Jazzitalia - Articoli: Intervista a Danilo Zanchi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Danilo Zanchi
aprile 2014
di Roberto Biasco
foto di Sergio Pricci


Danilo Zanchi - guitar
Ares Tavolazzi - double bass
John B. Arnold - drums

Abbiamo incontrato Danilo Zanchi in occasione del concerto di presentazione del suo cd di esordio, "Looking Ahead" (Alfaprojects), nel piccolo ma accogliente Teatro Keiros di Roma.
Il disco è stato inciso lo scorso anno in trio con Ares Tavolazzi al contrabbasso e John Arnold alla batteria. Per questa particolare occasione, non potendo essere disponibile Arnold, la scelta per l'uomo giusto dietro i tamburi è caduta sul giovane e talentuoso Alessandro Paternesi.

Il concerto si snoda sulla falsariga della scaletta del disco, che si apre con il tema pulsante di "Paunasia", per poi dispiegarsi in atmosfere più calme e meditative. La chitarra mantiene un suono allo stesso tempo avvolgente e ricco di suggestioni. In accordo con il suo carattere schivo e apparentemente timido, Zanchi mantiene un costante "understatement" per tutta la durata del set, quasi a voler sottolineare l'essenza di un concerto per trio jazz "inter pares", e non la performance di un solista e relativa sezione ritmica a sostegno.

Poca spettacolarità e tanta sostanza musicale, dispiegata a partire dall'esposizione dei temi, tutti scritti di suo pugno, proseguendo negli assoli, mai troppo vistosi e sempre ben calibrati, e soprattutto nell'interplay e nello scambio continuo con gli altri due partner. E che partner!

Ares Tavolazzi domina il centro della scena dall'alto della sua indiscussa esperienza, il suono profondo, la cantabilità ed il lirismo del suo fraseggio lasciano il segno. Alessandro Paternesi - più che una promessa, ormai una certezza tra i nuovi batteristi italiani - cerca di tenere a freno la sua naturale esuberanza mostrando maestria e senso della misura in un sapiente gioco di spazzole.
Grande empatia, forte coesione e senso profondo dell'insieme caratterizzano questa formazione.

Il gruppo acquista progressivamente confidenza e scioltezza col procedere dei brani, e nel finale, sul ritmo nervoso di "Bop Dizy", il tasso emotivo cresce: Ares Tavolazzi in particolare, libero da qualsiasi remora, va a doppiare con la voce le note del contrabbasso, canticchiando gli assolo all'unisono con le corde.

Il groove pervasivo del funky-blues proposto come bis, costringe definitivamente il pubblico a battere il piedino.

Visto che si tratta di un disco di esordio, parliamo un po' dei tuoi trascorsi artistici prima di arrivare a questo importante traguardo.
Come tanti ragazzi ho preso in mano con la chitarra intorno ai quindici anni con il rock prima e poi con il blues, ma quasi subito ho cominciato a prendere lezioni private, realizzando che il mio obiettivo era quello di vivere con e per la musica. Dopo un paio d'anni sono stato folgorato da un disco di Pat Metheny e di lì è iniziato tutto un ascolto ed un approfondimento intorno alla grande tradizione della chitarra jazz, fino ad arrivare col tempo al diploma al conservatorio. Intorno a due, tre anni fa ho iniziato a comporre nell'ottica di trovare una mia strada, coniugando la tradizione con l'evoluzione del jazz moderno, e a quel punto è nata l'esigenza di scrivere per poi fare un disco.

Il disco è interamente composto di brani originali, parlaci quindi anche della tua veste di compositore.
L'idea di scrivere è uscita fuori come un'esigenza interna, innata, profonda, che io stesso non saprei come descrivere, è una sorta di esercizio che ti cattura sempre di più, un continuo work in progress che, partendo dai maestri del mainstream americano (Wes Montgomery, Jim Hall, etc.) mi ha portato verso le atmosfere più raffinate e particolari del jazz europeo. Nella composizione comunque, in maniera magari inconsapevole, ci si porta dietro tutto ciò che si è ascoltato, a partire dai riferimenti principali, come i grandi maestri come Davis e Coltrane.

Come è iniziata la collaborazione con due "veterani" come Ares Tavolazzi e John Arnold?
Ho avuto il piacere di suonare in trio con John Arnold nel 2010, mi è sempre piaciuto il suo modo di suonare la batteria, quindi cercando un batterista dal suono e dal fraseggio molto moderno ho subito realizzato che fosse proprio lui la scelta giusta. Ares Tavolazzi è sempre stato un mio pallino, oltre ad averlo ammirato dal vivo in grandi concerti, sono sempre rimasto colpito dalla sua ecletticità, e anche in questo caso ho pensato che fosse un partner ideale per le mie composizioni. Si tratta in definitiva di due musicisti con cui condivido l'idea di andare oltre lo swing ed il mainstream tradizionale.

C'è un forte senso di interplay nel disco che fa pensare ad un affiatamento e ad una amalgama lungamente perseguita.
Il mio obbiettivo era proprio quello di realizzare un disco che avesse non solo l'impronta del trio ma anche un "sound di trio", cercando di andare ad approfondire l'essenza melodica ed armonica di certi passaggi. Infatti non ci sono lunghi assoli individuali, tantomeno miei. Il mio stile melodico di scrittura e di ricerca sonora in effetti è più orientato sulle ballad e sui tempi medi, piuttosto che sul virtuosismo e sui tempi veloci.

Tra l'altro spicca anche una qualità di registrazione ed una pulizia del suono davvero notevoli, c'è qualche dato tecnico particolare da segnalare in proposito riguardo alla produzione/registrazione dell'album?
Il merito è tutto di Stefano Amerio di Artesuono, che ringrazio per la sua enorme competenza e professionalità. Avevo sentito parlare benissimo di lui e quindi andare ad Udine a registrare il disco ha confermato al cento per cento le sue eccezionali doti umane oltre che tecniche.






Articoli correlati:
09/04/2017

Travel Music (Roberto Spadoni New project Jazz Orchestra)- Alceste Ayroldi

12/03/2017

D Birth (Daniela Spalletta feat. Urban Fabula)- Enzo Fugaldi

04/05/2016

Ctrl Z (Fabio Morgera & NYCats)- Enzo Fugaldi

13/12/2015

Crossthing (Fabrizio D'Alisera Quartet)- Gianni Montano

05/07/2015

Bluestop Live (Enrico Intra - Enrico Pieranunzi)- Enzo Fugaldi

05/01/2015

The Day After The Silence - 1976 Piano Solo (Enrico Pieranunzi)- Alceste Ayroldi

19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

16/09/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Fabrizio Salvatore, Alfa Music: "Libertà, creatività, passione per la musica, il piacere di fare un lavoro che ti piace." (Alceste Ayroldi)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

29/09/2013

Quattro chiacchiere con...Mauro De Federicis: "...mi piace la musica n cui ci sono stimoli, laddove trovo un brano, un musicista oppure una situazione che mi da emozioni." (Aceste Ayroldi)

15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

27/07/2013

Intervista a Francesco Cataldo: "La Spiritualità è il motore della mia ricerca musicale. Non riesco a scindere la spiritualità dalla musica." (Gianmichele Taormina)

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

25/05/2013

Quattro chiacchiere con...Fabrizio Savino: "Ciò che desidero dalla musica, e di riflesso anche dalla vita, è una serenità espressiva." (Alceste Ayroldi)

28/04/2013

Stray Horns (Alessandro Fabbri)- Nicola Barin

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

31/03/2013

Mr. Jobhopper (Fabrizio D'alisera Quintet)- Francesco Favano

23/02/2013

Aram (Fabrizio Savino)- Alceste Ayroldi

30/09/2012

Silentium (Francesco Negro Trio)- Enzo Fugaldi

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

08/04/2012

La Fuga Di Majorana (Jacarè) - Andrea Gaggero

06/11/2011

Desiderata (Quinteto Porteno)- Pietro Scaramuzzo

06/11/2011

A Little Bartok (D. Santimone, A. Tavolazzi, R. Paio Trio)- Gianni Montano

29/05/2011

Put on a happy face (Gibellini Tavolazzi Beggio)- Alessandro Carabelli

23/04/2011

Endrigo in jazz (Barbara Errico)- Gianni B. Montano

20/03/2011

Paris Jazz (Chantons! (Awa Ly, A. Valiante, V. Serangeli)) - Alceste Ayroldi

20/02/2011

The Driver (Andrea Beneventano Trio)- Enzo Fugaldi

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

12/09/2010

The octave tunes (Carol Sudhalter)- Gianni B. Montano

04/09/2010

Trionometry (Trionometry Group)- Paolo Incani

27/08/2010

Colori dell'anima (Pietro Vitale Ensemble) - Fabrizio Ciccarelli

15/08/2010

Canzoni Preludi Notturni (Intra – Tommaso - Gatto) - Alceste Ayroldi

10/08/2010

The Illusionist (Stefania Tallini) - Alceste Ayroldi

31/07/2010

Stand up...one more time (Ares Tavolazzi - Daniele Pozzovio Quintet) - Marco Buttafuoco

25/07/2010

Unstandards (Alessandro Galati)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Lightwalls (Simone Graziano Trio) - Luca Labrini

05/04/2010

Fidus Band (Massimo Fedeli Fidus Band)- Gianni B. Montano

06/03/2010

Mr. Xanthou (Fabio Di Biagio)- Gianni B. Montano

02/01/2010

Falando De Amor (Stefano Bollani Trio) - Alceste Ayroldi

05/09/2009

Que la Fete Commence (Gianni Savelli Media Res)- Gianni B. Montano

30/08/2009

Laigueglia Percfest 2009: "La 14° edizione, sempre diretta da Rosario Bonaccorso, ha puntato su una programmazione ad hoc per soddisfare l'appetito artistico di tutti: concerti jazz di altissimo livello, concorso internazionale di percussionisti creativi Memorial Naco, corso di percussioni per bambini, corsi di GiGon, fitness sulla spiaggia, stage didattici di percussioni e musicoterapia, lezione di danza mediorientale, stage di danza, mostre fotografiche, e altro." (Franco Donaggio)

03/08/2009

Amigos (Gio' Marinuzzi)- Cinzia Guidetti

26/07/2009

Nostos (Marangolo, Tavolazzi, Bandini)- Andrea Gaggero

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

20/04/2009

Bill's Heaven - To Bill Evans (Trio)

12/04/2009

Omaggio a Lennie Tristano (Iacoucci-Cantarano )

05/04/2009

Liebman Meets Intra Live (Enrico Intra)

15/03/2009

Nothing By Chance (Andrea Lubrani Trio)

12/10/2008

Goin' Solo
(Celebrating 60 years in jazz guitar)
(Sergio Coppotelli)

22/09/2008

Godot e altre Storie di Teatro (Ares Tavolazzi)

11/04/2008

Unquiet Silences (Michael Rosen)

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

23/06/2007

Bibbidi Bobbidi Boop (Boops Sisters)

21/01/2007

Plays the Music of Eric Dolphy (Riccardo Fassi Tankio Band)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

08/10/2006

Stefano Bollani a Berchidda in un concerto per Quintetto e Caterina: "Bollani pone la qualità narrativa dei suoi brani al servizio del racconto, ma non sfugge mai alla tentazione di improvvisare qualcosa di astruso ... " (Roberto Botta)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

17/04/2006

Brazilian etno Drumming Project (Alessandro D'Aloia & Lo Bengula)

19/02/2006

San Servolo Jazz Meeting: "Il bello della musica consiste anche nell'ascoltarla in un luogo adatto, meglio ancora se confortevole per l'auditore ed acusticamente buono. La II^ S.Servolo jazz Meeting ha però un fascino in più. Qui i concerti si tengono in un'isola della laguna di Venezia..." (Giovanni Greto)

14/02/2006

Shades of Carol (Carol Sudhalter)

26/11/2005

Logorythms (John B. Arnold)

24/09/2005

Charity Cafè (Okinerò)

23/07/2005

Dreams (Stefania Tallini Quintet)

11/07/2005

Quartette èlectrique (Davide Pettirossi)

24/07/2004

Opzioni (il viaggio) (Isoritmo)

19/07/2003

A Secret Place (Susanna Stivali)

15/07/2003

Trinacria (Andrea Beneventano Trio)

27/06/2003

NinnaNannaNino (Dario Cellamaro Swingsuite Quintet)

21/04/2003

The Look of Love (Antonella Vitale)

28/12/2002

New Steps (Pino Iodice Project)





Video:
ENRICO RAVA quartet al DALTROCANTO
Concerto dell' Enrico Rava Quartet con Stefano Bollani al pianofort, Ares Tavolazzi al basso e Mirco Mariani alla batteria. Sala Consiiglio Comunale S...
inserito il 15/09/2007  da pensatojo - visualizzazioni: 3236


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 741 volte
Data pubblicazione: 11/05/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti