Jazzitalia - Articoli: Quattro chiacchiere con...Dino Rubino
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quattro chiacchiere con…Dino Rubino
ottobre 2012
di Alceste Ayroldi
foto di Carmine Picardi

Dino RubinoDino Rubino

Dino Rubino, la sua vita musicale sembra legata ad una altalena tra pianoforte e tromba: come mai questa indecisione?
Non saprei dare una risposta esatta a questa domanda. L'unica cosa di cui sono certo è che ad un certo punto mi sono ritrovato in questa situazione senza volerlo. Viceversa poi, c'è voluto un bel po' di fegato per decidere di portare avanti entrambi gli strumenti. E' come se questi strumenti, diversissimi tra loro, si fossero sempre intrecciati ed interscambiati nel corso della mia vita. Oggi a 31 anni sono sicuro di aver fatto la scelta giusta e ciò mi fa sentire molto appagato.

Nel 2001, proprio in tal senso, la sua biografia parla di "un periodo di crisi" che le fa abbandonare la tromba…
E' stato proprio in quell'anno che presi la decisione di mollare la tromba. Due anni prima avevo iniziato a studiare con un trombettista classico il quale mi fece cambiare impostazione facendomi rincominciare praticamente da zero. Seguirono due anni molto frustranti: al termine di ogni concerto non ero mai felice perché non riuscivo più a suonare nulla di quello che mi suonava in testa. Così nel 2001, al termine di un altro "disastroso" concerto tenutosi a Piazza Armerina, durante il tragitto di ritorno presi la decisione di mollare la tromba e riprendere il piano. Nel giro di una settimana comunicai questa decisione a parenti, amici e musicisti. Nei due anni successivi non feci nemmeno un concerto.

Oggi, invece, si alterna felicemente tra l'uno e l'altro strumento. Ve ne è uno che preferisce?

Sono due strumenti talmente diversi tra loro che mi consentono di far uscire moltissimi aspetti del mio mondo interiore, anche se alla fine penso che siano le due facce della stessa medaglia. Quindi non c'è uno strumento che preferisco di più rispetto ad un altro, semmai penso la musica in modo diverso a seconda dello strumento che suono.

La sua è una formazione classica, come è arrivato al jazz: chi l'ha folgorata?
Nel 1994 mio padre, grande appassionato di jazz e batterista dilettante, portò me e mio fratello a Perugia per vedere qualche concerto all'interno della rassegna "Umbria Jazz". Lì, in un piccolissimo club, a pochi metri di distanza vidi suonare per la prima volta Tom Harrell. Fu un emozione così intensa che una settimana dopo, una volta rientrato a casa, presi la decisione di abbandonare il Conservatorio, ero al III anno di pianoforte, e iniziare lo studio della tromba e del jazz.

Invece, chi è stato il suo mentore?
L' anno successivo frequentai i seminari di Siena Jazz e li conobbi Enrico Rava. Ebbi la possibilità di suonare nella sua classe di musica d'insieme per quindici giorni e fu un' esperienza importantissima per la mia formazione musicale. Penso che tutti i musicisti da giovani abbiano avuto dei punti di riferimento; Enrico è stato uno dei miei idoli ed ho imparato tanto da lui, soprattutto dal vederlo e sentirlo suonare. Ha fatto tanto per me e gli sono veramente grato.

Di lei si parla, già da qualche anno, in termini più che entusiastici e, come spesso accade in queste occasioni, di un enfant prodige. Indossa ancora questi abiti o ritiene che siano tempi passati?
Non mi sono mai sentito un enfant prodige e soprattutto non credo a questo mito, questa definizione. Ho visto e so di ragazzi talentuosissimi che hanno iniziato a suonare da giovanissimi e si sono persi strada facendo; viceversa altri musicisti hanno raggiunto una loro dimensione e maturità artistica col tempo pur non avendo mostrato grandi doti da piccoli. Quello che ho capito crescendo è che per fare un buon artista solo il talento non basta. Di contro senza quello non si va da nessuna parte.

C'è qualche giornalista, qualche critico che la ritiene parecchio acerbo. Eppure, nonostante sia ancora giovane, di mestiere ne ha un po' alle spalle. Cosa risponde a codesti?
Beh, c'è anche qualche giornalista che ritiene Giovanni Allevi un genio. Sinceramente accetto qualsiasi critica con molta serenità: se sono costruttive mi fermo e ci rifletto altrimenti vado avanti per la mia strada.

A proposito di mestiere, tante collaborazioni con prestigiosi musicisti: quale ricorda con maggiore piacere e quale (potrebbero coincidere) l'ha particolarmente arricchita?
Due ricordi: il primo a due grandissimi musicisti che non sono più con noi, con cui ho avuto la grande fortuna di collaborare sin da giovanissimo: Enzo Randisi e Gianni Basso. Il secondo va ai due musicisti che mi hanno più influenzato artisticamente e con il quale, anche con loro, ho avuto ed ho tutt'ora la fortuna di condividere il palco molto spesso: Enrico Rava e Paolo Fresu.

E c'è qualcuno con cui vorrebbe collaborare a tutti i costi?
Mi piacerebbe collaborare con Charlie Haden…ma anche con Norah Jones.

Alcuni suoi colleghi si dedicano anche ad altre musiche, come dire, più remunerative del jazz. Se ne avesse modo e occasione lo farebbe anche lei?
Dipende da tante cose. Se è un buon compromesso, in cui avrei comunque modo di esprimere la mia musicalità credo che accetterei senza nessun problema. Se viceversa dovessero chiedermi di "prostituirmi" solo per stare davanti una telecamera me ne starei volentieri a casa. E' solo questione di trovare il giusto compromesso con il giusto equilibrio nel momento giusto.

Parliamo di Zenzi, il suo primo album da leader. In primo luogo, come mai un tributo a Miriam Makeba?
Circa due anni fa invitarono me, Stefano e Paolino a suonare all'interno di un festival dedicato all'Africa. Così una sera parlando con Stefano mi disse: "che ne dici di mettere su un progetto dedicato alla Makeba"? Appena rientrato a casa inizia a documentarmi, comprai dei libri (tra cui una splendida autobiografia) ed ascoltai un po' della sua musica. Dopo quindici giorni non avevo più nessun dubbio: Miriam Makeba era entrata nel mio cuore. Così inizia a comporre la musica per quel progetto e sei mesi dopo entrammo in studio per registrare.

Poi, perché ha scelto la formula del trio e perché proprio Paolino Dalla Porta e Stefano Bagnoli?
Dal 2009 al 2011 siamo stati la ritmica di uno dei gruppi di Francesco Cafiso chiamato "4OUT". Lì ebbi modo di conoscere meglio Stefano e Paolino. Nel 2010 Stefano mi disse che c'era la possibilità di fare un po' di concerti con questo trio in qualche jazz club così accettai. Al termine di quei concerti sentii chiaramente che ero pronto per formare un gruppo mio.

La sua linea compositiva è, per così dire, molto italiana, molto legata alla melodia. Quanto c'è di improvvisazione e quanto è invece scritto?
In realtà il mio modo di comporre dipende molto dal tipo di progetto che ho in mente. Diciamo che prima delineo il percorso, che sarebbe il progetto, poi i particolari, ovvero le composizioni. In genere mi piace cercare sempre una melodia, qualcosa che rimanga in testa. Non so perché ma ascoltare musica di cui alla fine non ricordo nemmeno un tema mi annoia. Ecco perché non mi piace tutta o gran parte della nuova musica che va di moda in questo momento a New York.

Una casa discografica, la Tuk Records, che è dominio di un suo "rivale": Paolo Fresu, mica poco. Che, però, è anche il suo migliore sostenitore. Cosa vorrebbe dire a Fresu?
Paolo per me significa tanto, come musicista, come trombettista ma ancor di più come persona. Posso dire con molta sincerità che è un punto di riferimento, e mi piacerebbe sottolineare che non ne ho molti, anzi… Essere appoggiato e sostenuto da Paolo è una cosa di cui vado fiero, una gioia grande e per questo vorrei ringraziarlo, perché penso che la gratitudine verso chi ti fa del bene è una cosa importante: grazie Paolo!

Un lavoro discografico ricco di colori e timbri. E' solo il pensiero a Miriam Makeba o fanno parte del suo dna musicale?
Per realizzare questo lavoro abbiamo usato delle percussioni particolari, e tanti colori timbrici che dentro di me evocavano la mia Sicilia e l'Africa, terre che hanno in comune molto di più che la vicinanza geografica. Ho voluto usare molti colori per omaggiare Miriam rispettando sempre la mia natura, quindi ho usato molti colori per entrambi i motivi.

In verità, questo lavoro non è proprio il suo primo disco da leader, perché preceduto da Mi sono innamorato di te, pubblicato dalla Venus e licenziato in Giappone. Una scelta di mercato quella di escludere l'Italia?
Anche quello un caso. Nel 2008 registrai un disco con Francesco Cafiso per la Venus e così il produttore, due mesi dopo, decise di produrmi un disco. Scelsi la formazione in due giorni e andammo in studio senza mai aver suonato insieme. In realtà non considero quel disco il mio vero esordio discografico da leader ma in ogni caso è stata un' esperienza.

A tal proposito, quanto è difficile fare il jazzista in Italia?
Purtroppo oggi in Italia non si investe sulla cultura, non si investe sui giovani ma si fanno operazioni di mercato perché tutto gira attorno ai soldi e per questo, per un giovane emergente è davvero difficile creare uno spazio per potere esprimere la propria fantasia. Parole come bilancio, profitto, vendita, entrate, sono queste che comandano il mondo della cultura, e l'arte vera con queste parole non è andata quasi mai d'accordo. Chi organizza un festival pensa solo a vendere più biglietti possibile, chi è produttore televisivo pensa solo ad alzare lo share, tutto il resto non conta nulla. Penso che la piu' grossa rovina dell'arte, ed in genere della società odierna, sia questa: il denaro.

Secondo lei è così importante farsi vedere in Tv affinché i concerti siano pieni di gente?
Non è fondamentale, vedi Fresu o Rava i quali concerti sono sempre sold out, ma sicuramente la televisione da una popolarità incredibile, vedi Bollani, e aiuta senz'altro a riempire i teatri.

Quali sono i suoi progetti futuri? E i progetti di questo trio?
Ho appena finito di registrare due bellissimi dischi, uno con Giuseppe Mirabella l'altro con Rino Cirinnà. Nel 2013 registrerò un altro album per l'etichetta di Paolo ma per il momento preferisco non anticipare nulla riguardo il progetto e la formazione. Per quanto riguarda il trio siamo ancora in crescita per cui mi auguro di fare ancora un bel po' di strada insieme.

La sua attuale playlist: che musica ascolta in questo periodo?
Per motivi personali è da circa un mese che mi trovo in Portogallo; qui ho scoperto il Fado e me ne sono innamorato. Tutti i pomeriggi vado in un piccolo posticino al centro di Coimbra, una delle capitali del Fado, ad ascoltare questa splendida musica…per cui nessuna playlist, musica dal vivo!






Articoli correlati:
23/09/2017

A Beautifull Story (Rosario Bonaccorso)- Alceste Ayroldi

28/12/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Mirabella: "Con i tempi che stiamo vivendo non puoi più dare per scontato che farai il musicista per il resto della tua vita..." (Alceste Ayroldi)

20/11/2013

Sleepless (Loredana Melodia)- Francesco Favano

12/01/2013

Braintrain (Salvatore Pennisi - Giuseppe Mirabella) - Alceste Ayroldi

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

16/09/2012

Moon Is Here (Claudio Giambruno 5tet feat. Dino Rubino) - Alceste Ayroldi

07/07/2012

Red Inside (Antonella Catanese)- Francesco Martinelli

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

20/06/2009

Light (The Giovanni Mazzarino New Quintet)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

08/02/2009

Jazz & Wine, Live Music Buffet presso il Palermo Jolly Hotel con la direzione artistica di Giovanni Mazzarino: "Chissà perché le iniziative o gli esperimenti più interessanti durano poco e finiscono per sparire. Grandi hotel internazionali hanno un proprio jazz club di riferimento, spesso anche accorpato nelle proprie pertinenze, dove vengono chiamati a suonare dei jazzisti di rilievo, sia locali che stranieri, per il diletto di ospiti ed esterni." (Antonio Terzo)

04/05/2008

Intervista con Dino Rubino: "Ho iniziato ad amare la musica sin da piccolo, essendo cresciuto in un ambiente dove essa era compagna di tutti i giorni. Ad 11 anni ho iniziato a studiare pianoforte al Conservatorio di Catania ed a 14, dopo aver assistito ad un concerto di Tom Harrell, ho deciso di iniziare lo studio della tromba e del jazz. A 20 anni ho avuto una crisi musicale, decisi di mollare la tromba per ricominciare lo studio del pianoforte." (Giovanna Scibona)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2812
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2485
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2656
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 2301
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 2379
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 2361
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2318
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2420
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 2662
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 2382
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 2230
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 2220
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3333


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.360 volte
Data pubblicazione: 22/12/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti