Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Gegé Telesforo
direttore artistico dell'Eddie Lang Jazz Festival di Monteroduni
2 agosto 2005, Hotel Dora, Pozzilli (IS)
di Antonio Terzo

foto di Alessia Scali

A.T.: Questa di direttore artistico dell'Eddie Lang non è per te un'esperienza nuova…
G.T.:
Infatti, avevo già curato per cinque anni la direzione artistica di un festival che si tiene vicino Benevento, il "Banjo Festival": non si trattava di jazz ma forse era anche più complicato da seguire, in quanto è un festival dedicato ai nuovi talenti della canzone italiana. Più complicato perché si dovevano svolgere le selezioni, portare su un palcoscenico attrezzato ragazzi che non vi erano mai saliti prima, accompagnati per la prima volta da un'orchestra dal vivo; in più c'era anche un concorso, con tutte le complicazioni del caso, perché è sempre spiacevole mandare a casa qualcuno. Io comunque avevo la responsabilità della direzione artistica e non quella del concorso. Nel 2000 mi sono occupato della direzione artistica del festival blues che si svolge ad Arbatax, in Sardegna, "Rocce Rosse Blues Festival". E adesso qui a Monteroduni, dove credo che ieri la manifestazione sia partita nel miglior modo possibile, con Marcus Miller Band, un bel concerto, una band rodata, un musicista che è una star riconosciuta per le nuove generazioni, affermato negli Stati Uniti soprattutto come producer discografico: pensiamo che è stato proprio lui a riportare Miles Davis a produrre discografia, con Tutu… È sempre in attività, produce dai dieci ai venti dischi all'anno, tra i propri e quelli dei musicisti che suonano con lui, compreso Michael "Patches" Stewart, di cui è uscito il nuovo cd, o Lalah Hathaway, la figlia del grande Donny Hathaway

A.T.: Tra l'altro questo festival ha vissuto in passato dei momenti di stallo, quindi questa edizione mira a recuperarne i lustri …
G.T.:
Sì, me l'hanno raccontato… Io conoscevo l'Eddie Lang Jazz Festival perché ne leggevo sulle riviste specializzate, sebbene in quindici anni non avevo mai avuto l'occasione di venirci a suonare né di partecipare come appassionato. Poi quest'anno a marzo-aprile, mentre ero impegnato come autore del programma di Arbore ["Meno siamo, meglio stiamo", n.d.r.] m'è arrivata la telefonata dei ragazzi dell'Associazione "Eddie Lang" che mi proponevano di collaborare come direttore artistico per questa edizione. Sono venuti a trovarmi a casa a Roma, abbiamo fatto una riunione durante la quale mi sono fatto raccontare cosa era successo in questi quindici anni, mi hanno detto del cambio di gestione politica nel comune – e quando cambia la gestione politica cambiano pure gli organizzatori… Da quest'anno il festival è tornato in mano all'Associazione, gestita da appassionati, il che è la cosa più importante, perché nella provincia italiana ci sono i veri appassionati di musica, i quali non sono neanche i musicisti: sono proprio i "maniaci" che quotidianamente si tengono aggiornati, comprano i dischi, vanno a vedere i concerti, spendono i soldi che guadagnano in musica, senza poi ricavarne nulla… Sono quelle le persone che poi, all'interno delle varie realtà cittadine, piccoli comuni o anche nelle grandi città, riescono a realizzare qualcosa, grazie al loro entusiasmo, alla passione. Avendo così verificato di persona che questi ragazzi erano veramente appassionati, avevano voglia di fare e di crescere, alla fine ho accettato l'incarico cercando di mettere a disposizione dell'Associazione di Monteroduni venticinque anni di esperienza attiva fatta sui palcoscenici, come musicista, il che porta a conoscere i pro ed i contro delle organizzazioni e delle manifestazioni. Quindi il gusto del musicista, ma anche del radiofonico – perché faccio radio quotidianamente a Radio Capital, e quindi tengo un po' il polso della situazione discografica, cosa può funzionare e cosa meno – mi ha aiutato a creare il cartellone, verificando le proposte che arrivavano dai vari roasters internazionali; ed alla fine abbiamo composto un programma che rispetta sì la tradizione del festival, da sempre dedicato alla chitarra – dato che Eddie Lang fu un grande chitarrista dei primordi, un rivoluzionario con Django Reinhardt – ma dove, come ho subito fatto presente ai ragazzi, mi piaceva pure presentare l'evoluzione della musica: un festival in cui ci sia il talento dei musicisti ma dove ci fossero anche dei progetti. Quindi tutti i concerti selezionati sono dei progetti, perché molte volte anche nei festival jazz si vedono dei bei nomi, grandi musicisti, i quali però si riuniscono per la prima volta giusto per suonare al festival, ed alla fine il repertorio è sempre costituito da standards, eseguiti con chorus interminabili di assoli, ed allora tutto diventa piuttosto noioso. In questa edizione abbiamo perciò selezionato dei progetti: Marcus Miller Band ha il suo progetto, John Abercrombie con Marc Johnson, Joey Barron e Mark Feldman forma un quartetto che propone una musica che solo loro possono suonare, Birèlli Lagrène lo conosciamo, Richard Bona porta la sua band per fare la propria musica, impressa nel DNA, con grande ritmo, sonorità africane, commistione fra jazz, funk, groove etnici e via dicendo, così come Dario Deidda, uno dei migliori talenti italiani, spero per lui che possa presto superare le barriere ed i confini italiani per far capire che c'è un musicista di portata internazionale, un altro come Enrico Rava, Di Battista, ed altri. E poi Niels Petter Molvaer con il chitarrista Eivind Aarset che è una novità come sonorità, commistione tra il jazz e l'elettronica, un concerto di suggestive atmosfere. Dunque un festival che abbraccia vari stili, trasversale, che propone musica a trecentosessanta gradi…

A.T.: … con quella punta funky che piace a te e ti caratterizza…
G.T.:
…assolutamente, è fondamentale… Facendo la radio, seguendo molti concerti e tantissima musica, mi accorgo che il jazz, sinceramente, a parte la crescita di alcuni musicisti americani, inglesi, italiani all'estero, viva però un momento di stallo creativo, sembra giri un po' su sé stesso, su certi schemi. Invece sento dalla discografia un momento di grande rinascita da parte del soul, dell'R&B rivisitato, che poi si fonde al jazz… e lo noto perché per esempio anche Joshua Redman, nel nuovo disco Momentum, ha utilizzato ritmiche che suonano più R&B e funk, e dove a parte Brian Blade ci sono tutti musicisti della nuova generazione: è un disco favoloso. Anche John Scofield adesso ha fatto un tributo a Ray Charles prodotto da Steve Jordan, grande batterista funk, e si tratta di un disco molto funk, molto R&B, Scofield è un appassionato del genere ormai da tanti anni. Avverto insomma una spinta molto forte in questa direzione e credo che nei prossimi festival si sentirà moltissimo questa musica.

A.T.: Immancabile una domanda sui tuoi trascorsi e presenti "arboriani".
G.T.:
Ho una grande amicizia con Renzo, lavoro con lui ormai da più vent'anni, sono uno dei suoi collaboratori storici, per i concerti, le produzioni televisive, adesso nell'ultimo programma, dove sono stato coinvolto non tanto come artista, pur avendo partecipato a 3-4 puntate, quanto come autore. Questo perché ci sono delle grandissime affinità, conosco ormai il suo metodo, so cosa vuole ottenere, come imposta il lavoro, e quindi anche in quest'occasione ci siamo divertiti lavorando tanto, perché con lui si lavora moltissimo, e siamo riusciti a portare a casa un altro bellissimo successo. Il programma girava attorno alla figura di Renzo, i suoi trascorsi, con vario materiale d'archivio, presentando la musica che a lui piace in questo momento, una commistione di swing e musica popolare, e quindi abbiamo scelto delle band giovanissime, pur sapendo che a Renzo piacerebbe molto riproporre in televisione, magari in RAI, un programma di musica importante, così come è stato con "
D.O.C.". Ma questo è molto difficile.

A.T.: A proposito di musica importante, in autorevoli rassegne stampa s'è scritto di Stefano Bollani come scoperta del programma di Arbore, e Bollani suona da tanti anni…!
G.T.:
Perché purtroppo questa è la televisione: quando passi in televisione esisti, sei qualcuno e stai lavorando. Io ho fatto televisione per tanti anni, in un certo periodo c'ero tutti i giorni, poi ho un po' abbandonato perché non c'è stata più la possibilità di poter fare cose adeguate alla mia personalità, preferendo continuare a lavorare nella musica come musicista, o da direttore artistico, o producendo i dischi; ma in televisione era diventato molto difficile lavorare. Così quando la gente mi incontrava per strada mi chiedeva: "Ma adesso che fai?" Che ne sa il pubblico che stai in giro per il mondo e vivi tre mesi all'anno negli Stati Uniti! Se non ti vedono in Tv sei quasi inesistente. Così per Bollani: è un musicista affermato in tutto il mondo nel circuito jazzistico, ma quando si presenta in televisione ad un programma di successo, allora diventa uno che "conta", anche per la gente "normale". Il suo manager mi diceva che la televisione li ha aiutati nella vendita dei concerti: se prima Bollani faceva dieci concerti al mese, adesso ne fa venticinque. Avevo provato a chiamarlo per venire qui in quintetto, da solo, in trio, ma in questo periodo era impegnatissimo. Credo che al momento sia in Germania a registrare per la ECM un nuovo disco. Un musicista jazz con un sano senso dell'ironia e dell'umorismo!

A.T.: E cosa bisogna fare per tornare a vedere in orari decenti programmi televisivi come "D.O.C."?
G.T.:
Ma anche in orari non decenti…! Credo che sia molto difficile, perché "
D.O.C." è esistito in quanto c'erano allora dei dirigenti che credevano in una televisione che proponesse cultura, nel nostro caso fatta di musica, con degli autori che credevano nella musica, come Arbore, Porcelli, Peppe Videtti, il sottoscritto, un team tecnico eccezionale e musicisti che alimentavano un programma dove c'erano tre palcoscenici, e che venivano pagati. Oggi la musica in Tv non viene pagata, perché lì va chi deve promuovere qualcosa, quindi le spese vengono sostenute dalle case discografiche che hanno il budget a disposizione per poter spesare i grandi artisti. Certo, in televisione quando vedremo più Roberto Gatto, se non viene chiamato da Piero Angela che è un appassionato di jazz e lo invita a SuperQuark presentandolo come un dinosauro?! Possiamo vedere Enrico Rava da Fiorello? Impossibile! Perché Rava non garantisce quella quantità di pubblico tale da soddisfare le esigenze di uno sponsor. Ci deve essere Nek, Giorgia, Lucio Dalla, non so… chi sia comunque spinto dalla casa discografica che supporta i costi. Personalmente pensavo che potesse succedere qualcosa sui canali satellitari, un'area di nicchia televisiva, ma questo non è avvenuto perché i canali satellitari non hanno un budget per poter creare e proporre musica dal vivo, prendono solo i videoclip o comprano i concerti in DVD e li ripropongono.

A.T.: Quanto pensi di dovere ad Arbore?
G.T.:
Devo moltissimo a due persone, due grandi maestri, due personaggi che mi hanno insegnato molto. Una di queste è Renzo, che mi ha fatto capire come muovermi nell'ambito televisivo, che bisogna pensare sempre prima di tutto alle scelte artistiche, seguire l'istinto e le intuizioni. E poi è un grande maestro, un rivoluzionario della radio e della Tv, un grande appassionato di musica, uno che fa tutto cercando di divertirsi il più possibile: per lui c'è una regola fondamentale, che se ti diverti tu sul palco, quando sei in scena, allora si divertono anche gli altri. E noi che facciamo spettacolo abbiamo un obiettivo, quello di divertire il pubblico: e sinceramente credo che il pubblico non si voglia annoiare.

A.T.: E la seconda persona alla quale devi molto?
G.T.:
La seconda persona è Ben Sidran, un musicologo, un grandissimo musicista, uno storico del jazz, professore ed accademico dell'Università di Madison, Wisconsin, per quanto riguarda il jazz, uno dei migliori produttori discografici degli ultimi anni. Lavoro con lui da più di quindici anni, ho girato il mondo con la "GoJazz All Stars", mi ha dato la possibilità di poter suonare con Jon Hendricks, Clark Terry, con Bob Berg, Mike Mainieri, Phil Woods, Richard Davis, sono stato per un mese al Paisley Park di Prince, questo meraviglioso studio di Minneapolis, suonando con i migliori musicisti della nuova generazione funk e R&B, ho suonato con lui in tour in Germania, in Francia, in Giappone, negli Stati Uniti. Ho davvero imparato moltissime cose, ho veramente conosciuto tantissima gente, ho ricambiato questa sua fiducia e questa sua stima cercando di fare quello che potevo in Italia, promuovendo la sua etichetta, la GoJazz, che ha un catalogo di 60 dischi bellissimi, e negli ultimi anni producendo anche per la GoJazz molta musica, investendo i miei soldi. Questi soldi non sono mai tornati, naturalmente, perché così succede con la discografia… Ma Ben ed io sappiamo benissimo che un giorno i nostri sforzi verranno ripagati, perché noi facciamo un tipo di musica che porta economicamente dei risultati soltanto dopo molti anni.

A.T.: Da "D.O.C." ad una tua etichetta discografica…
G.T.:
È da un anno e mezzo che l'etichetta esiste, avendo prima soltanto prodotto i dischi per la GoJazz. Poi è successo che la distribuzione della Gojazz americana in Europa non funzionava, perché dipendeva per la distribuzione da una società tedesca che poi però a sua volta l'affidava ad altre case nei vari paesi: per cui il giro era vizioso, perché io producevo il disco in Italia, lo mixavo e masterizzavo negli Stati Uniti, lì venivano realizzate le copertine, poi il disco veniva assemblato in Germania e la Germania affidava il prodotto finito in distribuzione ad altre case… Con un costo eccessivo nella vendita finale e praticamente senza avere un reale responsabile che seguisse la cosa. Allora, avendo ancora per un anno il contratto con questa società tedesca, s'è deciso con Sidran di bypassare il problema per le nuove produzioni creando due etichette: la Nardis, americana, guidata da Ben e dal figlio Leo, e la GrooveMasterEdition, due etichette associate. Per cui io in Italia, avendo un contratto di esclusiva con la Edel distribuisco anche le produzioni della Nardis americana e stessa cosa fa lui negli Stati Uniti e in Giappone, distribuendo attraverso la sua etichetta le mie produzioni. In attesa, il prossimo anno, di vedere concluso il contratto con questa casa tedesca, tornare in possesso di tutto il materiale della Gojazz e darlo in distribuzione a società più affidabili.

A.T.: Guadagnando in autonomia…
G.T.:
Guadagnando non è esatto… "lavorando", perché la gente pensa "Gegé Telesforo, ha un'etichetta discografica, gli mandiamo i dischi, magari ci produce, come direttore artistico di un'etichetta chissà che guadagni….!" Occorre precisare: avere una etichetta discografica è una bega infinita, perché hai una responsabilità nei confronti degli artisti che vengono messi sotto contratto, ai quali si deve produrre il disco, sostenendone le spese, e ai quali si deve garantire un'esposizione nella promozione. Ora, il costo per la produzione di un disco può anche essere limitato perché con le nuove tecnologie anche in casa si può registrare bene un disco ed avere un prodotto finito dignitoso ed accettabile. Certo non a livello dei grandi studi, ma comunque con un budget discreto si può realizzare un bel disco, naturalmente in presenza di buone composizioni, bravi musicisti ed idee nuove e convincenti. Ma ciò che oggi costa nella discografia è tutto il resto: la distribuzione e la promozione. Perché per far sapere che il disco è uscito si deve comunicare, e la comunicazione, che avvenga attraverso la stampa o la radio o la televisione, ha un costo, dato che nulla viene fatto gratuitamente in questo paese. Si deve poi subire la concorrenza delle multinazionali, di etichette e distribuzioni più forti: ma come si fa a lasciare per strada il talento della famiglia Deidda o di Julian Oliver Mazzariello o di Stefano Di Battista… Stefano ha iniziato a suonare con me quando aveva 18 anni e ancora tutti i capelli! E già suonava benissimo. Oggi è uno dei migliori musicisti del mondo, e fortunatamente in Francia è riuscito a chiudere un contratto con la Blue Note e adesso con la Blue Note WorldWide, internazionale. Ma se fosse rimasto in Italia sarebbe stato costretto a firmare il contratto con un'etichetta indipendente come la mia, che avrebbe potuto supportarlo solo fino ad un certo punto. Credo che non appena giungerò a mettere su un catalogo di una ventina di album, sarò costretto a cederlo ad una multinazionale o ad una società discografica più importante, perché personalmente non posso investire nella discografia tutto quello che guadagno facendo il mio lavoro di musicista, direttore artistico, radio, eccetera,. È una perdita economica, e certamente mia moglie e mia figlia non me lo perdonerebbero ancora per molto…!






Articoli correlati:
14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

11/04/2015

Intervista a Max Ionata: "Improvvisare non vuol dire arrangiarsi. Improvvisare è una cosa molto seria, molto ben organizzata per poter uscire e scavalcare anche i problemi musicali in maniera agile." (Laura Scoteroni)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

06/03/2011

Inspiration (Max Ionata Quartet Feat. Fabrizio Bosso) - Alceste Ayroldi

22/11/2009

Tall Stories (Jazzlife Sextet) - Marco Buttafuoco

19/09/2009

Intervista a Raphael Gualazzi: "Credo che l'innovazione debba partire sempre e comunque dalla conoscenza della tradizione. Tradizione che può anche essere messa in discussione, ma solo dopo che la si conosce." (Fabrizio Ciccarelli)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

23/02/2008

Love and other contraddictions (Gegè Telesforo Groovinators)

09/12/2006

America Latina…el Vije (Grupo El Poncho Orquesta Chirimia)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

18/01/2006

3 From The Ghetto (Dario Deidda)

02/10/2005

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo.(Antonio Terzo)





Video:
Miles Davis Interview (Italian TV 1989).wmv
Miles Davis interviewed by Gege' Telesforo for the Italian music TV show "DOC"...
inserito il 02/11/2011  da renato16able - visualizzazioni: 3185
Groovinators Umbria jazz 2006
Mother Tongue (Telesforo-Sidran-Peterson) Teatro Pavone di Perugia 13 luglio 2006, Gegè Telesforo vocal, Dario Deidda bass, Alfonso Deidda sax-ke...
inserito il 14/05/2008  da masaboba - visualizzazioni: 2660


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 11.783 volte
Data pubblicazione: 06/09/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti