Jazzitalia - Articoli: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Forma e Poesia nel Jazz 2011
XIV Edizione
Piccole interviste visionarie

Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino
Cagliari 22 marzo 2011, Teatro Massimo
di Viviana Maxia

Sembra un caso - e infatti lo è - se la rassegna di jazz italiano Forma e Poesia nel Jazz prende il via proprio nel giorno dei festeggiamenti in onore del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

L'inaugurazione ufficiale si è svolta nel foyer del Teatro Massimo con una mostra fotografica che ricorda Roberto Aymerich, scomparso la scorsa estate, stimato e rimpianto collaboratore di Jazzitalia, del quale si è già detto in un'intervista curata da Daniela Floris e Daniela Crevena.

Al Teatro Massimo, il secondo appuntamento musicale della XIV edizione di "Forma e Poesia nel Jazz", vede come protagonisti Francesco Cafiso e Dino Rubino.

Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno. Nel foyer del teatro le persone degustano i buoni vini rossi da pre concerto, mentre i nostri musicisti sono preda di una tv locale che li trattiene da circa una mezz'ora. L'intervento provvidenziale di Riccardo Sgualdini, addetto stampa della rassegna, riesce a "liberare" almeno Francesco Cafiso che con un sorriso spalancato da esuberante ventunenne e una stretta di mano vigorosa alla Salvo Montalbano, mi accoglie con un sicilianissimo " piacere, Francesco". Da questo saluto si sprigiona tutto il calore della sua Terra.

Caro Francesco, non voglio annoiarti con le solite domande del successo raggiunto in età adolescenziale, di Wynton Marsalis, di Obama. Di questo è stato detto tutto o quasi. Sono invece curiosa di sapere se nella tua infanzia e nella tua adolescenza ti è mancata in qualche modo la normalità del ragazzo comune, il tempo del gioco, dell'essere spensierato

Assolutamente no. A me non è mancato niente, ho fatto tutto quello che desideravo fare, ma sono nato con la musica dentro e qualunque cosa io abbia fatto, oltre la musica e il jazz, l'ho fatto con la sensazione e l'istinto che qualsiasi cosa non prescindesse da quest'ultima. Tra l'altro ho vissuto in un ambiente familiare sereno cha ha accettato questo "dono", se così si può chiamare, assecondando la mia passione innata senza mai cercare di soffocarmi, come spesso capita.

Anche sulla tua precocissima carriera è stato detto molto, ma mi piacerebbe sapere che tracce ha lasciato dentro un ragazzo di quindici anni l'essere trasportato in un mondo molto più grande di lui, dentro lo star system, a contatto con musicisti i cui nomi sono oramai divenuti Mito.

Come ti ho detto prima, forse a causa della giovane età che preserva e rende a volte incosciente di ciò che succede intorno, ho vissuto le mie esperienze con la massima naturalezza, come se non ci fosse nulla di strano – e leggendogli gli occhi limpidi e ridenti mentre parla, non si fatica a credere che sia cosi – Ma molto devo alla mia famiglia, specialmente a mio padre che mi ha sempre supportato nelle mie scelte e dal quale mi sono sentito, mi sento, protetto.

Bene, parliamo ora di musica, di jazz: fa parte del tuo corredo genetico e suoni forse da quando hai i primi ricordi, ma ti è mai capitato, come invece è successo ad altri jazzisti, di avere bisogno di una pausa da essa, almeno ogni tanto?

No, proprio no. Tutto quello che faccio, lo faccio con la musica che mi suona dentro, che mi accompagna in ogni ora, giorno. Non riesco a staccarmi da lei e sinceramente non vedo neppure perché dovrei farlo almeno per ora (e viene da pensare che, nella freschezza soleggiata dei suoi ventuno'anni, possa anche permettersi di avere infinite riserve di energia musicale ancora per molto, molto tempo).

Un'ultima domanda. Ho sentito il CD Travel Dialogues, con Dino Rubino e ti devo dire che è stato forse al secondo ascolto che ho percepito la vostra fusione perfetta che va al di là degli accordi e dei rimandi da jam session, perfino nelle pause avete una synchro complice e perfetta. Nella vostra musica insieme esiste un ingrediente in più. Se non sono indiscreta mi diresti cos'è?

Rispondo con una sola parola: siamo amici, ma amici amici, da sempre (e sorride, come d'altronde ha sorriso per tutto il tempo).

Durante la chiacchierata con Francesco Cafiso, anche Dino Rubino, eclettico polistrumentista e compagno di musica e d'amicizia di Francesco, gentilmente si avvicina e si rende disponibile a scambiare qualche impressione. Sì, impressione è la parola giusta, perché, a differenza di Francesco, la cui solarità esprime certezze, lo sguardo di Rubino è più introverso, forse più tormentato. Infatti, dalle parole che ci scambiamo emerge una maturità di vedute musicali e di vita forse più spiccata dei suoi 29 anni, appena.

A lui chiedo subito:

Dino, il pianoforte e la tromba sono strumenti profondamente differenti per concezione musicale: uno copre più registri, dal "solo" al "tappeto" d'accompagnamento; l'altra è più intimista, individuale, quasi "egocentrica", direi. Potrebbe essere un aspetto che rispecchia anche il tuo modo di pensare, in bilico tra collaborazione e individualità?

Forse. Per me il pianoforte è stato il primo strumento a cui mi sono dedicato, che ho studiato anche in modo "classico" al Conservatorio di Catania fin da quando avevo undici anni. Ma qualche anno dopo, pur continuando lo studio del pianoforte, ho iniziato da autodidatta a suonare la tromba affascinato dal suono intrinsecamente jazz dello strumento. Ho subito "sentito" un forte feeling con questo strumento ed allora ho deciso di prendere delle lezioni per avere un'impostazione più corretta. Scelta errata, alla fine, perché dopo le prime lezioni mi sono reso conto che il suono che scaturiva non era più il "mio", non mi rispecchiava. Allora ho avuto una forte crisi ed ho abbandonato la tromba per molti anni e mi sono dedicato al perfezionamento dello studio del pianoforte.

Un rapporto difficile con lo strumento quindi, che ricorda per certi versi il rapporto contradditorio di Rava con la sua tromba.

Sì e no. Difficile perché probabilmente, come è capitato a me a quattordici anni, quando ti abitui al "tuo" personale suono e poi lo strumento te ne restituisce un altro, non lo riconosci e ti vengono molti dubbi sul proseguire. E' divenuto poi meno difficile perché, una volta sedimentate le conoscenze tecniche per un lungo periodo di sei anni, nel 2007 ho ripreso la tromba e ho ritrovato, riconosciuto finalmente il mio stile e le mie note. Da allora continuo ad alternare il piano e la tromba, ma non durante lo stesso concerto, per i motivi di cui si diceva prima rispetto al coinvolgimento emotivo differente che i due strumenti mi scatenano.

Dalla chiacchierata con Francesco (Cafiso), mi è sembrato molto chiaro che la vostra collaborazione è, oltre che un connubio musicale di suoni e pause perfettamente incastrati, anche una questione di profonda amicizia e corrispondenza. E' così?

Eh sì. Figurati che a 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato (sorride divertito). Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo.

Ma ora deve fuggire: tra poco inizia il concerto.

Successivamente, dall'ascolto del concerto e dopo questo scambio di parole, è evidente che la gioiosa esuberanza del sax alto di Francesco Cafiso e il piano ricco di note riflesse che sconfinano nel classico, quasi intimista, di Dino Rubino sono perfettamente complementari, tra dialoghi, contrappunti e pause. Chi ascolta si rende conto che emerge prepotente, oltre alla diversa, singolare, capacità tecnica e stilistica dei due giovani jazzisti, il loro estremo piacere di suonare insieme, da amici.





Articoli correlati:
23/09/2017

A Beautifull Story (Rosario Bonaccorso)- Alceste Ayroldi

29/07/2017

Vittoria Jazz Festival - X Edizione: "Per il decennale del festival della cittadina iblea, un programma ampio, rappresentativo di diverse realtà del jazz odierno: un ideale viaggio fra Francia, Stati Uniti e Italia, con gruppi ben rappresentativi di alcuni aspetti del jazz." (Vincenzo Fugaldi)

07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

28/12/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Mirabella: "Con i tempi che stiamo vivendo non puoi più dare per scontato che farai il musicista per il resto della tua vita..." (Alceste Ayroldi)

20/11/2013

Sleepless (Loredana Melodia)- Francesco Favano

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

12/01/2013

Braintrain (Salvatore Pennisi - Giuseppe Mirabella) - Alceste Ayroldi

22/12/2012

Quattro chiacchiere con...Dino Rubino: "...ascoltare musica di cui alla fine non ricordo nemmeno un tema mi annoia. Ecco perchè non mi piace tutta o gran parte della nuova musica che va di moda in questo momento a New York." (Alceste Ayroldi)

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

16/09/2012

Moon Is Here (Claudio Giambruno 5tet feat. Dino Rubino) - Alceste Ayroldi

07/07/2012

Red Inside (Antonella Catanese)- Francesco Martinelli

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

26/12/2010

Intervista a Viviana Maxia: "Daniela Floris e Daniela Crevena incontrano Viviana Maxia per ricordare il fotografo Roberto Aymerich: un pomeriggio di racconti, parole ed immagini." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

11/09/2010

Massimo Nunzi a Sarzana 2010: Il musicista romano ha presentato il progetto "The Modern World / The Music Of Stan Kenton" con la "Jazz istruzioni per l'uso Orchestra" featuring Francesco Cafiso, Andrea Tofanelli. Intervista a Carmen Bertacchi, direttore artistico di Sconfinando e a Massimo Nunzi: "...sono attratto dai visionari come Kenton. Sono curioso della musica, la rispetto e rispetto i musicisti anche se fanno scelte che non condivido...una cosa che io non sopporto, da parte anche dei miei colleghi e della critica jazzistica, è che non è sufficientemente compreso che se non si ricostituisce il pubblico siamo tutti fregati." (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

08/02/2009

Jazz & Wine, Live Music Buffet presso il Palermo Jolly Hotel con la direzione artistica di Giovanni Mazzarino: "Chissà perché le iniziative o gli esperimenti più interessanti durano poco e finiscono per sparire. Grandi hotel internazionali hanno un proprio jazz club di riferimento, spesso anche accorpato nelle proprie pertinenze, dove vengono chiamati a suonare dei jazzisti di rilievo, sia locali che stranieri, per il diletto di ospiti ed esterni." (Antonio Terzo)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

04/05/2008

Intervista con Dino Rubino: "Ho iniziato ad amare la musica sin da piccolo, essendo cresciuto in un ambiente dove essa era compagna di tutti i giorni. Ad 11 anni ho iniziato a studiare pianoforte al Conservatorio di Catania ed a 14, dopo aver assistito ad un concerto di Tom Harrell, ho deciso di iniziare lo studio della tromba e del jazz. A 20 anni ho avuto una crisi musicale, decisi di mollare la tromba per ricominciare lo studio del pianoforte." (Giovanna Scibona)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

06/11/2005

Le foto dell'Enrico Rava Quintet a Jazz in Parco 2005. (Francesco Truono)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

03/07/2005

Intervista a Riccardo Arrighini: "...Sto approfondendo molto lo stile tradizionale, sto tornando al blues e alle improvvisazioni ricche di block chords e di blue notes, di stride piano. Secondo me è importante tornare indietro su cose che pensavi di aver già studiato a sufficienza..." (Michela Lombardi)

02/05/2005

Francesco Cafiso per la rassegna Sintesi Jazz "...L'arte di "flautare" l'ancia appartiene a Cafiso, con venature fortemente bebop e mainstream. Ed è forse l'influsso dello swing e del ragtime, il vezzo e il limite – più che naturale data la giovane età, solo 16 anni – dell'altosassofonista di Vittoria..." (Marcello Migliosi)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2807
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2480
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2647
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 2297
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 2376
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 2357
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2312
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2414
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 2658
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 2373
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 2225
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 2210
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3327


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.364 volte
Data pubblicazione: 23/04/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti