Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Francesca Leone
di Alceste Ayroldi

Francesca Leone, vocalist barese, è una professionista che, dopo lunghi anni di lavoro, si è affermata nel panorama nazionale fondendo le sue capacità timbriche con la passione per lo studio e la didattica. Ha inciso il suo primo album da solista: un tributo al grande Van Heusen….

A.A: Come nasce la tua passione per il canto e, in particolare per il jazz?
F.L.: Mio padre, da ragazzo cantava e suonava il piano fino a quando i suoi genitori non lo costrinsero a diventare avvocato…dunque in casa ho sempre ascoltato buona musica: Frank Sinatra, Oscar Peterson, Chet Baker, Sergio Mendez, Tom Jobim, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, Bruno Martino e tanti altri…! A tredici anni, papà mi fece ascoltare un disco di Sarah che cantava i Beatles (gruppo che all'epoca adoravo…) e non mi piacque. Gli dissi che mi sembrava un uomo!!! A sedici, di nascosto, lo ascoltavo in cuffia nel salotto di casa….

A.A: Pensi che il canto jazz sia più impegnativo rispetto ad altri generi musicali?
F.L.: Penso che per cantare jazz sia necessario essere dotati di sensibilità d'animo, swing e grande orecchio musicale (per captare note tensive e ricordare tutte le scale a memoria….!) penso che sia più impegnativo e molto più stimolante!

A.A: La tua vocalist di riferimento…
F.L.:
Indubbiamente Ella Fitzgerald (inimitabile il suo scat!) anche se mi sento molto più vicina a cantati cool come Anita O' Day o Chet Baker

A.A: Quale musica ti ha maggiormente influenzato da ragazza?
F.L.:
Mi piacevano tanto i Beatles perché riuscivo a suonare le loro canzoni alla chitarra e perché mi divertivo a fare i controcanti!! Tutto ciò fino ai sedici anni….poi ho scoperto il jazz e la bossanova…

A.A: Se dovessi fare un bilancio dell'attività svolta fino ad ora?
F.L.:
Penso di essere in ascesa, sono soddisfatta dei passi svolti sin'ora dunque, bilancio positivo!

A.A: A chi vorresti dire "grazie"?
F.L.:
Innanzi tutto alla mia insegnante di canto, Paola Arnesano. Lei e Guido Di Leone sono stati i primi a credere in me. Poi Pippo Lombardo, e tutti i musicisti che mi "chiamano" a suonare con loro.

A.A: Il sogno nel cassetto di Francesca Leone
F.L.:
Poter cantare su un super palco di un super festival con una super orchestra ed un meraviglioso abito da sera!

A.A: Secondo te, quanto è importante conoscere la tradizione?
F.L.: Fondamentale. Tutto ha un'origine e, se non la si conosce, non si può poi costruire nulla.

A.A: Il tuo primo lavoro discografico è un tributo a Van Heusen: come mai questa scelta?
F.L.:
Passavo in rassegna una serie di brani che mi piacevano….poi ho scoperto che erano stati tutti scritti da Van Heusen dunque…li ho registrati!

A.A: Un disco fuori dal tempo: una scelta di stile? Oppure è solo un passaggio momentaneo?
F.L.:
Amo il cool, il jazz tradizionale e le belle canzoni. Ho pensato di proporre belle canzoni con il massimo della semplicità. Il troppo storpia, a mio avviso.

A.A: Quali sono stati i criteri che hai seguito circa la scelta dei tuoi compagni di viaggio?
F.L.:
Beh! Guido Di Leone è il mio papà artistico, è un caro amico e un accompagnatore meraviglioso per una cantante: discreto ma presente. Teo Ciavarella l'ho conosciuto un anno e mezzo fa; il suo swing e la sua simpatia mi hanno colpita, abbiamo fatto un concerto insieme ed è scattata la scintilla! Con Aldo Vigorito ho cantato quest'anno, mi è piaciuto il suo suono e il suo modo di suonare il contrabbasso. La mia è stata una scelta stilistica ed umana, ho scelto questi musicisti "stranieri" (Teo vive a Bologna da anni sebbene abbia origini pugliesi, e Aldo è di Salerno) per cambiare un po'.

A.A: A cosa saresti disposta a rinunciare per il successo immediato?
F.L.:
Non ho mai fatto rinunce nella mia vita e non rinuncerei a nulla per il successo.

A.A: Il vocalese fa parte della tua vita artistica tant'è che – prima esperienza in Puglia in ambito jazz – hai fatto parte delle Four Sisters…
F.L.:
Più che vocalese direi vocalità…era un meraviglioso quartetto vocale tutto al femminile. Amo molto questo tipo di organico: arrangiamenti vocali originali e tanto lavoro di gruppo!

A.A: Quanto incide – ed ha inciso – nella tua vita artistica l'attività didattica?
F.L.:
Imparo tanto dai miei allievi e cerco sempre di aggiornarmi; è un aspetto molto importante quello dell'attività didattica…faticoso ma tanto soddisfacente.

A.A: Il tuo brano preferito…
F.L.: Darn that dream (Van Heusen/Edgar De Lange, n.d.r.)

A.A: Cosa manca ancora al jazz pugliese, in particolare, ed italiano in generale, per affermarsi completamente nella scena mondiale?
F.L.:
Purtroppo la tradizione….come disse Billie Holiday "In Europa si studia il jazz. Perché?" Perché non fa parte della nostra cultura. Siamo figli di tarantelle e opere liriche, ma ci stiamo attrezzando. Abbiamo dei jazzisti meravigliosi che non hanno nulla da invidiare agli americani.

A.A: La tua formazione culturale – professionale è poliedrica: dalla musica d'insieme alle percussioni passando per la ritmica: pensi che sia molto importante diversificare le conoscenze formative?
F.L.:
Tantissimo. E' importante conoscere il proprio strumento ma capire anche cosa succede intorno a te. Cerco sempre di capire, studiare e trattare la voce come se non fosse tale, la osservo da altri punti di vista.

A.A: Un cenno al tuo passato: il Fez di Nicola Conte…
F.L.:
La prima registrazione della mia vita l'ho fatta per il Fez…era un disco dei "Fez Combo" io ero una delle coriste…un bel periodo! Avevo vent'anni e tutto l'entusiasmo del mondo (anche adesso…mi sento sempre una ventenne..??!!??!!)

A.A: Con chi ti piacerebbe collaborare?
F.L.:
Con Pieranunzi, la Marcotulli, Gary Burton, Pietropaoli, Marsalis, Hall….

A.A: Quali altri impegni professionali e non riempiono la vita di Francesca Leone?
F.L.:
Insegno al Pentagramma di Bari, tengo concerti, sono iscritta al corso di primo livello in jazz del Conservatorio di Bari, sono appena tornata da Verona dove ho inciso il terzo disco con il gruppo "Marchio Bossa" di Pippo Lombardo, mi pace tanto trascorrere il tempo libero con gli amici (magari davanti ad una bella tavola imbandita…), andare ad ascoltare concerti, andare al cinema, seguire masterclass, viaggiare…qualche anno fa ero una aspirante avvocato e vagavo per i tribunali di Bari e provincia…poi, fortunatamente, ho smesso...

A.A: Quali sono i tuoi progetti futuri?
F.L.:
Ho in mente di incidere un altro disco…ma…top secret!






Articoli correlati:
23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

15/01/2007

Fantasy (Marchio Bossa)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.162 volte
Data pubblicazione: 12/03/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti