Jazzitalia - Articoli: Intervista con Awa Ly
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Awa Ly
ottobre 2010
di Alceste Ayroldi

Modulated, il suo primo lavoro discografico l'ha consacrata con un successo radiofonico e mediatico in generale che le ha consentito di mettere in luce la sua particolare concezione musicale. Awa Ly, cantante franco-senegalese che parla perfettamente cinque lingue, da qualche tempo vive a Roma facendo la spola con la natia Parigi e, in verità, con mezzo mondo. Il suo sound è nomade ed attinge alle radici del blues, alla canzone francese e italiana, al jazz, al soul e al rock, non disdegnando il country venato di bluegrass. Un mèrge di suoni opportunamente amalgamati e disegnati su di una tela dai mille colori. Con lei parliamo del suo passato, del suo presente fatto anche di cinema d'autore (è interprete, da ultimo, del film di Daniele Luchetti "La nostra vita") e del suo futuro.

Awa: un'attrice prestata alla musica o viceversa?

Sono una cantante… solo di recente mi è capitato di recitare e mi piace, ma la musica rimane la mia passione principale.

Hai studiato musica? Quale strumento suoni?

Non ho studiato musica in maniera didattica… ma sto recuperando! Ho iniziato a prendere lezioni di basso che mi piace molto e vorrei, tempo permettendo, essere più assidua.

Sei nata a Parigi, ma hai origini senegalesi: quanto influiscono sulla tua musica tali origini?

Influiscono tanto, ma nella mia musica quasi non si sente; cioè il mio album "Modulated" è cantato in inglese e non sono presenti sonorità che possono ricordare l'Africa, invece in altri progetti queste componenti sono più presenti. Diciamo che le mie origini influenzano la mia vita ma non tutta la mia musica.

Immagino che anche il tuo essere nomade abbia inciso sulla tua musica. In che misura? E, in particolare, quale Paese ti ha maggiormente influenzata?

Per ora sono qui in Italia, e quello che incide sulla mia musica è proprio la musica italiana, per essere più precisa la canzone d'autore anche quella con tante influenze e venature jazz.

Il tuo album Modulated è un crossover di musiche, tutte che attingono da tradizioni differenti ma riconducibili ad un sound urbano. E' il tuo obiettivo quello di fondere suoni differenti?

Oh oui! Non vorrei essere catalogata in un unico genere o sound, mi piacciono le contaminazioni!

Nel tuo lavoro ci sono musicisti d'estrazioni diverse, come Tuck & Patti, Fabrizio Bosso, Greg Cohen: quali sono i motivi di queste scelte?

Il motivo è molto semplice: la mia ammirazione per questi artisti.

C'è un brano del tuo repertorio al quale sei più legata? Perché?

Mi piacciono tutti e tutti mi portano ad una storia precisa, non saprei veramente quale scegliere...forse So Far So Close, ma il perché preferisco tenerlo per me.

Sei una cantautrice: parti dalla musica o dalle parole?

Non c'è una regola, a volte mi vengono le parole prima della musica o viceversa, in ogni caso la creazione è un momento che mi sorprende sempre e che amo tanto.

Scavando nel tuo recente passato è emerso anche la tua figura professionale di direttore artistico. Ne vuoi parlare?

Lavoravo con Antonio Pascuzzo che era il direttore artistico del The Place a Roma, tanti incontri, tanta musica, una bella esperienza ma che non ripeterei: i miei progetti sono altrove.

Hai all'attivo anche un progetto jazz in francese, pubblicato in due album in Giappone. Vuoi parlarcene?

Certo! Con Valerio Serangeli ed Arturo Valiante formiamo il trio "Chantons!". Sono usciti due album in Giappone, di questi due dischi stiamo stampando una compilation per la distribuzione in Europa, disponibile a fine novembre in Italia. Il repertorio è composto da canzoni in francese di famosi interpreti come Edith Piaf, Charles Aznavour, Serge Gaisnbourg ecc…ma anche di artisti più recenti come i Paris Combo. Ci sono anche due brani originali scritti dal trio, ed una piccola chicca: ho tradotto e cantato in francese la canzone "Non gioco più" interpretata da Mina.

Perché hai scelto di venire a vivere a Roma?

All'inizio non mi è sembrata una vera scelta. Dovevo rimanere a Roma sei mesi per uno stage post laurea, ma ormai sono quasi 11 anni che vivo nella città eterna, me ne sono innamorata con tutte le sue contraddizioni.

Una persona che ha influenzato la tua vita artistica…

Caro Alceste sono tanti e se inizio a farti l'elenco non basterebbe questa intervista! Tutti gli artisti (e non solo) con i quali ho avuto il piacere, l'onore di suonare, di incontrare e di ascoltare, chi più chi meno hanno aggiunto qualcosa alla mia vita artistica.

Nei tuoi live esegui anche brani che appartengono ai "classici" da Bacharach a Marisa Monte, per esempio. Puro piacere oppure è una scelta legata al tuo percorso artistico?

Puro e semplice piacere…

Tra i tuoi progetti vi è anche quello in duo con il chitarrista Valerio Guaraldi. Ritieni che il suono della chitarra si sposi meglio con la vocalità ritmica della tua voce? Come è nata questa idea?

La chitarra acustica è uno dei miei strumenti preferiti, Valerio Guaraldi è un grande musicista, ha un groove ed una musicalità che mi toccano profondamente. Il duo si chiama Songs For Two ed è nato da un incontro fortunato, lui suonava con degli amici che abbiamo in comune, mi piaceva molto il suo stile graffiante e allo stesso tempo delicato.

Hai una vocalist di riferimento?

Tutti gli artisti, di ieri e di oggi che mi provocano delle emozioni sono un riferimento, ovviamente le grandi Dive del jazz hanno un posto particolare.

Cosa pensi dell'odierna scena musicale italiana e, in particolare, di quella jazzistica?

Ci sono tanti talenti da scoprire e pochi spazi in radio ed in tv per farlo: menomale che esiste internet! Sono sempre alla ricerca di musica dal vivo, la scena italiana è molto ricca, ci sono così tanti musicisti preparati ed ispirati. Per quello che riguarda la scena jazzistica i talenti da scoprire sono tanti e penso che soprattutto loro dovrebbero essere promossi anche da chi ha una visibilità maggiore. Penso che ci sia posto per tutti quelli che hanno veramente qualcosa da dire.

Cosa è scritto nell'agenda di Awa Ly? A quale progetto stai lavorando?

Tante belle cose che mi rendono molto felice! Ti ho già parlato dell'uscita del disco dei "Chantons!", gli altri mi piacerebbe raccontarli a te ed i lettori di jazzitalia un po' più avanti…molto presto!






Articoli correlati:
20/03/2011

Paris Jazz (Chantons! (Awa Ly, A. Valiante, V. Serangeli)) - Alceste Ayroldi





Video:
Awa Ly duo - Summertime - @ Beat-onto jazz festival 4/8/2010
Awa Ly (voce) e Valerio Guaraldi (chitarra) alla X edizione del Beat-onto Jazz festival - Bitonto (BA) 4/8/2010...
inserito il 05/08/2010  da moby901 - visualizzazioni: 2020
Awa Ly duo - Wonderwall (Oasis cover) @ Beat-onto jazz festival 4/8/2010
Awa Ly (voce) e Valerio Guaraldi (chitarra) alla X edizione del Beat-onto Jazz festival - Bitonto (BA) 4/8/2010...
inserito il 05/08/2010  da moby901 - visualizzazioni: 1954
Awa Ly duo - Human Nature (Michael Jackson cover) @ Beat-onto jazz festival 4/8/2010
Awa Ly (voce) e Valerio Guaraldi (chitarra) alla X edizione del Beat-onto Jazz festival - Bitonto (BA) 4/8/2010...
inserito il 05/08/2010  da moby901 - visualizzazioni: 2065
Awa Ly duo @ Beat-onto jazz festival 4/8/2010 #1
Awa Ly (voce) e Valerio Guaraldi (chitarra) alla X edizione del Beat-onto Jazz festival - Bitonto (BA) 4/8/2010...
inserito il 04/08/2010  da moby901 - visualizzazioni: 1922
Awa Ly duo - Lost -@ Beat-onto jazz festival 4/8/2010
Awa Ly (voce) e Valerio Guaraldi (chitarra) alla X edizione del Beat-onto Jazz festival - Bitonto (BA) 4/8/2010...
inserito il 04/08/2010  da moby901 - visualizzazioni: 1945
Awa Ly "Take My Hand" Live in Rome at The Place 19_05_2010
Un Locale affollato, una grande cantante, cinque bravi musicisti, tre occhi elettronici cercano di cogliere, catturare e raccontare il suono....
inserito il 28/06/2010  da MicheleTruglio - visualizzazioni: 1860
Awa Ly "Everything" Live in Rome at The Place 19_05_2010
Un Locale affollato, una grande cantante, cinque bravi musicisti, tre occhi elettronici cercano di cogliere, catturare e raccontare il suono....
inserito il 03/06/2010  da MicheleTruglio - visualizzazioni: 2113
My love (Awa Ly - Massimo Giangrande)
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 17/03/2010  da AwaLyMusic - visualizzazioni: 1888
Il mestiere di vivere (Awa Ly-M.Giangrande)
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 16/03/2010  da AwaLyMusic - visualizzazioni: 1825
Miriam Makeba Tribute - Awa Ly e Roberto Meglioli a Tg3 'Linea Notte', 9 marzo 2010
Il manager storico di Miriam Makeba Roberto Meglioli e la cantante di origine senegalese Awa Ly ospiti di TG3 Linea Notte, per ripercorrere insieme l...
inserito il 12/03/2010  da FairyKing81 - visualizzazioni: 2223
Awa Ly - Those words
Live in Rome Dec 07...
inserito il 20/01/2008  da korallogiallo - visualizzazioni: 2020
Awa Ly - Try
live in Rome Dec 07...
inserito il 20/01/2008  da korallogiallo - visualizzazioni: 2158
Awa Ly - So far so close
Live in Rome Dec 07...
inserito il 20/01/2008  da korallogiallo - visualizzazioni: 2237


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.791 volte
Data pubblicazione: 05/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti