Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Gerardo Palumbo
La scuola salernitana di Jazz, Cuba, e un destino da musicista
Testo e foto di Massimiliano Cerreto

Assistere ad un concerto dei Cuban Stories a Napoli: un desiderio che avevo da moltissimo tempo. Poi, il 14 marzo scorso, ne arriva l'occasione, finalmente. Il locale è il Duel Beat. Arrivato al locale prima ancora del sound-check, osservo Alfonso Deidda che prova il sax e accorda i bongo. Dario Deidda, invece, testa l'amplificazione del suo basso (un mitico Fender d'annata). Nel frattempo, Alessandro La Corte e Michele Di Martino regolano i volumi delle tastiere, e Gaetano Fasano (che mi aveva invitato ad assistere alla serata) sistema i piatti sulle aste: tutti musicisti che conosco (e che ammiro) già da tempo. Eccetto uno, Gerardo Palumbo, il giovanissimo percussionista. Ed è lui che, al termine del concerto, decido d'intervistare…

M.C.: Avere 21 anni ed essere già parte di un gruppo che è la testimonianza più autentica della scuola salernitana di jazz…
G.P.:
Può apparire retorico, ma si tratta di un'esperienza davvero unica. Pensa che, prima ancora di entrare a far parte dei Cuban Stories, ne ero già un grandissimo fan. E lo sono ancora oggi, naturalmente (sorride)!

M.C.: Come è avvenuto l'incontro con i Cuban Stories?
G.P.:
Devo ringraziare Gaetano Fasano: è stato lui a presentarmi agli altri. L'anno scorso, suonavo con lui nella formazione del sassofonista Stefano Giuliano: SG Latin. Nel gruppo c'erano anche il percussionista Pierpaolo Bisogno, cui devo l'avermi preparato per l'esame d'ammissione al Conservatorio, il bassista Antonio De Luise, il trombonista Lello Carotenuto e il trombettista Nicola Coppola. Durante l'estate, si unirono al gruppo anche i cantanti Alvaro Martinez e Carlos Paz. Da qui, la scelta di ribattezzare la formazione: SG Latin & Salsa project. Tornando al discorso, il primo vero approccio con loro fu una sorta di Jam session. Poi, lo scorso Agosto, in occasione della prima edizione del Chiena Jazz Festival (che si tiene a Campagna, in provincia di Salerno, e ha come direttore artistico Daniele Scannapieco Nda), c'è stata la mia prima esibizione ufficiale.

M.C.: Prima, hai accennato alla frequentazione del Conservatorio. Ci parleresti dei tuoi studi?
G.P.:
Oltre alla preparazione con Pierpaolo Bisogno, ho studiato con Davide Cantarella (ex percussionista dei Cuban Stories) e, attualmente, sto studiando con Giovanni Imparato.

M.C.: La musica cubana esercita un grande fascino su tutti i percussionisti. Come ti sei avvicinato ad essa?
G.P.:
Se me lo permetti, mi piacerebbe parlare di come mi sono avvicinato alle percussioni. Ho sempre amato la musica, sin da bambino E ho anche studiato il pianoforte e la chitarra. Poi, un mio parente mi regalò uno degli album più belli della storia: "Shadows and light" di Joni Mitchell. Alle percussioni c'era il grande Don Alias. Un altro disco che mi ha fatto comprendere quale fosse la direzione musicale da intraprendere - ma il cammino è ancora molto lungo (sorride) - è stato "Heavy weather", dei Weather Report. C'è un brano dell'album in cui suonano sia Alex Acuna (batteria) sia Manolo Badrena (percussioni). Infine, non posso non menzionare il disco di Tito Puente che s'intitola "Live at the village gate". La presenza di Giovanni Hidalgo e Mongo Santamaria può essere raccontata anche come l'incontro tra il nuovo e il vecchio modo di concepire il linguaggio delle congas. L'amore per la musica cubana, inoltre, lo devo anche ad un mio viaggio all'Isla Grande, nel 2003. Il numero di concerti a cui ho avuto modo di assistere, nonostante sia stata una brave vacanza, è a dir poco impressionante!

M.C.: Ti sei avvicinato anche ad altre culture?
G.P.:
Una bellissima esperienza è stata quella con la scuola di samba "Gres unidos do batacoto", di Castellamare di Stabia. In occasione del Capodanno del 2003, noi allievi abbiamo suonato con i musicisti della scuola brasiliana Beija Flor, una delle più prestigiose e rinomate al mondo. La musica cubana rimane, però, quella cui sono più legato. Soprattutto grazie all'incontro con Giovanni Imparato, che è un vero cultore della materia. In questo periodo, ad esempio, pur suonando principalmente la tumbadora (le congas), mi sto avvicinando anche al mondo dei tamburi batà: un universo in cui la dimensione spirituale e musicale del ritmo sono una cosa sola.

M.C.: Veniamo adesso ai brani che avete interpretato questa sera…
G.P.:
Abbiamo voluto iniziare lo spettacolo con un nuovissimo brano, "Mama Mambo", composto da Alfonso Deidda, che è anche il band leader e l'ideatore del progetto. Qui ho l'ultimo solo, che segue quelli di sax, tastiere e piano. Poi c'è stato "Mas Linda", che ha un andamento affine al cha cha. Anche in questo brano, come avviene solitamente nella cultura cubana, vi è un alternanza dei momenti solistici da parte di tutti i musicisti. Uno dei miei brani preferiti è "When you see another star". Ad emozionarmi sono sia la sua melodia sia la sua struttura ritmica: una clave (3/2) di rumba Uauanco…

M.C.: Il mio preferito è quello che è venuto dopo: "El toque de Eugenio"…
G.P.:
Penso che Alfonso Deidda sia tanto bravo come strumentista quanto compositore. Penso che siano molto belle anche le parti interpretate da Michele Di Martino e da Alessandro La Corte. Grande spazio ha avuto, nella composizione successiva (un bolero), il basso di Dario Deidda. Hai notato come Gaetano Fasano entra solo nel finale, e come il suo intervento faccia crescere il climax in maniera esponenziale?

M.C.: Si, e anche il pubblico ha mostrato di apprezzarlo molto…
G.P.:
…con Gaetano Fasano ho avuto anche suonato degli scambi di battute in "Paquito's Dance", che viene subito dopo uno straordinario solo di basso. L'ultimo brano della serata, "Que pasa Hermano", presenta momenti molto diversi, sia al livello ritmico sia melodico. A me piace molto, ad esempio, quando si passa dal 6/8 al 4/4. E' il momento delle presentazioni dei musicisti della band da parte di Alfonso Deidda.

M.C.: Infine, una domanda di rito: progetti futuri?
G.P.:
Lo studio è ancora al primo posto. Come ho detto prima, la strada da percorrere è ancora lunga. Non ti nascondo, però, che il desiderio di dare vita ad un mio progetto solista è molto forte. Mi piacerebbe lavorare sulla matrice afro-cubana, tra musica popolare e folklorica







Articoli correlati:
09/10/2017

La Stanza Dei Colori (Amanda Desidery)- Alceste Ayroldi

11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

28/04/2013

Nuevas Huellas (Alfonso Deidda & Cuban Stories)- Francesco Favano

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

26/09/2010

Afternonon Song (Sivia Manco) - Marco Buttafuoco

24/04/2010

Miriam (Gianfranco Menzella Quintet)- Rosanna Perrone

18/10/2009

Ondina Sannino & Deidda Bros. "Sexteto Brasil" a Villa Celimontana: "Pienamente meritata la positiva e calorosa risposta del pubblico, per un concerto stilisticamente ben calibrato e dall'impatto immediato." (Alfonso Tregua)

27/07/2009

Two Parallel colours (Eddy Palermo Antonio Onorato)- Cinzia Guidetti

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

23/02/2008

Love and other contraddictions (Gegè Telesforo Groovinators)

08/07/2007

L'urklang della Salerno Jazz Orchestra: "La neo-nata formazione che ha debuttato al teatro Verdi mercoledì sera 9 maggio 2007, in assenza del sindaco Vincenzo De Luca, ha ricevuto la benedizione del contrabbassista Giovanni Tommaso." (Olga Chieffi)

07/12/2006

Daniele Scannapieco, Julian Oliver Mazzariello, Dario Deidda, Amedeo Ariano a Terni Jazz Winter 2006 (Francesco Truono)

18/01/2006

3 From The Ghetto (Dario Deidda)

10/12/2005

Salerno Liberty City Band (Salerno Liberty City Band)

02/10/2005

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo.(Antonio Terzo)

11/03/2005

Cuban Stories (Cuban Stories)





Video:
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da - visualizzazioni: 3508
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da - visualizzazioni: 3465
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da - visualizzazioni: 3482
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da - visualizzazioni: 3561
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da - visualizzazioni: 3402
Alexander Platz Jazz Club
Fabio Zeppetella -guitarDario Deidda -bass Aruan Ortiz -piano Young Italian jazz talent Matteo Fraboni -drums...
inserito il 01/11/2009  da masmella - visualizzazioni: 2435


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.731 volte
Data pubblicazione: 18/06/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti