Jazzitalia - Articoli: Intervista ad Ermanno Principe
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Ermanno Principe
Maggio 2010
Testo di Eva Simontacchi
Fotografie: gentilmente concesse da Ermanno Principe

Chiacchieriamo con Ermanno Principe, batterista e cantante, ma anche chitarrista che non disdegna di mettere anche le mani sul piano per accompagnarsi in qualche brano, in occasione dell'uscita del primo album a suo nome, "Flower" (Radio SNJ Records).

Ermanno, ti senti più batterista, chitarrista, o cantante?

Mi sento musicista e basta, perché qualsiasi strumento crea un'armonia se è pensato da musicista, altrimenti è un'altra cosa.

In questo disco quali sono gli strumenti che suoni a parte l'uso della tua voce per cantare?

La batteria, che è il mio primo strumento, quello che suono fin da bambino, e poi la chitarra. Il piano l'ho lasciato suonare a Paolo Brioschi che è un grandissimo.

Quali altri musicisti suonano con te in questo progetto?

Il mio vecchio "compagno d'armi" Ezio Frassi, contrabbassista, poi c'è un carissimo amico, Marco Brioschi, fratello di Paolo alla tromba e al flicorno, e poi c'è Andrea Maia, la mia compagna, brasiliana, che canta un pezzo, alla fine, come ospite con me alla chitarra. Ma non è che sia stata messa alla fine per darle meno valore, anzi!

Hai una lunga carriera alle spalle e una grandissima esperienza sia come voce sia come strumentista, batterista. Perché hai atteso così a lungo prima di uscire con un disco a tuo nome?

Perché l'esperienza è più approfondita dopo tanti anni, ha uno spessore diverso. Avrei potuto farlo prima ovviamente, però ho scelto di farlo adesso perché ho sentito che era il momento giusto. Sentivo di essere maturo per farlo e avevo qualcosa di più profondo da dire.

Ci sono molti pezzi a tuo nome.. Magari ci puoi raccontare qualcosa riguardo questi brani. Per esempio c'è un brano dedicato a Stevie Wonder: "Song For Stevie".

Dici nulla! (sorride). "Song For Stevie" l'ho dedicata a uno dei più grandi maestri che ci siano nell'universo. Stevie Wonder è l'artista che mi commuove maggiormente e che mi da di più musicalmente insieme agli altri che ho menzionato nella presentazione all'interno della copertina del disco: Sonny Rollins, John Coltrane, insomma, i migliori. Questa bella esperienza l'ho fatta ascoltando i migliori. Penso di non avere sbagliato niente. Stevie è Stevie: è l'armonia, la melodia, la voce. E' la musica. Suona tutto e fa musica.

Quando componi, ti piace comporre in minore…..

Si, è un po' la mia vena malinconica diciamo. Però ci sono anche i pezzi in maggiore! C'è qualcuno che mi ha detto che si sente sempre il gusto del "minore" anche nel maggiore (ride), cioè, la mia vena malinconica è sempre presente. E' il mio modo di essere, la mia personalità, è quello che mi fa esprimere di più nei lenti, nelle ballads. Infatti il brano piano e voce che c'è nel disco è molto bello, indipendentemente da come canto io, anche grazie al pianoforte, suonato da Paolo Brioschi.

Come vedi la situazione musicale in Italia?

Preferirei non esprimermi, però se devo, dico che è piuttosto grigia, deludente, malgrado in Italia ci siano dei grandi appassionati di musica, persone che capiscono e che apprezzano il jazz e il blues.

Infatti so che stai per partire per la Francia del Sud, e che starai via qualche mese per portare avanti il tuo lavoro di musicista. Ti trovi meglio in Francia piuttosto che in Italia?

Si, c'è un altro approccio, un'altra cultura, un altro ascolto quando si fa musica. Si vendono tanti dischi. E' tutto diverso. C'è più rispetto per i musicisti. Non volevo dirlo ma è così.

Cosa vedi per il domani? Cosa sogni?

Non so. E' un po' tutto difficile, però ho tanta fiducia nel mio lavoro, nella musica, nel fatto di trasmettere questa arte. Magari mi piacerebbe che qualche mio brano venisse cantato da Michael Bublé o da Diana Krall. Ma ci sono tanti bei pezzi, non necessariamente deve succedere con i miei, però diciamo che se succedesse sarei contento! Ma soprattutto vorrei che Stevie Wonder potesse ascoltare il brano che gli ho dedicato. Questo veramente sarebbe un bellissimo sogno!

Tu sei stato in Brasile per lunghi periodi, anche grazie alla tua compagna che è brasiliana, e lì hai assorbito molto a livello musicale. Inoltre ora canti molto bene in portoghese con un'ottima pronuncia. Parlaci di questi viaggi che hai fatto e di come hanno influito sulla tua musicalità.

C'era mio fratello in casa che amava molto la musica brasiliana, poi è arrivata una chitarra brasiliana tramite un altro fratello (noi siamo in tanti in famiglia), e ho iniziato da ragazzo ascoltando Toquinho, Vinicius De Moraes ecc. Ho iniziato a prendere questo ritmo che mi è sempre piaciuto e che è molto vicino al jazz tra l'altro. Adesso ho approfondito questa musica insieme ad Andrea (n.d.r. la sua compagna) e insieme a lei ho imparato, suonato e cantato tanti altri pezzi; in Brasile sei proprio immerso nel ritmo, nella samba, nella bossa nova, anche nel linguaggio parlato! Come parlano loro, già sembra che stiano facendo musica, come i neri americani, che hanno lo swing quando parlano. Avendo questa possibilità, questo dono di natura di apprendere velocemente, ho assorbito parecchio. Poi appunto ci sono cose che cambiano il tuo modo di suonare, ti migliorano nello stile.

Ci vuoi dire due parole sui musicisti che hanno portato avanti questo progetto con te?

Si, volentieri. Diciamo semplicemente che parliamo la stessa lingua. Si è semplicemente trattato di mettere insieme dei pezzi, e conoscendoci già bene il disco, secondo la mia modesta opinione, è uscito bene.

Da quanto tempo collaborate?

Paolo lo conosco dagli anni '70 e Marco da qualche anno dopo. Enzo da una quindicina d'anni, e Andrea, che è arrivata anni dopo, ha tutto ciò che serve. Voce, ritmo, musicalità.

Un grande in bocca al lupo perché tu possa ottenere delle belle soddisfazioni e il giusto riconoscimento per la tua carriera e il tuo lavoro, anche attraverso questo disco appena uscito.

Grazie mille!






Articoli correlati:
05/07/2010

Flower (Ermanno Principe) - Eva Simontacchi







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.738 volte
Data pubblicazione: 08/08/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti