Jazzitalia - Articoli: Quattro chiacchiere con...Annarita Romito
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quattro chiacchiere con...Annarita Romito
agosto 2014
A cura di Alceste Ayroldi

Annarita Romito è una cantante, scrittrice e compositrice pugliese che ha pubblicato un lavoro editoriale e musicale che mette in relazione Frida Khalo e Tina Modotti ("Tina e Frida. Creación y vida", Fal Vision editore, collana Scrigno).

Qual è la liaison tra Annarita Romito, Frida Khalo e Tina Modotti?
Da parecchi anni studio queste due grandissime donne e artiste. Nel tempo, mi sono appassionata sempre più a loro. Partii da Tina Modotti (per poter comporre il testo di "Tina's mood", un brano medium latin del grande Felice Mezzina, mio sassofonista). Da Tina a Frida, il passo è davvero breve. I loro percorsi di vita, sono concatenati l'uno all'altro. In questo mio libro il legame tra le due protagoniste viene raccontato. Due donne, una sola anima: l'Arte. Completamente affascinata da Tina e Frida, sentì forte il desiderio di dar vita a un nuovo progetto musicale: il cd allegato a questo mio primo saggio.

E tra Tina Modotti, Frida Khalo e il jazz?
Tina, eccelsa fotografa (grandiosa capostipite del reportage fotografico); Frida, straordinaria pittrice (per gli intellettuali del tempo, icona del surrealismo); il jazz, espressione musicale (tra le più alte). Dunque, denominatori comuni tra Tina Modotti, Frida Kahlo e il jazz sono la Cultura, l'Arte, la Storia.

Parli anche dei sentimenti di entrambe e li accomuni: il viaggio, la passione e il dolore. E per Annarita Romito cosa significano?

Per me, rappresentano la vita. La passione e il dolore (come per Tina e Frida), aspetti intrinseci della mia esistenza. Il viaggio, è per me (come per Frida) sinonimo di libertà...libertà, dalla mia impossibilità di movimento (da donna con diversabilità' motoria).

A chi delle due ti senti più vicina e perché?
Adoro entrambe le artiste. Con entrambe, vi sono analogie: mio padre era un grandissimo fotografo (anche, molto conosciuto). Ho vissuto la fotografia (come per Tina), sin da piccola. La mia dolcezza e il mio farmi portavoce di chi voce non ha (attraverso i miei impegni nel sociale: sono Presidente dell'associazione culturale DiversArte, che si occupa di arte, culturale e diversabilità), mi accomuna, ulteriormente, alla Modotti. Detto ciò, mi sento più vicina a Frida Kahlo. Mi rispecchio molto nelle sue sofferenze fisiche, nel suo sperare di guarire dalla propria condizione fisica ed esserne delusa nelle aspettative. Sono, come lei: combattiva e determinata, schietta. Come lei, vivo d'amore e di passione che per me, sono due aspetti importanti dell'esistenza umana. Anche, in tutto ciò che facciamo e siamo.

Se entrambe fossero cresciute e vissute oggi, secondo te sarebbero diventate ciò che sono e ciò che rappresentano?
Forse sì, forse no. Tina Modotti e Frida Kahlo, hanno dato e lasciato una loro forte impronta nell'ambito socio-storico-culturale di quel periodo. Sono appartenute a quel tempo. Le Loro esistenze, hanno dato e avuto grande significato in relazione al contesto del Messico degli anni Venti. Credo che, ogni artista, caratterizzi il proprio tempo (e ne venga, da esso, caratterizzato/ta).
Io, spesso, mi domando: "nella società odierna, esiste una Modotti, una Kahlo? E, se sì, quale tipologia di donna sarebbe meritevole di tal paragone?". Non so rispondere.

Oggi, pensare come loro quanto sarebbe importante?
Editorialmente parlando, è stato ciò che mi ha fatto sentire l'esigenza di creare un nuovo progetto discografico: parlare di entrambe a tante persone; di riportarle in luce sia con le parole, che con la musica. Questo mio sogno si è avverato grazie alla eccellente FaLvision Editore (la casa editrice che ha prodotto e sta promuovendo il libro). Un grazie, di cuore (per aver creduto, fortemente, in questo mio progetto), al mio eccezionale editore, Luciano Maria Pegorari. Pensare come loro, oggi, non sarebbe semplicemente importante, ma fondamentale. Tina e Frida, ci insegnano il senso di appartenenza alla società in cui si cresce e si vive, mediante il proprio costante e concreto contributo che, Esse stesse, ci hanno donato e ci hanno lasciato come patrimonio umano ed artistico.

Tu sei una scrittrice, compositrice e cantante. Hai mai pensato di dedicarti anche alla pittura e alla fotografia?
Sono affascinata da tutte le forme d'arte. La fotografia ha fatto parte di me, attraverso mio padre (che, non c'è più, da dieci anni): lui, era l'artista nel campo della fotografia. La mia attitudine artistica (tra l'altro, la musica è la mia professione, da anni), risiede nel campo musicale, della composizione e della scrittura. La pittura mi piace, ma non la sento mia come espressione artistica.

Parliamo del cd allegato al tuo libro? Sono composizioni originali? Chi suona con te?
Il cd, allegato al libro è di musica originale, d'autore intrisa di sonorità jazz. In questo mio disco hanno lavorato dei grandissimi musicisti (dell'ambito jazzistico): Vito Liturri (al piano); Felice Mezzina e Vincenzo Antonicelli (ai sax); Simona Armenise (alla chitarra classica ed elettrica); Giovanni Chiapparino (alle percussioni). La sottoscritta: voce, nonché autrice dei testi e, in parte, compositrice delle musiche. Ognuno di noi ha contribuito nella composizione delle musiche. È stata una gran bella esperienza di cooperazione artistica e di condivisione. Li ringrazio, tutti profondamente.

Annarita, a parte la musica di cos'altro ti occupi?
Come detto prima, sono (da più di qualche anno) impegnata nel sociale. Attualmente, sono tornata pienamente a vivere la mia professione artistica (che ora è a questa sognata svolta). Ora come ora, intendo dedicarmi completamente alla mia carriera.

Come sei approdata al jazz? Chi è stato il tuo mentore?
Non ero ancora maggiorenne quando ho cominciato i miei studi in canto jazz (presso la rinomata scuola jazz barese "Il Pentagramma") con, dapprima, Mariella Carbonara e poi con Paola Arnesano. Più di dodici anni di studi in canto jazz; tecnica corale (con Paola Arnesano e Gianna Montecalvo); sempre con Paola Arnesano, tre anni consecutivi di improvvisazione jazz; composizione, armonia ed arrangiamento con Guido Di Leone; musica di insieme e laboratorio orchestrale con Felice Mezzina (per tre anni consecutivi). Di anno in anno, mi sono sempre più innamorata del jazz. Di pari passo con la tecnica vocale, ho studiato storia del jazz.

E chi è il tuo punto di riferimento artistico?
Non ho un solo artista, come punto di riferimento. Attingo, stilisticamente, da alcune grandissime vocalist: da Ella Fitzgerald a Billie Holiday, da Sarah Vaughan a Dinah Washington, Diana Krall, Cassandra Wilson...Il mio repertorio, comprende anche il blues, la bossanova, il gospel, lo spiritual (i cosiddetti "generi affini"). Adoro Dizzie Gillespie, Duke Ellington, Bill Evans, e tanti altri giganti del jazz.

A quali altri progetti stai lavorando?
A breve comincerò a lavorare al prossimo libro con disco, che sarà strettamente legato alla storia del jazz e riserverà delle magnifiche sorprese!











Video:
Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 17/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 2621


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 763 volte
Data pubblicazione: 31/08/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti