Jazzitalia - Articoli: Remebering Butch Morris...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Remebering Butch Morris...
Foto e testo di Gianmichele Taormina

Il Primo ricordo personale di Butch Morris è quello di una persona seria, profondamente legata al suo lavoro, estremamente disponibile ad ogni confronto e dialogo col pubblico, con gli appassionati, con la critica.

Era il 1999 quando lo incontrai per la prima volta al festival jazz "Rumori Mediterranei" di Roccella Jonica. Butch mi concesse ospitalità dentro questa aula bollente invasa dalla violenta calura che caratterizza da sempre le estati concertistiche roccellesi. In fondo ad un angolo seguivo le prove dell'orchestra formata da validi giovani musicisti provenienti dall'area della musica classica e gli innesti di jazzisti oramai navigati come Enzo Rocco, già da qualche tempo chitarrista al fianco di Carlo Actis Dato.

I movimenti della conduction di Butch, plastici, leggiadri, estatici, di tanto in tanto si bloccavano nell'approfondimento e nell'analisi dettagliata dei passaggi affrontati dall'orchestra. Morris si arrabbiava. Si adirava avendone motivo, su una nota fuori posto, su di un passaggio forse irregolare che nessuno, nemmeno i loro interpreti, riuscivano ad individuare concretamente, cercando di comprenderne il perché.

Morris era fatto così: spiegava in ogni suo dettaglio la propria legge fisica, la traduzione gesticolare delle proprie strutture. Spesso impiegava giorni – tre o cinque – soltanto per far entrare i propri musicisti nel vivo dei suoi contenuti filosofici. Diceva che era più importante parlare dei propri concetti prima che agire con la musica.

Ed ecco che il suo volto si infervorava. Il suo sangue evidente, ribolliva su tutto il corpo e l'espressione illuminata esplodeva in tutta la sua forza, in tutta la sua energia, in quella sua capacità di comunicare e di sottolineare, sempre a gesti, la necessità delle proprie argomentazioni. Gli occhi prendevano fuoco. Le vene e i muscoli delle braccia quasi emergevano evidenti dalla pelle. Butch dirigeva un'orchestra anche quando parlava... Rimeditava addirittura le proprie frasi, anche con pause definite, a marcare ciò che un attimo dopo avrebbe espresso proprio come un silenzio tra una pagina e un'altra di un suo arrangiamento.

L'ho ritrovato così ancor più energico e motivato, saggio e ironico quando lo riteneva, nel corso del triennio 2006-2008 ospite a Sant'Anna Arresi in Sardegna per il festival Ai Confini tra Sardegna e Jazz.

Si usciva insieme la sera, si assisteva comodamente ai concerti sorseggiando sempre con qualcosa da bere in mano, oppure si andava al mare di buon mattino, presso certe calette irraggiungibili a strapiombo su scogliere nascoste dalla statale. Luoghi in un primo momento apparentemente anonimi ma che Butch conosceva molto bene per la frequenza e l'affetto che lo legava al festival sardo ma soprattutto alle persone che ne realizzavano il cartellone. Si. Butch si dimostrava anche amicone e cordiale con chi lo avvicinava al bar condividendo qualche buon bicchiere di vino o al ristorante mangiando del pesce appena pescato.
Gli argomenti che esternava erano trai più vari. Toccavano la politica e il disarmo, il razzismo e la poesia. Oppure incuriosito chiedeva lui sullo stato e la condizione del mostro Paese.

Anche le notti del dopo concerto, si trascorrevano così. Discutendo animosamente di certi colleghi americani dei quali per correttezza non diceva il nome che nei tempi passati criticarono le sue scelte, tra le quali quella di abbandonare la tromba per le proprie idee compositive o di essere troppo rigido nella propria visione personale riguardo la sua musica rischiando spesso l'incomprensione anche da parte degli addetti ai lavori. Ribadiva inoltre che "non si sarebbe mai prostituito davanti a compromessi che altri musicisti hanno vergognosamente accettato".
Non era un suo vanto ma ci teneva a sottolineare, quando poteva, questo suo tipo di integrità.

Butch in Sardegna amava avventurarsi a piedi effettuando un percorso lunghissimo di quasi un'ora che andava dalla spiaggia di Porto Pino, nei pressi della quale si svolgevano le prove delle sue conduction, fin sopra al paesino, raggiungendo infine il palco dove si svolgeva il festival di Sant'Anna Arresi. Diceva che pur non separandosi mai dai suoi toscani, era comunque salutare compiere questo gesto quotidiano che lo riconnetteva col mondo, con la natura.

L'intervista concessa al sottoscritto nell'estate del 2008 che qui potete leggere è il frutto di una lunghissima disquisizione durata ben due ore sulla sua conduction. Il suo sogno era quello di pubblicare un libro rappresentativo ed esplicativo delle proprie concezioni portate avanti in più di trent'anni di studio e di scrittura profonda del proprio materiale.
Purtroppo attualmente l'uscita del volume "Conduction Workbook" di cui ampliamente si parla nell'intervista, non ha visto ancora la luce per la complessità dell'opera e per le molteplici rivisitazioni che lo stesso Morris operava nella continua ottimizzazione del progetto.
Il lavoro di un'intera vita che non si sa bene se abbia subito uno stop considerata la scomparsa del Maestro ma che ci auspichiamo sia presto edito negli States e in contemporanea anche in Italia grazie all'accurata traduzione di Daniela Veronesi.

Ci piace comunque pensare che Butch Morris sia stato un innovatore puro. Uno di quelli che mai scese a compromessi di qualsiasi sorta. E questo non perché lo ha decretato la Penguine Guide to Jazz o qualche raro lungimirante articolo di trent'anni fa uscito per Down Beat.

Butch, seguendo il suo affascinante istinto e il pericoloso gusto del rischio, ha mosso con passione e infaticabile dedizione un originalissimo linguaggio che a compimento di un lavoro quaratennale riteneva ancora perfettibile e mutabile di variazioni. Morris lo ha affrontato coraggiosamente infischiandosene delle correnti accomodanti che tra gli anni Settanta e questo nuovo secolo si sono susseguite nell'affollato vocabolario del jazz. A questo progetto, quello della conduction, si è dedicato con rigore e precisione indiscutibile, scegliendo accuratamente volta per volta i musicisti, i luoghi, i progetti e le intenzioni. Sfidando la propria natura con ideali irraggiungibili di bellezza e ricercatezza fino a raggiungere vette estreme difficilmente realizzate da altri compositori.

Seppur apprezzando il lavoro altrui, Butch Morris resterà nel suo ideale e inattaccabile rifugio, sempre un "non allineato" col mondo, avendo portato a compimento una preziosa parte di quello che tiene ancora in piedi lo spirito, il vortice e la rivoluzione storica della musica afroamericana.






Articoli correlati:
19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

11/04/2015

Possible Universe - Conduction® 192 (Lawrence D. "Butch" Morris)- Gianmichele Taormina

18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

05/09/2010

Intervista a Paolo Damiani direttore artistico del festival di Roccella Jonica: "Oggi è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere." (Vittorio Pio)

31/05/2010

Intervista a Jean-Luc Ponty: "Negli Stati Uniti, durante gli anni '70, è stato davvero entusiasmante, perchè c'era molta sperimentazione: era lo spirito del tempo. Avveniva nella società, con i movimenti per cambiarla, ed era lo stesso nell'arte e nella musica. Erano gli artisti a tracciare la strada, mentre oggi sono gli uomini d'affari a decidere ogni cosa. Tutti, nei programmi radio, i dj, le case discografiche, specialmente in America, erano veri appassionati di musica, molto spesso musicisti loro stessi, così noi eravamo totalmente liberi di esplorare, di sperimentare, e infatti le novità erano molto apprezzate..." (di Vincenzo Fugaldi)

06/10/2009

XXIVa EDIZIONE del Festival Internazionale "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Da Chicago a Sant'Anna Arresi (e vice versa). Questo e altro è stato l'esplosivo leitmotiv del Festival Internazionale "Ai Confini Tra Sardegna e Jazz". A quarantaquattro anni di distanza dalla fondazione della AACM (Association for the Advancement of Creative Musicians), storico movimento chicagoano nato dall'idea rivoluzionaria di un artista come Muhal Richard Abrams, bene si è pensato di celebrare all'interno della manifestazione le gesta memorabili di un periodo, di una fase storica, di una filosofia musicale e politica che ha influenzato profondamente il jazz contemporaneo e non solo." (Gianmichele Taormina)

21/03/2009

Intervista a Butch Morris: "Voglio che la mia orchestra suoni come un jazz trio...Ovvero ottenendo un tipo di movimento che vada verso questa direzione: un'orchestra che risponda musicalmente come un trio di jazz. La mia mente partorisce partiture scritte per un'orchestra ma voglio che l'orchestra sia flessibile, che comprenda la musica concependo un concetto espanso di musica..." (Gianmichele Taormina)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

25/10/2005

Pietro Tonolo al festival di Roccella Ionica. Le avverse condizioni meteorologiche non hanno compromesso la qualità della performance del quartetto anche se costretto in una location di fortuna. (Antonio Terzo)

23/10/2005

Venticinquesima edizione di "Rumori Mediterranei", il festival diretto da Paolo Damiani a Roccella Jonica che si caratterizza sempre più per riuscire a coniugare le musiche, le arti di popoli e culture diversi. (Enzo Fugaldi)

24/10/2004

Roccella Ionica 2004, XXIV Edizione di Romori Mediterranei. "Intitolata "Monsters" e dedicata a Steve Lacy. I mostri evocati dal festival calabrese erano tali nel senso dell'unicità, della stranezza, della prodigiosità, e hanno fatto la propria comparsa tra le pieghe dei ben 18 concerti tenutisi nei sette giorni di durata della manifestazione." (Enzo Fugaldi).

21/09/2003

XXIII Edizione di Rumori Mediterranei a Roccella Ionica: "...Perennemente in movimento, come in cerca di nuove identità, il Festival calabrese, alla sua 23a edizione, ha scelto di ampliare ulteriormente il dialogo fra il jazz, le altre musiche e le altre arti..." (Enzo Fugaldi)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 8.958 volte
Data pubblicazione: 17/03/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti