Jazzitalia - Articoli: Intervista a Armanda Desidery
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Armanda Desidery
marzo 2015
di Nina Molica Franco

Metti insieme un quartetto e un serpente tentatore che lo conduce sui sentieri del jazz contemporaneo. Il risultato? "Blackmamba". Questo è il titolo del primo progetto da leader di Armanda Desidery, pubblicato dalla Fo(u)r Edition e realizzato con Giulio Martino al sax tenore, Gianluca Brugnano alla batteria e Antonio De Luise al contrabbasso. E noi, incuriositi, chiediamo a Armanda Desidery...

Blackmamba, il pericoloso mamba nero. Perché hai scelto questo titolo?

Come ho spiegato anche nelle note di copertina del disco, il blackmamba è un simbolo: rappresenta la paura ancestrale dell'ignoto, della morte, della crescita, intesa come passaggio sempre un po' doloroso dall'adolescenza all'età cosiddetta della maturità. Ho la fobia dei serpenti, mi terrorizzano ma allo stesso tempo mi affascinano tremendamente e, il mamba nero è uno degli animali per me più spaventosi al mondo. Il primo disco, in fondo, è sempre un rischioso salto nel buio!

A discapito del titolo, l'intero album emana quella leggerezza tipica del jazz contemporaneo europeo…
È vero, nonostante il disco sia un vero e proprio viaggio introspettivo, la sonorità risulta in molti momenti morbida e piuttosto leggera e si avvicina senz'altro a quell'atmosfera tipica del jazz europeo. Evidentemente sono meno inquieta di quanto potessi immaginare.

Ma non solo l'Europa, anche l'America fa sentire la sua voce, mi riferisco a brani come Arles o The Ladyman. Quale delle due dimensioni trovi ti sia più congeniale?
Difficile rispondere. Amo la musica ed il jazz a 360 gradi ed amo molto i contrasti. Ascolto musicisti diversissimi tra loro, con sonorità alcune volte quasi opposte. Naturalmente i gusti, lo stile, le cose che ci emozionano, cambiano anche a seconda dei momenti che stiamo vivendo.

All'interno di tutto l'album si sente una precisa tendenza alla melodia e all'armonia, ma non mancano serrate sezioni ritmiche. Come sei riuscita a conciliare questi elementi?
Ho pensato solo a creare musica, non ho seguito nessuno schema precostituito. Armonia, melodia e ritmo devono sempre combinarsi tra loro in modo naturale: l'insieme deve scorrere senza forzature. Io non uso il computer per comporre ma scrivo tutto a pianoforte, strumento meraviglioso e completo... e poi mi aiuto con l'immaginazione.

Si percepisce con chiarezza un profondo lavoro di introspezione che mostra qualche aspetto del tuo universo artistico. Chi è Armanda Desidery?
Una donna, una mamma, una pianista, una compositrice, una sognatrice, una bimba, una "strega", una compagna, un'amica, una figlia. Dentro ognuno di noi c'è un mondo intero di emozioni, di ruoli, di contrasti, di sentimenti. Non so ancora fino in fondo chi io sia ma spero di avere ancora tanto tempo per poterlo scoprire!

Le tue musiche sembrano cucite addosso alla formazione, il quartetto. O viceversa?
Da subito ho pensato al quartetto per questo disco; avevo solo qualche dubbio sull'utilizzo del basso elettrico in The Ladyman, ma poi mi è sembrato più coerente lasciare il contrabbasso per tutti i brani. Devo dire che i musicisti che ho coinvolto sono stati estremamente collaborativi e pazienti: mi hanno sopportato e supportato ed è anche grazie a loro se sono riuscita a creare un sound, a mio avviso convincente.

Un aggettivo per ognuno dei tuoi compagni di viaggio.
Giulio Martino, molto raffinato; Antonio De Luise sempre impeccabile e Gianluca Brugnano sorprendente. In realtà un aggettivo non basterebbe per descrivere questi musicisti, ma cercherò di essere sintetica: sono semplicemente straordinari!

Il tuo pianismo appare come la sintesi originale di diverse influenze musicali. Quali sono i tuoi costanti riferimenti artistici?
Tanti e naturalmente diversissimi. Innanzitutto, avendo studiato pianoforte in Conservatorio, amo moltissimo la musica classica, in particolare J.S. Bach e, non posso non menzionare Glenn Gould che io reputo più che un grande interprete, un vero e proprio genio! Altro riferimento essenziale è stato ed è John Coltrane. Poi, da qualche mi sono letteralmente innamorata di Brad Mehldau. E naturalmente adoro Herbie Hancock, Bill Evans, Jarrett, John Taylor, Egberto Gismonti, i Weather Report, e M. Brecker, Joshua Redman, Roy Hargrove, basta mi fermo… In realtà sono troppi, non posso elencarli tutti.

Il tuo è un curriculum di tutto rispetto che vanta diverse collaborazioni interessanti. Quale tra queste ha lasciato un segno indelebile sulla tua musica?
Ogni esperienza fatta mi ha insegnato e lasciato qualcosa di nuovo. Ogni musicista con il quale ho collaborato ha arricchito in qualche modo il mio bagaglio musicale. Forse l'esperienza più formativa è stata col M°Roberto De Simone: grande musicista, uomo coltissimo e persona amabile. L'esperienza invece più amena è stata quella con l'orchestra Guyacan: suonare per divertirsi e divertire, veder ballare centinaia di persone mentre suoni, è qualcosa di incredibilmente emozionante.

I desideri di Armanda Desidery.
Mi provochi con giochi di parole, e allora… "desydero" suonare ancora per tanto tempo musica che mi piace con persone che mi piacciono: penso che il giusto feeling tra musicisti che suonano insieme sia fondamentale. Vorrei viaggiare tanto, fare concerti e contemporaneamente conoscere il mondo. Mi piacerebbe poi fare ancora tanti altri dischi, magari avendo la possibilità di coinvolgere qualche ospite prestigioso: ormai ci ho preso gusto! Ho tanti sogni, difficili da realizzare ma io sono un'ottimista e ho la testa dura, chissà, forse un giorno…






Articoli correlati:
09/10/2017

La Stanza Dei Colori (Amanda Desidery)- Alceste Ayroldi

08/11/2015

Unconditioned (Alessandro Campobasso)- Alceste Ayroldi

19/09/2015

Works Two (Orchestra Laboratorio del Pentagramma)- Niccolò Lucarelli

10/08/2015

Spirit Guajira (Guido Russo)- Nicola Barin

12/07/2015

Quattro chiacchiere con...Alessandro Campobasso: "Una delle poche certezze che ho è che la bontà della musica dipenda non solo dalle capacità tecniche ma anche e soprattutto dall'onestà intellettuale, dalla sincerità di quel che si vuol comunicare..." (Alceste Ayroldi)

11/05/2015

Voyage (Giovanni Cafaro Quintet with Strings)- Alessandra Monaco

29/03/2015

The Duke (Vibeguitar Quartet)- Antonella Chionna

15/03/2015

Quattro chiacchiere con...Maurizio Patarino e Stefania Lonero: "...brani come "Maruzzella" e "Amaramente" non hanno nulla da invidiare alle ballads americane e lo swing che pervade "Tu vuo' fa l'americano" ne fa un monumento della musica jazz made in Italy." (Alceste Ayroldi)

24/02/2015

Live alla Casa del Jazz (Pippo Matino Joe Zawinul Project)- Nina Molica Franco

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

25/08/2013

Quattro chiacchiere con...The Smitherson: "Il jazz e' un genere che non smetteremmo mai di suonare e che ci fa sentire sempre vivi e comunicativi sul palco, così come in studio." (Alceste Ayroldi)

25/08/2013

Chi Ha Fottuto Donald Duck? (Morga, Pace, Patruno)- Nina Molica Franco

28/07/2013

Quattro chiacchiere con...Paolo Magno: "Sono un grande appassionato di cinema. Mi commuovo e sorrido insieme agli interpreti di un film. Inoltre credo che la musica sia fondamentale per suscitare le emozioni." (Alceste Ayroldi)

28/04/2013

Nuevas Huellas (Alfonso Deidda & Cuban Stories)- Francesco Favano

10/03/2013

Quattro chiacchiere con...Nico Marziliano: "Da "Sea Winds" mi aspetto la giusta visibilità dopo tanto lavoro e che possa essere proposto in contesti appropriati magari anche all'estero..." (Alceste Ayroldi)

07/10/2012

Genesi (Giovanni Francesca) - Alceste Ayroldi

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

27/11/2010

The Police songbook (Paola Arnesano)- Gianni B. Montano

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

17/10/2010

Pulse (Francesco Pennetta)- Gianni B. Montano

27/08/2010

For A Walk Inside (Sergio Di Natale) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

31/07/2010

Duality (Giulio Martino - Peggy Stern) - Cinzia Guidetti

28/07/2010

Jamal at the Penthouse (Ahmad Jamal) - Alceste Ayroldi

06/03/2010

Mr. Xanthou (Fabio Di Biagio)- Gianni B. Montano

21/02/2010

Southern Avenue Project (Fabrizio Cecca)- Rossella Del Grande

18/10/2009

Ondina Sannino & Deidda Bros. "Sexteto Brasil" a Villa Celimontana: "Pienamente meritata la positiva e calorosa risposta del pubblico, per un concerto stilisticamente ben calibrato e dall'impatto immediato." (Alfonso Tregua)

10/04/2008

Tribute To Duke Ellington - In The Time Forever (The Sax Four Fires Special guest Bob Mintzer)

24/02/2008

Le Scuole di Musica: Dipartimento di Jazz presso la scuola "Musicisti Associati" di Napoli. "Alle persone che si accostano ai nostri corsi proviamo ad insegnare un metodo basato sulle nostre esperienze dirette e sull'ascolto di grandi autori del passato, oltre alle imprescindibili regole di armonia e tecnica che vengono affrontate durante le lezione nell'arco dei tre anni di corso" (Gianluca Capurro)

15/07/2007

Infant Eyes (Arrigo Cappelletti - Giulio Martino)

30/03/2007

Quel che non si fa più (Nino Di Leone)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

14/10/2006

I Can Fly (Gianluca Brugnano)

31/08/2006

Changing Trane - The music of John Coltrane (Scrignoli - Martino - Laviano )

14/02/2006

Eventi Jazz 2005 a Busto Arsizio: "...un plauso all'amministrazione comunale, al direttore artistico, responsabile del jazz club "Art Blakey" e a tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa bella rassegna itinerante nei cinque teatri cittadini." (Bruno Gianquintieri)

18/10/2004

Caro Nanni (Sax Four Fun)





Video:
JOE LOCKE QUARTET (Robert Rodriguez piano solo) Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (2b/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" . Robert Rodriguez nel suo coinvolgente assolo di piano , al Ueffilo Jazz Club...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2709
JOE LOCKE QUARTET - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (1a/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" al Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle (Ba) 18/04/10., , Joe Locke vibes,, Ro...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3045
JOE LOCKE QUARTET (Terreon Gully drum solo) Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba 2010 (1b/2)
Joe Locke Quartet, presenta l'ultimo cd ""Force of Four" . Il coinvolgente drum solo di Terreon Gully, al Ueffilo Jazz Club di Gioia de...
inserito il 18/04/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3010
LUCA AQUINO & ROY HARGROVE
From Luca Aquino album: Lunaria - Universal Music 2009, , Luca Aquino - Roy Hargrove - Giovanni Francesca - Marco Bardoscia - Gianluca Brugnano...
inserito il 06/06/2009  da trumpetvanlaar - visualizzazioni: 2992
Joe Locke "Force of Four"
Joe Locke "Force of Four" official eCard., The album is out now - get it on http://www.shop.joelocke.com., , Featuring Joe Locke (vibes), Ro...
inserito il 23/09/2008  da nadworks - visualizzazioni: 2305


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.016 volte
Data pubblicazione: 29/03/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti