Jazzitalia - Articoli: La Musica, le Parole, il Pensiero: nove domande a Enzo Favata
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Dal 27 al 31 agosto la splendida località di Santa Teresa Gallura in Sardegna ospiterà la nona edizione del Festival di "Musica sulle Bocche" voluta e organizzata da Enzo Favata
La Musica, le Parole, il Pensiero: nove domande a Enzo Favata
Intervista di Viviana Maxia
luglio 2009

Dall'alba a notte inoltrata: quest'anno, l'idea di Enzo Favata per il suo Festival è quella "di affrontare un viaggio verso il continente sudamericano riletto in chiave jazz. Non solo la musica, ma anche il cinema e la fotografia racconteranno al pubblico il grande continente al di là dell'oceano Atlantico".
Beppe Severgnini sarà il protagonista di "Racconti sulle bocche" che si confronterà in anteprima, il 26 agosto, con Flavio Soriga, tra saggistica e narrativa sul tema annuale: il viaggio nella sua accezione più ampia.
In cinque giorni di concerti ed eventi - a tutte le ore del giorno e in diversi luoghi - Santa Teresa di Gallura diventa la "casa " della musica, come ci racconta Enzo Favata in nove domande in cui, lasciando correre la mente anche oltre la rassegna, apre la porta del suo mondo fatto di musica suonata e pensata.

L'anno prossimo saranno 10 anni che la rassegna ha preso "il mare", un breve consuntivo sulle precedenti edizioni.

"Musica sulle Bocche" ha una caratteristica diversa rispetto agli altri festival: è la de-contestualizzazione del luogo in cui vengono eseguiti i concerti e la proposta musicale è data da questo rapporto strettissimo tra musica e natura. Questa è la carta vincente che ha fatto di un piccolo festival un evento da trentamila presenze l'anno. Sono un musicista sempre in giro per il mondo per cui conosco gli altri festival; magari ho anche preso qualche idea, ma la nostra è una rassegna che in nove anni si è costruita una forte personalità. Il pubblico è cresciuto edizione dopo edizione fino a farla diventare una importante e bella realtà.

Come si è evoluta la rassegna e quali sono stati i tratti distintivi rispetto alle altre rassegne musicali sarde?

La Sardegna è un luogo speciale per quanto riguarda la musica jazz nel mondo. Se guardiamo la percentuale di musicisti jazz, festival e indotto di pubblico, sicuramente in Italia è una regione che non ha rivali. Per esempio in Norvegia si è sviluppata una serie di musicisti e festival di una certa importanza. La Sardegna è quasi allo stesso livello, unica differenza la Norvegia è una nazione, mentre la Sardegna è una regione con tutti i limiti che ne conseguono. Nello specifico: le tipologie degli altri festival sono varie, secondo me la carta vincente di "Musica sulle Bocche"sta proprio nel rapporto molto libero che si è instaurato con il pubblico che si reca qui apposta, nonostante ci sia la propensione a vedere la Sardegna come classico luogo di vacanza. Il nostro pubblico è consapevole di trovare da noi musica di un certo livello e ne approfitta per legarlo al buon cibo e al buon vino. È un pubblico variegato, ma che si è fidelizzato. Esiste ed è una realtà il pubblico affezionato di "Musica sulle Bocche"che sceglie di ritornarci ogni anno.

Come si differenzia dalle altre la rassegna di quest'anno

Il programma che viene proposto è molto vicino alla mia idea di musica. Io sono un jazzista assolutamente in linea con le influenze contemporanee della musica jazz; un po' differente è il mio modo di pensare che è assimilabile ad una grande partitura su cui compongo tutti i tempi di questa grande suite. In questo modo, le novità si sommano anno dopo anno.  Per esempio le location, come le famose albe alle sei del mattino sulla spiaggia della Rena Bianca, con il pubblico che ascolta davanti al mare che si affaccia verso la Corsica. Lo scorso anno abbiamo introdotto un concerto al tramonto a Capo Testa, luogo che si trova a quattro chilometri dal centro abitato di Santa Teresa di Gallura, molto conosciuto. Abbiamo poi introdotto il jazz raccontato ai bambini, e, ancora, la musica nelle chiese. La novità di quest'anno è il tema legato sia al viaggio che al "mito" del viaggio: il Sud America, non inteso come raccolta di musicisti del posto, ma come mito del Sud America visto con gli occhi del musicista europeo. Sono anni che vado in tournée in quei luoghi, conosco molti musicisti sudamericani e ciò che mi interessava era far sentire quest'idea, offrendo uno sguardo più intimistico, particolare del Sud America. Quest'anno poi, oltre ai "Racconti sulle bocche" di cui è protagonista Beppe Severgnini, il 26 agosto ci sarà un'anteprima del festival con lo stesso Severgnini e lo scrittore sardo Flavio Soriga, protagonisti di una serata letteraria sempre dedicata al viaggio, nella chiesa di Santa Lucia. Ogni anno c'è qualcosa di nuovo, non mettiamo limite alla fantasia e soprattutto non vogliamo essere il festival che continua a proporre sempre e comunque il grande musicista ma che, piuttosto, è diventato un po' talent scout per le nuove proposte musicali. Otto anni fa, durante la seconda edizione di "Musica sulle Bocche", nella piazza centrale di Santa Teresa suonava un giovane Stefano Bollani, che allora non era ancora esploso e non immaginava che tre anni più tardi sarebbe diventato il talento internazionale che tutti oggi conoscono e ci invidiano.  Ancora, i The New Villagein tentetto con i Tenores Di Bitti, che hanno debuttato a "Musica sulle Bocche" e poi sono stati prodotti e proposti come nuovo progetto. Una varia serie di produzioni ha visto la luce proprio con il festival, come, ad esempio, anche il quartetto con Enzo Favata, Omar Sosa e Marcello Peghin, nato durante uno dei tramonti di "Musica sulle Bocche" dello scorso anno.

Quanta parte ha ormai il jazz in "Musica sulle Bocche" e quanta parte invece appartiene alla world music.

Louis Armstrong diceva: "Se ti chiedi cos'è il Jazz non lo saprai mai". Questa frase è rimasta l'emblema di molti jazzisti che hanno aperto le porte all'avanguardia. Questa era l'intuizione di una persona che decise di allargare i suoi orizzonti, mentre se vogliamo parlare ad esempio di Coltrane, o Charlie Parker o altre personalità di questo tipo possiamo dire che erano più conservatori. Quanto c'è di jazz nel festival? C'è tanto jazz, soprattutto se consideriamo che è un genere sempre in evoluzione. Se si considera la mia affermazione, nata perché sono un musicista molto curioso, ovviamente non collima con l'idea di jazz dei conservatori italiani per i quali i repertori si fermano agli anni '60.  Grazie al cielo ci sono talenti ovunque; talenti che poi si liberano dell'idea della scuola e del classicismo anche nel jazz. La world music invece è un'etichetta che vuol collocare qualcosa che è in costante movimento, è una musica che ha paura di essere rinchiusa. Se vogliamo, la musica popolare del mondo rispetta quello che è lo sviluppo dei materiali popolari con una particolare attenzione per l'improvvisazione e comunque, al suo interno, c'è sempre tanto jazz. Ricordiamoci che ci sono musicisti come Egberto Gismondi che non sono musicisti di world music ma jazzisti con una grandissima cultura anche classica. Io credo che la grande scommessa negli anni a venire sarà quella di liberarsi del modello afroamericano Beris pre elettrico e finalmente dare libertà alla creatività perché quest'ultima spesso è venuta a mancare e questo è un grosso pericolo perché così facendo la musica muore.

Beppe Severgnini e i Racconti sulle Bocche: come si integrano con la musica e cosa rappresentano

I "Racconti sulle Bocche" costituiscono un appuntamento fisso ogni anno. In una delle prime edizioni ho sviluppato questa formula con Carlo Lucarelli, un mio carissimo amico. In questa edizione avremo protagonista Beppe Severgnini che ogni sera sul palco centrale leggerà i suoi racconti "improvvisati" composti per l'occasione durante la giornata appena trascorsa, sotto l'impulso sonoro delle giornate musicali.

"Musica sulle bocche" è una realtà oramai consolidata, ma non è solo l'alba su Rena Majore, cos'altro è?

L'alba sul Rena Majore contribuisce a ricreare un'atmosfera quasi magica e a dare al pubblico la sensazione di condivisione, di happening quando ci si ritrova tutti insieme: musicisti, natura, gente comune. L'uno di fianco all'altro condividono quel momento e magari alla fine suggellano l'esperienza con un bagno mattutino. Ma ci sono tante altre location pensate appositamente per ogni musicista e ogni tipo di evento, ma soprattutto chi sceglie di venire a Santa Teresa ha il piacere di godersi appieno ogni momento facilitato dal fatto di avere tutto a portata di mano, con distanze minime percorribili anche a piedi. E quindi può scegliere tra un tramonto a Capo Testa, un faro a ridosso del vento, gli spettacoli nelle chiese, i concerti appositamente pensati per i bambini accompagnati dai loro genitori; tutto nel giro di pochi chilometri.


Musica sulle Bocche 2007: Concerto all'alba
foto di Luca D'Agostino - Phocus Agency

Raccontami dell'adesione a "impatto zero": come si integra questa adesione al protocollo di Kyoto con la manifestazione e che significato ha questa adesione per Enzo Favata?

Siamo stati il primo festival, lo scorso anno, ad aderire al protocollo di Kyoto. Quando abbiamo iniziato c'era il "deserto dei Tartari" qui in Sardegna; si studiava sui dischi jazz che arrivavano perché non c'erano altre occasioni di ascolto della musica. L'idea di mettere in pratica quello che per tanti, a volte, resta solo teoria forse deriva proprio dal fatto che ci siamo sempre un po' arrangiati. Noi siamo per la salvaguardia dell'ambiente e per questo combattiamo, ma facendo qualcosa di concreto in modo da lasciare un segnale tangibile al nostro pubblico: quest'anno insieme al biglietto d'ingresso (un obolo simbolico di uno o due euro) regaleremo a tutti degli erogatori da applicare al rubinetto dell'acqua, che ossigenano il getto riducendolo del 30%. È una cosa assolutamente economica, ma è proprio il segnale pratico che si sposa con la difficoltà che la Sardegna ha ogni anno con la penuria di acqua.

L'organizzare questo appuntamento non ti distoglie dalle sperimentazioni e commistioni musicali per le quali sei conosciuto come musicista?

Io lavoro sempre molto, sia con gli orchestrali, sia in altri ambiti, tipo quello delle colonne sonore ed in queste occasioni mi è capitato di creare delle cartoline sonore che sposano la musica al paesaggio. "Musica sulle Bocche" per me è quindi una grande partitura che, ogni anno, cerco di racchiudere in una cartolina sonora di qualche minuto contenente la "summa" del festival stesso.
Faccio il direttore artistico del festival, ma la mia attività di musicista continua per tutto l'arco dell'anno, anche perché ho uno staff straordinario che lavora ogni anno per la sua buona riuscita. È un format assolutamente collaudato, nonostante sia molto faticoso dal punto di vista economico perché bisogna applicare molte energie nella ricerca degli sponsor; ma questo è un problema comune che coinvolge tutta l'Italia. Andando spesso in giro per il mondo, noto che all'estero si hanno meno difficoltà a produrre musica di alto livello, anche con l'aiuto degli enti pubblici che danno un grosso apporto alla cultura musicale. Sono sempre molto concentrato sulla produzione della musica e dei concerti durante il resto dell'anno perché mi fido della macchina organizzativa ormai consolidata. Ci si può fermare un mese e non di più, progettando il festival e facendo in modo che si svolga nel migliore dei modi. Un'annotazione sociologica ed economica: lo scorso anno uno studente di Economia del Turismo della "Bocconi" ha analizzato nella sua tesi lo spaccato economico di "Musica sulle Bocche" e ne è venuto fuori un dato importante: nel periodo del festival, nell'indotto di Santa Teresa Gallura c'è una resa che ammonta a circa due milioni di euro, e anche questo è sintomo del suo successo.

Quanto ti emoziona suonare e quanto sentire suonare gli altri.

La curiosità di sentir suonare gli altri è la curiosità di conoscere, e questa credo sia la cosa più importante in un musicista, come in un artista o uno scrittore. È importante non chiudersi mai dicendo che qualcosa non ci interessa senza averla prima ascoltata. È chiaro che c'è qualcuno che mi emoziona più di altri, subentra il gusto personale, ma ognuno, dall'avanguardista più incallito al melomane più normale, ha sempre qualcosa di buono che fa parte del bagaglio culturale che ognuno di noi dovrebbe avere. Mi emoziona capire che dietro a uno strumento batte il cuore. La musica ha due possibilità: quella che arriva e quella che non arriverà mai. La prima categoria appartiene a musicisti che, a prescindere dal loro stile, sono guidati dal cuore. L'altra appartiene alla categoria degli "impiegati". Parlando di me, mi emoziona suonare ogni giorno, mi emoziona suonare strumenti nuovi, come il sassofono soprano e poi il sopranino, con cui mi piace giocare e sperimentare cose che hanno a che fare con strumenti arcaici. Ho scoperto uno strumento, nuovo per me ma che Mozart conosceva molto bene, che è il Corno di Bassetto: è uno strumento che ha dei timbri che ricordano il duduk armeno e dei suoni assolutamente arcaici, incredibili. Poi mi emoziono facendo suonare il soprano sul ritmo e sul tempo e il tenore in maniera molto metropolitana, come si può ascoltare con i "The Village", in cui Daniele Di Bonaventura e Alfonso Santimone hanno due modi di suonare completamente diversi (suonano il pianoforte acustico e il pianoforte elettrico, con il contrabbassista Danilo Gallo e Riccardo Pittau, trombettista di altissimo livello, ad accompagnare le loro evoluzioni. Oltre all'emozione di suonare strumenti nuovi, mi riferisco sempre a Coltrane che sosteneva che "non è ancora arrivata la musica che suonerai" e quindi sono sempre convinto che ci sia una musica nuova da suonare domani.


Le parole di Enzo Favata descrivono, in un forte impatto emozionale la sua vocazione di musicista e amante di tutto ciò che è creativo e sostenibile, tranne delle "etichette", che partendo dal mare sardo pieno di musica e armonia, lancia lo sguardo e parla con il cuore verso le "bocche" del Mondo.






Articoli correlati:
22/11/2008

Eventi in Jazz di Busto Arsizio: "Dopo il successo degli anni scorsi, anche questo autunno a Busto le calde note del jazz hanno acceso la vita culturale cittadina. Dal 18 ottobre gli "Eventi in Jazz", giunti alla VI edizione, hanno portato, come da consuetudine, artisti di grandissimo livello nei principali teatri cittadini quali il Sociale, il Manzoni, il Lux, Fratello Sole, con un cartellone davvero invidiabile." (Alessandro Carabelli)

02/11/2008

Udin&Jazz 2008: I will not apologize: "In un incontro dedicato al tema del festival, William Parker e Amiri Baraka, scrittore e poeta, affiancati da alcuni critici italiani, hanno parlato dei tempi che corrono, lucidamente e a volte con pessimismo, confermando come, sì, il free e la Black music sono stati importanti per la causa della gente di colore, ma molto rimane ancora da fare." (Giovanni Greto)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

11/10/2006

Reportage fotografico dalla rassegna Musica sulle Bocche 2006 di Santa Teresa di Gallura (Ziga Koritnik)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.786 volte
Data pubblicazione: 22/08/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti