's idea of a museum eventually developed into the National Jazz Museum of Harlem.
D'Lugoff won the Paul Robeson Award in 1992.
D'Lugoff's wife, Avital D'Lugoff, worked as a photographer. They have three daughters and one son named Sharon, Dahlia, Racheal, and Raphael.
In 2008 the Village Gate is to re-open under the name "Le Poisson Rouge", with D'Lugoff involved as a consultant.














Bookmark and Share


[Torna all'elenco dei Jazz Clubs di New York]

[Inserisci un commento]      [Torna all'elenco degli indirizzi]
Questa pagina è stata visitata n° 2368 volte

  Invia questa pagina ad un amico