Jazzitalia - Articoli: Frank Sinatra, Le radici siciliane di The Voice
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Frank Sinatra
Le radici siciliane di The Voice

(Hoboken, New Jersey, 12 dic 1915 - Los Angeles, California, 14 mag 1998)
di Claudio Lo Cascio



Estratto atto di nascita di Antonino Sinatra

"Roots" le "radici" cioè, l'elemento che accomuna più di ogni altro gli uomini agli alberi e che, nel nostro caso, stabilisce una precisa connessione tra Frank Sinatra e la Sicilia.

I
nnanzi tutto con Lercara Friddi, che lo scorso luglio gli ha dedicato, per il secondo anno, una tre giorni di iniziative varie, musicali, culturali, gastronomiche ecc. tutte racchiuse nella formula "My Way Festival" che ha avuto anche il merito di proporre le basi per un approfondimento degli studi dedicati da anni da due scrittori irlandesi, Anthony Summers e Robbyn Swan - autori del libro "Sinatra -The Life" - al grande oriundo siciliano che durante la sua lunga carriera ha venduto qualcosa come 600 milioni di dischi, vinto un Oscar (nel 1953 per il film "Da qui all'eternità") ed un Grammy (nel 1995 per l'album "Duets") ed inoltre ha recitato in 66 films a partire dal 1942. Nella brochure del "My Way Festival" l'albero genealogico della famiglia Sinatra indica in Lercara il luogo di origine, dove nonno Francesco, (che era calzolaio), sposò Rosa Saglimbeni dalla quale ebbe cinque figli; di questi solo i primi due, Isidoro e Salvatore, videro la luce a Lercara, rispettivamente il 5 Febbraio 1884 in Via Principessa Margherita 32, e il 19 Gennaio 1887 in Via Vasca, mentre gli altri tre, Antonino – padre di Frank Sinatra – Angelina e Dorotea nacquero a Palermo.

Da una verifica presso i Servizi Demografici del Comune di Palermo sono venuti fuori i certificati di nascita dei tre fratelli Sinatra nati a Palermo, e cioè Antonino, Angela e Dorotea, nati rispettivamente il 4 Maggio 1894, il 2 Ottobre 1896 e il 23 Dicembre 1898; da un'indagine più approfondita sui registri degli atti integrali di nascita dell'epoca si è potuto stabilire l'ubicazione esatta della casa natale di Antonino (via Settecannoli 591) e quella di Angela e Dorotea (via Settecannoli 600).

Poichè della via Settecannoli non c'è più ormai alcuna traccia da quasi un secolo è stato necessario fare uno studio di carattere toponomastico con il soccorso anzitutto di un caro amico e grande storico della Palermo che fu, Gaetano Basile, che dopo una accurata consultazione dei suoi incredibili archivi ha accertato che la Via Settecannoli si chiama oggi Via Musica d'Orfeo (nome derivato da una taverna in cui un affresco riproduceva Orfeo con la sua lira), che è una stradina che si trova verso la fine di Corso dei Mille all'altezza del civico 755, e che collega Corso dei Mille con Via Cirincione, ma troppo corta per comprendere tanti numeri civici.

Così mettendo assieme la pazienza e la competenza di Gaetano Basile e di un altro caro amico, l'architetto Michele Salamone, dallo studio di antiche mappe di Palermo è venuto fuori che la via Settecannoli che comprendeva i numeri civici 591 e 600 è oggi il tratto di Corso dei Mille che và da Via Amedeo d'Aosta a Via Salemi e che la Via Musica d'Orfeo ne è una parte superstite.

Frank Sinatra with his fateher, Anthony "MArthy" SinatraSecondo le biografie ufficiali la famiglia di Sinatra emigrò a Hoboken, nel New Jersey quando Antonino aveva solamente un anno, e cioè nel 1895, ma non è vero, perché altre due sorelle sono nate a Palermo dopo Antonino, e cioè Angelina e Dorotea, rispettivamente nel 1896 e nel 1898. A Hoboken papà Francesco trovò lavoro in una fabbrica di matite, mentre mamma Rosa avviò un piccolo negozio di alimentari; Anthony iniziò a lavorare come apprendista calzolaio, poi passò a fare della boxe come peso gallo col nome opportunamente irlandesizzato di Marty O'Brien perchè gli Italiani non erano benvenuti nel mondo del pugilato.

Frank Sinatra with his mother, Natalina GaraventaLa madre di Sinatra, Natalina Garaventa, che in famiglia chiamavano Dolly, nacque il 26 dicembre 1896 a Rossi di Lumarzo (Genova), un paesino situato nell'entroterra della Riviera ligure di Levante dove il padre faceva il tipografo; da bambina parte con la famiglia per l'America dove a 18 anni, nel 1914, sposerà Antonino "Marty" Sinatra. I genitori di Dolly erano contrari al matrimonio, e non approvavano Marty, perché non era capace di leggere e scrivere, e non era neanche un buon pugile, così il 14 Febbraio 1914, Marty fuggì con Dolly a Jersey City, dove si sposarono. Marty e Dolly si stabilirono quindi al n° 415 di Monroe Street ad Hoboken ed è qui che il 12 Dicembre 1915, ebbero il loro unico figlio Francis Albert Sinatra che vide la luce dopo un parto molto travagliato: quasi nessuno sa che Frank Sinatra avesse una lunga cicatrice che partendo da sotto la guancia sinistra continuava in parte del collo e dietro l'orecchio oltre ad un timpano perforato, ricordo doloroso dell'uso del forcipe all'atto della sua nascita.
Nel 1919 il voto concesso alle donne favorì le ambizioni di Dolly, ostetrica diplomata, che decise ad un certo punto di impegnarsi in attività sociali e in politica, raggiungendo ben presto una posizione importante nella organizzazione locale del Partito Democratico rastrellando i voti degli emigranti liguri del New Jersey. Marty continuò la sua carriera di pugile, che abbandonò dopo 30 combattimenti professionali; durante la Grande Guerra, aveva lavorato nei Cantieri Navali di Hoboken, finchè non aveva dovuto ritirarsi per problemi di asma. Gestì poi un bar, acquistato con un prestito ottenuto dalla suocera che aveva una salumeria; cessato anche questo lavoro, Dolly lo aiutò a trovarne un altro, nel Corpo dei Vigili del Fuoco di Hoboken, dove assurse in seguito al grado di Capitano. Mentre era ancora Capitano, Marty e Dolly aprirono una taverna denominata "Marty O'Brien's", e grazie alle maggiori entrate, la famiglia Sinatra poté trasferirsi in un appartamento di tre stanze, a pochi isolati di distanza da Monroe Street, ma fuori da Little Italy. Marty morì per un attacco cardiaco il 24 Gennaio 1969, all'età di 74 anni. accompagnato all'estrema dimora dall'ormai celebre figlio Frank e seppellito al Desert Memorial Park di Cathedral City in California. Dolly morì il 6 Gennaio 1977, a 81 anni, in un incidente aereo mentre era diretta a Las Vegas in Nevada per assistere ad un concerto del figlio Frank; è stata seppellita al Desert Memorial Park di Cathedral City in California accanto al marito Anthony.

Frank Sinatra with Bing CrosbyIl giovane Frank, che da ragazzo a scuola veniva additato come «bastardo di un italiano», avrebbe avuto sicuramente dei problemi a farsi accettare dagli altri ragazzi di Hoboken se non avesse saputo battersi, come era perfettamente in grado di fare, grazie agli insegnamenti del babbo e dello zio materno Dominic Garaventa, anch'egli pugile col nome di Babe Sieger.

Per anni, dopo avere lasciato la scuola, il giovane irruento Sinatra cantò ai matrimoni degli italo-americani che potevano permettersi un'orchestrina per la cerimonia, avendo sempre in testa il chiodo fisso di emulare il grande Bing Crosby, finchè non gli riuscì di attraversare l'Hudson ed arrivare a Manhattan, a Broadway. "Un cantante come Sinatra s'incontra una sola volta nella vita, ma perché proprio nella mia vita?" Così avrebbe detto poi Bing Crosby, scherzando ma non troppo, quando il giovane Frank diventò per tutta l'America "The Voice".

A Broadway nella primavera del 1939 cominciò a cantare con l'orchestra del trombettista Harry James per un primo salario di 75 dollari alla settimana; sempre orgoglioso delle sue origini, Frank, pur consapevole di mettere a serio rischio il primo importante ingaggio della sua vita, rifiutò di cambiare il suo nome in "Frank Satin" come avrebbe voluto Harry James; sei mesi più tardi faceva un nuovo salto in avanti, diventando il cantante principale dell'orchestra del trombonista Tommy Dorsey.

L'attaccamento alle sue origini è dimostrato inoltre dal fatto che i suoi uomini di fiducia sono stati sempre Cilly Rizzo e Tony Oppedisano, oriundi anche loro, né più né meno dei suoi produttori, Phil Barone e Hank Cattaneo.

La cittadina di Hoboken il 13 ottobre 1947 ha istituito il Frank Sinatra Day.

Frank Sinatra è morto il 14 Maggio 1998 all'età di 83 anni; è stato seppellito al Desert Memorial Park di Cathedral City in California accanto ai genitori.

Sempre in tema di "radici" è venuto il momento di fare un'analisi strutturale dell'enorme successo di Frank Sinatra dal punto di vista tecnico-musicale: e cioè stabilire quanto è giusto riconoscere al nostro e quanto è altrettanto giusto riconoscere agli arrangiatori delle orchestre con cui ha realizzato i suoi grandi successi.

Nel 1990 è apparsa in Italia una serie di tredici videocassette di concerti, shows e trasmissioni TV di Sinatra; in quella intitolata "The Man and his Music" realizzata con materiali registrati nel 1981 è contenuto un celeberrimo brano che è illuminante anche per i non addetti ai lavori: "I Get A Kick Out Of You", che Sinatra canta accompagnato "eccezionalmente" solo da un quartetto costituito da pianoforte, contrabbasso, batteria e chitarra elettrica (il suo fedelissimo Tony Mottola, oriundo anche lui). Il risultato rispetto alla versione arcinota in cui Sinatra canta il pezzo con l'accompagnamento orchestrale è paragonabile alla visione ipotetica di un balletto in cui Fred Astaire danzi scalzo, senza cioè le sue famose "claquettes"; in vari punti del pezzo Sinatra abbozza poi gesti e accenti che "appartengono alla versione con orchestra" realizzando però una versione "normale" che mette in assoluta evidenza la mancanza dell'apporto fondamentale dell'arrangiatore della versione orchestrale del pezzo, in questo caso Neal Hefti (in altri casi saranno Quincy Jones, o Billy May, o Don Costa, oppure Nelson Riddle, ecc.).

Allargando l'analisi strutturale a tutti i suoi successi si evince quanto sia stata determinante l'opera degli arrangiatori che scrivevano per lui confezionandogli abiti sonori su misura come farebbe una schiera di grandi sarti del pentagramma.


1941 - Tommy Dorsey Orchestra

Sulla "jazzità" delle sue interpretazioni và fatta poi una considerazione: Sinatra iniziò la sua ascesa come cantante di due importanti orchestre jazz, prima quella del trombettista Harry James e successivamente quella del trombonista Tommy Dorsey; seguì una parentesi lunga molti anni in cui nel suo repertorio prevalsero le canzoni confidenziali, da crooner, che gli procurarono fans a legioni, soprattutto donne, le famose "Bobby-Soxers" (ragazzette con i calzini bianchi) allineate in code chilometriche fuori dai teatri dove si esibiva il loro "Ol' blue eyes".
Frank Sinatra with Nelson RiddleA partire dal 1953, anno del suo passaggio alla Capitol Records, si nota nella sua produzione una progressiva accentuazione dell'elemento jazzistico grazie agli arrangiamenti di grandi musicisti come Billy May e, soprattutto, Nelson Riddle. Il 14 marzo 1953, infatti, Frank Sinatra, dopo avere lasciato la Columbia, venne scritturato dalla Capitol Records, che aveva lanciato artisti come Nat King Cole, Peggy Lee e Stan Kenton. Come arrangiatore gli fu scelto Nelson Riddle, un emergente che aveva già firmato numerosi successi di Nat King Cole, fra i quali "Mona Lisa" e "Unforgettable". Ma Sinatra, nell'intento di ricreare l'atmosfera delle sue hits con la Columbia, a dirigere l'orchestra che lo avrebbe accompagnato richiamò il suo amico Axel Stordahl.

Frank Sinatra with Billy MayIl 2 aprile 1953, con un'orchestra di 20 elementi, vennero incisi quattro brani. Uno di essi, "I walking behind you", entrò subito in classifica e vi rimase 10 settimane, arrivando al settimo posto.
Per le successive incisioni, e contro le insistenze della Capitol che voleva ancora imporre Riddle come arrangiatore, Sinatra scelse Billy May, un artista che non utilizzava archi, ma solo una big band di fiati (quattro trombe, quattro tromboni, cinque sax più la sezione ritmica di 4 elementi) che gli diede l'opportunità di sfoderare il suo senso dello swing.

"I've got the world on a string" fu la prima canzone ad essere incisa nel 1953 con il nome di Nelson Riddle sia come arrangiatore che come direttore d'orchestra. Frank si convinse finalmente a utilizzarlo come arrangiatore anche perchè Axel Stordahl si trasferì a New York per lavorare con Eddie Fisher. "Nelson Riddle, a differenza di Billy May che ho visto preparare gli arrangiamenti in un angolo dello studio fino a pochi istanti prima della registrazione – diceva Sinatra – si presentava in studio con tutti gli arrangiamenti pronti e tutto accuratamente preparato. Frank Sinatra with Neal HeftiCon Nelson è stato un matrimonio felice; aveva un modo fresco di orchestrare e io mi ero adattato perfettamente a quello che lui faceva. Nelson è una sorta di tranquillante, calmo, leggero, quasi distaccato".

La scrittura di Riddle, come quella di pochi altri arrangiatori, è immediatamente riconoscibile. È il cosiddetto "Riddle Sound", che sul lato strumentale è basato sull'uso del flauto, della tromba con sordina (harmon-muted), del clarinetto basso, del trombone basso, unito a una scrittura finissima e molto evoluta per gli archi e per i legni che spesso utilizzava come "sustained string", ricorrendo al termine che usava Tommy Dorsey per definire gli archi che suonano note lunghe di supporto armonico, lasciando contromelodie e accenti ai fiati. Si trattava di una tecnica studiata dall'arrangiatore di Dorsey, Sy Oliver, già trombettista e arrangiatore storico dell'orchestra di Jimmy Lunceford, che aveva compreso come creare, con questo sistema, un suono raffinato ed eccitante.

Frank Sinatra with Quincy JonesNelson Riddle impose, soprattutto con Sinatra, una strutturazione precisa della canzone attraverso l'arrangiamento. Nei suoi arrangiamenti, la prima parte della canzone è di solito accompagnata da insistenti contromelodie dei fiati in piano o mezzo piano, con cantante che "espone il tema", canta cioè distesamente. Segue un intermezzo ritmico che crea il crescendo, e infine l'orchestra espone il tema della canzone, talvolta anche con un assolo. Nella seconda parte invece si scatena, lasciando al cantante la possibilità di esprimere tutte le proprie capacità vocali gareggiando con gli strumenti. Di solito la chiusura è in diminuendo, anche se non sempre. Sono tutte le qualità che si possono trovare nelle sue scritture per Sinatra: in esse Riddle dà il meglio di sé. Non si ripete mai, raramente ripropone le stesse formule. Trova invece sempre soluzioni originali e nuove, mostrando addirittura una crescente evoluzione stilistica nel corso del tempo. Non a caso, la loro collaborazione è il sinonimo stesso dello stile di Sinatra negli anni della Capitol e successivi.

Una ulteriore accentuazione dell'elemento jazzistico nella discografia di Sinatra si ha in tre album realizzati con il sostegno della mitica orchestra di Count Basie, e cioè: "Sinatra-Basie" (1963) con gli arrangiamenti orchestrali di Neal Hefti, "It Might As Well Be Spring" (1964) e "Sinatra At The Sands" (1966) entrambi con gli arrangiamenti orchestrali di Quincy Jones.

Si potrà discutere infine sulla percentuale del successo che spetti personalmente a Sinatra e su quella da riconoscere ai suoi arrangiatori, Nelson Riddle, Neal Hefti, Billy May, Quincy Jones, Don Costa ecc., veri registi occulti dei suoi successi, ma una cosa è assolutamente certa: senza quegli arrangiamenti "il Re sarebbe (un po') nudo".






Articoli correlati:
20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

03/02/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Delre: "Ritengo che gli studi classici abbiano contribuito enormemente alla mia formazione e al mio background musicale." (Alceste Ayroldi)

27/11/2011

Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano "Some Of These Days". Dal bianco lezioso di Sophie Tucker allo splendido universo sonoro di Ella Fitzgerald (Franz Falanga)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)

24/05/2006

Frank Sinatra Story (Claudio Lo Cascio & his Sicilia Jazz Big Band)

26/06/2004

Un concerto memorabile al Palatrussardi di Milano. Il 28 settembre del 1986, Frank Sinatra, incantò la platea milanese lascinado ricordi indelebili nella mente dei numerosissimi fan presenti. (Fulvio La Cognata)





Video:
Walter Ricci - "I've Got The World In A String" (HD Music Video 21:9 super widescreen)
Walter Ricci live in Isernia (Italy) at Eddie Lang International Jazz Festival 2011http://www.eddielang.org/Walter Ricci, vocalsMichele Di Martino, pi...
inserito il 06/09/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2202
Frank Sinatra & Count Basie Orchestra, in "I've got you under my skin", Tv Show, 1965.
Jazz at its best....
inserito il 25/08/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 958
Clark Terry receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award
Legendary Jazz Trumpet and Flugelhorn player, Clark Terry, receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award on January 30th, 2010 in Los Angeles. D...
inserito il 02/02/2010  da bigeyezzzzzzz - visualizzazioni: 1124
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 1264
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 1110
The BOBCATS " Big Noise From Winnetka " !!!
RARE OLDIES SOUNDIES WITH THE BOBCATS ! The Bob-Cats, was a Dixieland jazz group with members from the Bob Crosby Orchestra. Both the Bob Crosby Orche...
inserito il 09/04/2009  da JUSTASITTINANDAROCK - visualizzazioni: 1114
Tribute Frank Sinatra MC
video clip di esordio di Massimiliano Ciravolo prodotto da polestar srl e diretto da Mohamed Bashir Abukabda e Paolo poletti.per maggiori informazioni...
inserito il 26/03/2009  da ciravolochannel - visualizzazioni: 1455
Tommy Dorsey - Marie
From the movie "The Fabulous Dorseys" (1947) with Janet Blair and singer Stuart Foster....
inserito il 10/01/2009  da miclu1960 - visualizzazioni: 837
Can't We Be Friends/ Frank Sinatra
with Ella Fitzgerald...
inserito il 15/03/2008  da AKUSEL8 - visualizzazioni: 959
Herbie Hancock jams with his Fairlight CMI
Herbie shows off while Quincy Jones looks on. Taken from VHS recording of 1984 documentary "I love Quincy" http://ftvdb.bfi.org.uk/sift/titl...
inserito il 07/12/2006  da froady - visualizzazioni: 1450


Inserisci un commento


© 2000 - 2014 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 13.621 volte
Data pubblicazione: 26/09/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti