Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista ad Antonella Mazza
1 aprile 2006 - Bari, Teatroteam
di Marco Losavio e Alceste Ayroldi

Contrabbassista, bassista, suona jazz, pop, rock, funk...partecipa a spettacoli teatrali...una musicista eclettica, pronta ad assorbire gli insegnamenti dei Maestri, tenace nell'apprendere e nell'essere sempre professionale, si prodiga nella sua attività alla ricerca di un percorso e di una costante soddisfazione interiore. Antonella Mazza la incontriamo prima di una delle tappe del tour dello spettacolo di Bertolino ("Voti a perdere") nel silenzio di un teatro ancora vuoto...

J.I: Come è nata la tua passione per basso e contrabbasso?
A.M.: E' da 15 anni che cerco una risposta ad effetto ad una domanda ricorrente…ma non l'ho ancora trovata! In realtà per caso. Suonavo la chitarra in un gruppo di amici, un tributo ai Beatles. Tutti volevano essere Lennon, così ho preso io il posto di McCartney. Dopo un po' di anni un mio amico che suona il basso tuba mi ha detto: "devi studiare la musica seriamente, in Conservatorio". Ma non si poteva studiare il basso elettrico, c'era il contrabbasso però…e ci siamo scoperti solo per caso…e per non lasciarci mai! Una donna che lo suona è piuttosto raro, poi nella realtà del sud dove sono nata e cresciuta, la Calabria, lo era ancora di più. Ma di questo non avevo consapevolezza all'epoca, suonavo perché mi piaceva e basta.

J.I: Se tu dovessi definire la tua tecnica ti potresti riferire a qualche bassista in particolare? A quale artista, non necessariamente un musicista, ti ispiri?

A.M.: Non so definire la mia tecnica. Cerco di attenermi alla tecnica generica, a quella da manuale. Personalizzo tutto, plasmo tutto sulle mie mani e sul mio cervello! Lo semplifico a mia immagine e somiglianza ma spesso il risultato risulta più complicato del normale…ma è mio, mi viene naturale, è come il linguaggio, spesso mi prendono in giro perchè uso dei termini "aulici", a volte fuori tempo e stile…ma sono fatta così. I miei miti…fonte di ispirazione quotidiana…Jaco Pastorius e Marcus Miller per quanto riguarda il basso elettrico. Ron Carter e Ray Brown per il contrabbasso, Duke Ellington il mio artista preferito! In questo periodo ho ripreso a studiare…per l'ennesima volta…di solito al lunedì si inizia la dieta, io inizio un metodo…Suono sempre ma studiare e suonare non sono sempre sinonimi. Ai tempi del conservatorio studiavo anche per dieci ore al giorno. Quando inizi a suonare in giro spesso purtroppo ci si trova a farlo in maniera meccanica, usi clichè e "turnismi". Quando inizio ad annoiarmi di me stessa, a copiarmi da sola capisco che mi sto ripetendo ed è il momento di cercare nuovi stimoli. Bisogna studiare, sempre. Come bassista elettrico non ho una tecnica particolare, sono autodidatta. Ho studiato e studio molto il contrabbasso, è uno strumento che non ti consente di inventarti la tecnica, al limite di personalizzarla. Il contrabbasso richiede molto studio: se non lo studi anche per soli due giorni, sei fregato, te la fa pagare! Ho una cassettina che mi diede il mio maestro Ezio Pederzani, primo contrabbasso della Scala. Un dono che faceva solo a pochi eletti perché contiene la sua tecnica. C'è la sua voce che passo dopo passo mi accompagna per un‘ora nello studio. Parte con un campanellino, poi lui che dice: "allora adesso iniziamo: dieci minuti di trilli 1-3 poi dieci minuti di trilli 1-4, su tutte le corde, spostandosi di mezza posizione". Quando si arriva in fondo…col fiatone e le dita gonfie…che sensazione di benessere! Un lavoro estenuante ma, al contempo, entusiasmante; e poi la voce del maestro come fosse ancora seduto in cattedra accanto alla finestra a guardarmi, lo sento vicino, che respira o che fuma.

J.I: Dal punto di vista didattico, quindi, chi ti ha lasciato un segno?
A.M.: Sono stata sempre molto fortunata da questo punto di vista. Nel mio percorso di formazione ho incontrato grandi maestri. Ho iniziato con Rino Zurzolo che mi diceva: "devi fare mezz'ora di arco e mezz'ora di pizzicato". Zurzolo mi ha insegnato una visione della musica a 360 gradi. Pederzani, sicuramente, il rigore dello studio…anche se ero un po' la pecora nera della sua classe perchè studiavo la classica ma facevo già jazz. Il primo giorno che mi sono trasferita nella sua classe da un altro Conservatorio mi ha detto: "Sai che Toscanini non voleva donne in orchestra? Suonami una scala e poi vediamo se puoi entrare in classe". Suonai una scala di SOL vibrante di terrore! Ma sono diventata una sua allieva. E poi Enzo Lo Greco, che mi ha insegnato il mestiere del bassista, mi ha insegnato gli stili e come approcciarmi diversamente a questi. I suoi consigli sono stati e sono tutt'ora preziosi. Riccardo Fioravanti, altro musicista che mi ha insegnato tantissimo. Così come Attilio Zanchi con cui condivido un progetto di tre contrabbassi.

J.I: Quindi sembra di capire che non esista un percorso didattico univoco. Bisogna diffidare un po' di un unico punto di riferimento come può essere una scuola…
A.M.: Diffidare della scuola no. Soprattutto adesso che vi è una scelta di scuole molto varia e d'estrema professionalità. Bisogna solo stare attenti a non rimanere ingabbiati. Il lavoro del musicista è un'altra cosa e si impara solo sul campo. La bravura di un musicista, così come fanno i grandi, è di riuscire a farsi capire e allo stesso tempo di capire. Il bassista deve riuscire a interpretare il ruolo che sta ricoprendo ogni volta in mille situazioni diverse, scegliere le note e il modo più giusto sia se sta accompagnando un attore (così come avete sentito nelle prove) che un cantante o un altro strumento. Alcune volte anche a me viene voglia di scappare, di uscire fuori dalla griglia. Ma non è così. Bisogna essere professionisti.

J.I: Se dovessi salire sul palco adesso: la prima cosa che ti verrebbe in mente di suonare quale sarebbe?
A.M.: ...(ci pensa un po') America di Jaco Pastorius. In questo periodo mi trovo spesso a suonarla, da sola a casa, quando mi siedo e prendo in mano lo strumento, è il primo pezzo che mi viene in mente…forse Jaco mi sta mandando un segno!

J.I: Attraversi, con estrema facilità ed abilità, generi musicali e artistici in generale: dal pop al jazz passando per il cabaret: c'è un genere che senti "tuo"?
A.M.: Il genere che io sento è il jazz. Non solo come musica, il Jazz è uno stile di vita. La ricerca delle note più belle me l'ha insegnata il jazz che sembra assoluta libertà pur essendo invece un codice ben definito. Io suono sempre jazz, anche se suono i Red Hot, anche in tour con Ron suonavo jazz!! Le canzoni non erano standard ma il mio modo di pensarle lo era!

J.I: Hai dedicato una sezione del tuo sito a Cucina e Musica, per quale ragione? Quali sono gli elementi che congiungono queste due arti?
A.M.: Apro il frigo ed invento. E devo dire che ciò avviene con un certo successo! Ma anche la creatività, il coraggio di accostare i sapori. Le soluzioni troppo estreme…come nella musica, non mi piacciono. Ad esempio, non accosto mai il dolce con il salato. Lo so che si fa ma a me non piace! Fondamentalmente cucino solo quello che mi piace. L'abbinamento con il jazz è sicuramente nell'improvvisazione. Ogni pezzo, seppur suonato 1.000.000 di volte, appare sempre diverso. Così è anche per la cucina. Ogni ricetta seppur seguita alla lettera non verrà mai uguale 2 volte di seguito…è una strana legge, il perchè non lo so ma è così.

J.I: Se potessi cosa prepareresti ora? E con cosa lo abbineresti?
A.M.: Spaghetti al peperoncino calabrese, profumati con l'origano, l'aglio e il prezzemolo tagliato finemente. La musica? Mah, sai che …forse accenderei la radio…

J.I: Nell'ambito della descrizione dell'Antonella Mazza Jazz Machine si dice: "i giovani amano ancora il jazz in quanto linguaggio e allo stesso tempo mezzo espressivo libero da condizionamenti temporali". E' proprio vero che i giovani amano il jazz? Ed è vero che sia un mezzo espressivo libero da forme di condizionamento temporali?
A.M.: Questa più che un'affermazione è un urlo di speranza. Il jazz è un grande mezzo espressivo. Purtroppo i giovani non amano il jazz come potrebbero perché non hanno troppo modo di conoscerlo, di toccarlo, di sentirlo. Ai musicisti direi che dobbiamo fare qualcosa per attirare i giovani. Mi ricordo al Festival di Rimini, un qualche tempo fa, suonavo con Lino Patruno. Osservavo tra il pubblico, il "mio" pubblico e vedevo che l'età media era dai 60 anni in poi e mi sono chiesta: se continua così, tra dieci, quindici anni non avrò più pubblico. Chi verrà a vedere il jazz quando questa gente non ci sarà più? Perché i giovani non vengono? Da un po' di anni impazza la moda del chill out,del lounge, St Germain ha recuperato i cataloghi di grandi del jazz, usato campioni e riff di grandi artisti pulendoli dalla patina del tempo per restituirli alle orecchie di un pubblico vasto. Fa sempre impressione sentirsi dire che Cantaloupe Island è la pubblicità di un orologio o un rap…ma cosa volete che vi dica…l'importante è che se ne parli...

J.I: Le Fil Noir, gruppo esclusivamente al femminile. Trovi sia meglio suonare con e tra donne che con gli uomini? E' una scelta d'immagine?
A.M.: E' una scelta d'immagine molto spesso, anche se con Le Fil Noir ho trovato delle compagne di ottimo livello, suoniamo del jazz e l'immagine, in questo genere, non serve a molto. Certo è difficile mettere d'accordo tante donne, i maschi fanno più gruppo, invece nelle donne c'è maggiore gelosia ma noi oramai noi ci conosciamo da anni e siamo prima amiche e poi colleghe! In ogni caso, potendo scegliere preferisco suonare coi maschi…guidano la macchina sempre loro, mi danno una mano a scaricare l'amplificatore, sono gentili… :-))

J.I: Sei stata aiutata, in ambito musicale, dal fatto di essere donna?
A.M.: Si, sicuramente sì. Per la curiosità che ho sempre sollevato. In alcuni casi la femminilità però è anche un'arma, vieni sì molto più facilmente notata…però bisogna stare molto attenti, a volte la luce dei riflettori brucia. La gente è più incuriosita dalla donna rispetto ad un uomo. Ma è anche molto più critica. Il pubblico è il nostro sostenitore ma…quanta fatica prima di conquistarlo! In ogni caso, uomo o donna, la musica è un mestiere difficile e si vince sulla distanza! Di tutti quelli con cui ho iniziato… non siamo rimasti in molti! Ci si perde per strada, è un mestiere duro e il tempo è il miglior giudice, al di là degli aspetti tecnici o dell'immagine serve qualcos'altro, quel certo non-so-che che faccia la differenza.

J.I: Quale libro stai leggendo?
A.M.: La Profezia di Celestino di James Redfield. Un libro che mi ha affascinato. Il significato delle combinazioni mi intriga. "Quando credi che sia una combinazione non è mai una combinazione". L'ha detto Dylan Dog

J.I: Quali sono i tuoi progetti futuri?
A.M.: Sto suonando nel tour estivo di Bertolino e collaborando con un giovane cantautore che si chiama Seba, ne sentiremo sicuramente parlare. Scrivo per una rivista che si chiama InSound una rubrica che si chiama Music & the City in cui racconto un po' la vita del musicista in una città come Milano. Sono una fan sfegatata di Sex & the city…E' una rubrica che mi ha consentito di aprirmi a nuovi orizzonti creativi e devo dire grazie a Piero Chianura che ha visto in me, dietro le paillettes e i calli sulle dita anche qualcos'altro! Il mio PINK TRAIN è da poco partito, un quartetto che rilegge classici del jazz con rinnovata curiosità, speriamo a breve di riuscire a fermare su vinile (…nostalgica…) questo nostro momento…E poi ho in programma un viaggio…anzi due…vi racconterò del primo già a settembre…

J.I: Squilla il telefono e ti chiede di collaborare…devi partire immediatamente lasciando questa tournèe…Per chi lo faresti?
A.M.: Non lo so. La mia regola etica mi impone che la serata e gli impegni presi sono sacri. Forse solo se mi chiamasse Prince oppure Mike Stern. Sai che una volta mi ha anche telefonato! L'ho incontrato in aeroporto a Malpensa, tornavo da Shangai col basso in spalla, lui era lì, con l'espressione un po' vagante, gli avevano smarrito i bagagli, tutti i case con la strumentazione. Gli ho dato una mano con l'impiegata scortese cercando di farle capire chi aveva davanti e mi sono offerta di lasciare il mio numero come contatto italiano. Quella sera, mentre ero in studio, squilla il cellulare: "Hi Antonella, I'm Mike Stern". Mi ha invitato al Blue Note dove suonava la sera successiva. Al Blue Note l'indomani non volevano farmi entrare, non credevano dovessi andare da lui, poi è arrivato a salvarmi dall'imbarazzo, bellissimo,…mi ha salutata come fossi una sua grande amica, mi ha fatto entrare tra l'incredulità della gente…è stato molto divertente!

All'uscita dal teatro, cominciano oramai ad arrivare i primi spettatori di un probabile sold-out...Grazie per la bella conversazione e un grosso augurio che questa grande curiosità sia sempre fautrice di nuovi stimoli e perduri nel tempo.

 






Articoli correlati:
06/07/2004

Intervista ad Antonella Mazza: "...Adoro il rock dei Red Hot, il jazz, il funk, la fusion, la classica; ho sempre ascoltato tutta la musica che mi piaceva, senza precludermi nessuna possibilità espressiva. Alla fine il tuo modo di suonare risente di tutto..." (Francesco Ughi)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.802 volte
Data pubblicazione: 07/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti