Jazzitalia - Articoli: Intervista a Francesco Cataldo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Francesco Cataldo
La Chitarra e il Cuore
luglio 2013
di Gianmichele Taormina


Scott Colley, Dave Binney, Clarence Penn, Francesco Cataldo, Salvatore Bonafede

Chitarrista dotato di abile tecnica espressiva, compositore sapiente e intuitivo nell'uso dei molteplici linguaggi sonori, Francesco Cataldo racconta i suoi percorsi, la sua idea di musica ma soprattutto la storia e le motivazioni che lo hanno condotto all'incisione di "Spaces", "disco americano" registrato insieme al gota del Jazz contemporaneo.

Francesco... Lo vuole sapere tutta Italia: come hai fatto a coinvolgere musicisti straordinari come Dave Binney, Scott Colley, Clarence Penn e
Salvatore Bonafede per l'incisione di "Spaces" tuo ultimo lavoro discografico?

Tutto è cominciato quando ho contattato Scott Colley per fargli ascoltare alcuni brani originali che avrei voluto registrare con lui. A Scott sono piaciuti molto e nonostante non ci fossimo mai conosciuti di persona mi ha invitato a registrare a New York. Prima della registrazione non conoscevo di persona nemmeno Dave Binney e Clarence Penn... anche loro, entusiasti, hanno dato subito disponibilità dopo aver ascoltato alcune tracce. Conosco invece Salvatore da anni, avevamo già suonato diverse volte in quartetto.

Per incidere il disco sei volato negli States presso una sala di registrazione legata ai famigerati Avatar di New York. Che clima si respirava in studio?
Abbiamo registrato ai Sear Sound Studios di Manhattan mentre il mastering è stato preparato agli Avatar Studios. Ho un ricordo meraviglioso di entrambi gli studi, in particolare del sound engineer Chris Allen con i suoi bravissimi assistenti e, per il mastering, di Fred Kevorkian. L' atmosfera in studio era familiare, e per questo, credo, è scattata subito una magia con i musicisti americani e con Salvatore sin dal primo brano. Pensa: tutti i tredici brani son venuti fuori al primo take!
Ricordo in particolare il sorriso compiaciuto e la gioia manifesta di Scott e degli altri musicisti dopo ogni take; incredibile, considerato che non avevamo mai suonato insieme!

Puoi sostenere che a tutt'oggi il suono e le composizioni presenti in "Spaces" si identificano con la tua attuale dimensione musicale?
Il disco "Spaces" rappresenta in maniera semplicemente perfetta quella che era, ed è tuttora, la mia idea musicale: cercare di dare un respiro continuo alla musica, sia nei temi che nelle improvvisazioni. "Spaces" sono spazi che continuamente cerco nei miei brani; quegli spazi che rendono la musica evocativa e quindi fruibile da tutti, anche da un pubblico non esperto di jazz. Ascoltando il disco, a distanza di quasi un anno dall'incisione, mi emoziono ancora tantissimo proprio perché percepisco molta libertà nel sound di questo quintetto.

Qual è il significato di "Spaces"? Di che luoghi parli nel tuo disco?
Sono gli spazi che cerco nella mia musica, seguendo principalmente due direzioni: utilizzo continuo di pause e attenzione particolare alle melodie dei temi. Suonare significa sottrarre "spazio" al silenzio, quindi credo sia fondamentale imparare a dosare le note, soprattutto nei temi, per riuscire comunque a non sovraccaricare il messaggio "emotivo" diretto all'ascoltatore. Per essere evocativi, o almeno provarci, occorre dare priorità ai temi prima che alle improvvisazioni. Sono i temi, credo, che in un album restano di più nella memoria dell'ascoltatore. Ho cercato dunque di evitare l'ennesimo disco pieno zeppo di improvvisazioni per concentrarmi invece sui temi, arrangiandoli per questo magnifico gruppo.

Di questo tuo lavoro non passano inosservate composizioni come "Sunrise in Rome", assai fluida moderna, contemporanea...e poi la mediterraneità di "Algerian Watz", la docezza di "Ortigia" e di Raccontami, la marcetta di "Spaces"… cosa puoi dirci di più?
Quelli citati sono brani a cui sono particolarmente legato. In tutto il disco ho affidato l'esposizione dei temi a chitarra e sax, mantenendo questo binomio anche durante le improvvisazioni in diverse tracce. In questo modo ho voluto a tutti costi evitare le solite improvvisazioni a comparti stagni per curare invece il sound di gruppo e il continuo interplay. Si nota subito che la chitarra non è l'unica protagonista come di solito accade nei dischi di compositori chitarristi, ma si inserisce come voce del collettivo. Immagino la band come un grande cerchio: al centro c'è la Musica ed i musicisti attorno, equidistanti, per alimentarla e darle linfa vitale.

...Musica contemporanea presente in "Spaces" legata alla dimensione moderna di ciò che è il jazz del ventunesimo secolo. Ma vi è pure tanta melodia, ragionata e sviscerata col cuore. Due anime della medesima poetica o c'è dell'altro?
Sono perfettamente d'accordo. Ho cercato di coniugare modernità e "sentimento" nella scrittura delle melodie. Da siciliano credo sia questa la mia tendenza compositiva: melodia prima di tutto!

In pochi conoscono invece il tuo primo bellissimo cd intitolato "Lanuvio" autoprodotto e pubblicato nel 2007. Da cosa si differisce rispetto a "Spaces"?
Sono tuttora molto legato a "Lanuvio" e al sound di quel trio. Ricordo con molta nostalgia le prove e la registrazione. In quel periodo suonavo solo in trio, quindi scrivevo ed arrangiavo per quella formazione. Dopo qualche anno ho cominciato a sentire l'esigenza di un organico più allargato e da lì è nata l'idea di "Spaces". Dal 2007 sicuramente c'è stata una notevole maturazione artistica; credo però che i due album abbiano un elemento in comune nonostante siano diversi come sonorità: ricerca della melodia come elemento imprescindibile. Anche in "Lanuvio" ho cercato quel respiro musicale, quelle pause di cui parlavo prima a proposito di "Spaces".

Che ruolo ricopre per te la parola "spiritualità"?
La Spiritualità è il motore della mia ricerca musicale. Non riesco a scindere la spiritualità dalla musica. "Spiritualità" per me significa ricerca del proprio "spazio" interiore... ricerca che conduce comunque alla condivisione con gli altri musicisti e col pubblico. "Spiritualità" quindi come condivisione di un percorso quotidiano caratterizzato da momenti positivi e negativi, da entusiasmi e difficoltà ma comunque sempre guardando "in alto" verso quegli "spazi" che spesso il cielo ci ricorda, quando lo fissiamo. Sono gli stessi "spazi" che ritrovo anche nel volto delle persone che incontro nel mio quotidiano e che spesso ispirano la mia scrittura.

Cosa vorresti aggiungere (in termini di vocabolario compositivo o esecutivo) a quello che è "il tuo jazz"?
La mia è una ricerca tuttora aperta ed incessante. Cerco di farmi contaminare da tutto quello che ascolto, da tutti i generi. Il mio è un vocabolario aperto spesso in maniera inconsapevole; non penso mai ad un genere o ad un linguaggio specifico, ma cerco di assimilare tutto.

Una vacanza, un viaggio, un momento di pausa artistica. Cosa inseriresti nel tuo mp3?
Keith Jarrett: il Maestro degli "Spazi".

Perché è complicato suonare jazz in Italia?
In Italia ci sono musicisti molto talentuosi che però devono affrontare ogni giorno tanti ostacoli di natura soprattutto organizzativa. L'arte in generale dovrebbe essere diffusa alla pari di altri interessi per arrivare a tutti con estrema naturalezza; il Jazz in particolare ancora stenta a crescere tra la gente, tra gli ascoltatori di musica. Notevole poi la difficoltà di reperire fondi pubblici e privati per organizzare al meglio degli eventi importanti. Il jazz è nato come musica popolare e diffusa tra la gente, ma in Italia credo debba ancora crescere molto e per questo occorrerebbe più collaborazione, unità tra organizzatori e musicisti.

La prossima meta, il prossimo obiettivo della tua musica...
Sto lavorando alla presentazione del disco dal vivo con i musicisti americani. Questo è il prossimo obiettivo: condivisione col pubblico.






Articoli correlati:
09/08/2017

Joe Lovano Plays John Coltrane: A Palermo il sassofonista americano, accompagnato dal trio di Salvatore Bonafede, eseguirà alcune delle composizioni più memorabili di Coltrane. Lo spettacolo sarà introdotto dal regista Franco Maresco.

09/04/2017

Travel Music (Roberto Spadoni New project Jazz Orchestra)- Alceste Ayroldi

12/03/2017

D Birth (Daniela Spalletta feat. Urban Fabula)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

04/05/2016

Ctrl Z (Fabio Morgera & NYCats)- Enzo Fugaldi

13/12/2015

Crossthing (Fabrizio D'Alisera Quartet)- Gianni Montano

05/07/2015

Bluestop Live (Enrico Intra - Enrico Pieranunzi)- Enzo Fugaldi

26/04/2015

Imaginary Cities (Chris Potter)- Enzo Fugaldi

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

05/01/2015

The Day After The Silence - 1976 Piano Solo (Enrico Pieranunzi)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Present (Thomas Maintz - Scott Colley - Johnathan Blake)- Alceste Ayroldi

19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

16/09/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Fabrizio Salvatore, Alfa Music: "Libertà, creatività, passione per la musica, il piacere di fare un lavoro che ti piace." (Alceste Ayroldi)

11/05/2014

Intervista a Danilo Zanchi: "Il mio obiettivo era proprio quello di realizzare un disco che avesse non solo l'impronta del trio ma anche un "sound di trio", cercando di andare ad approfondire l'essenza melodica ed armonica di certi passaggi." (Roberto Biasco)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

07/01/2014

Sitting In A Song (Riccardo Fassi New York Pocket Orchestra)- Francesco Favano

29/09/2013

Quattro chiacchiere con...Mauro De Federicis: "...mi piace la musica n cui ci sono stimoli, laddove trovo un brano, un musicista oppure una situazione che mi da emozioni." (Aceste Ayroldi)

15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

25/05/2013

Quattro chiacchiere con...Fabrizio Savino: "Ciò che desidero dalla musica, e di riflesso anche dalla vita, è una serenità espressiva." (Alceste Ayroldi)

14/04/2013

Piani Diversi (Susanna Stivali)- Marco Losavio

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

31/03/2013

Heart And Soul (Stefano Sabatini Trio)- Gianni Montano

31/03/2013

Mr. Jobhopper (Fabrizio D'alisera Quintet)- Francesco Favano

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

23/02/2013

Aram (Fabrizio Savino)- Alceste Ayroldi

08/12/2012

Kenny Werner feat. David Sanchez, Randy Brecker, Scott Colley e Antonio Sanchez: "Siamo una squadra talmente affiatata che ognuno è attento al modo di suonare dell'altro e lo completa." (Gaetano Petronio)

30/09/2012

Silentium (Francesco Negro Trio)- Enzo Fugaldi

22/04/2012

"Concerto e intervista dopo una settimana al Village Vanguard di New York insieme a Scott Colley e Antonio Sanchez per presentare il nuovo album 'Permutation', segno di un importante cambiamento artistico." (Marco Losavio)

08/04/2012

La Fuga Di Majorana (Jacarè) - Andrea Gaggero

06/11/2011

Desiderata (Quinteto Porteno)- Pietro Scaramuzzo

20/03/2011

Paris Jazz (Chantons! (Awa Ly, A. Valiante, V. Serangeli)) - Alceste Ayroldi

26/02/2011

Luna Reverse (Luigi Cinque Hypertext Orchestra) - Alceste Ayroldi

20/02/2011

The Driver (Andrea Beneventano Trio)- Enzo Fugaldi

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

12/09/2010

The octave tunes (Carol Sudhalter)- Gianni B. Montano

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

04/09/2010

Trionometry (Trionometry Group)- Paolo Incani

27/08/2010

Among the Waves of Light (Giancarlo Mazzù Trio meets Salvatore Bonafede)- Alessandro Carabelli

27/08/2010

Colori dell'anima (Pietro Vitale Ensemble) - Fabrizio Ciccarelli

15/08/2010

Canzoni Preludi Notturni (Intra – Tommaso - Gatto) - Alceste Ayroldi

10/08/2010

The Illusionist (Stefania Tallini) - Alceste Ayroldi

18/04/2010

Sicilian Opening (Salvatore Bonafede) - Alceste Ayroldi

05/04/2010

Fidus Band (Massimo Fedeli Fidus Band)- Gianni B. Montano

13/03/2010

Pure Songs (Laura Lala & Sade Mangiaracina) - Giuseppe Mavilla

06/03/2010

Mr. Xanthou (Fabio Di Biagio)- Gianni B. Montano

21/02/2010

Bonafede/Bosso Quartet: "Un concerto condotto sull'onda dei sentimenti, come è sempre la musica del pianista Salvatore Bonafede, co-titolare dell'appuntamento del Metropolitan Jazz Vanguard insieme al trombettista torinese Fabrizio Bosso" (Antonio Terzo)

20/02/2010

Il supergruppo Bonafede/Leveratto/Bosso e Gatto inaugura al Teatro Garibaldi di Modica la rassegna "Il Teatro per la Musica": "Quattro personalità eterogenee - quattro modi diversi di interpretare il jazz - riunite per la prima volta insieme esclusivamente per una serata pensata per offrire un evento che testimoniasse una particolare attenzione, della stessa fondazione, verso questa disciplina musicale." (Giuseppe Mavilla)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

27/12/2009

Requiem (Komeda Project) - Marco Buttafuoco

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

14/11/2009

Richard Galliano Quartet con Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona e Clarence Penn al Barletta Jazz Festival. "...una certa stanchezza espositiva ed un marcato accademismo, seppur dall'alto di una classe indiscutibile." (Alceste Ayroldi)

05/09/2009

Que la Fete Commence (Gianni Savelli Media Res)- Gianni B. Montano

03/08/2009

Amigos (Gio' Marinuzzi)- Cinzia Guidetti

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

12/04/2009

Omaggio a Lennie Tristano (Iacoucci-Cantarano )

05/04/2009

Liebman Meets Intra Live (Enrico Intra)

15/03/2009

Nothing By Chance (Andrea Lubrani Trio)

12/03/2009

Element (Emilio Merone – Luca Nostro Sys2 Quartet)

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

12/10/2008

Goin' Solo
(Celebrating 60 years in jazz guitar)
(Sergio Coppotelli)

23/06/2007

Bibbidi Bobbidi Boop (Boops Sisters)

25/05/2007

Portare il jazz tra i banchi di scuola, un'utopia? E' quanto è stato fatto con grande successo con la manifestazione "Jazz...le note inarrestabili": una settimana a stretto contatto con il Jazz per cinque Istituzioni Scolastiche di Modica.

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

26/01/2007

Salvatore Bonafede al Lumiére in un omaggio a Nino Rota: "...in questo nostro Sud vedo che non è cambiato ancora niente. Da una parte c'è il richiamo perché è una terra ridente, fortunata...Però con l'altra metà della bocca siamo sempre tristi, siamo in difficoltà, siamo malinconici, ci manca sempre qualcosa, siamo piagnucoloni..." (Giuseppe Mavilla)

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

24/10/2006

Essential team (Pippo Matino)

14/10/2006

Double Rainbow (Rosalba Lazzarotto)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

17/04/2006

Brazilian etno Drumming Project (Alessandro D'Aloia & Lo Bengula)

14/02/2006

Shades of Carol (Carol Sudhalter)

24/09/2005

Charity Cafè (Okinerò)

23/07/2005

Dreams (Stefania Tallini Quintet)

11/07/2005

Quartette èlectrique (Davide Pettirossi)

07/11/2004

Fiesta de Agosto (Edward Simon & David Binney)

11/10/2004

Paradoxa (Salvatore Bonafede) - ANTEPRIMA

24/07/2004

Opzioni (il viaggio) (Isoritmo)

22/05/2004

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

03/11/2003

A Small Madness (Dave Binney - Jeff Hirshfield)

19/07/2003

A Secret Place (Susanna Stivali)

15/07/2003

Trinacria (Andrea Beneventano Trio)

27/06/2003

NinnaNannaNino (Dario Cellamaro Swingsuite Quintet)

21/04/2003

The Look of Love (Antonella Vitale)

28/12/2002

New Steps (Pino Iodice Project)

07/12/2000

25 foto del concerto del Rocco Zifarelli Quartet con Dario Deidda, Dave Binney e Amedeo Ariano.





Video:
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22 - Afro Blue
The New Gary Burton Quartet - Live at Porgy & Bess Vienna 2010 11 22The New Gary Burton Quartet (USA)Gary Burton: vibraphoneJulian Lage: guitarSco...
inserito il 24/11/2010  da wotan667 - visualizzazioni: 2930
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3568
Dave Douglas Quintet 2003 - The Infinite
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Title-track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: T...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2670
Dave Douglas Quintet 2003 - Penelope
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: Tenor ...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2769


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.465 volte
Data pubblicazione: 27/07/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti