Jazzitalia - Articoli: Intervista a Gianluca Pellerito
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Gianluca Pellerito
luglio 2013
di Daniela Floris
foto di Daniela Crevena

Gianluca Pellerito ha 19 anni e già dieci anni di carriera alle spalle come batterista. E le cose da chiedergli sono molte.

Come è nata la tua passione per la batteria?
Avevo la batteria in casa, la suonava mio padre e immediatamente, da quando sono nato, ho cominciato ad approcciarmi allo strumento. Ho iniziato definitivamente a due anni utilizzando come bacchette le forchette e suonando per terra. Poi a quattro anni mi sono seduto alla batteria di mio padre e di lì abbiamo continuato sempre più in alto.

Parliamo del percorso che ti ha portato in questi giorni a suonare qui ad Umbria Jazz, con Michael Rosen, Ross Stanley e Alfredo Paixao, che compaiono anche nel tuo disco.

Oh, loro sono miei carissimi amici, i miei compagni di viaggio.

Però un percorso c'è stato, no?
C'è stato un grande percorso. Una tappa che ritengo essenziale per la mia carriera di musicista è stata la mia partecipazione nel 2002 qui a Perugia alle clinics della Berklee School.

Quanti anni avevi?
Avevo otto anni, e proprio la ha avuto inizio un percorso di studi che poi mi ha portato a cominciare a fare concerti e, di conseguenza, a conoscere sempre più musicisti. Cinque anni fa poi ho incontrato Michael Rosen, siamo diventati molto amici, e anche veri e propri soci e colleghi. Michael è uno dei miei migliori amici nonostante ci siano un po' d'anni di differenza…l'amicizia non ha età. Quasi subito abbiamo cominciato a plasmare una band per poterla tramutare in un progetto vero e proprio.

E' quasi incredibile a dirsi, ma tu qui stai festeggiando il tuo decennale di attività come musicista.. e hai solo 19 anni!
Si, diciamo che quest'anno in occasione del mio concerto si festeggiano diverse cose: non soltanto l'uscita del disco nuovo ma anche alcune tappe fondamentali della mia vita: sono passati dieci anni dalla prima volta che sono venuto a UJ, e cinquanta anni dalla pubblicazione del primo disco di Herbie Hancock.

Ecco, a proposito: il cd che presenti qui a Perugia si intitola " Jazz My Way" ed è un tributo non a un batterista, ma a un pianista: Herbie Hancock, per il suo cinquantennale. Perché proprio lui?
In effetti pianoforte e batteria sono due strumenti molto differenti tra loro. Ma io ho pensato ad Hancock perché lo ritengo il vero e proprio "padre fondatore" della mia musica. Quando nel 2002 venni qui a Perugia per le clinics della Berkeley ebbi la grande opportunità di fare il saggio finale in Piazza IV Novembre: il brano che mi assegnarono fu proprio "Cantaloupe Island" di Hancock…da lì è cominciato tutto...

Sei nato con lui, quindi? E perché ti ha particolarmente ispirato?
Come detto, lo ritengo il padre della mia musica…e questo per me è molto importante. Lo stimo moltissimo, è un musicista che adoro. Mi ha assolutamente cambiato la vita, e non soltanto per quel meraviglioso episodio che ricordo con grande emozione nel 2002, ma perché questo ha permesso la concretizzazione di un progetto che si è avverato con l'uscita di un disco...è il mio primo disco da protagonista e per me è sensazionale.

Ma Hancock ti ispira anche musicalmente?
Di certo 2002 è stata una coincidenza, devo ammettere che nonostante mi avessero affidato un brano di quel calibro io non lo conoscevo nemmeno. Avevo solo otto anni e la mia predisposizione alla musica era orientata sul funk e sul fusion, solo a dodici anni mi sono avvicinato al jazz. Quattro anni di studio ed è nato l' amore per questo musicista grandissimo.

E se dovessi invece parlare di un batterista importante per te?
Il mio batterista preferito è Peter Erskine: non soltanto è una persona fantastica, ma è anche il mio grande maestro, ho inciso con lui nel 2009 e con Alex Acuña e una grande orchestra. Ancora oggi continuiamo a sentirci, è contento dell'uscita del disco, ha già sentito alcune tracce ed è molto soddisfatto, continua a seguirmi e a darmi le sue meravigliose dritte. Avere alle spalle un maestro come lui mi da molta sicurezza.

Tu parti dalla Sicilia e a diciannove anni hai già suonato in giro un po' per il mondo. Addirittura, anche per la famiglia Kennedy, per quanto è stato scritto. Hai avuto una grande esperienza a Londra, suonando in contesti sia jazzistici che con gli Incognito che sono più pop. Hai sicuramente talento e forza di volontà. Se dovessi pensare ad un a una persona che ti abbia particolarmente aiutato, chi indicheresti?
Devo tutto a mio padre che mi sta sempre vicino e mi ha sempre incoraggiato. Affrontiamo questo meraviglioso percorso sempre insieme, cercando di divertirci il più possibile e soprattutto con la massima concentrazione. E poi penso ai miei concittadini palermitani, i miei siciliani, che mi sostengono, tutti i miei fan, i miei amici, la mia ragazza che è molto presente.

Sei circondato di gente che ti incoraggia…
Si, a me piace molto questa cosa, sono molto contento.

Quanto tempo dedichi allo studio, quanto alla composizione e qual è la tua giornata tipo?
Sono felice, perché cinque giorni fa ho dato l'esame di maturità classica. E' stata dura, ma ora ho finito con la scuola e la musica da adesso avrà la priorità. Studio quattro ore e mezza al giorno, ripartite tra composizione, strumento, lettura. Ho cominciato a comporre un anno e mezzo fa, quando mi si è presentata l'occasione di poter fare un disco e di poter inserire un mio brano originale. Ora ne ho molti da parte da modificare ed ultimare, ma sono contento di aver composto "Jazz My Way", che oltre ad essere il mio primo brano originale ad essere pubblicato ha anche dato il nome al disco.

E rispecchia il tuo jazz, lo dice il titolo…
E' un brano dedicato a Hancock ed è un brano dove ho inserito tutto me stesso, in effetti il timing e il drumming sono di matrice fusion e funky e mi rispetta in pieno.

Ti è stretta la definizione di enfant prodige? Ci pensi al fatto di essere appena diciannovenne, un'età in cui i tuoi coetanei sono a distanza siderale da te? Ovvero, tu ti ritieni un batterista e basta a prescindere dalla tua età, o sei consapevole di essere comunque un diciannovenne con dieci anni di attività alle spalle? Il che non è proprio usuale.
Mi rendo conto di aver fatto un grande percorso. Ho studiato tante cose, mi sono relazionato con musicisti diversi, e questo per me è stato molto importante, per poter comprendere quel che è fino in fondo l'essenza della musica. In assoluto il mio futuro, lo vedo basato sulla musica. Il prossimo anno voglio andare a Boston, alla Berklee, e lì terminare i miei studi, perché non ho ancora finito, anzi credo di aver appena iniziato. Ho completato la scuola, ora ho tempo pieno per potermi dedicare alla musica. Sono contento di essere un batterista. Sono un batterista.

Ad un certo punto si termina di essere giovanissimi talenti, si diventa adulti nel senso pieno del termine e si "perde" la qualifica (e lo stupore ad essa legato) di "enfant prodige". Sei pronto a questo? Hai colleghi che hanno superato bene il momento, per esempio Francesco Cafiso, Mattia Cigalini, a Dino Rubino. Come deve lavorare un artista così giovane per distogliere l'attenzione dal fattore anagrafico ed incentrarla sulla propria musica?
Devo dire la verità: il termine enfant prodige è un appellativo che mi porto dietro da tantissimo. Sono uscito dall'età infantile, posso dire, ieri. Sono ancora molto piccolo, ma ho intenzione di proiettarmi all'interno del mondo dei musicisti veri, della vera musica, di essere un vero musicista a tempo pieno. Non solo non ho paura, ma non vedo l'ora. Non vedo l'ora di cominciare.

Come definiresti il tuo drumming? Cosa trovi di espressivo nella batteria? Quanto conta la tecnica e quanto ciò che è dentro di te?
Posso rispondere dicendo che la musica è vita e che non c'è uno strumento che esprime una propria filosofia rispetto ad un altro. Ogni strumento differisce dagli altri, ma alla fine tutto va a confluire nella musica, che è un qualcosa di straordinario e meraviglioso. Io con la batteria cerco di esprimere me stesso. Il suono è l'espressione dell'esecutore. Deve emergere questo. Quando suono rido, guardo i musicisti, ci incitiamo a vicenda, tiriamo fuori un drumming funky - fusion che fa paura, spingiamo tantissimo! Nel jazz cerchiamo di essere più raffinati possibile che è fondamentale; cerchiamo di far emergere la raffinatezza, la classe.

I tuoi prossimi impegni?
Stiamo definendo una tourneè americana, e l'impegno più grande si baserà sulla concretizzazione dei miei studi andando alla Berkeley il prossimo anno.

Vorrei che concludessimo parlando del tuo disco "Jazz My Way"
E' un disco che esprime me stesso. Ieri quando l'ho suonato dal vivo, mi guardavo negli occhi con mio padre e la commozione era allucinante: presentare qui a Perugia ufficialmente il mio lavoro ha lasciato un segno profondo nella mia vita. Oltre al mio pezzo originale abbiamo scelto i brani di Hancock cercando di plasmare un repertorio che ripercorra le tappe della vita di questo straordinario artista: "Cantaloupe Island", "Watermelon Man", e pezzi molto artistici come "Butterfly", con l'ausilio della voce di Yoyce Yuille. Poi pezzi come "Rock it", che è totalmente fuori dalle corde di Hancock. Parliamo di rock, un genere molto più duro. Abbiamo cercato di far emergere quello che mi piace di più, rispettando i gusti musicali miei e della mia band.

E' proprio il caso di dire che questo disco è un po' la sintesi di ciò che ami.
Si. E poi per me è stato importante aver potuto concretizzare questo progetto grazie ad un' etichetta di prestigio quale è la Emarcy, della Universal: hanno creduto in me, e per me questo è un grande onore.

E' stato registrato dal vivo?
Si è un live registrato l'anno scorso a Umbria Jazz Winter. E poi promosso qui ad Umbria Jazz.






Articoli correlati:
14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

11/01/2015

Intervista a Paolo Fazioli: "Pezzi unici, accurata scelta dei materiali, tanta ricerca e esperimenti: Paolo Fazioli, a Roma per l'inaugurazione della Ciampi Luxury Piano Gallery, ci racconta la sua esperienza." (Nina Molica Franco)

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

17/08/2014

Herbie Hancock e Wayne Shorter: "Un concerto costruito su un doppio binario in cui Hancock è riuscito a fare qualcosa di interessante grazie alla sua immensa tecnica, mentre Shorter dal canto suo è apparso non particolarmente in forma." (Nina Molica Franco)

20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

25/07/2010

A Night in Montecarlo (Marcus Miller)- Roberto Biasco

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

25/10/2009

Herbie Hancock e Lang Lang a Verona Jazz 2009: "Quando un concerto viene propagandato come un evento imperdibile, in grado di regalare sorprese e colpi di scena, se si cede alle lusinghe di ciò che si legge e si decide di assistere allo spettacolo, spesso si rimane delusi...è mancata l'imprevedibilità, che incuriosisce e può creare un legame forte tra chi esegue e chi ascolta." (Giovanni Greto)

25/01/2009

Herbie Hancock Sextet al Roma Jazz Festival: "La formazione si è mossa abilmente tra esecuzioni acustiche ed elettriche, tra strumenti acustici ed elettrici, a partire dallo stesso Hancock, che si è alternato al pianoforte e al sintetizzatore. Tutti musicisti di altissimo livello internazionale..." (Dario Gentili)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

14/01/2007

Cronaca e riflessioni sul concerto di Herbie Hancock al Jazzfest di Berlino: "...Le dita fluiscono in modo impercettibile e aereo, giocoso e rigoroso al tempo stesso. Questa è magia pura: questa, amici miei, è Musica Musica..." (C. Pustol - G. Aula)

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.





Video:
"Gianluca Pellerito Quartet - Kennedy Center Washington 7 settembre 2010
Gianluca Pellerito QuartetKennedy center washington7 settembre 2010...
inserito il 17/12/2010  da gianlucapellerito - visualizzazioni: 2062
Herbie Hancock solo piano
Herbie Hancock solo piano...
inserito il 02/05/2010  da solosolos2010 - visualizzazioni: 2746
Fabrizio Bosso Live a B Side: "The Funk Phenomena" (Van Helden)
Archangel - Burial: http://www.deejay.it/dj/multimedia/dettaglio/type-V/idMedia-2684/-Archangel--...Rock It - Herbie Hancock: http://www.deejay.it/dj/...
inserito il 03/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 2979
Fabrizio Bosso Live a B Side: "Brown Paper Bag" (Roni Size)
Fabrizio Bosso improvvisa su "Brown Paper Bag" di Roni Size durante la diretta di B Side con Alessio Bertallot. Guarda tutti i live di Frabr...
inserito il 01/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 3129
ARETHA AND GUESTS "ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ"
ARETHA AND GUESTS ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ....FEATURING HERBIE HANCOCK, RON CARTER, CLARK TERRY, ROY HAYNES, JAMES CARTER AND RUSSEL MAL...
inserito il 27/10/2008  da oneloveatatime - visualizzazioni: 3729
Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River Live on Abbey Road
Download the mp3 of this performance: http://www.eezy.weebly.com, , Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River live on Abbey Road featuring Wayne S...
inserito il 10/08/2008  da eezlewax2 - visualizzazioni: 2941
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2978
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part B
1988 Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 30/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 3323
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part A
1988 Munchen Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 28/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 3392
Herbie Hancock Quartet - Oleo (live)
Herbie Hancock Quartet Is:, Herbie Hancock - Piano, Branford Marsalis - Tenor Sax, Ron Carter - Bass, Tony Williams - Drums...
inserito il 25/01/2008  da LightningTrident - visualizzazioni: 3131
Fee Fi Fo Fum - Wayne Shorter
...
inserito il 13/01/2008  da Lot2learn - visualizzazioni: 2595
Fast Focus - Herbie Hancock 'River:The Joni Letters'
Herbie Hancock is one of the most influential American jazz pianists and composers of our time, a true icon of modern music. A musical visionary who c...
inserito il 29/10/2007  da fastfocustv - visualizzazioni: 2605
Herbie Hancock and VSOP Reunion - Eye of The Hurricane 1986
This video was up here a while back but seems to be gone now so here it is again. This seems like some kind of V.S.O.P. reunion with Joe Hen on sax in...
inserito il 26/08/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 3146
Joe Henderson & Herbie Hancock - Lush Life
June 18, 1993. From the 40th anniversary of the Newport Jazz Festival, held in a tent on the lawn of the White House....
inserito il 22/07/2007  da leoshephard - visualizzazioni: 2983
Herbie Hancock - Chameleon
Herbie Hancock, Bill Evans (II), Darryl Jones - [1988] - Chameleon [Live in Montreux]...
inserito il 14/04/2007  da palanzana - visualizzazioni: 3243
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3178
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2939
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3123
Herbie Hancock jams with his Fairlight CMI
Herbie shows off while Quincy Jones looks on. Taken from VHS recording of 1984 documentary "I love Quincy" http://ftvdb.bfi.org.uk/sift/titl...
inserito il 07/12/2006  da froady - visualizzazioni: 2667
Freddie Hubbard & Joe Henderson - Maiden Voyage
This is from the Mt. Fuji jazz fest - August, 1986... Also with Herbie Hancock, Ron Carter, and Tony Williams. Sorry it cuts off at 10 minutes, but th...
inserito il 15/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2545
herbie hancock cameleon live 1975
headhunters original 1975 soundstage san fransisco...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 2140
Herbie Hancock - Jazz Fusion Cantelope Island
An amazing rendition of canteloupe island....
inserito il 01/08/2006  da jesuschristopher - visualizzazioni: 2385
Billy Cobham, Herbie Hancock, and Ron Carter
Jazz performance. Billy Cobham - drums; Herbie Hancock - piano; Ron Carter - double bass...
inserito il 22/02/2006  da McYaballow - visualizzazioni: 2730
Cantelope Island
One Night With Blue Note - DVD...
inserito il 08/01/2006  da drummer123 - visualizzazioni: 3152


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 944 volte
Data pubblicazione: 27/10/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti