Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Sotto la pioggia il Jazz: Intervista a Gianluca Petrella
di Caterina Finelli

In occasione dell'appuntamento di aprile della rassegna Under Construction 2005 incontro il trombonista Gianluca Petrella: un artista di rara espressività e personalità esecutiva.

L'esperienza acquisita sui palchi nazionali ed europei è la chiave di volta della sua evoluzione artistica: sulle scene sin dal '93 con Roberto Ottaviano, ha poi affinato e maturato il talento naturale attraverso numerose collaborazioni con jazzisti italiani e stranieri, tra cui Roberto Gatto, Paolino Della Porta, Greg Osby, Steve Coleman e Enrico Rava.

Quest'anno, affiancato da Furio Di Castri e dalla LabDance Orchestra, propone al pubblico torinese un progetto affascinante, incontrando gli esponenti più interessanti del panorama jazzistico italiano: da Maria Pia De Vito ad Antonello Salis passando da Paolo Fresu e Nguyen Le.

Tra idee d'avanguardia e rivisitazioni di classici Torino si colora di nuove e attraenti atmosfere.

Gianluca è mezzo bagnato quando appare nell'abitacolo dell'auto scelta come sito dell'intervista: lo sguardo velato dagli occhiali e l'aria serena rivela l'ottimo esito dell'esibizione di ieri sera a fianco del pianista Danilo Rea. Torino batte le ginocchia sotto la sua sottana grigio fumo, ma nonostante il clima il giovane trombonista si racconta con ironia tra excursus autobiografici e anteprime sulla sua prossima stagione concertistica.

C.F.: Partiamo dalla tua biografia: molti sottolineano che hai conseguito il Diploma di Conservatorio col massimo dei voti..
G.P: Quella nota dovrò cancellarla! È vero, sono uscito col massimo dei voti ma non ero il primo della classe, non amavo molto studiare. Oltretutto il Diploma col jazz c'entra poco, se non per la tecnica che si acquisisce, perché lì si impara a studiare con molto metodo. Inoltre il jazz in Conservatorio è abbastanza odiato!

C.F.: Come mai?
G.P.: Alcuni insegnanti sono contro tutta la musica che non è classica: ho conosciuto molti di questi personaggi coi "paraocchi". Non sono molto d'accordo su questa metodica: una volta entrati in Conservatorio non si diventa di proprietà dell'insegnante, ed è sbagliato cercare di plasmare un allievo di grande talento che però non guarda alla musica classica. Personalmente non ho mai avuto problemi col mio professore: con lui c'è stato uno scambio di opinioni all'inizio e poi pian piano ha capito che mi muovevo molto di più su altre lunghezze d'onda e mi ha lasciato fare.

C.F.: Parlami del rapporto con la tua famiglia: hanno sempre incentivato la tua passione per la musica?
G.P.: Sì, in una famiglia di musicisti è normale: lo è mio padre, i miei fratelli, i miei nipotini lo saranno...mio padre spesso mi portava con sé e in passato abbiamo anche fatto cose insieme, tanto che non mi avrebbe mai detto «Vai a lavorare!».

C.F.: Nel '97 è iniziata la collaborazione con Enrico Rava, come sei entrato in contatto con lui?
G.P.: L'avevo conosciuto durante un corso a Siena, avevo diciassette anni. Nel '97 mi trovavo a Francoforte, sono tornato in Italia perché mi aveva offerto un tour in Canada [Il Festival International de Jazz de Montreal, N.d.R]. Era la mia prima vera uscita e ricordo tutto come bellissimo, perché si tratta di uno di quei festival con più concerti al giorno, palchi in tutta la città, un'atmosfera in cui si rimane travolti dalla musica. Tra l'altro ci torneremo anche questa estate.

C.F.: Data la tua intensa attività artistica all'estero, hai potuto rapportarti ad altre realtà. Come confronteresti la scena musicale italiana rispetto a quella presente in Europa?
G.P.: In particolare, sono stato un anno in Germania. Devo dire che come scena non è male, è molto più d'avanguardia rispetto a noi. I musicisti non corrono, non vogliono arrivare chissà dove, la vivono con molta calma. Io ho vissuto a Francoforte, che è bella, divertente, molto ricca, ma che per la musica jazz non dà come Berlino o Colonia, città che invece mostrano più avanguardia. Diciamo che Francoforte è molto più avanti per quanto riguarda l'economia: c'è la borsa, la Bundesbank, l'Eurotower...è la Milano tedesca! In Italia si va un po' troppo dietro alla cose fatte bene, commerciali, c'è poca cultura per l'avanguardia. Non voglio mitizzare alcun Paese in particolare, ma questa mancanza è un dato di fatto, lo vedo con i miei occhi e lo leggo su molte riviste specializzate. A volte mi sembra di assistere alla grande abbuffata: il superteatro, la supersignora, la superpelliccia… [ride] poi non è sempre così, da noi al Soundtown cerchiamo di proporre tutt'altra realtà, però spesso attorno alla musica in Italia c'è questo alone patinato che non mi piace molto.

C.F.: Il jazz dovrebbe avere una spiccata componente dinamica e improvvisata, ma ne esistono infinite varianti. Alla luce di questo come commenteresti l'esibizione di ieri sera?
G.P.: È vero, il jazz è fatto di diversi rami che partono da un unico tronco: può esserci il ramo della musica improvvisata, che ieri sera in parte c'era assieme alla struttura, e lì ognuno crea un proprio spazio improvvisativo; può esserci il ramo un po' più quadrato che è lettura e improvvisazione di un solo chorus; quello ancora più schematico, e lo vedi perché appartiene a quei personaggi che sono quadrati proprio dalla testa ai piedi, tanto che potresti benissimo scambiarli per...non jazzisti o facenti parte di qualsiasi altra categoria..

C.F.: Intendi impiegati?
G.P.: Non lo volevo dire! [ride] Comunque, andando più verso l'estremo opposto, ci sono quei musicisti che non decidono nulla prima di esibirsi, poi salgono sul palco e suonano: quella è avanguardia, improvvisazione, free jazz...

C.F.: Ti è sicuramente capitato..
G.P.: Sì, certo. Adoro suonare in quel modo, anche se purtroppo non sono circondato da persone che amano farlo. In fin dei conti ci vuole anche un po' di passione, di attitudine nel proporre quel tipo di musica: è molto seria, non è jazz per tutti, o "da supermercato". È più di nicchia e da noi non esiste, o pochissimo. Suonare così mi è molto più spontaneo e semplice all'estero, o con musicisti stranieri, oppure dove comunque c'è la cultura di quel particolare suono.

C.F.: Parliamo di Furio Di Castri: come ti trovi a lavorare con lui?
G.P.: Potrai benissimo immaginare quali siano le difficoltà nell'arrangiare tra i miei impegni e i suoi! Più o meno sin dall'inizio ho lasciato fare a lui, e questo perché essendo anche insegnante al Conservatorio ha un metodo più pratico e veloce; inoltre spesso trascorro lunghi periodi in tour e ho poco tempo. Furio sa molto bene quali voci assegnare ad ogni strumento, ecco perché il lavoro pratico spesso è lui a svolgerlo, ma decidiamo anche molto insieme.

C.F.: Il vostro progetto, Under Construction, vi vede affiancare con originalità artisti dalle sonorità più disparate. Qual è stata l'idea cardine che vi ha guidati nella realizzazione?
G.P.: Io e Furio abbiamo alle spalle quattro anni di lavoro insieme, dunque un giorno ci siamo detti: «E se facessimo una cosa qui in città, tra di noi, invitando amici nostri...?». La nostra intenzione era infatti quella di creare un laboratorio, di chiamare persone e cambiare sempre scaletta, il che se vogliamo è un azzardo. Lo scorso anno abbiamo fatto otto concerti in duo, e per ogni serata c'era un ospite. Quest'anno anziché essere in due abbiamo voluto in un certo senso esagerare: siamo quasi sempre in otto! Cerchiamo di tirare fuori idee nuove, spontanee, non prestabilite: per me questo è il modo migliore di lavorare.

C.F.: Tornando a ieri sera, quali sono le tue impressioni ora che la rassegna sta per giungere al termine?
G.P.: Be' ieri sera...siamo alla fine della rassegna e l'aria viene sempre meno [ride] perché il posto è abbastanza piccolo, la gente tanta, accogliente...ieri sera c'era come ospite un grande pianista, Danilo [Rea, N.d.R.]. In passato abbiamo ospitato altri grandi nomi: Maria Pia De Vito, Antonello Salis, Roberto Gatto...la rassegna è partita al freddo ecco, nel senso che all'inizio lì sotto si stava freschi mentre ora più si va avanti e più la situazione diventa incandescente, sia a livello climatico che musicale! Questo perché l'abbiamo pensata sin dall'inizio come una sfida: ogni mese un artista diverso e ogni mese una scaletta differente, ad hoc per l'occasione.

C.F.: Avete già in cantiere qualche idea per il futuro?
G.P.: Vorremmo portare avanti l'esperimento sull'orchestra: migliorare il suono e sfoltire perché organizzare nove persone a livello di strumentazione e spazio è difficoltoso. Al Soundtown ci sono troppi rientri, il posto è un po' piccolo e basso e l'acustica molto chiara necessita attenzione. L'anno scorso non avevamo problemi di questo tipo perché l'organico era più ridotto e non eravamo circondati da una giungla di microfoni. La nostra intenzione, dopo un anno di lavoro con la LabDance Orchestra e la partecipazione all'Eurojazz 2005 di Ivrea, è di portare in giro il progetto, in modo che rappresenti il frutto del lavoro svolto in questi sedici concerti.

C.F.: A maggio poi chiuderete in grande stile con John De Leo: come lo definiresti?
G.P.: É un interprete mostruoso, preparatissimo. Mi piace molto perché è uno dei pochi ad usare la voce in maniera non convenzionale.

C.F.: Cambiando argomento, so che parallelamente all'attività concertistica talvolta vesti i panni del DJ...
G.P.: Mah, quello è solo un mio schiribizzo...Dj, state tranquilli, non verrò mai a rompervi le uova nel paniere! Mi diverte molto perché penso che un Dj debba proporre la musica che in quel momento sente come la più bella per sé; lasciamo perdere poi quando si va nelle discoteche e ci sono i Djs bunzbunz [mima il gesto] che usano solo casse e frequenze basse che ti arrivano dritte nello stomaco. Spero che un disc-jockey una volta tornato a casa non continui ad ascoltare quella roba, mi auguro che abbia tante altre cose diverse. Per me non è importante che ci siano necessariamente delle parti acustiche mescolate alle digitali, perché molti riescono a fare musica bella senza avvalersi di alcun strumento musicale.

C.F.: Fammi un esempio, a te cosa piace proporre?
G.P.: Ascolto molto Llorca e Laurent Garnier dunque i bpm variano, la gente ascolta...anche se poi ci sono quelli che vengono a dirmi «ma non puoi mettere una canzone per farmi ballare?» o che non intuiscono che io coi Dire Straits non c'entro nulla! Capisco, ciò che preferisco può anche non piacere o non far muovere il sederino al tipo un po' più esigente, ma io faccio musica da ascoltare, mica per ballare.

C.F.: Eppure ieri sera c'erano persone che sembravano tarantolate...
G.P.: Be', significa che c'era l'atmosfera giusta per muoversi, il groove!






Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

26/06/2017

Ida Lupino (Giovanni Guidi, Gianluca Petrella, Louis Sclavis, Gerald Cleaver)- Vincenzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Wild Dance (Enrico Rava Quartet)- Alceste Ayroldi

09/02/2015

Brass Bang! (Fresu - Petrella - Rojas - Bernstein)- Alceste Ayroldi

07/09/2014

Intervista a Gianluca Petrella con DJ Gruff al Locus Festival: "È importante essere sempre attivi, sempre presenti e visibili con nuove idee e non fossilizzarsi su qualcosa che funziona. Perchè, anche se le cose funzionano, prima o poi bisogna dare una svolta." (Alessandra V. Monaco)

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

15/12/2013

Open World Jazz Festival 2013: "...giunto alla trentaquattresima edizione propone tre serate coerenti con la linea portata avanti dal Music Studio e dal direttore artistico Massimo Barbiero." (Gianni Montano)

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

21/09/2013

Südtirol Jazz Festival 2013: "Doppiata la boa del trentennale, la storica manifestazione altoatesina prosegue nella meritoria iniziativa di portare in provincia di Bolzano i migliori suoni del jazz contemporaneo." (Vincenzo Fugaldi)

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

10/03/2012

Il quintetto del più famoso trombettista del panorama jazz italiano presenta al Ueffilo jazz Club il nuovo album inciso per la casa discografica tedesca ECM. (Vincenzo Rizzo)

10/03/2012

Tribe (Enrico Rava 5tet) - Alceste Ayroldi

06/11/2011

Living in a movie (Eugenio Macchia) - Enzo Fugaldi

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

02/05/2011

Slaves (Gianluca Petrella Tubolibre)- Enzo Fugaldi

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

04/10/2010

Enrico Rava New Quintet special guest Daniel Binelli. In occasione del Festival Buenos Aires Tango, in svolgimento all'Auditorium Parco della Musica di Roma, Enrico Rava incontra insieme al suo New Quintet il maestro argentino Daniel Binelli, bandoneonista di fama internazionale: "Un concerto dai toni cangianti, dove jazz contemporaneo e musica popolare argentina si mescolano in un affresco tipico dei nostri giorni, in cui la contaminazione stilistica e culturale diviene un presupposto determinante per crescere e progredire nella ricerca musicale." (Marco De Masi)

04/10/2010

Castellana Music Festival: "Fresche serate di jazz nell'ultima settimana di agosto del sud-est barese. Si è appena concluso il Castellana Music Festival svoltosi nella città delle grotte che, già nella prima edizione ha visto un cartellone di tutto rispetto, ambientato nel caratteristico scenario delle piazze del borgo antico." (Angelo Ruggiero)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

22/08/2010

Gezmataz 2010: Al "concerto sovente imbarazzante e per omaggiare un pezzo vivente di storia del jazz" dell'Ornette Coleman Quartet in cui "problemi di emissione e di articolazione del fraseggio rendono diversi assoli degli abbozzi incompiuti", si contrappongono "abilità tecnica, personalità spiccata, doti compositive non comuni, musicalità assoluta, rispetto e stima reciproca, voglia di divertirsi e divertire..." della Brass Bang! di Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Steven Bernstein e Marcus Rojas. (Andrea Gaggero)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

07/08/2010

Dawn (The Plug) - Alceste Ayroldi

12/06/2010

Young Jazz Festival 10 con al direzione artistica di Gianluca Petrella: "La rassegna fulginate si distingue tra le iniziative italiane per il proposito di coinvolgere esperienze artistiche giovani con un'attenzione a proposte poco o per niente inflazionate, ma senza isolarle dall'esperienza dei maestri. Un punto di forza del jazz è la capacità di innovarsi grazie all'affermarsi di nuovi talenti, che nei casi più felici contribuiscono a perpetuarne la tradizione e ne determinano anche l'evoluzione e l'apertura." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

17/04/2010

Bergamo Jazz 2010: "Tocca sempre a Bergamo il compito di inaugurare la nuova stagione del jazz in Italia, dall'alto di una tradizione di scintillante fattura, impreziosita dalla seconda conduzione artistica di Paolo Fresu, il cui obiettivo quest'anno è stato quello di concentrarsi su alcune delle correnti che attribuiscono al genere nuova linfa." (Vittorio Pio)

10/04/2010

Pan Atlantic (Bobby Previte)- Paolo Incani

01/01/2010

The Modern Sound of Nicola Conte (Nicola Conte)- Alessandro Carabelli

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

22/11/2009

Melodies (Stefano Sabatini)- Stefano Corbetta

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

08/08/2009

Doppio concerto inaugurale per "Luglio suona bene 2009" con l'Ornette Coleman Quartet seguito dall'Enrico Rava Quintet. (Roberto Biasco)

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

14/04/2009

Zapping (Furio Di Castri)

06/04/2009

Big Guns (Previte / Petrella / Salis)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "La formula sperimentata da alcuni anni è quella della full immersion di tre giorni in una vetrina delle ultime tendenze che vedono il jazz legarsi ed intrecciarsi in un meltin' pot tra tutti i generi musicali, con il risultato della creazione di importanti "fusioni", spesso estemporanee: un laboratorio continuo di contaminazioni, collaborazioni e jam session tra le più diverse componenti del jazz e della world music." (Viviana Maxia)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

17/09/2008

Opening (Marco Bardoscia)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

25/02/2008

Le secolari pietre che formano l'ipogeo della masseria "Il Trappeto" di Monopoli, hanno accolto Irio De Paula, uno dei più grandi chitarristi della cultura brasiliana e il Tubolibre Quartet di Gianluca Petrella. (Mariagiovanna Barletta)

04/02/2008

A Sassari l'insostenibile Leggerezza del Jazz. Gianluca Petrella e Antonello Salis incantano la settima edizione To Be in Jazz, dedicata quest'anno al trombone. Teatro Civico gremito e standing ovation la strenna natalizia sassarese. (Luigi Coppola)

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

03/11/2007

"E' stato il poeta della tromba, Enrico Rava, ad aprire la stagione invernale del Jazz Club Perugia, in programma fino al prossimo 11 aprile presso l'auditorium dell'Hotel Giò Jazz Area di Perugia." (Marcello Migliosi)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

23/09/2007

Gianluca Petrella e il jazz spaziale del Bread and Tomatoes Trio: "Atmosfere lunari e un tocco d’Africa nel concerto di Petrella: il trombone sposa felice e contento l’elettronica" (Marco Buttafuoco)

19/08/2007

Manu Dibango all'Auditorium RAI di Torino: "Manu Dibango è icona in movimento che ha intriso la sua vita e il suo suono della mondialità che la musica più di qualunque altra arte può avere e insegnare..." (Alessandro Armando)

08/08/2007

The words and the days (Enrico Rava)

28/06/2007

Nuova gallery con le foto di Marco D'Amico.

14/05/2007

Enrico Rava Quintet all'Auditorium di Roma: "La musica che oggi il trombettista propone, lontana dai più banali stereotipi jazzistici, è frutto di un lungo percorso che dall'inizio degli anni settanta si è spinto fino ad oggi sviluppando - secondo una propria coerenza - un linguaggio personale ed indipendente, una visione della musica fortemente caratterizzata." (Marco De Masi)

23/04/2007

Handuful Of Soul (Mario Biondi)

09/12/2006

Isis (Enrico Pieranunzi feat. Art Farmer)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

27/08/2006

Radio 3 Sessions (Domino Quartet)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

13/05/2006

Indigo4 (Gianluca Petrella)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

06/11/2005

Le foto dell'Enrico Rava Quintet a Jazz in Parco 2005. (Francesco Truono)

03/03/2005

Under Costruction (Furio Di Castri - Gianluca Petrella)

15/10/2001

In anteprima assoluta, X-Ray, il nuovo attesissimo CD di Gianluca Petrella. Ascoltalo e prenotalo subito!





Video:
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(2/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 09/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3788
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(1/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 08/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3382
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3822
enrico rava quintet_gianluca petrella
assolo di gianluca petrella. concerto al teatro augusteo di napoli - 14.01.08...
inserito il 16/01/2008  da persy79 - visualizzazioni: 3212
enrico rava quintet
concerto al teatro augusteo di napoli - 14.01.08 - enrico rava_trumpet, gianluca petrella_trombone, andrea pozza_piano, rosario bonaccorso_double-bas,...
inserito il 15/01/2008  da persy79 - visualizzazioni: 3023


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 7.660 volte
Data pubblicazione: 22/07/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti