Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista ad Antonio Zambrini
giugno 2006
di Rossella Del Grande

Antonio Zambrini, pianista e compositore milanese, si è posto all'attenzione della critica con il cd "Antonia e altre canzoni", 1998, edito da Splasc(h) Records, che ha comportato il secondo posto tra i nuovi talenti al "Top Jazz" di quell'anno.

Il suo secondo cd "Forme semplici", uscito nel 2000, ed il successivo, "Quartetto", del 2001, hanno comportato ulteriori numerose segnalazioni in diverse categorie del "Top Jazz ", nel quale Zambrini è confermato tra i migliori talenti anche per il 2000 e per il 2001.

Nel 2003 è uscito per Abeat il quarto album, "Due colori". Nel 2005 è uscito l'album "Musica", basato, come i precedenti, su composizioni originali.

Zambrini è stato ospite di diversi programmi musicali di Radio3 RAI ("Invenzione a due voci", "Jazzclub", "Radio3suite", "Piazza Verdi").

Sue composizioni sono incluse in "compilations" radiofoniche e non, ed in cd allegati a riviste specializzate (vedi "Jazz Magazine", nov. 2003, "Musica Jazz", dic. 2003, "Radio Popolare raccolta 2001"), e sono eseguite in concerto da musicisti di varia estrazione. Recentemente ha tenuto alcuni concerti in duo con Lee Konitz e con Claudio Fasoli, ed ha suonato in una lunga tournée nel quartetto del trombettista newyorkese Ron Horton, con Ben Allison al contrabbasso e Mike Sarin alla batteria.

Ha avuto occasione di collaborare con Mark Murphy, Lee Konitz, Enrico Rava Claudio Fasoli, Tiziano Tononi, Eberhardt Weber, Tiziana Ghiglioni, Nnenna Freelon, Gabriele Mirabassi, Ron Horton, Emanuele Cisi, Lucia Minetti, Garrison Fewell, Javier Girotto, Paul Jeffrey, Giovanni Falzone, Ben Allison, Giorgio Licalzi, Roberto Bonati, Paolino Dalla Porta.

Collabora stabilmente con la Cineteca Italiana di Milano per la sonorizzazione, improvvisata dal vivo, nelle rassegne dedicate al cinema muto. Ha insegnato ed insegna in diverse scuole musicali, ed ha diretto dal 1999 al 2004 un corso estivo di improvvisazione e musica d'insieme presso gli "Stages Internazionali di Orvieto". Dal 2005 insegna Pianoforte Jazz al Conservatorio di Como, per i corsi superiori.

R.D.G.: Antonio, vorrei iniziare domandandoti se hai incontrato difficoltà nell'avviare la tua carriera di pianista e compositore di jazz.
A.Z.: Non ci sono delle difficoltà particolari nell'avviare una carriera nel jazz: è proprio la carriera che è difficile, per mille motivi. Ci sono tantissimi strumentisti in gamba, lo spazio è quello che è, le scuole producono intere generazioni di musicisti in cerca di visibilità e lavoro e, insomma, la concorrenza è sempre molto, molto forte.. e sulla difficoltà di avere un pubblico interessato ed attrezzato per apprezzare musica non commerciale, rischiamo di ripeterci. Personalmente, dopo alcuni anni di collaborazioni varie, ho acquisito una certa visibilità cominciando a registrare e pubblicare le mie composizioni, che hanno incontrato e, devo dire, incontrano tuttora un lusinghiero apprezzamento. Sia nel quotidiano, col riscontro da parte del pubblico o dei musicisti che incontro, che magari mi chiedono le parti di qualche brano (succede spesso), sia nel lungo periodo ... Per esempio, Stefano Bollani, nel suo disco in piano solo per ECM che uscirà a Settembre, ha registrato un mio brano come pezzo d'apertura. Le occasioni in cui ho potuto collaborare con musicisti di altri paesi sono particolarmente piacevoli a ricordarsi, perchè ti accorgi che c'è una facilità di comunicazione ed interazione che, a priori, non immagineresti. E' l'assunto di base del jazz, la comunicazione tra culture e provenienze, il mélange...ma quando ti accade in prima persona, con musicisti cresciuti dall'altra parte dell'oceano, c'è sempre un attimo di sorpresa.. molto bello.

R.D.G.: Fra le tue collaborazioni con musicisti d'oltre oceano, vi è stata di recente la lunga e riuscitissima tournée con Ron Horton, Ben Allison e Mike Sarin. Ben Allison è il creatore del JCC (Jazz Composers Collective) di New York, un'associazione indipendente nata 15 anni fa, con l'intento di promuovere i nuovi talenti e dare spazio ai nuovi compositori di jazz. In Italia esiste qualcosa del genere?
A.Z.: Ci sono realtà storiche come la comunità di musicisti che ha ruotato intorno alla scuola del Testaccio a Roma, o situazioni recenti come il "Collettivo C-Jam" che a Milano ha dato vita ai festivals indipendenti "Ah Um", con una buona aggregazione di musicisti creativi e non molto visibili nel campo dei grandi eventi sponsorizzati. La difficoltà di queste situazioni, e qui parlo per Milano, ovviamente, è che si deve lottare con la totale assenza di fondi ed aiuti istituzionali, avendo di fronte la concorrenza sproporzionata degli eventi commerciali che la città offre, veicolando l'interesse del pubblico verso le proposte di sicuro impatto e ben pubblicizzate. E infatti il festival "Ah Um" ha resistito alcuni anni, poi diventava difficile andare avanti senza fondi. Anche se i soldi spesi per una singola puntata di qualunque scemenza televisiva basterebbero a finanziare trenta concerti. Tra parentesi, chissà magari "Ah Um" riprenderà… chiedi notizie ai promotori, cioè al "Collettivo C-Jam" ...

R.D.G.: In questa realtà, ci sono tanti musicisti giovani che pure sapendo bene che cosa devono affrontare, scelgono comunque di svolgere questa attività. Perché? Questa scelta cosa rappresenta? Vivere un'utopia o voler cercare, malgrado tutto, di cambiare le regole?
A.Z.: Non so, quando ho cominciato io, che non è così addietro come si potrebbe pensare, visto che avevo trent'anni, già si capiva che le possibilità sarebbero calate sempre più, per la crescita sproporzionata del numero di musicisti che si propongono in un paese che non vede crescere la "domanda" di musica, appunto. E' una scelta sicuramente incosciente, ma se l'ho fatta io non posso pretendere che la evitino altri. E' un fatto che oggi abbiamo migliaia di pianisti di jazz, mentre 20 anni fa erano qualche decina ... diventa arduo pensare di farne una professione. Poi, vedi che anche chi lavora in azienda o in banca non sa più tanto bene cosa lo aspetta in futuro ... e ti dici vabbè, almeno il lavoro che rischio di "non fare" mi piace ... E' già qualcosa.

R.D.G.: Secondo te, che ruolo ha il pubblico per cambiare le regole del mercato? Maggiore cultura e maggiore preparazione in materia musicale (ma non solo) potrebbero determinare scelte diverse?
A.Z.:
Il pubblico di nicchia resiste, ma la cultura musicale in Italia è sempre perdente rispetto alle tonnellate di prodotti commerciali super omologati che vengono riversate sulla popolazione dalle TV e dalle radio commerciali. Spetterebbe agli enti pubblici, suppongo, alle amministrazioni a vario livello, cercare di dare una chance in più alla musica d'ascolto. Avviene per la lirica, così un po' perché è sempre avvenuto. Per il resto avviene in misura minima, totalmente insufficiente a contrastare anche minimamente l'analfabetismo musicale cronico del nostro paese. Poi, in epoca di trionfo del privato, della sponsorizzazione, dell'incasso garantito come viatico per fare qualunque cosa, ovviamente poche rassegne propongono musicisti "da conoscere", molte ripropongono musicisti "perché conosciuti". A volte questo sarà anche inevitabile, ma forse il senso della parola "rassegna", cioè un festival, era in origine quello di offrire alla gente la scoperta di nuove proposte. Era quando l'ente pubblico poteva e voleva essere promotore culturale. Oggi questa dimensione è molto difficile da vivere e prevale logicamente un approccio diverso, che deve necessariamente fare i conti con le esigenze del bilancio risicato, dello sponsor di turno, del referente privato di turno ... Le eccezioni ci sono, per fortuna, a tutti i livelli, ma sono eccezioni. Poi chissà, magari produrranno un'inversione di tendenza…

R.D.G.: Fra le tue attività musicali, vi è anche l'insegnamento. Cosa ne pensi dell'insegnamento della musica oggi? Sia a livello di scuole per tutti, sia a livello di scuole professionali e Conservatori. Cambieresti qualcosa?
A.Z.:
Il punto è che "sta già cambiando", non qualcosa, ma molto. La riforma delle università e dei Conservatori porta verso condizioni nuove, è un periodo di transizione. Non mi sembra il momento per tentare un bilancio, è troppo presto. Scuole di divulgazione, scuole civiche, scuole private, seminari ... mi pare che l'offerta da questo punto di vista sia ormai vastissima, inimmaginabile, per quanto riguarda il jazz, solo quindici anni fa.

R.D.G.: Come si evolve il jazz? Dicevamo recentemente che dal 1960 in poi il jazz è diventato qualcosa di difficilmente definibile. Pensi che andando avanti, perderà sempre più la propria identità e sarà sempre meno riconoscibile? Prevedi che questa musica ingloberà tanti altri generi musicali? (etnica, pop...) oppure sarà il jazz a "sparire", fagocitato da generi che se ne stanno già servendo ma solo in virtù delle qualità elevate dei musicisti di jazz? (quanti cantanti pop vogliono essere accompagnati da jazzisti qualificati in tour o in incisioni prettamente commerciali, per fare un esempio). Ci saranno sempre meno suddivisioni rigide fra un genere musicale e l'altro? Come salvaguardare la qualità, indipendentemente dai generi? Secondo te il jazz di oggi attinge qualcosa dalla musica classica contemporanea? 0 trae maggiori spunti dalla musica popolare o etnica di paesi magari a noi poco noti?
A.Z.: Riconoscibile può essere un determinato approccio, una disposizione alla contaminazione, al rischio nell'accostare mondi diversi, che è poi il dna di questa musica: il blues, il gospel, le ritmiche africane, l'armonia europea, la forma canzone anglosassone, le marce militari francesi, e poi i Caraibi, il Brasile e via via i nuovi pezzetti che si aggiungono nei decenni... che so, l'India riscoperta alla fine dei '60, le melodie di ispirazione scandinava di un Garbarek ... Ci sono d'altra parte, in tutte le generazioni, gli specialisti, coloro che ripropongono la musica di una determinata epoca, il Tradizionale, il Be-bop piuttosto che l'Hard bop o il Free anni 60-70.. Prevale in questi casi l'idea di conservare una tradizione, un linguaggio legato ad un'epoca. Dunque? Non credo che oggi sia possibile definire in poche parole cosa è jazz e cosa non lo è ... Io comunque non sono interessato a dire che chi fa cose diverse dalle mie o da quelle che più mi piacciono non fa del jazz. Personalmente, preso atto della varietà del Creato, e fatta salva la mia preferenza per alcune forme rispetto ad altre, trovo che la sola discriminante che valga la pena sia quella della sincerità e, possibilmente, della spontaneità di un'espressione musicale. Anche se si può apparire ingenui, anche se magari non si hanno delle autentiche radici etniche da far risaltare nella propria musica ... Queste credo siano le premesse per ricevere energia, emozione, insomma vita, dalla musica. A prescindere dal cosiddetto "genere".

R.D.G.: Il jazz, originariamente, ha attinto parecchio anche dalla musica classica dei 900. Il tuo stile è stato per diversi anni molto vicino agli impressionisti, anche se attualmente si avverte un cambiamento in atto. Come è scattato in te? Prevedi una maggior evoluzione in termini armonici o ritmici?
A.Z.:
Non so prevedere molto, in questo senso. Nell'ultimo album, "Musica" ho inserito alcune strutture ritmico-armoniche piuttosto elaborate, anche rispetto a cose che avevo scritto in precedenza. E le ho realizzate con un organico largo, utilizzando la fisarmonica, il flauto che suono io stesso, e il sax tenore, in una strana "sezione". Ma sono sempre interessato, specie in chiave pianistica, alla libertà di improvvisare su forme semplici, magari anche più semplici che in passato. Debussy, Ravel e Satie restano comunque punti di riferimento, per alcune circostanze in particolare, nelle quali mi interessa l'aspetto descrittivo, evocativo.

R.D.G.: Cosa pensi del free jazz? Pensi che sia l'ultima "cosa nuova" successa?
A.Z.: Mah, nuova non so ... stiamo parlando di qualcosa che risale, nella sua elaborazione, alla fine degli anni '50. Se questa fosse la cosa nuova, oggi, ci sarebbe da preoccuparsi sul serio. La freschezza e la spontaneità delle prime incisioni di Coleman credo siano difficili da ritrovare 40 anni dopo. "Free" penso sia una categoria storica, filosofica e politica. Riguarda un periodo storico e lotte sociali ben precise, forse lontane dal nostro quotidiano. Invece il suo apporto linguistico, l'improvvisazione libera da parametri armonici e ritmici, è diventato patrimonio comune nella musica di molti, essendo per altro una delle porte che collegano il jazz al novecento storico europeo.

R.D.G.: Qual è la tua definizione di "innovatore" in campo musicale? In Italia chi, a tuo avviso, può essere considerato tale?
A.Z.:
E' complicato definire il ruolo di innovatore. Innovatore può essere chi usa un diverso accorgimento tecnico, uno strumento con una corda in più, un organico particolare. Mi impressiona però constatare come il clima di altre epoche possa aver prodotto spinte innovative più radicali, diciamo più audaci nel nostro paese. Penso alla modernità di approccio di un musicista come Giorgio Gaslini, che 40 anni fa percorreva già le strade in cui molti di noi si trovano oggi, certo con mezzi e aspetti stilistici differenti. Ma un certo spirito avventuroso, di cui gli anni '50, '60 e '70 erano pervasi, oggi appare più difficile da trovare. La felice "imprudenza" della musica progressiva negli anni '70 è improbabile, in un certo senso, nell'era delle scuole, dello studio storico del jazz, delle tradizioni coltivate con dedizione dai seguaci del bop, o del free, o dello swing ... ma naturalmente si riesce a volte a superare gli steccati dati da queste conoscenze specifiche e profonde e a realizzare una sintesi comunque personale. Un esempio in questo senso, al quale mi sono particolarmente affezionato, penso lo abbia dato un grande maestro come Franco D'andrea nella serie di dischi in piano solo pubblicati pochi anni fa (ndr "Franco D'andrea solo 1..8" per la Philology).

R.D.G.: Se dovessi citare un jazzista internazionale che per capacità, coerenza, onestà, rappresenta il tuo ideale dei musicista oggi, quale nome faresti?
A.Z.:
Impossibile rispondere, ci sono troppe suggestioni che citerei, troppe che dimenticherei e soprattutto troppe cose che non conosco. Mi interessa in generale il "contenzioso" tra spontaneità e competenza, sincerità e preparazione, energia ed accademia. Quando c'è un confronto tra queste forze che possono essere opposte, il gioco si fa interessante. Ma per non sfuggire alla domanda cito, tra mille che dovrei citare, una voce un po' particolare che mi ha interessato recentemente. Quella dei flautista francese Malik Mezzadri.

R.D.G.: In un'ottica di continua evoluzione, pensi che la formazione classica dei trio sia ormai troppo limitata? pensi che anche il trio possa ancora proporre qualcosa di nuovo o che dopo l'invenzione di epoca evansiana del concetto di "interplay" ... in un certo senso non sia successo più niente?
A.Z.:
Il trio ha avuto ed ha forme sempre nuove di espressione, e non vedo un limite per via del mezzo scelto, e cioè dell'organico strumentale. Il limite, quando c'è, è soprattutto nel contenuto. Almeno così la vedo io.

R.D.G.: Sono nate recentemente varie formazioni senza pianoforte che hanno reinterpretato dei classici del jazz. Ritieni che il piano stia perdendo il suo ruolo trainante nei gruppi jazz, oppure pensi che si debba di tanto in tanto inventare qualche cosa di inedito solamente per non rischiare di ripetersi, quando si eseguono opere che sono delle vere pietre miliari nella storia di questo genere di musica?
A.Z.: Il pianoforte è al centro della storia del jazz, ma ogni epoca ha avuto anche grandi esempi di formazioni che ne hanno fatto a meno.

R.D.G.: La vorresti una casa del jazz anche a Milano?
A.Z.:
Certo sarebbe bello.. speriamo!






Articoli correlati:
12/11/2017

Different Standards - Short Stories (Lo Greco Bros)- Alceste Ayroldi

28/09/2014

Plays Nino Rota (Antonio Zambrini)- Antonella Chionna

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

30/09/2012

La Belle Vie (Simona Severini)- Enzo Fugaldi

20/02/2011

Time To Change (Diego Ruvidotti)- Rossella Del Grande

30/05/2010

Songs From The Procol Harum Book (Antonio Zambrini Trio) - Marco Buttafuoco

20/08/2009

It's a Gadget World… (Ron Horton feat. Antonio Zambrini) - Alceste Ayroldi

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

24/05/2006

Musica (Antonio Zambrini)

15/03/2006

Ron Horton Quartet alla Salumeria della Musica: "Il grande jazz può essere anche molto fresco e giovane. Questa è la sensazione che ho provato fin dall'inizio, ascoltando Ron Horton, Ben Allison, Mike Sarin ed Antonio Zambrini..." (Rossella Del Grande)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

23/08/2003

Due Colori (Antonio Zambrini)

09/02/2003

Antonio Zambrini (piano)

12/12/2001

Quartetto di Antonio Zambrini







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.920 volte
Data pubblicazione: 12/09/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti