Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Cinzia Eramo
di Alceste Ayroldi

«Lavorando sui songs e sui temi della grande tradizione moderna, non ha imboccato la strada della consuetudine interpretativa, ma al contrario ha messo a fuoco una intesa estrema che ha permesso loro di trasformare questi "materiali di lavoro" in piccole gemme di "estraneazione" creativa, in brani autonomi impregnati di tradizione e di ricerca "futuribile" tutta europea, e più ancora italiana, mediterranea.» Giorgio Gaslini

Sono parole autorevoli che descrivono l'intenzione artistica di Cinzia Eramo, una giovane jazz singer pugliese.

A.A.: Una dottoressa in filosofia che fa la musicista: come ti sei accostata al canto e, in particolare, al jazz?
C.E.: In realtà mi sento una musicista che si è accostata per passione alla filosofia! Nel senso che mi sono rivolta alla filosofia, come una fonte esterna per capire meglio me stessa e ciò che mi circonda, invece la musica è in me, è lei che mi guida. Il jazz, poi è stato una folgorazione. Ho cominciato a cantare all'età di sedici anni seguendo le orme di quelli che erano i miei idoli, ovvero le grandi voci black americane: Whitney Houston, Aretha Franklin, George Benson, Dionne Warwick, Stevie Wonder etc.. Poi un giorno mio fratello Giacomo, musicista jazz anche lui, mi fa ascoltare una cassetta in cui era presente la registrazione storica dello standard How high the moon (Live in Berlin) cantato dalla sublime Ella Fitzgerald: lo imparo per bene, compresa naturalmente l'improvvisazione vocale, e mi preparo per la mia prima jam session accompagnata alla chitarra dal già noto Marco Losavio. Persevero in quella direzione e così, a diciotto anni comincio a studiare canto con Gianna Montecalvo, un incontro fortunato e speciale, la quale mi aiuta ad ordinare e realizzare le tante idee che attraversavano la mia mente.

A.A.: La tua impostazione è molto votata all'improvvisazione. Quanto è importante per te e quali sono le tracce fondamentali dell'improvvisazione?
C.E.:
L'improvvisazione ricopre un ruolo rilevante nella mia inclinazione musicale. La trovo molto stimolante, perché esalta la mia creatività artistica e la traduce in suoni, rumori, sospiri, versi, grida, parole, sillabe, respiro. Ritengo sia una musica molto coraggiosa. È una composizione estemporanea, per cui è come trovarsi costantemente sul filo del rasoio, non sai dove arriverai, che strada prenderai, se non dopo averlo fatto, sai solo da dove vieni e quello che possiedi. Quello che accade poi fra i musicisti che improvvisano è un'alchimia. È un momento delicato e magico, in cui devi cercare di conciliare le tue esigenze solistiche con quelle collettive, che possono tuttavia cambiare il corso della tua esposizione e portarti ancora una volta su un campo totalmente estraneo. Improvvisare è comunque comunicare, ognuno ha una propria storia da raccontare, e lo fa utilizzando il proprio bagaglio musicale ed esistenziale! Bisogna ascoltare e lasciarsi ascoltare, per evitare di sovrapporre idee, suoni, soprattutto quando si è in pochi, dove c'è più rischio di eccedere e di ripetersi. È energia allo stato puro.

A.A.: Quanto incide nella tua vita professionale l'attività didattica? Ritieni che sia importante anche per una crescita professionale?
C.E.: Personalmente insegno da solo tre anni, per cui non posso tirare chissà quali conclusioni, tuttavia posso dire con certezza che l'attività didattica può essere importante per un artista, ma non fondamentale. Nel senso che insegnare ti può aiutare a fissare meglio dei concetti, a ricercare meglio il rapporto fra le cause e gli effetti, ti impegna a rispondere con coerenza ai tanti perché di un allievo, tuttavia ritengo che questo sia un percorso di ricerca che ogni professionista degno di tale nome debba fare, a prescindere dall'insegnamento. Senza tralasciare il fatto che insegnare poi non è proprio la cosa più semplice e naturale che ci sia, bisogna saperci fare!

A.A.: Il concerto più brutto a cui hai assistito…
C.E.: Beh, brutto è una parola grossa, meglio scontato e un po' troppo commerciale….. quello di George Benson due anni fa a Napoli.

A.A.: Che musica ascolti?
C.E.: In realtà ascolto tanta musica, in questo mi aiutano tanto anche gli allievi!! Mi piace attraversare tutti i linguaggi musicali senza pregiudizi, sicuramente dopo opero delle scelte, ma prima ascolto.

A.A.: La tua vocalist di riferimento…
C.E.: Se devo fare solo un nome rispondo Betty Carter, colei che ha rivoluzionato il linguaggio vocale jazzistico, intervenendo lì dove nessun cantante prima aveva osato. Il suo jazz prevedeva uno svecchiamento generale di tutte quelle componenti ritmiche, timbriche e di insieme, che difficilmente un cantante poteva sovvertire: più di un musicista bebop aveva attuato tale svecchiamento, ma pochi cantanti possedevano il carisma e gli strumenti per farlo. Per esempio, ha sperimentato nuove sillabe scat per improvvisare, naturalmente suggerite dalla sua musica (non a caso era soprannominata Betty Bebop), ha giocato con il tempo andando incontro a dilatazioni e poi ad accelerazioni vertiginose, persino l'armonia viene ridotta ai minimi termini e la voce ricama melodie fluttuanti che se pur note, si stenta a volte a riconoscerle. È stata la prima donna che per garantire la pubblicazione delle proprie produzioni artistiche ha messo su una etichetta discografica nel 1971 la Betcar, oggi la sua erede è Dee Dee Bridgewater. La prima donna talent scout che nel 1993 ha costituito Jazz Ahead Program, per promuovere la formazione e l'inserimento nel circuito newyorchese talenti del calibro di John Hicks, Mulgrew Miller, Dave Holland, Lewis Nash, Greg Hutchinson. Tutta la sua musica, sia quella composta da lei che l'esecuzione stessa degli standards, riflette la sua creatività e la sua voglia di andare oltre. Nessuna sua registrazione può passare inosservata anche a causa degli eccessi nei quali a volte cade, ma è importante rischiare, anche per questo è uno dei miei modelli per eccellenza.

A.A.: Dal tuo lavoro traspare chiaramente la tradizione musicale, seppur opportunamente rivisitata: quanto è importante per te la tradizione?
C.E.: La conoscenza della tradizione è fondamentale se la si vuole attraversare e poi superare. Ho appreso dalla filosofia i tre momenti della dialettica tesi-antitesi-sintesi che in realtà tornano utili nelle scelte di ognuno di noi: alla sintesi, che nella fattispecie sarebbe la mia scelta musicale, ci sono arrivata solo dopo aver conosciuto la tradizione e ciò che le è opposta. "Spontaneous conversation" è mantenimento della tradizione ed insieme il suo superamento.

A.A.: Quanto ritieni sia importante avere visibilità negli Stati Uniti?
C.E.: Ritengo che sia molto importante, per chi come noi vive lontano da quei luoghi e da quelle atmosfere fare almeno un viaggio per assaporare quel qualcosa che né i dischi, né i tanti libri sul jazz possono darci. Poi essere addirittura visibili in America….non riesco neanche ad immaginarlo, sarebbe troppo bello….

A.A.: Sei stata finalista al prestigioso premio nazionale Massimo Urbani nonostante una concorrenza molto forte: quanto hai dovuto lavorare? Che difficoltà hai avuto?
C.E.: È stata una grande sorpresa anche per me, perché non pensavo di farcela, dico questo perché sono arrivata in finale non in concorso con altri cantanti, bensì con dei musicisti. Nella storia del Premio Massimo Urbani è stata la prima volta che un cantante è stato finalista nella sezione musicisti. Una bella responsabilità ed una grande soddisfazione. Sono arrivata nel gruppo dei primi dieci e poi addirittura negli ultimi sei. Mi è stata offerta una borsa di studio per i corsi estivi a Siena Jazz, ma la soddisfazione più grande per me è stata legata al fatto che sono riuscita a trasmettere alla giuria quello che sono, e che voglio che arrivi al pubblico. Queste sono state le parole espresse nel comunicato stampa da parte della giuria: Cantante dalle grandi qualità vocali e dalla tecnica molto personale, si caratterizza per un fraseggio quasi 'sperimentale' che sembra emergere in gruppo come quello di uno strumento. Davvero una voce che 'suona'. Mi riconosco perfettamente. Le difficoltà ed il lavoro non sono ricollegabili solo al periodo precedente il concorso, nel senso che lì ho portato tutto ciò che ho costruito negli anni, c'era sicuramente la voglia di fare bene anche perché era pur sempre un concorso e non una semplice vetrina.

A.A.: Il sogno della tua vita…
C.E.: Lavori in corso………

A.A.: Chi vorresti ringraziare?
C.E.: La persona con cui condivido sogni, aspirazioni, sconfitte e vita quotidiana! Poi la persona che mi ha trasmesso il coraggio di credere in me stessa e in quello che sento, il maestro Giorgio Gaslini.

A.A.: Chi non vorresti ringraziare?
C.E.: Tutti quelli che gravitano intorno al mondo del jazz, si nascondono dietro l'etichetta ed intralciano il cammino di tutti quelli che credono davvero nel jazz.

A.A.: L'ultimo disco che hai ascoltato? Ti è piaciuto?
C.E.: The Fred Hersch Ensemble "Leaves of grass" ispirato alla famosa raccolta di poesie "Foglie d'erba" di Walt Whitman. È pura musica poetica.

A.A.: Se ne avessi la possibilità istituzionale, che interventi attueresti in favore della musica? E cosa cambieresti dell'attuale sistema?
C.E.: La musica nelle scuole è spesso considerata un accessorio, nonostante la nascita di strutture come i licei musicali dove paradossalmente la musica, come tratto caratterizzante il corso, dovrebbe essere la materia più approfondita. La musica ha un grande potenziale creativo e di aggregazione, che andrebbe sfruttato al massimo anche e soprattutto a favore delle altre materie. Dico questo perché insegnando in una scuola privata, posso constatare giornalmente che il numero degli iscritti aumenta sempre più, e se questo accade è perché c'è una grande insoddisfazione per quello che la scuola pubblica offre. Credo anche che questo discorso vada fatto sia per la musica che per tutte le altre discipline artistiche, come la danza, la recitazione, la pittura, etc…Se potessi avere una carica istituzionale promuoverei l'arte in tutti i cicli scolastici, puntando sul fatto che favorire lo sviluppo della creatività porta l'allievo a rendere meglio nelle materie formative come la matematica, la storia, la geografia, la letteratura, la filosofia, le scienze.

A.A.: Da cosa traggono ispirazione i tuoi progetti?
C.E.: In realtà mi ispiro a tutto ciò che mi accade, a qualcosa che leggo, che vedo, che sento, che osservo, che vivo. con Antonio Onorato - Gioia del Colle (2003)Trovo che lasciarsi permeare da tutto ciò che viene sia fondamentale per creare tensione e movimento nel proprio discorso musicale, e penso che soprattutto nell'improvvisazione venga fuori tutto questo.

A.A.: Collabori con numerosi musicisti e in diversi progetti. Hai un progetto a cui tieni particolarmente?
C.E.: Naturalmente tengo tanto ai progetti che mi vedono anzitutto come leader, a tale proposito in questo momento ho deciso di allargare il duo, formazione del disco "Spontaneous Conversation" con il violoncellista Paolo Damiani, grande musicista ed eccellente improvvisatore. Spero sia l'inizio di una bella collaborazione.

A.A.: Che differenze riscontri, oggi, tra il jazz europeo e quello americano?
C.E.: Il jazz europeo nasce in una culla che non è New Orleans, non ha una storia che nasce dai canti degli schiavi…Non so se esista una definizione ufficiale di jazz europeo. Tuttavia penso che il jazz europeo come mistura fra l'energia delle radici africane, la tradizione europea e la musica colta contemporanea, oggi corra il rischio di discostarsi troppo dalla tradizione americana, andando sempre più incontro ad una musica popolare, etnica e dando luogo ad un fenomeno musicale, particolarmente attivo in Italia, che seppure voglia dare legittimità alla nostra tradizione musicale, poco ha a che fare con il jazz.

A.A.: Se dovessero offrirti una possibilità in ambito diverso dal jazz, l'accetteresti?
C.E.: Penso di no, per me il Jazz è una scelta e una sfida continua. Ma se me lo permetti ti giro la domanda: che cosa è diverso dal jazz, oggi? Il jazz oggi può contare su una contaminazione ed una integrazione di linguaggi tale che se da un lato può rappresentare un grande bacino di idee alle quali attingere per rinnovarsi, dall'altro questa varietà può confondere tanto da scambiare una ballata elegante, magari sanremese, in un brano jazz, addirittura anche le canzoni rock sono state arrangiate in chiave swing, basti pensare al progetto di Paul Anka, Rock Swings, ci sono anche vari esperimenti validi di musica classica riletta. Con questo voglio dire che tutto se vogliamo può essere letto in chiave jazz, ma così facendo si genera quella confusione, che porta molti a pensare che basti cantare ad es. "Mas Que Nada" o un qualsiasi brano swing o una bossanova per dire che si fa jazz. Ma la realtà è che il jazz è molto più che swing o bossanova, è molto di più...






Articoli correlati:
24/07/2016

Bestiario Marino (Francesco Massaro)- Antonella Chionna

10/08/2015

Resalio (Zeitgeber Ensemble)- Nicola Barin

02/06/2014

Rosa Dei Venti (Sandro Corsi)- Nicola Barin

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

06/04/2014

Quattro chiacchiere con...Antonella Chionna: "La musica è stata una sconvolgente scoperta adolescenziale, era un modo ulteriore per comunicare quello che per me è terrificante a crudo..." (Alceste Ayroldi)

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

14/01/2013

Bucket of Blood (Gianni Lenoci Hocus Pocus 3 with Steve Potts)- Gianni Montano

22/10/2011

Time To Remember (Pino Mazzarano, Gianni Lenoci)- Roberto Biasco

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

29/08/2010

David Murray con l'Hocus Pocus 3 di Gianni Lenoci, Pasquale Gadaleta e Giacomo Mongelli: "L'esperienza di condividere palco e progettualità con un grande solista afroamericano di jazz come David Murray è al contempo una conferma ed una indicazione di percorso verso la verità più profonda di questa musica" (Pasquale Raimondo)

02/05/2010

Painting On Wood (Pittura su Legno) (Stefano Luigi Mangia – feat. Gianni Lenoci) - Alceste Ayroldi

13/03/2010

14ma edizione di Parma Jazz Frontiere 2009, "A viva voce": "E' una rassegna piena di coraggio. L' artista oggi si trova davanti tante porte. Magari dietro molte di queste porte non ci sono percorsi da seguire. Ma bisogna aprirle ugualmente e rischiare, perchè senza ricerca e senza rischio c' è la cristallizzazione, che è nemica dell'arte. Un festival non deve far solo ascoltare il noto ed il già sentito. Non deve invitare solo i musicisti più che conosciuti, o invitarli solo perchè americani e-o afro-americani." (Marco Buttafuoco)

01/02/2010

The Spiritual Man (Open Orchestra Featuring John Tchicai) - Giuseppe Mavilla

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

27/12/2009

Giorgio Gaslini, l'uomo, l'artista, il compositore (Davide Ielmini)- Marco Buttafuoco

27/12/2009

Intervista a Gianni Mimmo: "La cosa più importante è aprirsi a se stessi, avere a che fare con una parte con certe volte non vorresti avere, stare con la difficoltà. Se faccio così il mio apporto all'improvvisazione, è doppio: da una parte imprimo una direzione e dall'altra ne assumo la responsabilità." (Stefano Ferrian)

26/12/2009

Jazz in Italy (Gilberto Cuppini Groups/Orchestra di Ritmi Moderni diretta da Francesco Ferrari)- Luca Labrini

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

26/06/2009

Dove si annida il jazz (Jazz - Giorgio Gaslini - Pop, Rock e Jazz...) (C. Malatini, L. De domizio Durini, A. Bernardini) - Franco Bergoglio

15/02/2009

Suite 24 (Giacomo Mongelli)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

25/05/2008

Intervista a Giorgio Gaslini: "Il musicista totale...un artista in grado di utilizzare vari linguaggi. Che conosca ed ami tutta la cultura musicale: modale, tonale, popolare, classica e contemporanea, jazzistica e non. Che sia in grado utilizzarla e sintetizzarla in una sua personale visione, di piegarla ad una sua precisa esigenza poetica. Senza cedere alle mode, alle pressioni del mercato, del gusto corrente." (Marco Buttafuoco)

01/07/2007

Intervista a Cinzia Eramo e Paolo Damiani, protagonisti del nuovo progetto della cantante pugliese dal titolo "Piccole gemme di estrazione creativa": "Personalmente ho sempre cercato di muovermi più da musicista che da cantante. Cerco di lavorare con la voce in modo strumentale, non fermandomi all'esecuzione del tema in maniera canonica. La dimensione del rischio ... ecco una cosa che mi piace! " (Adriana Augenti)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

26/11/2006

Ergskkem (Gianni Lenoci - Giorgio Dini - Markus Stockhausen)

16/11/2006

Jazzsett 2006, Gianni Lenoci Duo, Antonio Faraò Trio, Mirko Signorile & Gaetano Partipilo Telepathy Duo: tre concerti con tre espressioni pianistiche differenti, l'improvvisazione totale di Lenoci, l'intenso "soulfull" di Faraò, la simbiosi "telepatica" di Signorile e Partipilo... (Lorenzo Carbonara)

06/09/2006

Gaslini plays Sun Ra (Giorgio Gaslini)

08/06/2006

Intervista a Sabino Fino: "Ho realizzato un cd con mie composizioni perché ho voluto dare un'impronta il più personale possibile al mio primo progetto...ed ho scoperto che mi riconosco molto più nelle vesti di compositore che di esecutore..." (Alceste Ayroldi)

08/05/2006

Agenda (Gianni Lenoci )

18/06/2005

Gianni Lenoci Quartet guest Emanuele Cisi: "...Dagli standard più orecchiabili alle sonorità più complesse, ma sempre gradevoli, delle composizioni di Lenoci, alternate alle boppeggianti creazioni di Emanuele Cisi..." (Alceste Ayroldi)

20/07/2003

Spontaneous Conversation (Cinzia Eramo)





Video:
Multiculturita SJF: 13 Luglio - Pino Mazzarano - Gianni Lenoci - Saint Louis Big Band
http://www.capursomap.it/new/14/07/2011/cultura/multiculturita-sjf-13-luglio-......
inserito il 18/07/2011  da CapursoMap - visualizzazioni: 2875


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.819 volte
Data pubblicazione: 15/07/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti