Jazzitalia - Articoli: Il giro d'Italia a bordo di un disco - Alessandro Fedrigo, Nusica.org
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Il giro d'Italia a bordo di un disco

Alessandro Fedrigo, Nusica.org
gennaio 2015
di Alceste Ayroldi

Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)Alessandro Fedrigo  (Nusica.org)
click sulle foto per ingrandire

Qual è la vostra filosofia di vita? Perché fare il discografico?
Sono fondamentalmente un musicista e non un discografico. Ad un certo punto della mia "carriera", dopo aver stampato una ventina di cd per etichette varie, mi sono ritrovato ad essere insoddisfatto di come venivano promossi questi lavori. Attorno a una serie di riflessioni fatte con l'amico e collega Nicola Fazzini ho deciso di far nascere nusica.org. Che di fatto non è solo un'etichetta discografica, perché organizza un paio di rassegne di concerti, ha un giovane ed agguerrito ufficio stampa nella persona di Alessandra Trevisan, e si occupa di diffondere la musica dei suoi artisti soprattutto sul web seguendo la filosofia dell'open content. La musica, le partiture, e spesso dei video che spiegano il lavoro degli artisti sono liberamente disponibili online.

Come reperite i nuovi talenti?

All'inizio ho prodotto dei miei cd (ho cominciato con un lavoro in basso solo dal titolo "Solitario" quattro anni fa) e poi in modo naturale alcuni musicisti coi quali collaboravo si sono avvicinati a nusica.org e mi hanno proposto i loro lavori. Stampiamo pochi cd all'anno (non più di tre), li numeriamo uno ad uno e li seguiamo e li promuoviamo col massimo della cura e della passione.

Come scegliete i musicisti?
Più che scegliere i musicisti penso che per noi sia importante scegliere la musica; siamo interessati a progetti di musica originale e innovativa, con contenuti artistici che meritino di essere veicolati.

Quali sono le vostre politiche relative alla distribuzione?
Non distribuiamo i cd in senso tradizionale: i nostri cd non si trovano nei negozi ma sono liberamente scaricabili e ogni cd si può acquistare anche sul sito di nusica.org. Questa realtà è nata con l'intento di sfruttare le potenzialità della rete per far conoscere gli artisti e la loro musica, non con l'obiettivo di vendere dischi. La nostra esperienza ci dice che i cd si vendono ai concerti. Se gli artisti suonano venderanno i cd; l'obiettivo di nusica.org è promuovere e far conoscere gli artisti e la loro musica.

Quali mezzi utilizzate per raggiungere il vostro pubblico, anche potenziale?
Abbiamo una newsletter che conta 8.000 iscritti circa; sul web, come dicevo, tutti i contenuti sono accessibili a chiunque, dalla musica alle partiture dei brani. Utilizziamo i social network (Facebook in particolare) per promuovere le uscite, e organizziamo tre rassegne di concerti per diffondere il lavoro degli artisti che partecipano a questo progetto.

A cosa è dovuta la crisi del disco? E' da attribuire a mp3, peer to peer, o c'è dell'altro?
Il web ha rivoluzionato il modo di ascoltare la musica e ha prodotto la cosiddetta "musica liquida". La mia idea è che non ci sia più un solo modo per ascoltare la musica, o meglio un supporto unico per veicolarla. Ci sarà chi ascolterà solo mp3 scaricati gratuitamente, chi cercherà gli artisti su youtube, chi acquisterà in formato digitale da iTunes, chi ascolterà in streaming su Spotify, chi vorrà il cd e chi acquisterà i vinili. Il "disco" è in evidente crisi anche come concetto, ma la rete è piena di musica che si ascolta in modi e su supporti sempre nuovi.

Qual è lo scenario futuro?
Credo che la musica dal vivo ci sarà sempre. Da musicista posso dire che questa è la cosa più importante e credo che, comunque, l'esperienza del concerto e del musicista che crea estemporaneamente, tipica del jazz, sia insostituibile e insuperata.

Per combattere il nemico comune non sarebbe meglio coalizzarsi? Quali sono gli ostacoli alla creazione di un consorzio o un network?
Le diffidenze e l'incapacità di fare sinergia sono tipiche del modus operandi italiano: siamo individualisti. Ora vedo che ci sono alcuni interessanti tentativi, un esempio recente è quello del MIDJ al quale ho aderito e che mi sembra particolarmente interessante.

Anche le major non godono un buon stato di salute. In periodi di crisi è meglio essere "più piccoli"?
Credo che le major abbiano per troppo tempo venduto i cd a prezzi eccessivi, sfruttando una posizione "di rendita" e non siano state capaci di innovare, cavalcare la rete, promuovere gli artisti al meglio. Ora che le major sono SoundCloud e Spotify tutto sommato la situazione è interessante. Credo che essere piccoli abbia il vantaggio di curare artigianalmente il prodotto e la sua promozione: visto che siamo in una nicchia tanto vale che questa nicchia sia disegnata sulle nostre esigenze, con cura, passione e volontà di sperimentare.

Cosa potrebbero fare le istituzioni per migliorare e aiutare il settore, soprattutto per la lotta contro la pirateria?
Il problema della pirateria musicale per noi non esiste perché tutto il nostro materiale è disponibile online, crediamo fermamente nella "nuvola", nello streaming e nelle libera circolazione delle idee e delle musiche. Il problema secondo me sono la SIAE che continua a proteggere le sue rendite in modo anacronistico inibendo la circolazione della musica e tassando i concerti. Altro problema penso che sia l'incapacità delle istituzioni di premiare l'innovazione culturale e la promozione dei talenti nel nostro paese.

La vostra struttura organizzativa si completa con il management? Ritenete, comunque, che possa essere utile per completare il percorso e fidelizzare al meglio i vostri artisti?
Da poco nusica.org oltre ad avere un ufficio stampa dedicato ha un piccolo roster di progetti. L'attività di booking e la promozione dei nostri artisti è per noi la priorità da sviluppare nei prossimi anni, ci stiamo lavorando.

Quali sono le difficoltà che incontrate e qual è la tendenza del mercato dello spettacolo dal vivo?
La difficoltà maggiore sta nel sostenere, veicolare e promuovere i musicisti italiani in un paese che nel nostro settore è da sempre esterofilo e non è capace di riconoscere la validità dei propri artisti. Non è un caso che coi soldi pubblici spesi nel jazz si sostengano essenzialmente gli artisti stranieri e i pochi nomi noti di una manciata di artisti italiani. C'è pochissima attenzione verso la ricerca, l'innovazione e la qualità.

A tal proposito, come giudicate lo stato di salute del jazz attualmente (sia quello italiano, che internazionale)?
Penso che in Italia ci siano tanti musicisti meritevoli che non riescono a far sopravvivere i propri progetti, che navigano in acque difficili e che soffrono la sudditanza con i colleghi d'oltre oceano. La miopia e la scarsa competenza dei direttori artistici e l'assenza delle istituzioni sono poi un altro grave problema in un settore, il nostro, che è altamente "sprofessionalizzato" e scarsamente meritocratico.

Il pubblico del jazz, almeno in Italia, è statisticamente provato che sia formato perlopiù da persone over 35 anni. In altri stati, però, ciò non succede. Secondo te quali sono i motivi di fondo? I prezzi dei biglietti sono troppo alti? Il jazz non trova spazio negli ordinari canali di comunicazione dei giovani? E' frutto di una crisi culturale?
Ecco questo è un punto molto importante secondo me. Penso che il problema sia soprattutto nell'istruzione. Come viene insegnata la musica nelle scuole italiane? Poco e malissimo, non si avviano i giovani a studiare gli strumenti e gli ascolti che si fanno sono antiquati e poco "creativi". I giovani non conoscono il jazz, ma soprattutto non hanno gli strumenti minimi per poter apprezzare, avvicinare e ascoltare questa musica.

E' un fenomeno che mi dispiace constatare, ma la tendenza dell'Opera è quella di annoverare un pubblico sempre più giovane. Forse anche per il fatto che molte opere sono rivisitate da registi di chiara fama che lo hanno svecchiato parecchio. Nel jazz, però, anche lo svecchiamento non sempre porta risultati entusiasmanti. Come mai?
Il jazz non compare nei programmi didattici dell'insegnamento della scuola dell'obbligo e nei mezzi di comunicazione di massa (radio e tv in primis) E' la cenerentola delle musiche. Speriamo nella rete, non ci resta altro.

Non pensi che il jazz, in Italia, difetti in organizzazione e coordinamento? Sarà forse perché lo Stato e gli enti territoriali lo tengono sullo stesso livello delle sagre di paese (con tutto il rispetto anche per queste)?
Sono assolutamente d'accordo, d'altronde il jazz non viene ancora considerato un patrimonio culturale e artistico del nostro paese. E' considerato ancora un genere musicale "esotico", dedicato ad una nicchia di ascoltatori snob ed attempati. Niente di più sbagliato se osserviamo (come capita a me) dall'interno il fervore di tanti musicisti che si muovono con competenza e creatività in un tessuto culturale così difficile e sfavorevole.


La diversificazione del prodotto artistico, e quindi discografico, anche al di fuori dell'ortodossia jazzistica, può essere utile, oppure ritenete migliore la specializzazione in un singolo settore musicale?
Penso che le musiche migliori non possano che venire dalla commistione, dalla trasversalità, dal dialogo tra i generi (ammesso che abbia un senso parlare ancora di generi musicali oggi). Sono assolutamente a favore della trasversalità in musica, tanto che mi domando se nusica.org possa essere considerata una etichetta di jazz oppure più semplicemente un contenitore che promuove e veicola nuove musiche possibili.

Quali sono i prossimi progetti?
Il prossimo cd, che stiamo preparando in questi giorni sarà un lavoro di musica completamente improvvisata di due musicisti che stimo molto e che sono da sempre legati a nusica.org, ovvero il vibrafonista Luigi Vitale e il batterista Luca Colussi. A seguire un cd in sax solo, molto originale e innovativo del mio sodale Nicola Fazzini, di musica quasi interamente scritta. Due cd concettualmente molto diversi che producono musiche in realtà assai simili e di musicisti "compatibili" che trovo siano tra i più interessanti nel panorama italiano.






Articoli correlati:
11/09/2016

Saadif (Hyper+ & Amir Elsaffar)- Alceste Ayroldi

11/08/2015

Corde alterne (Roberto Gemo & Alessandro Fedrigo)- Alceste Ayroldi

14/06/2015

Intervista ad Alessandro Fedrigo e Nicola Fazzini: "...il problema che rilevo è una scarsa professionalità nel nostro settore, in senso generale, e questo non vale solo per i musicisti ma, anche per organizzatori, discografici, giornalisti e uffici stampa." (Alceste Ayroldi)

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

09/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Sergio Cossu, Blue Serge.: "cerco la voglia di esprimersi e di comunicare, di esplorare e di fare anche delle sciocchezze, evitando quel 'playing safe' che è la morte di ogni espressione artistica." (Alceste Ayroldi)

09/08/2014

XY (Fazzini Fedrigo XY Quartet)- Alceste Ayroldi

06/07/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Matteo Pagano, Via Veneto Jazz: "Per me la crisi della musica in generale è solo una conseguenza di una crisi più profonda, ontologica, dell'essere umano, l'uomo in se non ha più valore..." (Alceste Ayroldi)

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

01/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Mario Caccia, Abeat Records: "...attualmente l'industria discografica è ormai polverizzata, così come sono ormai entrate in declino tutte le figure professionali che gravitano attorno alla valorizzazione e commercializzazione della musica..." (Alceste Ayroldi)

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

17/10/2010

Echoes (Alessia Obino) - Marco Buttafuoco







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 598 volte
Data pubblicazione: 25/01/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti