Jazzitalia - Articoli: Uri Caine: il futuro tra le dita.
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Uri Caine: il futuro tra le dita.
dicembre 2008
di Franco Bergoglio


foto di Leonardo Schiavone

Ecco alcune dichiarazioni del talento pianistico americano Uri Caine, prossimo ospite della Torino Jazz Orchestra e della Filarmonica 900 del Teatro Regio in un concerto che idealmente abbraccerà classica e jazz, in programma il prossimo 12 gennaio

I
l pianista Uri Caine è forse colui che meglio di tutti incarna quello che potrà essere il futuro prossimo della musica improvvisata contemporanea, un genere che difficilmente si potrà ancora etichettare tout court jazz, ma che nella tradizione afroamericana affonda solidissime radici (come ha confermato l'artista stesso nel corso dell'intervista) anche se non saranno più esclusive come accadeva in passato. Prima di emergere con tutto il suo talento e forza innovativa Caine ha lavorato alacremente e nella sua gavetta egli stesso annovera con orgoglio le esibizioni nei club con tutti i più importanti jazzisti della seminale scena di Philadelphia, mentre parallelamente ha proseguito i suoi studi più "ortodossi" all'università. Una formazione a tutto campo che in parte spiega il suo successivo eclettismo artistico.

Ho iniziato a suonare in un gruppo di miei coetanei quando avevo 14 anni. Ci esibivamo nei coffeehouses e nei club giovanili davanti a degli altri ragazzi a Philadelphia e dintorni. Poi sono entrato nel "giro" dei musicisti professionisti della città e ho accompagnato Bootsie Barnes, Philly Joe Jones, Mickey Roker, Hank Mobley, Johnny Coles, Edgar Bateman, Grover Washington: per un giovane musicista era contemporaneamente una gioia ed una emozione continua!!
 
Caine miscela i generi ma non per un risultato da fusion esteriore o indirizzato a produrre musica di facile consumo. Mescola per inventare. Quindi nei suoi lavori troviamo la musica ebraica, classica ed elettronica, assieme a molti ingredienti di purissima estrazione jazz; il tutto ibridato in un prodotto stimolante. Sviluppi artistici eterogenei, supportati da maestria tecnica (forgiata con una seria preparazione accademica) e volontà di guardare oltre.

Ho scoperto la passione per il piano da giovanissimo, ho preso le mie prime lezioni a sette anni. Avevo un cugino più grande, un grande pianista; veniva a casa nostra d'estate e si esercitava otto ore al giorno: mi impressionava! Uno zio invece mi ha passato i dischi di Miles e Coltrane quando avevo undici anni e sono subito "entrato" in quel mondo.

Un percorso tutto sommato tradizionale di avvicinamento al jazz, quello che parte con il fascino esercitato dai lavori di Miles Davis e John Coltrane. Anche i pianisti di riferimento sono i nomi noti della scuola moderna che più hanno influenzato l'evoluzione dello strumento, senza sorprese significative.

Ho iniziato a collezionare dischi e a studiare pianisti come Herbie Hancock, Wynton Kelly, Chick Corea, McCoy Tyner, Keith Jarrett, Bud Powell e tanti altri. Quelli sono stati i primi ispiratori. Intanto a dodici anni ho iniziato a studiare con un grande pianista che viveva a Philadelphia, Bernard Peiffer, il quale era anche un eccellente insegnante. Lui mi ha introdotto all'armonia moderna, alla musica contemporanea, mi ha insegnato come esercitarmi al meglio. Dai quattordici anni ho iniziato a prendere lezioni dal grande compositore George Rochberg, e quando Peiffer è mancato ho proseguito l'educazione al pianoforte classico con Vladimir Sokoloff.

Un curriculum di studi che lega le vie classiche al jazz. Uri Caine sul rapporto jazz-musica classica ha idee semplici, ma chiare:

la musica classica è stata fonte di ispirazione per diversi jazzisti nel corso della storia. Il jazz è in continuo sviluppo e si muove in molte diverse direzioni. Continuerà a farlo finché i giovani daranno un contributo vitale al suo rinnovamento.

E il Jazz in Europa?

Ha una lunga e meravigliosa tradizione, compresa la vitale scena italiana.

Le prime registrazioni sono il frutto dell'incontro con altri esponenti del mondo della musica americana animati dagli stessi principi: il clarinettista-compositore Don Byron, (Sphere Music 2002) anche lui attratto dalla classica e dal Klezmer, e John Zorn.

Il primo disco con una vera etichetta è stato quello con Cornell Rochester e Gerald Veasley One minute of Love (Gramavision). In quell'occasione ho conosciuto John Zorn e James Blood Ulmer. Era musica davvero forte!

Da allora per Caine è iniziato un periodo di successi e fama internazionale. Ha suonato a lungo nel gruppo del trombettista Dave Douglas, ma anche con grandi batteristi come Ralph Peterson, Billy Hart, e poi con personaggi che non hanno bisogno di ulteriori qualifiche come Pat Martino, Joe Henderson, Freddie Hubbard, Gary Thomas, Dave Holland, Paolo Fresu, Chris Mcbride, Ahmir "Questlove" Thopmson e, recentemente, con Franco Ambrosetti.

Come riassume Uri Caine queste esperienze?

Tantissimo divertimento, ma anche un continuo imparare!

Un apprendistato che lo ha condotto alla maturità di oggi. Un lungo viaggio in compagnia del pianoforte.

Il piano è come un vecchio amico, con una serie di possibilità infinita: è uno strumento melodico, ma anche un grande strumento a percussione, come se fosse una gigantesca batteria; che nello stesso tempo funge da supporto per comporre e fare assoli, può trasformarsi in un 'orchestra completa o limitarsi all'accompagnamento; poi è un fidato compagno musicale, sempre vicino, anche alle 4 di mattina.

Articolo di prossima pubblicazione su Alternate Takes
Home page del magazine del Jazz Club Torino






Articoli correlati:
20/08/2017

Two Minuetos (Paolo Fresu & Uri Caine)- Alceste Ayroldi

29/06/2017

Gezziamoci 2017: Torna, organizzato dall'Onyx Jazz Club, il Jazz Festival di Basilicata alla sua XXX edizione, un grande traguardo che rinsalda il legame con la città di Matera

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

24/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Giandomenico Ciaramella, Jando Music: "Il nemico siamo noi stessi, il declino culturale, però sono fiducioso: vedo un sacco di ragazzi ai concerti e nelle scuole di musica e spero che le cose cambino." (Alceste Ayroldi)

25/05/2014

Uri Caine e Dave Douglas: "Un vero dialogo a tratti delicato, a tratti tumultuoso, ma anche sprezzante e poetico. Un concerto retto sulle contraddizioni nonchè sulla bravura dei musicisti." (Valeria Loprieno)

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

08/01/2012

Con due grandi protagonisti del jazz contemporaneo quali Paolo Fresu e Uri Caine, il palcoscenico del teatro delle Api di Porto Sant'Elpidio, sembra trasformarsi in un luogo incredibilmente magico. (Viviana Falcioni, Andrea Feliziani)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

01/11/2009

New Conversations Vicenza Jazz 2009, "Il Jazz che venne dal freddo" con John Zorn e Uri Caine, Jan Garbarek & l'Hilliard Ensemble, Pete Churchill in "solo Performance" e la Mingus Dynasty con "Mingus Ah Um". (Giovanni Greto)

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

06/06/2009

Think (Paolo Fresu & Uri Caine)

02/11/2008

"Arkitekturae", la ventunesima edizione della rassegna "Time in jazz", creatura musicale sarda di Paolo Fresu, ha avuto come protagoniste le architetture nel senso più ampio del termine. (Viviana Maxia)

18/10/2008

Dizionario del Jazz (Philippe Carles, Andre' Clergeat, Philippe Comolli )

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)

30/09/2007

Festival "Note di Notte 2007" con Paolo Fresu e Uri Caine in un duo che ha saputo craere "pagine di musica indimenticabili" e Raffello Pareti, Mauro Negri e Bebo Ferra "per un evento musicale che ha ancora una volta confermato la bontà e l'universalità del jazz italiano" (Giuseppe Mavilla)

19/08/2007

Nattjazz 2007 in Norvegia: "...qui si percepisce una cultura musicale molto diversa da quella che c'è nel nostro paese, gli organizzatori rischiano e propongono una miscela di stelle e di giovani totalmente sconosciuti, il pubblico da parte sua si fida del direttore artistico e non è vittima del grande nome. Gli artisti sperimentano e produco dei veri "workshop" spontanei. Il risultato è unico, la cornice straordinaria per cui di giorno c'è davvero la possibilità di trascorrere delle splendide giornate tra i Fiordi in attesa dei concerti serali." (Luca Vitali)

13/08/2007

Anthony Braxton Sextet e Paolo Fresu & Uri Caine al Piacenza Jazz Fest 2007 "...frutto dei risultati ottenuti con lo stupore e la solidità di chi è riuscito a trasformare, in soli quattro anni, una sparuta serie di appuntamenti musicali in un festival." (A. Armando - L. Schiavone)

17/06/2007

Paolo Fresu & Uri Caine Duo al Teatro Lirico di Cagliari: "I due rispolverano con stile sobrio grandi pezzi del passato senza mai forzare ed è come assistere ad una chiacchierata tra amici sinceri che si ricordano vecchie storie vissute insieme raccontandole in modo asciutto, limpido, ogni tanto infervorandosi come se stuzzicati da un buon bicchiere di vino rosso." (Enzo Saba)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

04/07/2004

Uri Caine e Paolo Fresu per Musicus Concentus: "...per questi due musicisti la tradizione è un'identità in cui riconoscersi ma allo stesso luogo da cui partire e dirigersi altrove..." (Dimitri Berti)

13/12/2003

Uri Caine e Paolo Fresu: "Il loro incontro è prima di tutto la fusione di due straordinarie sensibilità artistiche, il segreto dell'equilibrio sottile tra la coscienza viva del passato e la necessità dell'innovazione, della ricerca..." (Francesco Lombardo)





Video:
John Zorn - Masada Sextet live 1/6
John Zorn's Masada Sextet live in Marciac, 2008 // a film by Samuel Thiebaut // John Zorn - saxophone / Dave Douglas - trumpet / Uri Caine - p...
inserito il 01/01/2010  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 3449
Dave Douglas Quintet 2003 - The Infinite
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Title-track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: T...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2669
Dave Douglas Quintet 2003 - Penelope
Live video from 2003 Grammy's Breakfast With The Arts. Track from "The Infinite."Players:Dave Douglas: TrumpetRick Margitza: Tenor ...
inserito il 13/11/2006  da jimtuerk - visualizzazioni: 2766


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.966 volte
Data pubblicazione: 21/12/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti