Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Caudio Fasoli
di Marco Losavio

Claudio Fasoli, sassofonista, compositore, docente...decano della musica jazz, dagli inizi della sua carriera ad oggi continua nel suo viaggio di scoperta della musica caratterizzandosi soprattutto per un'apertura culturale di ampio spettro che lo porta oramai ad essere un vero e proprio punto di riferimento per molti.

M.L.: Quando ha preso in mano il primo sax Fasoli e...perchè proprio il sax?
C.F.
: Sono nato e vissuto a Venezia, in una famiglia dove la musica si ascoltava tutto il giorno, dalla mattina alla sera, ed era sempre musica classica di ottimo spessore; da ragazzino ho studiato un po' il pianoforte, poi ho sentito Lee Konitz e il sax alto è diventato il mio strumento prediletto che ho cominciato a studiare intorno ai miei 15 anni. Mi piaceva anche Paul Desmond, senza dimenticare naturalmente Charlie Parker e molti altri. Questa influenza è stata definitiva e mi è capitato di scherzarne con Lee in varie occasioni. Per lui nutro tuttora un enorme rispetto e ammirazione. Vivo a Milano da molti anni ma quello è un periodo che mi è molto caro.

M.L.: Hai collaborato con molti musicisti grandiosi...c'è qualcuno che ti ha lasciato il segno?
C.F.:
Credo onestamente che non ci sia musicista che non mi abbia dato qualcosa di importante quando si è suonato insieme:ho avuto la fortuna di trovarmi sui palcoscenici o in sala di registrazione con personalità assai significative e forse quello che mi ha sempre colpito è stato la loro onestà intellettuale nel contribuire attivamente a miei progetti, nel dare sempre il loro contributo originale per realizzare quello che desideravo. Questa sostanziale serietà e disponibilità è la più bella conferma che mi abbiano dato un po' tutti, da Wheeler a Rava, da Stanko a Schoof, da D'andrea a Jenny Clark a Oxley etc.

M.L.: Hai suonato in moltissimi paesi del mondo. Riguardo il jazz e il modo di approcciare il jazz, quali differenze ti senti di voler sottolineare tra l'Italia e gli altri paesi?
C.F.:
La differenza positiva è che in Italia ci sono una valanga di ottimi musicisti che stanno tracciando vie interessanti e innovative da anni, mettendo a punto progetti coinvolgenti e degni di ascolto: tutto ciò non avviene dappertutto ed è merito di questi talenti ma anche delle opportunità di studio se ciò avviene. Il negativo è che dall'altro lato questo fenomeno venga ignorato dalla Tv, forse un po' meno dalla radio dove la passione di pochi ottiene spazio per la nostra musica. Chi latita totalmente sono le Istituzioni italiane che ben poco fanno per favorire questo linguaggio artistico.

M.L.: Sei uno dei principali attori del jazz italiano degli anni '70, dal famosissimo Quintetto "Perigeo" con Franco D'andrea e Giovanni Tommaso, a Gaslini...Vuoi raccontarci un po' il clima artistico di quegli anni?
C.F.:
Ci si credeva tanto in tutto quello che si proponeva, ma però anche adesso non è molto diverso: l'intensità del coinvolgimento propositivo non è minore oggi rispetto a ieri. Però sembrava che qualcosa potesse cambiare in senso innovativo in tutti i campi, sembrava di respirare aria nuova, che non si potesse tornare indietro ai soliti luoghi comuni...

M.L.: Parliamoci chiaramente...il jazz di quell'epoca è spesso giudicato non benissimo soprattutto da chi ha vissuto il jazz in Italia dal dopoguerra fino agli anni '60. Molta politica, il jazz-rock, il free in cui ci si poteva "confondere"...una sorta di "confusione artistica"...Tu come la pensi, oggi?
C.F.: Forse poteva esserci "confusione artistica" come dici tu, ma sostanzialmente voglio credere che ci fosse anche tanta buona fede. La buona musica comunque resta buona in ogni circostanza, anche se viene suonata sotto manifesti politici o altro; dall'altro lato non saranno i manifesti o le intenzioni a fare di una cattiva musica una musica necessariamente apprezzabile.

M.L.: Oramai il jazz lo possiamo definitivamente considerare come cultura acquisita anche dai musicisti non americani. Secondo te si sta dando qualcosa in più al jazz, un segno di evoluzione, o siamo sempre fermi a quello che i grandi della storia, per lo più americani, hanno fatto?
C.F.:
Ti ho già dato una risposta prima. Comunque i grandi maestri americani cui ti riferisci non ci sono più ma possono stare tranquilli perché il loro contributo alla definizione delle grandi esperienze espressive degli anni passati non potrà mai esser messo in discussione e la loro influenza è tuttora importante e formativa. Però secondo me è in Europa che si gioca oggi la evoluzione più articolata e propositiva nell'ambito del Jazz. E in questo ambito le sorprese e i motivi di curiosità certo non mancano. Basta guardarsi attorno, anche senza andare troppo lontano.

M.L.: Ritieni importante la conoscenza della tradizione?
C.F.: Non solo è importante ma è indispensabile; senza storia non si va da nessuna parte e non c'è linguaggio artistico che non tenga conto del passato, magari in negativo in certi casi, però ne tiene conto. E' una sorgente indispensabile di conoscenza e una guida sicura sul piano formativo del linguaggio. Certo non è tutto ma è una garanzia di apprendistato mirato ad una maturità futura. Poi dipende naturalmente da quanto uno ci lavora ed elabora.

M.L.: Un musicista del passato a cui ti senti di rendere omaggio…
C.F.:
Non è facile nominarne "uno", è più facile citarne alcuni…da Bach a Chopin, da Alban Berg a Debussy, da Vivaldi a Bix a Basie, da Jelly Roll Morton a Armstrong, da Parker a Coltrane a Dexter Gordon, da Bill Evans a Elvin Jones, da Paul Chambers a Tony Williams a Miles Davis, da Bud Powell a Monk a Rollins a Art Taylor, etc etc etc...

M.L.: E uno del presente che ritieni di citare?
C.F.:
Anche qui non "uno" ma alcuni….Kenny Wheeler e Wayne Shorter per suono e composizioni, Mick Goodrick e Lee Konitz, Hal Crook e Paul Motian,etc.

M.L.: Da uno come te ci si aspetta molta schiettezza…come sta il jazz oggi a livello internazionale? Chi in particolare promuovi e chi invece bocci?
C.F.:
Non mi piace come poni la domanda, anche perché non c'è nessuno da promuovere o da bocciare, non mi piacciono le classifiche, anche se potrebbero supportare capacità di giudizio o di identità in chi ne manca, credo nella onestà espressiva dei musicisti di jazz in particolare e degli artisti in generale, ma soprattutto credo che ci debba essere molto rispetto per tutti coloro che si impegnano fortemente per esprimere le proprie emozioni a livello artistico. Detto ciò, posso aggiungere che il jazz secondo me è ben lontano dall'esser morto, anzi è vissuto sempre con grande intensità da chi lo fa e da chi lo ascolta. Ci sono certamente meno soldi ovunque per questa musica, però non credo che ci si debba preoccupare più di tanto, troverà sempre modo di sopravvivere, è una forma estremamente vitale perché muove grandi emozioni.

M.L.: Suoni in organici di vario tipo: dal solo sax fino all'orchestra passando da trii a quartetti e combo vari...Esiste una situazione in cui senti di identificarti meglio e che preferisci particolarmente e perchè?
C.F.:
Sono tutte circostanze affascinanti, se ci pensi bene...comunque il solo ma soprattutto il piccolo gruppo, tipo il trio, sono le situazioni che prediligo: per quanto riguarda i vari tipi di trio credo di avere fatto esperienze con ogni tipo di organico possibile. A questo proposito vorrei menzionare l'attuale Gammatrio con Paolo Birro al piano e Rudy Migliardi al trombone, insieme ai quali mi accingo ad andare il sala di registrazione per la quarta volta, non mi era mai successo prima. Il Cd "Episod" appena uscito sta raccogliendo recensioni assai lusinghiere proprio in questi giorni sulle pagine di riviste specializzate...Il piccolo gruppo lascia spazio, crea anche silenzio, consente il momento di riflessione come pure il momento di incandescenza, è flessibile, richiede concentrazione ma può dare risultati sorprendenti, imprevedibili e assai curiosi. Secondo la mia esperienza questo ambito è il più esigente ma anche il più fertile, paradossalmente.

M.L.: In varie occasioni, hai offerto la tua musica e la composizione estemporanea per cartoons, lettura di testi...se non avessi fatto il musicista in quale altra forma artistica ti saresti probabilmente espresso?
C.F.:
Mi intrigano tutte le situazioni, anche quelle rischiose e trovo sempre una via per essere in buona relazione con altri linguaggi. Se avessi dovuto scegliere altre forme espressive mi sarei dedicato alle arti figurative o meglio alla fotografia nello specifico.

M.L.: Un canzone del cuore...quella che ti emoziona particolarmente...
C.F.:
In genere preferisco suonare brani miei. Fra gli standards più frequentati mi piace ancora "Stella By Starlight".

M.L.: Parliamo ora un po' di didattica. Hai partecipato a Siena Jazz sin dagli inizi, così come ai corsi della Civica Scuola di Milano, oltre che presso i Conservatori...qual è secondo te la situazione della didattica in Italia oggi e se ritieni l'offerta sufficiente in base alla domanda...
C.F.:
Credo che la domanda trovi offerte sufficienti e di buona qualità didattica. Per quanto ne so io, qui in Italia moltissimi docenti sono soprattutto musicisti attivi sulla scena nazionale e internazionale e quindi questo è una qualità impagabile perché porta gli studenti a contatto con la realtà musicale vera, non libresca; ogni musicista porta la sua esperienza e questo è insostituibile: Questo avviene anche in Francia, in Lussemburgo, in Germania etc. Mi sembra diverso negli USA dove l'insegnante fa soprattutto l'insegnante e basta, un po' come nei Conservatori in Italia.

M.L.: Ma un giovane che voglia fare (o capire se possa fare) il musicista, che percorso deve scegliere? Seguire solo il proprio istinto o rivolgersi presso strutture di insegnamento.
C.F.:
Il mio suggerimento è quello di fare capo a qualche struttura didattica, soprattutto se le informazioni dicono che è affidabile.Ci possono essere dei rischi didattici se si è sfortunati di incontrare un insegnante poco capace, ma comunque credo sia meglio che fare tutto da soli, anche se questa via, assai più dura, può garantire maggiore libertà da condizionamenti, ci sarebbero però alcune precisazioni da fare. Dipende molto dall'intelligenza di chi sarà l'insegnante che si incontra. E dalla voglia di apprendere e studiare e lavorare ed elaborare ed ascoltare di chi impara.

M.L.: Oggi però, insegnano moltissimi musicisti, praticamente tutti...come si potrebbe fare per "certificare" (tra molte virgolette) la capacità di insegnamento?
C.F.:
Possiamo definirla la domanda da un milione di euro. Nessuno può "certificare" la capacità di insegnamento, solo lo studente che capisce ed è contento e matura e cresce e realizza. Oppure no.

M.L.: Dirigi il festival di Padova dal 2003, vuoi parlarci un po' dell'edizione 2005 che si terrà a novembre e dei suoi 4 temi?
C.F.: Quest'anno presentiamo due piano-solo di grande rilievo: Franco D'Andrea e Bobo Stenson, che è molto difficile che si esibisca in solo. Poi al Teatro Verdi sentiremo Mccoy Tyner con un grande trio, Dee Dee Bridgewater col progetto francese e infine il Quartetto di Kenny Wheeler. Ma prima e dopo, al Caffè Pedrocchi ci saranno le sezioni "Italiani in Europa" e "Americani in Europa", fra l'altro con Ed Neumeister 4et, Judy Niemack 4et e Glenn Ferris Pentessence 5et. Concluderemo domenica mattina alla Sala Rossini con il duo Trovesi-Coscia.

M.L.: Hai incontrato ostacoli che ti va di "denunciare"? Chi invece ti ha dato una mano?
C.F.:
Come tutti potrei dirti che ho trovato solo ostacoli…. o l'opposto. Le situazioni, gli interlocutori non sono mai quelli che si vorrebbero incontrare e quindi è necessario avere una forte determinazione in ciò che si vuole realizzare, essere molto intransigenti con se stessi per raggiungere gli scopi nei quali ci riconosciamo. Se un ostacolo ti ferma allora mi sembra che l'energia non sia proprio quella necessaria a produrre risultati, ma questo vale in tutti i campi. D‘altronde chi non trova ostacoli sulla propria strada ??

M.L.: Se diventassi "Ministro della Musica"…quali sono i primi tre provvedimenti che cercheresti di attuare…?
C.F.: Devo darti atto che alcune domande sono assolutamente originali...I primi tre provvedimenti sarebbero:

1) un forte impulso istituzionale ai linguaggi artistici contemporanei più penalizzati dalla presente situazione di mercificazione, quali Musica Contemporanea e ovviamente il Jazz a livello di media e Società di Concerti.

2) un forte impulso istituzionale agli scambi musicali con i paesi più attivi in questo senso, Europa e Estremo Oriente, con investimenti promozionali rilevanti per esportare Cultura Contemporanea e non solo Opera.

3) Fondare una o più etichette discografiche statali in grado di rappresentare le esperienze contemporanee e sostenerle sul piano della diffusione a prezzi politici anche fuori i confini per consentire l'aggiornamento su quanto si fa nel nostro paese.

M.L.: Cosa contiene l'agenda futura di Fasoli?
C.F.: Musica...

M.L.: Cosa non contiene e desidereresti invece scriverci?
C.F.:
Trovare Elvin Jones dietro la batteria, o Tony Williams, che mi aspetta per suonare, sento anche la loro assenza...Trovare meno luoghi comuni sul Jazz come ancora ne circolano qui da noi. Vedere musicisti più sorridenti e contenti della propria attività e valorizzazione. Vedere giovani musicisti che oltre a studiare tanti libri ascoltassero anche molti concerti e Cd.

Padova Porsche Jazz Festival 2005
Dal 13/11/2005 al 20/11/2005







Articoli correlati:
22/02/2016

London Tube (Claudio Fasoli Four)- Niccolò Lucarelli

31/03/2014

Patchwork (Claudio Fasoli Four)- Nicola Barin

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

02/02/2013

Cromatos Project (Franco Nesti & Duccio Bertini (feat. Claudio Fasoli))- Francesco Favano

02/09/2012

Avenir, Duology (Claudio Fasoli Four / L. Garlaschelli & C. Fasoli)- Gianni Montano

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

24/03/2008

Adagio (Claudio Fasoli)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

05/11/2006

Abbiamo incontrato Claudio Fasoli, un musicista con un bagaglio musicale di straodinario interesse... (Mayday)

21/09/2005

Claudio Fasoli "Gamma Trio" e Marco Tamburini Quintet a Siena Jazz 2005: "...una rassegna ricca e densa di appuntamenti, di attività. Ma in maniera molto ordinata e corretta. Non v'è una confusione travolgente di concerti e d'incontri tanto da far scorrere oltremodo l'adrenalina in corpo per il timore di perdere qualcosa o qualcuno..." (Alceste Ayroldi)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 9.621 volte
Data pubblicazione: 08/10/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti