Jazzitalia - Articoli: Happy Birthday Django!
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Happy Birthday Django!
23 gennaio 2010
Marco Losavio

"Il jazz è americano, ma la musica non ha patria. E il jazz è musica. Noi suoniamo un tipo di jazz che è in stretti rapporti con la cultura europea, ma è sempre jazz. Perchè il jazz ha regole espressive da cui non si può derogare".
Django Reinhardt

16 maggio 1953, è tarda sera, Il treno che da Parigi va verso Fontainbleu-Avon, come ogni sera, procede nel silenzio di quei pochi passeggeri che lo frequentano a quell'ora. Un attimo, più breve di ogni sua nota, più maledetto di ogni sua smorfia e la leggenda del più grande chitarrista di tutti i tempi conosce così il suo epilogo. Un'emorragia cerebrale, un medico che tarda ad arrivare, e non rimane che quel suono, quel "rumore melodico" che sapeva stregare e che ha invaso il pianeta diventando un "tipo di jazz". Oggi, 23 gennaio 2010, ricorre il centenario dalla nascita di Jean Baptiste Reinhardt, quella "specie" di chitarrista che tutto il mondo conosce come: Django. E suonare a-la-Django, è un modo per identificare inequivocabilmente uno stile.
Esistono molti articoli, vari libri, su Django Reinhardt e c'è da premettere che sono davvero poche le testimonianze documentate pertanto in questi casi, il passo dalla storia alla leggenda rischia di essere breve e improvvido. Noi vogliamo quindi cercare di ricordare semplicemente la sua vita artistica ripercorrendo le fasi più significative di un'esistenza vissuta in modo fugace ma che ha saputo lasciare il segno. Un jazzista geniale e analfabeta appartenente a quella ridottissima schiera di cui fanno parte nomi come Erroll Garner, Ella Fitzgerald, Bix Beiderbecke, Sidney Bechet. La sua cultura musicale derivava da tutto ciò che era possibile acquisire attraverso l'oralità, tipica del popolo zigano.

Reinhardt nasce in Belgio a Liberchies, Pont-à-Celles, il 23 gennaio 1910. Il suo soprannome, Django, deriva dal rumeno "sveglio". Ed era sicuramente sveglio Django che inizia a suonare il banjo a 6 corde sin da bambino per poi incidere un disco nel 1928. Ha 18 anni ed una sera, rientrando nella sua roulotte, urta accidentalmente una candela. All'interno c'era probabilmente molto materiale infiammabile perche' la giovane moglie, Florine "Bella" Mayer, per guadagnare qualche soldo, confezionava fiori composti da carta e cellophane. In un attimo, la roulotte diventa una palla di fuoco, Django rimane prigioniero dentro, immerso dalle fiamme. Alcuni vicini riescono ad estrarlo ma ha ustioni su più della metà del corpo. La gamba e' compromessa, così come l'anulare e il mignolo della mano sinistra. I medici vorrebbero amputargli la gamba paralizzata ma Django rifiuta e va via sostenendosi per più di un anno con un bastone. Non avrebbe più suonato la chitarra si diceva, ma un giorno suo fratello Joseph, chitarrista, per stimolargli un recupero certamente anche psicologico, gli regala una nuova chitarra. E' fu così che Django decise di tirar fuori la parte forte del suo carattere: ricomincia a suonare "inventandosi" nuove diteggiature, soffrendo ma ponendosi nuovi limiti, nuovi traguardi. Con l'indice e il medio scorre la tastiera aumentando velocità e precisione con continui ed estenuanti esercizi, con l'anulare e il mignolo, parzialmente paralizzati, diventa precursore dell'uso delle ottave (poi divenute il "marchio di fabbrica" di Wes Montgomery) e prende dei semibarre' che arricchiscono gli accordi di none e tredicesime e sui quali la portentosa mano destra esegue dei "rullii" secchi ed energici similari proprio a quelli di un rullante di batteria. Il pollice, si "affaccia" spesso dall'alto del manico per contribuire prendendo i bassi. 

Quintette du Hot Club de France: Stephane Grappelli, Roger Chaput, Luis Vola, Django Reinhardt, Joseph ReinhardtDopo alcuni anni che Django si esercita e progredisce sempre più, nel 1934 avviene l'incontro più importante della sua carriera. Parigino, violinista, musicalmente colto, Stephane Grappelli coglie l'idea di Django e insieme costituiscono l'epico Quintette du Hot Club de France nel quale figuravano anche il fratello Joseph, il chitarrista Roger Chaput e il bassista Louis Vola. Nessuna percussione. L'uso delle tre chitarre acustiche suonate in quel modo avrebbe reso la batteria persino ridondante. Il ritmo c'era ed era sempre estremamente incalzante. La chitarra ritmica sostituiva di fatto il rullante e il contrabbasso la cassa. Selmer Maccaferri - Django RenihardtSiamo negli anni trenta, in cui dilagano le orchestre e i combo con gli strumenti a fiato. Ance ed ottoni diventano protagonisti indiscussi della musica americana (per non parlare del piano) quindi questa di Django non può che rivelarsi una vera e propria innovazione che avrà poi, di fatto, un seguito senza precedenti. Attrice di rilievo e sicuramente non secondaria, era la sua chitarra. Django utilizza una Selmer Maccaferri, prima chitarra acustica ad avere la spalla mancante, un'anima di ferro nel manico, la bocca ovale e...un suono un po' "nasale" ma potentissimo - dato che non venivano utilizzati amplificatori - asciutto ma capace di poter mantenere il suo sustain a lungo. Sono chitarre che si suonano con plettri molto duri e corde spesse (012).

La musica di Django si divulga rapidamente anche perchè suona molti classici dei songbook americani, ma vi sono anche episodi come il Concerto per due violini in Rem di Bach, oltre a sue composizioni che figurano comunque in modo minore. Musicisti come Coleman Hawkins, Benny Carter, Stuff Smith, Eddie South, Rex Stewart suonano con Django anche se non si possono considerare quegli incontri artisticamente determinanti. Di fatto, erano comunque inizi, tentativi di ampliare la propria cultura, e se avessero insistito qualcosa sarebbe nata ma nella mente di Django la musica scorreva con altra dinamica, velocità, intensità e, forse, come anche i suoi interessi hanno dimostrato, solo i boppers avrebbero potuto catturare e far evolvere il linguaggio da ambo le parti. Era nota infatti l'attenzione che Django riponeva in Parker e Gillespie.

Arriva la prima guerra mondiale, e il quintet di Django e Grappelli e' in tour in Inghilterra. Grappelli decide di non rientrare mentre Django torna in Francia sfidando (forse inconsapevolmente) il suo destino perchè il nazismo imperversò anche nel popolo manouche. Django si salva pare per la particolare simpatia di un ufficiale dell'aviazione tedesca appassionato di jazz, il quale impazzisce per la sua musica. Ma l'aspetto più interessante e' che in questo periodo Django, senza Grappelli, crea vari altri combo caratterizzati dai fiati. Il violino di Grappelli e' sostituito dal clarinetto suonato da Alix Combelle, sostituito poi da Hubert Rostaing e poi anche da Alex Lluis. Inoltre Django suona spesso con orchestre e combo diversi dal suo usuale Quintette come Noel Chiboust et son Grand Orchestre, Django Reinhardt et son Grand Orchestre de danse...La liberazione da parte americana fa incontrare Django con musicisti provenienti dalla Glenn Miller Orchestra e la "European Division Band of the Air Transport Command", diretta da Jack Platt, diventa la Django's American Swing Band.

Django Reinhardt & Duke Orchestra
Django con Duke Ellington e in camerino con alcuni componenti della Duke Ellington Orchestra


Hubert Rostaing & Django Reinhardt

La guerra non porta quindi nessuna particolare nuova esperienza musicale nella vita di Django che reincontra il fido Grappelli in Inghilterra subito dopo, nel 1946. Incuriosito dalla musica americana (e viceversa), Django si reca in autunno negli USA invitato da Duke Ellington che vuole inserirlo nei concerti della sua Orchestra. Un traguardo, si penserà, un apice di carriera, ma per Django si rivela una forzatura dalla quale di fatto finisce col fuggire. Ellington gli riserva solo pochi spazi e spesso verso il finale dei suoi concerti. Django si deve accontentare di fare l'ospite e si deve anche adattare ad una chitarra elettrica amplificata non avendo a disposizione la sua Selmer Maccaferri. Quindi il suono e le dinamiche erano ben lontane dal suo stile e dalle sue abitudini e, per giunta, pare che una volta la chitarra fosse talmente scordata che Django impiegò più di 5 minuti per accordarla (si deve anche sottolineare che Django non conosceva la musica pertanto semplici operazioni come accordare la chitarra le aveva sempre delegate al fratello Joseph il quale era solito accompagnarlo, ma in quell'occasione Django era solo). A New York Django cerca di contattare Gillespie e Parker ma sono in tour pertanto decide di interrompere questa sua avventura rientrando in Francia: oramai ha deciso che la sua musica e' solo la Sua musica. Le influenze con il resto possono aspettare momenti più naturali. Suona continuamente anche se è noto il suo carattere molto particolare che lo porta anche a non presentarsi ad alcuni concerti. Nell'ambiente, è considerato inaffidabile al punto che i musicisti spesso lo andavano a prelevare direttamente e con largo anticipo...

Django Reinhardt & Paul Whiteman
Django con Paul Whiteman

Nel 1949 Django viene in Italia insieme a Grappelli e chiede la collaborazione di una ritmica locale. Fu così che tre sconosciuti musicisti italiani, Gianni Safred al piano, Carlo Pecori al contrabbasso e Aurelio De Carolis alla batteria hanno la enorme e impagabile fortuna di accompagnare questi due grandissimi musicisti in varie sedute e concerti durante i quali furono registrati vari brani alcuni dei quali inseriti in un epico album, Djangology. Non sono le migliori incisioni di Django, ma rappresentano senza dubbio un'importanza storica elevatissima dato che sono state le ultime registrazioni di Django con Grappelli. Inoltre, si possono ascoltare anche piano e batteria.


I Got Rhythm
Roma, Gennaio-Febbraio 1949
Django Reinhardt & Stephane Grappelli
Gianni Safred - piano, Carlo Pecori - contrabbasso, Aurelio De Carolis - batteria.

Successivamente, nel 1951, Django si ritira nei pressi di Fontainbleu continuando a suonare soprattutto nei club di Parigi per approdare, finalmente e naturalmente, alla chitarra elettrica. Ecco che allora in Django cominciano a confluire influenze attribuibili alla musica bebop creando una nuova risultante che purtroppo non si può realizzare oltre un certo iniziale approccio.

E siamo al 16 maggio 1953...solo 43 anni di vita. Il grandissimo Django che tanto avrebbe potuto ancora dare, si spegne per sempre. Ha lasciato un seguito spaventoso che pochissimi nella storia della musica possono vantare. Pletore di chitarristi suonano a-la-Django e non c'è chitarrista jazz che non possa riconoscere in Django Reinhardt uno dei padri assoluti della chitarra jazz. E non solo, dato che il famoso e bellissimo standard "Django" è il tributo che un pianista come John Lewis (Modern Jazz Quartet) ha scritto in memoria del chitarrista.

Un secolo! Oggi, è il suo compleanno, ascoltiamo un po' della sua musica, suoniamo un po' a-la-Django...ne sarà sicuramente contento. Happy Birthday Django!

"Django Reinhardt: dalla chitarra gitana al jazz" - Maurizio Franco (Sinfonica Jazz)
"Django il gigante del jazz tzigano" - François Billard - Alain Antonietto (Arcana Libri srl)
"Django oltre il mito: la via non americana al jazz" - Roberto Colombo (Erga Edizioni)
"Il Jazz in Italia" - Adriano Mazzoletti (EDT)
"Il Jazz: i dischi, i musicisti, gli stili" - Marcello Piras (Editori Riuniti Multimedia)
"I segreti del jazz" - Stefano Zenni (Stampa Alternativa)
Django Reinhardt 1934-1953 "Chronological Classics" (16 CDs) - (Classics Records)
Sito Djangopedia: http://djangopedia.com/wiki/index.php?title=Main_Page

Edith Piaf & Django Reinhardt
Django con Edith Piaf

Django Reinhardt - J'attendrai Swing 1939

Echoes de France - Django Reinhardt Clip 1945

Django Reinhardt in the Netherlands







Articoli correlati:
11/05/2017

Narrazioni Jazz 2017: A Torino, diretto da Stefano Zenni, la prima edizione di un nuovo festival culturale orientato alla mescolanza di linguaggi, alle produzioni originali con anteprime ed esclusive.

26/12/2016

Tracce sfumate - Non imito Django Reinhardt (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

28/12/2014

Fabrizio Bosso Quartet & Paolo Silvestri Ensemble - Swinging Duke: "Se l'obiettivo era mandare in visibilio il pubblico, ecco che la combinazione dei tre elementi ha assolutamente raggiunto il suo scopo." (Nina Molica Franco)

01/06/2014

Clelia Cafiero (Le danze cubane di Ignacio Cervantes): "Un plauso alla bravissima Clelia Cafiero che ha dimostrato una grinta, caparbietà, passionalità e potenza sonora rare." (Andrea Gaggero)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

05/05/2014

Beginnin of modern jazz in Milano (AA. VV.)- Marco Losavio

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

23/02/2014

Stefano Battaglia Trio - Songways, i suoni e i silenzi della musica: "...la presenza di tali musicisti alimenta quella ormai flebile speranza che si possa ancora parlare, diffusamente, di cultura musicale." (Andrea Gaggero)

03/02/2014

Jazz al Nord (AA. VV. - Jazz In Italy in the 30s, 40s & 50s)- Valeria Loprieno

01/12/2013

Quattro chiacchiere con...Luca Bragalini: "...gli standard appartengono tanto al passato quanto al presente e molto probabilmente rimarranno al loro posto anche nel futuro." (Alceste Ayroldi)

06/11/2013

Storia del Jazz - Una prospettiva globale (Stefano Zenni)- Andrea Gaggero

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

22/02/2012

L'Italia del Jazz (Adriano Mazzoletti)-

08/01/2012

Per combattere la crisi bisogna avere delle idee forti e saperle mettere in rete collettivamente parlando, incontrandosi e discutendone...riuscire a trovare la "famosa" idea che deve fare la differenza. La crisi può essere anche una buona opportunità per cambiare, per ripensare a se stessi e alla propria identità culturale. (Cinzia Guidetti)

04/10/2010

Djangologists (The Rosenberg Trio feat. Birelì Lagrene) - Gianluca Caruso

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

30/05/2010

Paolo Fresu racconta il jazz attraverso la storia dei grandi trombettisti americani (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

28/02/2010

LEZIONI (chitarra): Terzo arrangiamento di un brano di Ellington: I Never Felt This Way Before (Mario Scottini)

28/02/2010

LEZIONI (chitarra): Quarto arrangiamento di un brano di Ellington: Don't Get Around Much Anymore (Mario Scottini)

15/11/2009

LEZIONI (chitarra): 10 brani di Duke Ellington in Chord Melody: Boy meets Horn (Mario Scottini)

24/09/2009

LEZIONI (chitarra): 10 brani di Duke Ellington in Chord Melody: Day Dream (Mario Scottini)

12/09/2009

La Touche Manouche (Salvatore Russo feat. Stochelo Rosenberg) - Marco Losavio

02/11/2008

Intermission Riff (Claudio Cojaniz)

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

18/10/2008

Adorno e il Jazz: "Scorrendo le considerazioni che Theodor W. Adorno ha dedicato alla musica jazz, non si può fare a meno di registrare un'avversione profonda, feroce e, spesso, fondata su imperdonabili pregiudizi. Nei saggi esplicitamente dedicati a questo fenomeno musicale, scopriamo che il filosofo tedesco considerava il jazz in maniera del tutto sprezzante, come una «musica da negri», una componente di quel processo generale di imbarbarimento in cui dovevano essere inscritte anche le forme di regressione dell'ascolto." (Giuseppe Rubinetti)

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

26/07/2008

I Segreti del Jazz (Stefano Zenni )

21/07/2008

28 giugno 1928. Ottanta anni fa. A Chicago Sei musicisti di colore capeggiati da Louis Armstrong incidono la storica "West End Blues". Stefano Zenni ci illustra le peculiarità di quell'esecuzione "...Una nuova concezione dell'assolo, l'idea che tu possa produrre un'idea, un discorso musicale coerente in perfetta solitudine...ha seminato la sintassi del jazz. Semplicemente..." (Marco Buttafuoco)

10/04/2008

Tribute To Duke Ellington - In The Time Forever (The Sax Four Fires Special guest Bob Mintzer)

29/02/2008

Roberto Bonati e i Sacred Concerts di Ellington a Parmafrontiere: "...il vasto ensemble, nel suo complesso, ha fatto sentire quel mix indicibile di spiritualità e sensualità, quel superamento della scissione fra arte e vita, fra danza e preghiera, fra religione e quotidianità proprio dell' arte africana prima e afro americana poi." (Marco Buttafuoco)

23/02/2008

La musica è la mia Signora (Duke Ellington)

30/11/2007

Django oltre il mito - la vita non americana al Jazz (Roberto G. Colombo)

28/04/2007

Jazz e Politica: Una città...jazz! Pavese, Mila, Gramsci & Co: Intellettuali e Jazzofili a Torino. (Franco Bergoglio)

27/04/2007

Le Opere in Digital Art di Bruno Pollacci sui grandi del Jazz.

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

03/03/2007

Stringology (Roberto G. Colombo)

13/08/2006

LEZIONI (chitarra): Continua l'analisi dello stile del grande Charlie Christian con un solo su Honeysuckle Rose tratto da una registrazione del 1939 (Pietro Nicosia)

23/02/2005

Reverie de Django (Marco Parodi & Les Swing Manouche)

23/01/2005

Bagno di folla al Teatro Nuovo di Salerno per la Big Band Swingtime, diretta da Antonio Florio, protagonista del concerto in occasione del trentennale della scomparsa del genio statunitense Duke Ellington.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.





Video:
Jo Jones, a magician on drums, in Caravan
Jo Jones is one of the greatest drummer in the history of Jazz. Most inventive, he frequently improvises the most unpredictable and bold breaks with a...
inserito il 30/12/2011  da - visualizzazioni: 3553
Frank Vignola Duo & Joscho Stephan Quartet - "Minor Swing" - Eddie Lang Jazz Festival 2011
Minor Swing played by Joscho Stephan quartet w/Frank Vignola & Vinny Raniolo @ Eddie Lang Jazz Festival.http://www.eddielang.org/ Gardens of Pigna...
inserito il 10/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3460
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (1 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2930
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (2 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2738
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (3 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 06/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3270
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Double Jeu" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 01/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3625
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Flamingo" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 30/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2703
Rosenberg Trio feat. Birèli Lagréne - "Artillerie Lourde" Live @ Pescara Jazz 2010 (HD video)
The Rosenberg Trio with Birèli Lagréne @ Pescara Jazz 2010 celebrating the 100th anniversary of Django Reinhardt's birth....
inserito il 30/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3268
The Rosenberg Trio - Nuages-Hungaria
...
inserito il 03/08/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2505
Stochelo Rosenberg & Salvatore Russo Trio "Djangology" Fiuggi International Guitar Festival
...
inserito il 29/07/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2388
Rosenberg Trio, Didier Lockwood : Sweet Georgia Brown
...
inserito il 05/07/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2234
Rosenberg Trio, Bréli, James Carter : SPAIN
...
inserito il 29/06/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2994
Rosenberg Trio, Biréli Double Jeu
...
inserito il 28/06/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2484
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 3066
Rosenberg Trio : Saint Louis BLues
...
inserito il 12/04/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2598
Tommy Emmanuel - Nuages
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2551
Frank Vignola - Tears
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2733
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 1
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3567
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 2
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2893
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 3
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2779
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 4
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2756
ROSENBERG TRIO "Melodie au Crepuscule" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 14/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2750
ROSENBERG TRIO "Flamingo - Daphne - Babik" (medley) Umbria Jazz Winter #17 Orvieto 2010
...
inserito il 10/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2587
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - Story Behind The Album
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1991
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 01. Tenderly
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1847
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 02. Clouds
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1949
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 03. How High The Moon
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2019
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 04 & 05 I've Got A - Young At...
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1793
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 06. Swing 39/Swing42
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2031
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 07. Sweet Dreams
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1864
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 08. Papermoon
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1932
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 09. Django's Castle
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1906
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 10. Swing 09
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1998
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - 11. NatureBoy
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 1864
Tommy Emmanuel & Frank Vignola - Just Between The Frets (2009) - Tommy About Frank Vignola
...
inserito il 07/01/2010  da fingerstyleheaven - visualizzazioni: 2153
ROSENBERG TRIO "Viper's Dream" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 04/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2047
ROSENBERG TRIO "Strange Eyes" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 03/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2333
Tears, by Stochelo Rosenberg-Florin Nicolescu & Kristiansand Symphonic Orchestra ! (HD)
...
inserito il 31/10/2009  da chelojavier - visualizzazioni: 2304
Stochelo Rosenberg Gypsy Jazz Guitar Lesson DVD Excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2730
Rosenberg Trio - " For Sephora " Jazz Manouche Chord Voicing lesson DVD excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2478
Gypsy Waltzes Featuring Stochelo Rosenberg DVD preview
...
inserito il 22/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2106
Rosenberg Trio plays Double Jeu in Hungary
...
inserito il 29/09/2009  da Djangodr0m - visualizzazioni: 2461
Joe Pass in Montreaux, 1975: Nuages
Il grande Joe Pass esegue "Nuages" di Django Reinhardt durante lo storico concerto del 1975 al Montreaux Jazz Festival....
inserito il 22/03/2009  da Wellesz - visualizzazioni: 2031
Romane-Stochelo Rosenberg - Gypsy Guitar Masters - Double Jeu
...
inserito il 14/01/2009  da ifharmony - visualizzazioni: 1856
Duke Ellington & His Orchestra - Satin Doll
In the early 1960s five jazz films were commissioned by a corporate sponsor -- one of which featured the Duke Ellington Orchestra.This piece includes ...
inserito il 13/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 2429
Duke Ellington: Take The "A" Train
Duke Ellington: Take The "A" Train...
inserito il 15/06/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2514
Stochelo Rosenberg finds a 1947 Selmer Guitar
...
inserito il 31/05/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 1832
A Dukeish Blues
Guitarist Russell Malone sits in with the Billy Taylor Trio (Dr. Billy Taylor, piano; Chip Jackson, bass; Winard Harper, drums)...
inserito il 23/05/2008  da ToucheTurtle - visualizzazioni: 2512
Rosenberg Trio - Rose Room
...
inserito il 09/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2114
Stochelo Rosenberg - Limehouse blues
...
inserito il 04/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2470
stochelo rosenberg
...
inserito il 17/03/2008  da harklu - visualizzazioni: 1764
The Rosenberg Trio - "Les Yeux noirs"
...
inserito il 20/02/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2041
Django Reinhardt Clip 1945
Django plays his guitar....
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1774
Stochelo Rosenberg - Improvisation
...
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1740
Stochelo Rosenberg - For Sephora
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1915
Stochelo Rosenberg - J'attendrai
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1945
Trio Rosenberg - Nuages
...
inserito il 03/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2240
Duke Ellington - Perdido (1964)
UK TV concert -featured Paul Gonsalves...
inserito il 25/01/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2190
Duke Ellington - It don't mean a thing (1943)
Duke Ellington and his orchestra playing this awesome tune in 1943., , "It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing)" is a 1931 compos...
inserito il 03/01/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 2049
Oscar Peterson: Caravan (Duke Ellington) 1986
Oscar Peterson: Caravan (Duke Ellington) 1986 Il nous a quitté le 26 Decembre 2007...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 1940
Oscar Peterson: Take the "A" Train (Duke Ellington)
Oscar Peterson: Take the "A" Train (Duke Ellington)...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2313
OSCAR PETERSON : LUSH LIFE ( Billy Strayhorn-Duke Ellington)
Lush Life Concert Bern 1986 Oscar Peterson Trio...
inserito il 01/01/2008  da jazzart1 - visualizzazioni: 2405
Duke Ellington - C Jam Blues (1942)
A 1942 recording of C Jam Blues beformed by Duke Ellington and a collection of other Jazz giants in a famous recording called "Jam Session"....
inserito il 07/09/2007  da RCO64 - visualizzazioni: 2207
Charles Mingus Sextet featuring Eric Dolphy Take The A Train
Take The A Train, tune of Billy Strayhorn interpreted by Mingus Sextet in Oslo., Charles Mingus Double Bass, Eric Dolphy Bass Clarinet, Dannie Richmon...
inserito il 01/09/2007  da 27max - visualizzazioni: 2357
Rosenberg Trio, Bireli Lagrene, Escoude - Summertime
...
inserito il 14/08/2007  da Blhite - visualizzazioni: 2274
dark eyes
...
inserito il 10/06/2007  da gypsymood - visualizzazioni: 2093
Django Reinhardt in Den Haag
Jazz Concours 1937...
inserito il 06/12/2006  da Fouilly - visualizzazioni: 1788
Duke Ellington - Flamingo
Duke Ellington Orchestra with Herb Jeffries on vocals...
inserito il 27/10/2006  da janklompstra - visualizzazioni: 2045
Stochelo Rosenberg Home in his trailer
...
inserito il 22/08/2006  da dirkthai - visualizzazioni: 1652
Rythme futur Stochelo Rosenberg
...
inserito il 27/06/2006  da zogluck - visualizzazioni: 1609
Stochelo Rosenberg & Biel Ballester Trio - Swing 48
...
inserito il 07/03/2006  da Graci - visualizzazioni: 2013


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 30/1/2010 alle 16.26.28 da "fragen2007"
Commento:
Davvero un grande e speciale tributo alla memoria e all' approfondimento della figura dell'Artista Django, reso in un toccante ed appassionato articolo , e tramite un apprezzabile commento storico e tecnico-musicale che ci restituisce intatta la sua geniale unicità fra i protagonisti del jazz mondiale di tutto il novecento.
Un saluto a tutti i lettori .
Francesco Genco-Gioia del Colle (Ba)
 


Questa pagina è stata visitata 9.611 volte
Data pubblicazione: 23/01/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti