Jazzitalia - Articoli: Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Il giro d'Italia a bordo di un disco:
Antonio Delvecchio, Fo(u)r
di Alceste Ayroldi

Terza puntata de "Il Giro d'Italia a bordo di un disco" che fa tappa a Bari, in casa della Fo(u)r records diretta da Antonio Delvecchio.

Qual è la vostra filosofia di vita? Perché fare il discografico?
La Four Records nasce nel 2006 su iniziativa di quattro amici appassionati di jazz che hanno voluto mettere in un progetto comune le proprie esperienze professionali per gestire interamente il processo di produzione musicale, dalla consulenza rivolta ai nuovi progetti alla distribuzione finale. Il fattore comune che tiene tutt'oggi legati i soci fondatori alla Four è riassunto in un pensiero di Lester Bowie: "Il jazz non è né un repertorio specifico, né esercizio accademico... ma uno stile di vita".

Come reperite i nuovi talenti?
Quella di orientarsi prevalentemente sul terreno della valorizzazione dei migliori talenti del panorama jazzistico meridionale è stata la nostra mission quando abbiamo costituito la Four. Tutt'oggi operiamo in un territorio che fornisce un contributo più che significativo al jazz italiano, grazie ad una scena creativa di prim'ordine ormai nota ed apprezzata anche ben oltre i confini nazionali.

Come scegliete i musicisti?

Quando siamo contattati dagli artisti e riceviamo i loro demo, le scelte ricadono prevalentemente sui progetti discografici più interessanti. Nel nostro variegato catalogo, abbiamo incluso opere realizzate da musicisti al loro primo progetto e artisti affermati e non necessariamente solo italiani, abbracciando generi e stili diversi in ossequio ad una sola regola: poca attenzione per le mode e molto spazio per la qualità e l'innovazione. Purtroppo la nostra attività discografica può prevedere solo un numero limitato di produzioni annue per avere la possibilità di seguire i singoli lavori con maggiore attenzione.

Quali sono le vostre politiche relative alla distribuzione?
Four commercializza i propri cd in forma fisica, attraverso un distributore nazionale, e in versione liquida attraverso un portale di distribuzione digitale che rende disponibili i titoli per il downloading sui principali stores della rete. La tendenza attuale del mercato è quella di privilegiare sempre più il digitale rispetto al prodotto fisico.

Quali mezzi utilizzate per raggiungere il vostro pubblico, anche potenziale?
Non c'è dubbio che il ruolo più importante nell'attività di comunicazione di una etichetta indipendente che non dispone di grandi mezzi economici oggi è svolto dai social, facebook in testa. Così come è importante supportare questi canali con la pubblicità periodica sulle principali riviste di settore. Il nostro ufficio stampa cura anche l'organizzazione degli showcase di presentazione dei nuovi progetti, organizzati in luoghi dove un'alta partecipazione di pubblico garantisce una maggiore risonanza sui media.

A cosa è dovuta la crisi del disco? E' da attribuire a mp3, peer to peer, o c'è dell'altro?
Sicuramente con il diffondersi del peer to peer a partire dalla fine degli anni Novanta e quindi con il download di musica gratuita e non lecita è andato progressivamente in crisi il settore del disco. I formati di compressione che rendono possibile il trasferimento dei file musicali in modo semplice e rapido hanno dato il loro forte contributo. Leghiamo tutto ciò anche ai prezzi di vendita dei cd, che in molti casi sono inspiegabilmente alti rispetto alle indicazioni che personalmente forniamo ai distributori. Una filiera corta garantirebbe costi più bassi, più controlli da parte dell'editore e la possibilità di restare competitivi sul mercato rispetto alla concorrenza del downloading.

Qual è lo scenario futuro?
Immagino un futuro prossimo caratterizzato da sempre più etichette indipendenti che promuovano i lavori esclusivamente in digitale, con il download a pagamento messo a disposizione da portali specializzati in questo tipo di distribuzione. Per chi continuerà ad apprezzare il supporto fisico immagino che sarà sempre più difficile avere una disponibilità apprezzabile di titoli.

Per combattere il nemico comune non sarebbe meglio coalizzarsi? Quali sono gli ostacoli alla creazione di un consorzio o un network?
Cosa intendi per nemico comune? Se parliamo sempre dell'attività di un discografico è importante sottolineare quello che posso osservare oggi e cioè che l'ascolto è prevalentemente orientato al digitale (radio/streaming/downloading); bisognerebbe quindi combattere l'evoluzione o, se vuoi, la trasformazione di un sistema di fruizione della musica che non potrà di certo essere, per le ragioni che ben conosciamo, fermato dai singoli, consorzi o network.

Anche le major non godono un buon stato di salute. In periodi di crisi è meglio essere "più piccoli"?
In generale ad un periodo di crisi si sopravvive se si riesce a tenere bassi i costi di gestione della propria attività. Una etichetta piccola in questo senso ha più possibilità di gestirsi al meglio.

Cosa potrebbero fare le istituzioni per migliorare e aiutare il settore, soprattutto per la lotta contro la pirateria?
Sono tanti anni che se ne parla, ma una soluzione definitiva non è stata mai trovata. Intanto chiediamoci perché è nata la pirateria e come si alimenta. Abbiamo già dato una risposta in precedenza collegando il problema alla diffusione del digitale e quindi alla facilità di reperire materiale in modo illecito. Aggiungiamo anche il costo del prodotto fisico che è un ulteriore freno soprattutto in questa fase di recessione. Facciamo una riflessione anche sulla quantità di produzioni (spesso scadenti) in circolazione che disorienta i consumatori nella scelta dei lavori più interessanti.

La vostra struttura organizzativa si completa con il management? Ritenete, comunque, che possa essere utile per completare il percorso e fidelizzare al meglio i vostri artisti?
No, non siamo strutturati per il management dei nostri artisti. Abbiamo gestito solo occasionalmente delle opportunità di inserimento di alcuni dei nostri progetti nell'ambito di festival internazionali. La fidelizzazione dei nostri artisti si sviluppa prevalentemente nell'ambito di una stretta collaborazione che ha l'obiettivo di sostenere al meglio e reciprocamente la diffusione del progetto discografico.

Quali sono le difficoltà che incontrate e qual è la tendenza del mercato dello spettacolo dal vivo?
Posso raccontanti della diretta e recente esperienza maturata in collaborazione con la scuola di musica Il Pentagramma di Bari e l'associazione culturale Duke Ellington con cui abbiamo portato a termine, lo scorso aprile, la seconda rassegna del Jazz Club Bari nella prestigiosa cornice del Salone degli Specchi dell'Hotel Palace. Complessivamente 35 spettacoli che hanno visto la partecipazione di ospiti italiani ed internazionali. Lavorare, come nel nostro caso, ad un numero così alto di spettacoli è sempre molto difficile: grande impegno economico (solo in minima parte abbiamo avuto la copertura degli sponsor) e incessante lavoro di comunicazione svolto per portare pubblico ad ogni serata. Se privatamente possiamo ancora gestire queste situazioni, posso immaginare la difficoltà delle amministrazioni pubbliche strette nella morsa del patto di stabilità.

A tal proposito, come giudichi lo stato di salute del jazz attualmente (sia quello italiano, che internazionale)?
Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. Oltre alle difficoltà organizzative sottolineo la responsabilità di molti promoter poco propensi ad investire su progetti che non abbiano una garanzia di successo. Ecco il motivo per cui spesso ci si affida a volti noti senza "rischiare" sulle nuove progettualità.

Il pubblico del jazz, almeno in Italia, è statisticamente provato che sia formato perlopiù da persone over 35 anni. In altri stati, però, ciò non succede. Secondo te quali sono i motivi di fondo? I prezzi dei biglietti sono troppo alti? Il jazz non trova spazio negli ordinari canali di comunicazione dei giovani? E' frutto di una crisi culturale?
Tutti i fattori a cui accenni hanno sicuramente il loro peso ed è sicuramente in questi ambiti che vanno ricercate le cause. In più osservo, tra gli under 35, una scarsa partecipazione di musicisti tra il pubblico che invece dovrebbero essere più numerosi e ciò, nonostante il nostro territorio sia, come accennavo in precedenza, ricco di risorse.

E' un fenomeno che mi dispiace constatare, ma la tendenza dell'Opera è quella di annoverare un pubblico sempre più giovane. Forse anche per il fatto che molte opere sono rivisitate da registi di chiara fama che lo hanno svecchiato parecchio. Nel jazz, però, anche lo svecchiamento non sempre porta risultati entusiasmanti. Come mai?
Impossibile, come detto in precedenza, individuare delle cause precise tenendo conto degli ampi margini in cui il jazz può spaziare proponendo, per definizione, soluzioni variegate di stili, sottogeneri, etc.. Posso solo augurarmi che questa tendenza in atto nell'Opera possa presto raggiungere analoghi risultati nel nostro ambito.

Non pensi che il jazz, in Italia, difetti in organizzazione e coordinamento? Sarà forse perché lo Stato e gli enti territoriali lo tengono sullo stesso livello delle sagre di paese (con tutto il rispetto anche per queste)?
Ogni amministrazione credo si debba porre il problema di sostenere un'offerta culturale valida e che abbia l'obiettivo di raggiungere una parte cospicua di utenti. In tale ambito il jazz, quando considerato, rappresenta una parte marginale dell'investimento. In altri pochi casi altre amministrazioni hanno fatto del jazz il volano per lo sviluppo anche economico del territorio. La diversificazione del prodotto artistico, e quindi discografico, anche al di fuori dell'ortodossia jazzistica, può essere utile, oppure ritenete migliore la specializzazione in un singolo settore musicale? Ad oggi il catalogo Four può vantare oltre settanta titoli suddivisi in linee editoriali diverse: jazz classico, contemporaneo, beyond e promo. Abbiamo sempre creduto nella classificazione della nostra offerta di jazz o musicale in genere (abbiamo inserito nel nostro catalogo anche lavori di altri generi musicali) per orientare la scelta dell'ascoltatore e per non precluderci alcuna possibilità di trattare altre performance musicalmente stimolanti.

Quali sono i prossimi progetti?
Abbiamo tre uscite discografiche programmate per la fine di giugno: Onofrio Paciulli con un progetto di jazz contemporaneo intitolato "Epoca"; una proposta di jazz classico del trio Adamo-Di Leone-Angiuli con un lavoro intitolato "The Night Has A Thousand Eyes" ed infine il secondo CD dell'Orchestra Laboratorio del Pentagramma diretta da Nico Marziliano che esce per la 4LAB, un marchio della Four Records dedicato ai laboratori musicali.






Articoli correlati:
18/06/2017

Bisceglie, una città intera a suon di Jazz: 5 straordinarie location tra il centro storico e la litoranea, tutte con lo skyline del mare, trasformeranno Bisceglie il 5-6 e 7 agosto in una città a suon di jazz.

08/11/2015

Unconditioned (Alessandro Campobasso)- Alceste Ayroldi

19/09/2015

Works Two (Orchestra Laboratorio del Pentagramma)- Niccolò Lucarelli

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

12/07/2015

Quattro chiacchiere con...Alessandro Campobasso: "Una delle poche certezze che ho è che la bontà della musica dipenda non solo dalle capacità tecniche ma anche e soprattutto dall'onestà intellettuale, dalla sincerità di quel che si vuol comunicare..." (Alceste Ayroldi)

11/05/2015

Voyage (Giovanni Cafaro Quintet with Strings)- Alessandra Monaco

29/03/2015

Intervista a Armanda Desidery: "Non so ancora fino in fondo chi io sia ma spero di avere ancora tanto tempo per poterlo scoprire!" (Nina Molica Franco)

29/03/2015

The Duke (Vibeguitar Quartet)- Antonella Chionna

15/03/2015

Quattro chiacchiere con...Maurizio Patarino e Stefania Lonero: "...brani come "Maruzzella" e "Amaramente" non hanno nulla da invidiare alle ballads americane e lo swing che pervade "Tu vuo' fa l'americano" ne fa un monumento della musica jazz made in Italy." (Alceste Ayroldi)

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

25/01/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Alessandro Fedrigo, Nusica.org: "...siamo interessati a progetti di musica originale e innovativa, con contenuti artistici che meritino di essere veicolati." (Alceste Ayroldi)

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

09/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Sergio Cossu, Blue Serge.: "cerco la voglia di esprimersi e di comunicare, di esplorare e di fare anche delle sciocchezze, evitando quel 'playing safe' che è la morte di ogni espressione artistica." (Alceste Ayroldi)

06/07/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Matteo Pagano, Via Veneto Jazz: "Per me la crisi della musica in generale è solo una conseguenza di una crisi più profonda, ontologica, dell'essere umano, l'uomo in se non ha più valore..." (Alceste Ayroldi)

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

01/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Mario Caccia, Abeat Records: "...attualmente l'industria discografica è ormai polverizzata, così come sono ormai entrate in declino tutte le figure professionali che gravitano attorno alla valorizzazione e commercializzazione della musica..." (Alceste Ayroldi)

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

07/12/2013

The Smitherson & Guido di Leone The Smitherson & Guido di Leone : "Grazie al loro suono verace e carico di passione gli artisti hanno dato vita a una serata all'insegna della buona musica..." (Francesco Favano)

25/08/2013

Quattro chiacchiere con...The Smitherson: "Il jazz e' un genere che non smetteremmo mai di suonare e che ci fa sentire sempre vivi e comunicativi sul palco, così come in studio." (Alceste Ayroldi)

25/08/2013

Chi Ha Fottuto Donald Duck? (Morga, Pace, Patruno)- Nina Molica Franco

28/07/2013

Quattro chiacchiere con...Paolo Magno: "Sono un grande appassionato di cinema. Mi commuovo e sorrido insieme agli interpreti di un film. Inoltre credo che la musica sia fondamentale per suscitare le emozioni." (Alceste Ayroldi)

10/03/2013

Quattro chiacchiere con...Nico Marziliano: "Da "Sea Winds" mi aspetto la giusta visibilità dopo tanto lavoro e che possa essere proposto in contesti appropriati magari anche all'estero..." (Alceste Ayroldi)

02/02/2013

Broadway (Di Leone, Macchia, Di Lecce)- Francesco Favano

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

27/11/2010

The Police songbook (Paola Arnesano)- Gianni B. Montano

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

17/10/2010

Pulse (Francesco Pennetta)- Gianni B. Montano

28/07/2010

Jamal at the Penthouse (Ahmad Jamal) - Alceste Ayroldi

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

21/02/2010

Southern Avenue Project (Fabrizio Cecca)- Rossella Del Grande

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

10/04/2008

Tribute To Duke Ellington - In The Time Forever (The Sax Four Fires Special guest Bob Mintzer)

30/03/2007

Quel che non si fa più (Nino Di Leone)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

19/08/2006

The Way I Like (Berardi Jazz Connection)

14/02/2006

Eventi Jazz 2005 a Busto Arsizio: "...un plauso all'amministrazione comunale, al direttore artistico, responsabile del jazz club "Art Blakey" e a tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa bella rassegna itinerante nei cinque teatri cittadini." (Bruno Gianquintieri)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

18/07/2005

Isole (Guido di Leone e Ottonando Brass Ensemble)

18/10/2004

Caro Nanni (Sax Four Fun)





Video:
JOE LOCKE QUARTET (Robert Rodriguez piano solo) Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (2b/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" . Robert Rodriguez nel suo coinvolgente assolo di piano , al Ueffilo Jazz Club...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2711
JOE LOCKE QUARTET - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (1a/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" al Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle (Ba) 18/04/10., , Joe Locke vibes,, Ro...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3046
JOE LOCKE QUARTET (Terreon Gully drum solo) Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (1b/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" . Il coinvolgente drum solo di Terreon Gully, al Ueffilo Jazz Club di Gioia de...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3012
Joe Locke "Force of Four"
Joe Locke "Force of Four" official eCard., The album is out now - get it on http://www.shop.joelocke.com., , Featuring Joe Locke (vibes), Ro...
inserito il 23/09/2008  da nadworks - visualizzazioni: 2306


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 702 volte
Data pubblicazione: 22/06/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti