Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Francesco Bearzatti
14 luglio 2005 – Teatro Morlacchi, Perugia
di Antonio Terzo
foto di Alessia Scali

Fra i progetti che hanno suscitato maggior interesse al Terni in jazz Festival #5, è spiccato il Sax Pistols del sassofonista Francesco Bearzatti, già insignito di quattro "stelle" dal magazine francese JazzMan, e votato "Miglior giovane talento del '03" dalla rivista Musica Jazz. Nonché una delle figure più interessanti, poliedriche e all'avanguardia del panorama jazzistico europeo, recentemente a fianco di Enrico Rava e di... Ma lasciamo che sia lui a raccontarci un po' della sua storia, compresa la nascita dei Sax Pistols, attraverso l'intervista rilasciataci in occasione di Umbria Jazz '05, a Perugia, alla fine della sua performance con l'Indigo 4 di Gianluca Petrella.

A.T.: Parliamo un attimo della tua discografia. Il cd Virus è del 2002
F.B.:
Sì, ma non è il mio primo disco da leader. Il primo è un disco in quartetto per la Caligola, Suspended steps, con Max Chiarella, Marc Abrams e Paolo Birro, uscito nel '97, disco che mi aveva già dato una bella spinta, facendomi arrivare quarto nella classifica della rivista specializzata "JazzMan"… Poi per un bel po' non ho più fatto niente di mio, finché non mi sono trasferito in Francia, dove ho registrato Virus e due anni dopo Hope.

A.T.: Virus rispetto a Hope è impostato elettricamente con l'organo di Emmanuel Bex
F.B.:
Sì, l'organo settato in maniera elettronica, elaborato attraverso un computer

A.T.: Già che ci siamo, uno dei brani è Going to the… cosa?
F.B.:
Il brano successivo è Casbah, quindi è una preparazione per arrivare a quel pezzo lì che ha una visione piuttosto dura, tra l'arabo e l'israeliano, ci sono dentro due scale che richiamano le due rispettive culture, che sono molto simili anche se purtroppo sono in conflitto.

A.T.: Proprio con Virus sei stato votato dalla rivista "Musica Jazz" come "Miglior giovane talento del 2003": è cambiato qualcosa con questo riconoscimento?
F.B.:
Intanto improvvisamente ho cominciato a lavorare in Italia a mio nome con questo gruppo, ho iniziato ad avere concerti come leader, cosa che prima invece capitava raramente: per anni, fino ad allora, avevo fatto il sideman, mentre a seguito di quel premio ho cominciato ad avere molto più spazio, più notorietà, diversi festival a mio nome, con tanto di nominativo esposto in cartellone e conseguente responsabilità del proprio progetto. E nel contempo hanno preso a contattarmi anche altri artisti per suonare, tra cui Gianluca Petrella, con il cui gruppo abbiamo registrato un nuovo disco, circa un anno e mezzo fa, anche se esce adesso… Ho avviato una collaborazione con Stefano Battaglia, con il quale ho appena realizzato un disco che uscirà per la ECM. Ho preso a suonare in Francia con altri artisti, fra i quali vorrei citare Jean-Pierre Como, d'origine siciliana, un musicista molto particolare, un compositore molto valido.

A.T.: Hope invece è del giugno 2004, sembra più romantico, ed ha una sua particolare "acusticità" data anche dalla tromba di Enrico Rava
F.B.: …sì infatti ho scritto il primo pezzo, T Tango, esattamente pensando a lui, adeguando il suono del gruppo all'inserimento della sua voce.

A.T.: C'è anche qualche scorcio di tipo "felliniano", per esempio in Soap bubble
F.B.:
Quello è un pezzo composto parecchi anni fa per i "Kaiser Lupowiz", un gruppo rock-kletzmer con cui suonavo, e che ho voluto rifare con Rava perché a lui piaceva molto, fin dalla prima volta che lo ha ascoltato. In effetti è un brano molto "felliniano", come dici, ma con quel gruppo facevamo dal rock al kletzmer, un suono molto estremo.

A.T.: E come sei riuscito a inserire Rava dentro questo progetto?
F.B.:
È stato coinvolto da Marco Valente della Auand, e chiaramente m'ha fatto molto piacere, perché indubbiamente Enrico è la voce più importante del jazz italiano.

A.T.: In generale comunque anche in Hope c'è un in qualche misura dell'elettronica, anche se…
F.B.:
… ti confesso una cosa: ho fatto molta musica pop, nel corso degli anni, ho suonato per cinque anni in discoteca, tutte le sere, lavorando con vari dj e come dj, registrando molta musica elettronica. Per cui questo tipo di situazioni fa parte del mio background e dunque quando faccio dei progetti miei, metto dentro tutto, non sto a pensarci più di tanto, viene naturalmente.

A.T.: Ti faccio un nome: Aldo Romano
F.B.:
Intanto è diventato un mio grande amico, è un grande personaggio, un grande musicista, un grande compositore.

A.T.: Molti dei musicisti italiani, grazie alla sua ala protettiva, sono riusciti a suonare prima in Francia e poi magari sono diventati noti anche in Italia, paradossalmente.
F.B.:
A me è successo così… Già avevo una certa notorietà in Italia, ma certamente dopo essere stato in Francia, a lavorare con dei gruppi importanti di lì, sono stato accolto in maniera diversa qui in Italia. Un po' perché qui siamo molto esterofili.

A.T.: E qualcun altro a cui pensi di dovere molto, professionalmente e umanamente?
F.B.:
Ma sono tantissimi, anche perché penso di dover molto a tutti i musicisti con cui ho suonato, anche in America.

A.T.: Qualcuno in particolare?
F.B.:
Devo molto a Valery Ponomarev, che fu il trombettista di Art Blakey negli anni '80: con lui ho avuto l'opportunità di registrare un disco molto importante, con Ben Riley, batterista di Monk, e con il quale ho fatto molte tournée negli Stati Uniti, cosa che per gli Italiani sconosciuti, com'ero io all'epoca, non è una cosa molto facile.

A.T.: Prima invece ricordavi Jean-Pierre Como
F.B.:
Sì, sto collaborando con lui in Francia. Con Jean-Pierre abbiamo in comune l'amore per la melodia, per la musica anche popolare, e anch'io ho un ascolto musicale a trecentosessanta gradi, vado dal trash, al rock, al punk…

A.T.: E Bex si inserisce nel tuo mondo per i tuoi trascorsi elettronici, una questione di sonorità?
F.B.:
In effetti, ho suonato parecchi anni in "The Organ Trio", ma in maniera abbastanza tradizionale. Quando ho scoperto che Bex usava l'organo in maniera personale, l'ho subito voluto con me, ed il gruppo ha preso una piega molto interessante, quella che cercavo. Poi a volte suggerisco io a Bex l'uso dei suoni, gli dico: "Qua vorrei che assomigliassi ad un clarinetto, così intersechiamo le voci…"; altre volte è lui a propormi delle sonorità folli, che finiscono per prendermi molto.

A.T.: Una tua sensazione, ricordo, emozione, di Hengel Gualdi, visto che vi accomuna lo strumento.
F.B.: Lo ricordo solamente per averlo visto in televisione quando ero piccolo, ho sempre un ricordo di un grandissimo clarinettista e professionista. Ho pure letto una sua intervista su non ricordo quale giornale e ho avuto l'impressione di una persona molto umile, quindi certamente un grande artista.

A.T.: Parliamo del progetto che hai presentato al Terniinjazz#5, Sax Pistols, il trio con Stomu Takeishi al basso a cinque corde e Dan Weiss alla batteria.
F.B.: Sì, possiamo chiamarlo "progetto di Terni" perché in effetti è stato "patrocinato" da Luciano Vanni, il quale ci ha dato la possibilità di stare due giorni a provare, quindi ha svolto una grandissima parte in esso. Così come, del resto, Marco Valente, il quale mi ha fatto incontrare Dan Weiss che non conoscevo, al contrario di Stomu che conoscevo già.

A.T.: Come vi siete incontrati?
F.B.: Stomu suona con Paul Motian, nel trio di Cuong Vu e con tanta altra gente ancora. Lo avevo visto dal vivo tante volte, avevamo parlato di realizzare una cosa insieme e finalmente ne abbiamo avuto l'occasione.

A.T.: Quindi non è vero che avete suonato insieme per la prima volta appena scesi dall'aereo?
F.B.:
No, non è vero: abbiamo provato un giorno intero, poi siamo andati a Roma per un primo concerto, e successivamente abbiamo suonato a Terni. Ed il trio era già ben rodato.

A.T.: E dunque, come nasce questo trio?
F.B.:
Il progetto nasce perché io sono rockettaro d'animo. Ho trascorso la mia infanzia nella provincia friulana, dove con i coetanei ascoltavamo Led Zeppelin, i Deep Purple, poi è arrivato il punk, Ramones, Sex Pistols, eccetera. Quindi ho accumulato dentro anche quel sound, anche come forma di ribellione, potenza di suono, stile di vita se vuoi... Ma col sax era molto difficile riuscire a rendere quel certo suono. Finalmente, grazie ad una pedaliera elettronica che filtra il suono del sax e lo trasforma praticamente in una chitarra – esattamente ciò che volevo –, sono riuscito ad ottenere una risultato di quel tipo, così da poter esprimere quello stesso genere di energia e potenza.

A.T.: Ma al di là della pedaliera, c'è uno studio dietro, per quanto riguarda l'emissione del fiato?
F.B.:
Beh, sull'idea di partire con questo progetto mi son messo a casa con la pedaliera a studiare e vedere come potesse uscire quello che era il suono che avevo in testa, la mia idea.

A.T.: Quindi non è un progetto fine a sé stesso: a quando, dunque, il disco?
F.B.:
Il disco dobbiamo ancora registrarlo. È un progetto a cui tengo moltissimo, tra l'altro ci siamo divertiti moltissimo a suonare insieme, in tutti e tre concerti che abbiam fatto la gente è andata fuori di testa… È stato gratificante! Ad ottobre abbiamo dei concerti, e poi andremo in studio.

A.T.: Scambieresti il tuo sax con quello di Coltrane o di Sonny Rollins?
F.B.:
Amo il mio sax, il mio strumento, mi ci trovo benissimo, sono entrato quasi in simbiosi. Quindi no. Poi avrei molto riguardo a suonare quei sax lì, e poi credo che non cambierebbe molto nel mio modo di suonare, non farei miracoli. Sono contento del mio strumento, sinceramente.

A.T.: Un tenorista straniero con il quale avresti voluto suonare e non ce n'è stata la possibilità?
F.B.:
Ne dico due, anzi due stranieri ed uno italiano. Uno è un musicista che avrà oggi cinquant'anni, ed è Joe Lovano, che secondo me ha rivoluzionato il linguaggio e il suono, il modo di suonare. L'altro appartiene alla nuova generazione, si chiama Chris Speed: mi piace moltissimo sia al clarinetto che al sax, ha un suono ed un modo di suonare originale e secondo me meriterebbe molta più visibilità di quella che ha. Quello italiano, il più grande, come ho sempre dichiarato, è Pietro Tonolo: dopo averlo ascoltato mi ha veramente aperto la mente, per quanto poi lui ed io siamo agli antipodi come modo di intendere la musica. Credo che Tonolo sia davvero un musicista di livello internazionale.

A.T.: E l'ultimo che sei andato a sentire suonare dal vivo?
F.B.:
Credo Joshua Redman, che sono andato a vedere con il progetto "Elastic", perché mi interessava l'uso dell'elettronica.






Articoli correlati:
21/09/2017

Rumori Mediterranei XXXVII Edizione: "Lo storico festival del meridione italiano è arrivato alla XXXVII edizione, dopo alcuni anni di incertezze e di svolte, inaugurando un nuovo corso organizzativo." (Vincenzo Fugaldi)

08/01/2017

Il mondo che verrà (Raffaello Pareti "The Roar at the Door")- Gianni Montano

04/06/2016

Solo (Carmine Ioanna)- Gianni Montano

26/10/2015

Sixth Sense (Roberto Gatto Quartet: A. Cohen, F. Bearzatti, D. Weiss))- Gianni Montano

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

05/07/2015

Live In France (Francesco Bearzatti & The Bears feat. Eric Surmenian and Manu Roche)- Enzo Fugaldi

05/01/2015

Elements (Seven Steps Quintet)- Gianni Montano

26/10/2014

The Beat Goes On (Elisabetta Antonini)- Alceste Ayroldi

06/07/2014

Walter Beltrami Kernel Panic: "...un concerto energico e travolgente. Un quintetto di forte personalità individuali e con un collettivo animo rock, sperimentale e audace." (Valeria Loprieno)

25/05/2014

Imagine (Martux_m Crew)- Alessandra Monaco

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

16/03/2014

Roberto Gatto Special Quartet: "Gatto, Cohen, Bearzatti, Weiss: una performance che è stata costellata da preziose perle musicali, da fraseggi intensi e improvvisazioni originali." (Valeria Loprieno)

22/09/2013

Varandas Do Chiado (Massimo Cavalli)- Francesco Favano

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

09/06/2013

Monk'n'nroll (Francesco Bearzatti Tinissima 4et)- Marco Losavio

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

07/10/2012

Postural Vertigo Quintet: "Bravura, tecnica, rapidità di pensiero e un ardimentoso senso improvvisativo per una musica che sgorga sincera, genuina e che trova uno sviluppo armoniosamente perfetto." (Giovanni Greto)

15/07/2012

Cromosoma Alfa (Otello Savoia Dispair 5et)- Vincenzo Fugaldi

24/06/2012

Mo' Avast Band (Mauro Gargano)- Gianni Montano

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

16/01/2012

The Roar At The Door (Raffaello Pareti)- Alessandro Carabelli

13/01/2012

Around Ornette (Giovanni Falzone Quintet) - Alceste Ayroldi

18/12/2011

Intervista con Giovanni Falzone: "Oggigiorno mi capita spesso di sentire molte cose che mi fanno pensare che ci sia la tendenza a far diventare il jazz un po' musica di maniera, e c'è poca autenticità sia nei gesti, sia nel preparare un progetto, sia nel suono delle cose che si sentono in giro." (Eva Simontacchi)

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

23/01/2011

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet. All'Auditorium Parco della Musica, un'esperienza dal vivo con "X (Suite for Malcolm)". "Una performance caratterizzata da grande libertà espressiva, come è nello stile del quartetto di Berzatti e dalla notevole varietà delle composizioni e delle atmosfere, legate da un filo conduttore ma non strettamente interdipendenti. Emerge in maniera efficace il messaggio di libertà e dignità portato avanti dal leader afroamericano." (Laura Mancini)

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

23/10/2010

X (Suite for Malcolm) (Francesco Bearzatti Tinissima 4et feat. Napoleon Maddox)- Gianni B. Montano

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

25/07/2010

Beat Spirit (Claudio Cojaniz – Francesco Bearzatti)- Vincenzo Fugaldi

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

05/09/2009

Timoka (Walter Beltrami) - Marco Losavio

18/01/2009

The Birth (Sandro Fazio), Incipit (Giuseppe Finocchiaro), Geometrie Semplici (Fabrizio Mandolini)

13/08/2008

Clusone Jazz Festival: "La ventottesima edizione del festival ha avuto come sempre la sua conclusione con una tre giorni finale ambientata a Clusone e dintorni. Un festival che presta attenzione nei confronti delle nuove tendenze e dei giovani musicisti." (Roberto dell'Ava)

22/07/2008

Suite For Tina Modotti (Francesco Bearzatti Tinissima Quartet)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

28/06/2007

Nuova gallery con le foto di Marco D'Amico.

23/04/2007

Kind Of Illusion (Luca Cacucciolo)

28/01/2007

Stolen Days (Francesco Bearzatti Sax Pistols)

28/01/2007

Circle (Michelangelo Decorato Trio)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

20/11/2006

Ecologic Island (Mauro Ottolini)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

01/09/2006

Il Bizart Trio a Bari in Jazz: "Elevati livelli di fluidità e coesione, impianti ritmici che vanno oltre la tradizione, sapientemente disegnati da Aldo Romano che ha mantenuto costantemente il drumming su quote di alta raffinatezza e poesia." (Alceste Ayroldi)

09/08/2006

Chante (Aldo Romano)

13/05/2006

Indigo4 (Gianluca Petrella)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

10/12/2005

Night Funk (Tommaso Genovesi Quartet)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

10/07/2005

Dialogs, mostra di grandi tele di Arturo Carmassi - featuring Francesco Bearzatti, Marco Tamburini e Achille Succi: "...Un viaggio - anzi tre - attraverso le "grandi tele" che il maestro toscano ha realizzato dagli anni '90 ad oggi, nella sua ricerca incessante verso le possibilità espressive del segno e della creazione..." (A. Terzo, F. Albanese)

01/07/2005

Innovazione e tradizione a Terniinjazz 2005 con i "Sax Pistols" di Francesco Bearzatti "...Un progetto che riesce ad applicare la migliore improvvisazione di matrice jazz ad un repertorio rock moderno..." e il piano di Abdullah Ibrahim: "...Superba, nondimeno, la performance, il cui finale a note sospese merita il sentito applauso dei presenti." (Antonio Terzo)

07/05/2005

Francesco Bearzatti e il suo Bizart Trio insieme a Enrico Rava: "...La musica del quartetto è una musica larga, che respira, fatta anche di pause, di spazi aperti…ma soprattutto è una musica dove trovano posto senza sopraffarsi a vicenda, anzi, arricchendosi reciprocamente in un'autentica contaminazione..." (Vito Mancino)

06/12/2004

Hope (Bizart Trio)

21/09/2003

A Gezziamoci 2003 di scena il Bizart Trio con la sua 'musica non convenzionale': "Francesco Bearzatti, Emmanuel Bex ed Aldo Romano intraprendono il "loro" viaggio all'interno della "loro" musica, definita da essi stessi poco convenzionale, proprio come il nome dato al trio..." (Dino Plasmati)

12/04/2003

Virus (Francesco Bearzatti Trio)





Video:
Promo Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 26/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 2510
Tina Modotti Video Project
Francesco Bearzatti Tinissima QuartetTerni, Anfiteatro Romano, 29 giugno 2008...
inserito il 17/02/2010  da grecamp - visualizzazioni: 2618
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)
Tinissima Quartet - Malcolm X Suite - X (the End)...
inserito il 21/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 2407
TINISSIMA_JAM | Terni in Jazz Season 19 Dicembre 2009
Francesco Bearzatti, Giovanni Falzone, Zeno De Rossi, accompagnati al piano eccezionalmente da Alessandro Bravo...
inserito il 20/12/2009  da emaserr - visualizzazioni: 2566
Francesco Bearzatti - Tinissima quartet - 15 0ct 2009 008 -
jazz sur son 31 Toulouse - le quartet de francesco Bearzatti , un super bout d'Italie !...
inserito il 15/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 2204
16 0ct 2009 006 - Francesco Bearzatti "Tinissima quartet"
festival " jazz sur son 31 " à Toulouse - automne club jeudi 15 oct : Francesco Bearzatti " Tinissima quartet " avec Giovan...
inserito il 14/11/2009  da crolland9 - visualizzazioni: 2523
Anfiteatro Fausto (Terni)
Sabato 28 - Kenny Werner QuartetDegustazione di Vini: AmaroneDomenica 29 - Francesco Bearzatti Tinissima QuartetDegustazione di Vini: Barolo e Barbare...
inserito il 02/12/2008  da ACUbure - visualizzazioni: 2875
RDV de l'Erdre 2008
Francesco Bearzatti Tinissima Quartet au festival de jazz les Rendez-vous de l'Erdre 2008 à Nantes....
inserito il 27/09/2008  da Lowest0ne - visualizzazioni: 2501


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 8.635 volte
Data pubblicazione: 30/09/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti