Jazzitalia - Articoli: Intervista a Gerardo Frisina
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Gerardo Frisina
1 agosto 2010
di Mario Melillo

Gerardo Frisina, insieme a Luciano Cantone e Davide Rosa, ha seguito i passi dell'evoluzione artistica della casa discografica Schema Records. Il suo primo progetto, in veste di produttore, è stato “Neos”, concepito con Bruno Bolla e Gianni Bedori, che ripropone le opere di noti artisti influenzati profondamente dal sound latin, brazilian e jazz e che hanno cercato di estrapolare gli aspetti più reconditi di queste sonorità. I successivi progetti sono stati The Cabildos, Up e la serie Metti Una Bossa A Cena. Il suo contributo maggiore è stato la divulgazione del sound della Clarke-Boland Big Band, a cui è seguita la fondazione della Rearward Records, che ha acquisito la maggior parte del catalogo della gloriosa big band europea e ristampato vecchi capolavori del jazz degli Anni Sessanta.
Accanto a questa attività discografica, Gerardo Frisina ha sempre continuato la sua attività di dj e col suo “Ad Lib”, datato 2001, diventa artista a tutti gli effetti. In “Ad Lib” rivisita il sound latin jazz con contaminazioni brasiliane e con l’ausilio di tecnologie che esaltano il calore del suono.
Dopo l'uscita del primo album, Gerardo inizia ad occuparsi di remix, con lavori quali “Black Forest Stomp” degli Hipnosis per l'etichetta tedesca Perfect Toy e “Barloventeño Blues” di Frank Hernandez per la Dejà Vu. Nel 2003 con Schema Records esce “Hi Note”, il secondo album, che rappresenta l'evoluzione personale del suono latin jazz nella produzione di questo artista. Rispetto al disco precedente sono cresciute le collaborazioni con diversi importanti jazzisti, che hanno segnato un progressivo abbandono del lounge easy listening a favore del recupero del calore latin jazz. Nel 2004 intensa è la sua attività nei club italiani ed europei sino ad arrivare a quest’anno, nel quale Gerardo Frisina è approdato con un lungo tour in Giappone, paese che gli ha permesso di toccare con mano il livello di popolarità raggiunto su quel mercato. Nel novembre di qeust’anno la Schema Records pubblica “The Latin Kick”, un album con il quale, pur mantenendo lo stile jazzistico già messo in evidenza in “Hi Note”, Gerardo esprime il suo lato più ritmato, con molti brani adatti al dancefloor. Oltre ai fratelli Lo Greco ed a Luigi Bonafede, che già hanno collaborato con Gerardo negli album precedenti, Helena De Piño ha contribuito con il canto, Hendrixon Mena ha aggiunto tromba, flicorno e su due tracce il pianoforte, Germano Zenga i sassofoni e Francesco Pinetti il vibrafono. Per quest’album, Gerardo Frisina ha composto nove tracce originali e si è cimentato anche con alcune cover: “The Gods Of The Yoruba” di Horace Silver, “The 7th Day” di Freddie Hubbard e “Gosto De Que È Bom” dei brasiliani Ademir Carvalho e Shirley Sandala. Parallelamente, Gerardo ha intensificato anche la sua attività di remixer, curando, tra gli altri, il remix di “Swing Low, Sweet Cadillac” di Dizzy Gillespie per la Impulse Records (che sarà pubblicato prima di Natale), quello di Jorge Graf per la Soundway ed ha inoltre inciso un singolo con due brani inediti per l’etichetta inglese Afro Art, di proprietà di Paul Murphy ed Ashley Beedle.

Gerardo Frisina, noto produttore e collezionista di vinile, è una figura di fondamentale importanza ed un punto di riferimento per l'intera scena nu-jazz internazionale. Le sue ultime produzioni utilizzano campioni e ritmi afrolatini nel creare brani potentissimi per il dancefloor.

Entrerei subito nel vivo della tua produzione parlando di "Join to dance" un album interessante che sta già riscuotendo numerosissimi consensi.

Sono passati ben cinque anni dal mio ultimo album "Latin kick" (Schema Rec 2005) e da allora mi sono principalmente dedicato a singoli e mix per altri artisti. Un bel giorno la Schema mi ha chiesto un nuovo album, ho raccolto un po' di idee che avevo sparse nella mia mente ed è nato "Join to dance".Inizialmente volevo che l'album fosse, per sonorità, affine a "Hi note", il mio terzultimo disco, (Schema Rec 2004) ma poi delle situazioni molto personali hanno deviato l'assetto dance-oriented dell'album in favore di una produzione più delicata ed introspettiva.

La differenza rispetto ai precedenti in effetti è notevole. Ci puoi dire che avvenimento ti ha scosso?

La morte di mia madre. L'album è dedicato a lei.

Così come lo è una canzone in particolare...

"For my mother", quella a cui tengo di più! La traccia era già uscita nel mio ep "Samba Skindim" ed infatti è l'unica del cd ad essere interpretata da una formazione diversa da quella di "Join to dance". L'andamento più malinconico dell'album è anche confermato da due pezzi in 3/4, dei waltz, un tempo che non avevo mai provato dall'impronta modale e classicheggiante.

Intendi distanziarti da questa linea o continuare a seguirla

No. Credo che non mi allontanerò mai più di tanto dalla musica club e dancefloor anche se tutte le recensioni che ho letto hanno definito "Join to dance" il mio album più "completo". Staremo a vedere!

Tanti anni di esperienza accumulata come dj: quali sono i luoghi in cui ti sei esibito che ricordi più volentieri?

I Dj set più belli della mia vita li ho fatti in Portogallo e in Giappone. In Giappone sono abbastanza distanti dal latin jazz ma sono innamorati della bossanova, del jazz e delle colonne sonore dei film, soprattutto degli anni '60 quindi apprezzano le mie selezioni. Anche in Portogallo piace moltissimo la musica che propongo: sarà per la lingua o per il loro essere energici. Amano ballare, si divertono, ed è abbastanza difficile trovare un pubblico come loro.

Pensi sia giusto che la musica venga influenzata dai problemi sociali e che affronti temi di comune interesse?

Assolutamente no. Credo che le due cose debbano essere divise e, proprio a conferma di ciò, nelle mie produzioni ci sono pochissimi brani cantati. Le belle frasi piacciono a chiunque ma a quel punto preferisco un bel libro di poesie. La musica è musica e l'emozione deve esser trasmessa dalla melodia, non dalle parole. Inoltre ciò che arriva alle orecchie della gente è spesso fasullo e la musica viene sporcata se non è sincera ed è fatta per mettersi in mostra. Il primo brano cantato di Join to dance: "Will You Walk A Little Faster", in collaborazione con Norma Winstone, non è un brano con un significato particolare o attuale: è una cover il cui testo è un estratto dal racconto "Alice nel paese delle meraviglie"!

Quale pensi sia il ruolo del dj nella scena musicale attuale?

Il dj ha avuto e continua ad avere un funzione importantissima all'interno del mercato della musica. Ha in mente la situazione del club, e spesso, se produttore, anche delle vendite; sa quello che piace al pubblico, sa come farlo ballare, e se in gamba è anche in grado di prevedere i tempi. Una decina di anni fa, ad esempio, pubblicai delle compilation intitolate "metti una bossa a cena" che fecero immediatamente il giro del mondo.

Com'è nata la collaborazione con la "Schema Records"?

La collaborazione con la Schema è nata subito dopo la sua fondazione quando Luciano Cantone mi chiese una mano nel curare la linea editoriale dell'etichetta. L'esperienza non si è mai esaurita e anche se attualmente il mercato musicale italiano è un po' bloccato e non si sa che filone seguire, confido moltissimo in una svolta.

In che modo credi che internet abbia influenzato la musica?

Internet è un fenomeno, musicalmente parlando, positivo e negativo allo stesso tempo: positivo perchè consente di saziare la curiosità. Esemplificando: un tempo se non c'era qualcuno a consigliarti un cd o un tipo particolare tipo di ascolto era difficile avvicinarsi alla musica meno commerciale; oggi con internet si può fare autonomamente e in un paio di click; negativo perchè la musica è arte ed il modo in cui viene superficialmente bruciata tramite la rete mi fa paura.

Hai mai pensato di metter su un gruppo per esibirti live?

Mi è stato proposto non so quante volte ma la dedizione e l'impegno richiesti non sono assolutamente proporzionali al mio interesse. Adoro il mondo del dj set, lavoro da solo, senza agenzie o manager e sono felice così.

Progetti per il futuro?

Partirò presto per presentare il nuovo album in giro per il mondo! (sorride, n.d.r.)

Grazie per la chiacchierata Gerardo! E' stato un Vero piacere1

Grazie a te Mario e a voi di Jazzitalia!






Articoli correlati:
05/11/2016

Symphonika (Glauco Venier - Michele Corcella)- Niccolò Lucarelli

15/06/2014

Norma Winstone e il battito "naturale" delle parole: "La cosa importante è trovare l'essenza di una composizione ed eseguirla con rispetto." (Davide Ielmini)

21/11/2010

Stories Yet To Tell (Norma Winstone)- Vincenzo Fugaldi

21/02/2009

Festival ECM alla Casa del Jazz, con il trio di Norma Winstone, il trio Melos e il collettivo franco-norvegese Dans les arbres. "Una delle etichette discografiche che ha caratterizzato la storia del jazz europeo (e non solo), tanto da aver definito un suo peculiare "suono", una delle etichette più discusse, amata fino al feticismo per le sue confezioni e odiata talvolta solo per pregiudizio, la ECM di Manfred Eicher, compie quest'anno quarant'anni. Lo scorso dicembre, in nome di una ormai solida collaborazione, la Casa del Jazz di Roma ha voluto inaugurare i festeggiamenti con un piccolo festival di tre giorni." (Dario Gentili)

21/01/2009

Distances (Norma Winstone)

11/08/2008

A Journey in Sound – The Remixes (Gerardo Frisina Notebook)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.229 volte
Data pubblicazione: 18/09/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti