Jazzitalia - Articoli: Intervista a Chihiro Yamanaka
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Chihiro Yamanaka
Avellino, 12 febbraio 2011
di Nico Conversano
foto di Francesco Truono

Click here to read the english version

La pianista giapponese Chihiro Yamanaka ha da tempo fatto del piano trio il suo veicolo espressivo d'elezione. Formatasi musicalmente tra Royal Academy of Music di Londra e Berklee College of Music di Boston, è stata vincitrice di numerosi riconoscimenti in Giappone, Europa e America, dove da tempo risiede. Ha al suo attivo diverse incisioni premiate da importanti successi di critica e pubblico e si è distinta per le sue performance live ricche di energia e swing impeccabile. L'abbiamo incontrata di passaggio in Italia durante il suo "Forever Begins European Tour 2011".

Quando e come hai scoperto il jazz?

E' successo da bambina. Avrò avuto dieci anni. Mio padre è sempre stato un grande appassionato di musica, soprattutto musica classica. Una volta tornando dal concerto del clarinettista Eiji Kitamura, una sorta di Benny Goodman giapponese molto famoso nel nostro paese, portò con sé un disco in vinile. La prima cosa che mi colpì fu la grafica di copertina, molto diversa da quella solitamente utilizzata dai dischi di classica, generalmente più seriosa. Poi ne ascoltai la musica e ne restai sconvolta. Non riuscivo a capire quello che succedeva a livello melodico e armonico, ma lo trovai molto interessante. E' così che è iniziato il mio interesse per il jazz.

Quali sono stati i musicisti che ti hanno fatto decidere di diventare una pianista di jazz?

E' successo vedendo suonare la pianista americana Geri Allen. Ero un'adolescente e vivevo ancora in Giappone. Una volta, guardando la tv, mi imbattei nelle riprese di un suo concerto tenutosi durante un festival jazz giapponese. Fu stupendo scoprire come anche una donna potesse suonare jazz in maniera così forte e carismatica. Avevo suonato esclusivamente musica classica da quando ero bambina e sino a quel momento mai avevo considerato la possibilità di una carriera da pianista di jazz. Quello che Geri Allen stava suonando fu così nuovo per me. Il suo modo di suonare era molto aperto e pronto ad accogliere diversi stili musicali. Questo è l'aspetto che amo maggiormente del jazz.

Gli standards di jazz non mancano mai nei tuoi album, sempre eseguiti in modo interessante ed imprevedibile. Qual è per te quella qualità che rende gli standards così eterni?

Considero quella degli standards una forte affermazione. Una dichiarazione incisiva dal punto di vista musicale. Le melodie e le armonie degli standards sono punti di riferimento da cui non si può prescindere. Soprattutto le melodie; sono quelle ad avere quella qualità intramontabile. Ciascun musicista può farne l'arrangiamento che vuole, ma quella melodia è un concetto così forte che non perderà mai il suo valore e le sue caratteristiche originarie. E' per questo che potranno essere suonate per molto altro tempo ancora.

La maggior parte della tua discografia è eseguita in piano trio. Qual è per te l'aspetto più congeniale nel suonare con questo tipo di ensemble?

Solitamente mi esprimo anche in altri contesti musicali. Dal piano solo, di cui però non ho ancora un testimonianza discografica, all'accompagnamento di cantanti, fino alle esibizioni con formazioni più estese come le orchestre. Ma considero quella del piano trio un tipo di unità molto compatta. Uno dei miei punti di riferimento in questo è stata sicuramente la lezione del trio di Bill Evans, nel quale ciascuno strumento aveva lo stesso valore al suo interno. E' interessante il tipo di dialogo che si può instaurare in trio. Vedi, quando si è in due a dialogare si è uno a confronto con l'altro, mentre in tre c'è quell'elemento in più che rende lo scambio più stimolante. Allo stesso modo come in quattro ce ne sarebbe uno di troppo che porterebbe a far sì che qualcuno guidi e altri seguano. Il tre è un numero magico in cui regna un equilibrio perfetto tra le parti che lo compongono.

In questi anni ti sei esibita con alcune delle migliori sezioni ritmiche sulla scena. Nel tuo ultimo album "Forever Begins" sei accompagnata da Kendrick Scott alla batteria e Ben Williams al basso. Quali sono le qualità che cerchi nei musicisti che suonano con te?

Nel mio caso non ho dovuto cercare in quanto conosco Kendrick da quando eravamo studenti alla Berklee. Tutti vorrebbero dei buoni musicisti da cui essere accompagnati e se a questo si aggiunge la possibilità di avere contemporaneamente amici al tuo fianco, ancora meglio! Incido al ritmo di un disco l'anno e quando sei in sala d'incisione e porti con te nuova musica o nuovi arrangiamenti da eseguire è importante avere con sé una buona sezione ritmica, un gruppo con il quale stabilire quella giusta sintonia e tensione che ti permette di esprimerti al meglio. Ho bisogno che i musicisti che mi accompagnano abbiano quella giusta dose di carattere.

Senti delle differenze di approccio o di feeling quando ti ritrovi a suonare con una sezione ritmica che possa essere di volta in volta americana, giapponese o europea?

Non in particolar modo. Direi però che il linguaggio è diverso. La musica è strettamente collegata alla lingua parlata ed è interessante notare come questo influisca sullo scambio musicale. Ogni musicista ha la tendenza a relazionarsi "musicalmente" con il proprio idioma di appartenenza ed è possibile ascoltarlo, anche se nella nostra musica non facciamo uso di parole. Il colore e gli accenti che certe lingue conferiscono alla musica rendono più stimolante suonare con musicisti appartenenti a diverse nazionalità.

Tra le tue molteplici attività c'è anche quella di membro della Diva Jazz Orchestra, un ensemble composto esclusivamente da donne. Cosa puoi raccontarci di questa esperienza?

Sono stimolata dal loro modo di suonare e da come trattano la musica, non dal fatto che siano donne o meno. Le vedo semplicemente per quello che sono: delle straordinarie musiciste. Sono stata molto influenzata dalla musica per big band. E' stato questo che mi ha spinto a scrivere composizioni. In fondo il piano trio non è altro che la forma più piccola di big band. Con questa orchestra suoniamo prevalentemente standards, eseguiti con arrangiamenti sempre diversi. Ho realizzato tre incisioni con questa orchestra.

Cos'è per te l'improvvisazione e a cosa pensi quando improvvisi?

Non è qualcosa che riesco a controllare, o almeno non troppo. Se dovessi farlo la mia performance ne risulterebbe inevitabilmente compromessa. Solitamente aspetto di vedere quello che succederà. Nella musica classica puoi prevederlo perchè hai uno spartito davanti che già conosci. Nel jazz è difficile dirlo. Tutto avviene in maniera imprevedibile.

Quanto il tuo essere giapponese è presente in un tipo di musica come il jazz così profondamente radicata nella cultura americana?

Non ho mai prestato attenzione a questo aspetto. Sicuramente ci sono delle influenze in me ma non ho mai avuto coscienza del fatto che potessero essere legate o meno al mio paese. A mio avviso, i giapponesi percepiscono questo concetto in maniera diversa, a differenza degli italiani in cui è maggiormente radicato il senso d'appartenenza alla propria cultura. E' una conseguenza del lungo periodo d'isolamento che il nostro paese ha vissuto durante il periodo Edo (1603-1868), alla fine del quale il Giappone ha iniziato ad aprirsi al mondo, confrontandosi con esso. E' per questo motivo che noi giapponesi ci relazioniamo così bene con la cultura Occidentale.

Oggi il Giappone è uno dei mercati più grandi al mondo per quanto riguarda il jazz. Qual è secondo te la ragione per cui i giapponesi amano così tanto il jazz?

La vera ragione credo sia che, il jazz in particolare, ma le arti più in generale sono aspetti molto amati da noi giapponesi.

Come mai hai scelto il titolo "Forever Begins" per il tuo nuovo album?

Era la frase scritta fuori dalla sala di registrazione in cui questo disco è stato inciso. E' da lì che viene.

Alcune buone ragioni per tornare a suonare in Italia?

Sicuramente oggi l'Italia è il paese del jazz. Basta guardare la scena newyorchese, quella che vivo maggiormente, in cui è molto forte la presenza di musicisti italiani. Come noi, anche voi amate molto il jazz e credo che sia qui che questa musica stia crescendo oggi, forse non più a New York. Un sacco di musicisti interessanti vengono dal vostro paese e sono molto popolari all'estero.






Articoli correlati:
27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 29/10/2011 alle 21.22.33 da "gbonesc"
Commento:
Personaggio incredibile, nato per produrre musica. Bisogna capirlo,non è per tutti ed è meglio così, tacere ed ascoltare. Come armonizza! Come fraseggia! Che posizione della mano! Che idee ritmiche! Che evoluzione! E'il jazzismo che evolve! E'la donna che si afferma! E' tutto. Grazie Chihiro per avermi sconvolto. Grazie. Giampiero Boneschi.
 


Questa pagina è stata visitata 5.824 volte
Data pubblicazione: 19/03/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti