Jazzitalia - Articoli: Intervista con Giuliana Soscia
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Giuliana Soscia
aprile 2019
di Marco Losavio

In occasione della pubblicazione del nuovo album "Indo Jazz Project", abbiamo incontrato la musicista e compositrice Giuliana Soscia.

Come nasce l'idea di affrontare la musica indiana?
L'idea è nata dopo un viaggio in India avvenuto nel 2016 in occasione di un importante tour con il mio trio e il progetto "Sophisticated Ladies" dedicato alle donne compositrici nel jazz. Ho tenuto concerti nei più importanti teatri dell'India: l'Experimental Theatre dell'NCPA Mumbai, GD Birla Sabhaggar Kolkata, Civil Services Officer's Institute New Delhi, proprio in occasione della Festa della Donna. Ho viaggiato molto per i miei concerti in Etiopia, Vietnam, Turkia, Brasile, Perù, Scozia, Francia ma debbo dire che nessuna nazione mi aveva lasciato un segno così profondo come l'India. E' molto strano poiché il mio primo viaggio è stato breve, ma non pensavo di ricevere una tale energia. Quindi al mio ritorno ho maturato l'idea di un progetto che potesse abbracciare la musica indiana, i raga con l'improvvisazione jazzistica e non solo, anche un linguaggio più classico contemporaneo. Nell'ottobre 2017 è nato il Giuliana Soscia Indo Jazz Project e il debutto è stato incredibilmente di nuovo in India, con un secondo viaggio molto più lungo nel febbraio 2018 da Calcutta, New Delhi a Bangalore.



L'indo-jazz è un genere di arrivo e/o di scoperta per molti musicisti come, per citare i più noti, John Coltrane, ma anche John Mclaughlin, Trilok Gurtu fino anche ai più recenti come Vijay Iyer, Rudresh Mahanthapp. Per te, quindi, è più un arrivo o una nuova scoperta?

Conoscevo le esperienze di musicisti come John Coltrane, John Mclaughlin e Trilok Gurtu, ma non avevo mai approfondito i loro personali percorsi. Solo dopo aver maturato l'idea di un progetto che potesse abbracciare la musica indiana, ho cominciato a documentarmi seriamente ed ascoltare molti musicisti, soprattutto americani noti e meno noti. E' stata da questo punto di vista una scoperta sapere di una corrente indo-jazz a partire dagli anni'60. D'altra parte, lo considero invece un mio punto di arrivo, poiché la curiosità per la cultura indiana, e quindi musicale, parte da ben molto lontano nella mia vita, quindi ho letteralmente realizzato una mia idea.

Un tramite verso la musica indiana sono state le religioni e le filosofie orientali. Ti è venuto l'interesse anche verso altri aspetti della cultura indiana e del suo spirito?
Circa venti anni fa, incontrai una persona molto particolare, era stata in India per viaggi spirituali ed era rimasta legata alla filosofia indiana. Mi invitò a partecipare ad un incontro di meditazione yoga. Ero molto curiosa e molto attratta da questo tipo di filosofia, cominciai a praticare la meditazione per un periodo di tempo e cominciai ad appassionarmi moltissimo alla pratica dello yoga. Era un periodo della mia vita in cui ero alla ricerca di una mia strada anche musicale; ero molto disorientata e forse cercavo di capire più me stessa. Cominciai poi a praticare lo yoga dinamico e mi appassionai a tal punto che addirittura nel periodo in cui lavoravo come musicista in Rai, proposi una rubrica che illustrava questa antichissima disciplina. Presentai io stessa una rubrica su Rai Uno e nacque in Italia una vera "febbre" per lo yoga. Da qui cominciai a ricercare strumenti musicali indiani, soprattutto cercare di capire la funzione della musica in India, il suo aspetto legato alla spiritualità ma anche al benessere, la sua funzione terapeutica. Ho incontrato e contattato musicisti, musicoterapeuti, neurologi che studiavano l'effetto della musica sul cervello, ho ascoltato musica indiana, ho cominciato a documentarmi molto. Quindi molti anni dopo nell'evoluzione del mio percorso artistico il viaggio in India è stato fondamentale.

Le composizioni si articolano in modo continuo e da una si entra nell'altra rendendo il lavoro come una unica suite. Che approccio compositivo è stato adottato?
Dal punto di vista compositivo ho voluto esprimere tramite i miei brani una mia idea dell'India e l'intero disco è come un mantra, in fondo la ciclicità nella musica indiana è la sua caratteristica principale. Mi piaceva sottolineare questo caratteristica, che comunque fa parte di una strada compositiva che sto percorrendo da un po' di anni. Il carattere ipnotico della musica fa parte di molte culture anche nostrane soprattutto folkloristiche, è proprio quella funzione sciamanica e curativa che la musica aveva nell'antichità. Nel Giuliana Soscia Indo Jazz Project, ho ricercato non solo la ciclicità dei temi delle parti improvvisative affidate ai vari strumenti, ma anche poliritmie cicliche. I ritmi spesso sono dispari naturalmente per riprendere il carattere dell'improvvisazione ritmica indiana denominata "Konnakol". Per quanto riguarda i temi musicali, mi sono ispirata a degli immaginari canti indiani oppure ad immaginari paesaggi. Il disco apre con il brano "Samsara" che ho dedicato al ciclo della vita e in particolare alla mia rinascita, quando ho deciso di abbandonare la fisarmonica a causa di un problema di salute e di riprendere a suonare il pianoforte a pieno ritmo. "Indian Blues" una forma blues immaginaria in 7/4, ho voluto coniugare la forma adottata dal jazz per eccellenza con la musica indiana, con una melodia molto semplice e solare che ricorda i colori dell'India. "Arabeque" invece è dedicato al mondo arabo, mi piaceva sottolineare questa influenza araba nella cultura indiana, che ho notato durante i miei viaggi in India. "Gange" invece, rievoca la maestosità e l'impeto del fiume Gange, protagonista è il sassofono baritono di Mario Marzi, in una parte tecnicamente molto impegnativa, mi sono ispirata al tenore di Bob Mintzer. Voglio raccontare un aneddoto, il primo concerto del mio Indo Jazz Project si è tenuto a Calcutta lo scorso febbraio 2018 e alla fine del concerto un signore tra il pubblico si è avvicinato e nel farmi i complimenti mi ha detto entusiasta che avevo descritto perfettamente musicalmente il fiume Gange. "Alpha Indi" è il brano più dolce e melanconico, ho immaginato una melodia popolare ed emerge l'impasto timbrico dei temi del sax soprano con il bansuri, strumento tipico della cultura indiana e molto evocativo. A chiudere "Bloodshed" una denuncia per le stragi, le miserie umane, un brano per esorcizzare il male nella speranza di un mondo migliore.

Giuliana Soscia Indo Jazz ProjectGiuliana Soscia Indo Jazz ProjectGiuliana Soscia Indo Jazz ProjectGiuliana Soscia Indo Jazz ProjectGiuliana Soscia Indo Jazz Project
click sulle foto per ingrandire

Nel tuo progetto sostieni che hai cercato di far incontrare la musica indiana con quella italiana ed europea. Potresti descriverci meglio questo punto di incontro?
Il punto d'incontro è l'improvvisazione naturalmente, nella musica classica indiana ci sono i "raga", modi sui quali i musicisti improvvisano, nella musica jazz occidentale si utilizzano gli standards oppure composizioni scritte secondo le tecniche compositive jazzistiche, sulle cui strutture armoniche poi si improvvisa. Anche nella musica classica occidentale si pratica l'improvvisazione, nella musica contemporanea e anche in passato esisteva, molti compositori Bach, Mozart improvvisavano, successivamente questa pratica è andata sempre più perdendosi. Solo alcuni musicisti con eccezionali doti riuscivano ad improvvisare in stile, ma non era consentito improvvisare nei concerti pubblici. Il mio maestro Sergio Cafaro, grande pianista ma anche compositore, ad esempio era un grande improvvisatore e riusciva ad eseguire e rielaborare una semplice melodia in tutti gli stili compositivi da Bach a Debussy, ma le sue improvvisazioni si potevamo ascoltare solo in occasione di feste tra amici. Per il resto a partire dai primi del ‘900 Il jazz ha rivalutato l'improvvisazione rendendola parte fondamentale del proprio linguaggio. A proposito di questa interessante tematica il prossimo 13 e 14 settembre coordinerò e terrò una importante masterclass/laboratorio, con tutti i musicisti del mio Indo Jazz Project presso il prestigiosissimo Conservatorio di Musica di Santa Cecilia. La masterclass è aperta a tutti coloro che vogliono partecipare, anche uditori, e seguirà poi il concerto finale nella Sala Accademica. Si parlerà dell'improvvisazione sui "raga", l'improvvisazione ritmica, metodi di solfeggio vocale del "Konnekol" o del "Bol Paran", l'improvvisazione jazzistica e classica contemporanea. Io parlerò della struttura compositiva che è servita da canovaccio per le improvvisazioni.

Il tuo ruolo come musicista è di evidente sostegno alla trama musicale, oltre che di collante tra le evoluzioni ritmiche e armoniche dei vari momenti solistici. Le dinamiche d'insieme si modulano e si reggono in modo molto efficace segno di un'intesa notevole. Come hai scelto i tuoi compagni di viaggio?
In verità, dopo aver scelto i musicisti che avrebbero fatto parte del progetto, ho scritto i brani e affidate le parti improvvisative. Mario Marzi è un grande musicista, che però appartiene al mondo della musica classica, ma anche eccellente improvvisatore, ha collaborato in precedenza con molti jazzisti. Mi piaceva far partecipare un musicista che potesse trattare le melodie con uno stile più classico per dare un colore originale al mio lavoro. Rohan Dasgupta è un giovanissimo e virtuoso maestro di sitar di Calcutta, molto aperto ad innovazioni e contaminare la sua musica con il jazz. Paolo Innarella eccezionale flautista jazz, suona anche benissimo il bansuri indiano e i sassofoni, il suo intervento al sax lo possiamo ascoltare solo nell'ultimo brano del disco, è stato comunque utilizzato prettamente come flautista. Sanjey Kansa Banik, tablista di Calcutta, ma acclimatato ormai in Italia da ben dieci anni, anzi direi a Roma, veramente eccezionale e di grande sostegno ritmico. Infine il bravissimo Marco de Tilla contrabbassista jazz napoletano col quale collaboro da anni. L'affiatamento è frutto di un lavoro svolto in prova, diretto da me meticolosamente e la scelta dei musicisti secondo un'affinità come dire "a pelle", anche caratteriale. Secondo me fare musica è qualcosa che ti coinvolge per intero. Con la musica bisogna essere se stessi senza nessuna restrizione e con generosità, e stare in armonia non è solo una questione musicale ma anche di empatia.

Bansuri, tabla, sitar sono imprescindibili per la definizione dei suoni e dei ritmi di matrice indiana. Come hai affrontato la scrittura per questi strumenti che non sono consueti nella nostra cultura?
Mi sembravano gli strumenti caratterizzanti della cultura indiana, almeno per noi occidentali, tutti noi conosciamo il suono del sitar di Ravi Shankar introdotto tramite i Beatles dagli anni Sessanta. Ovviamente scrivere per questi strumenti è stata la difficoltà maggiore. Mi sono dovuta destreggiare e muovere entro spazi limitatissimi. Il rischio era quello di un risultato mediocre e molto monotono, i centri tonali di tutto il disco infatti non a caso sono solo due, re e do# nei modi maggiori e minori, infatti dal vivo a metà concerto si deve dedicare un po' di tempo all'accordatura del sitar. Le tabla, invece, hanno un'intonazione fissa, ognuna un suono. Per quanto riguarda il bansuri, le possibilità sono anche molto limitate quindi ho dovuto scrivere evitando modulazioni per questi strumenti. Le modulazioni, quando presenti, sono eseguite dagli strumenti occidentali. Quindi la mia difficoltà malgrado tutte queste limitazioni era dare comunque un carattere di varietà e di sorpresa nella scrittura.

E' da qualche anno che hai accantonato la fisarmonica con la quale hai ottenuto grandi successi e riconoscimenti. Ritieni quello un ciclo chiuso o potremo aspettarci qualche novità in futuro?
Ho abbandonato la fisarmonica dal 1 settembre 2017 per un problema di salute, a causa del peso eccessivo dello strumento. Purtroppo, a volte, si devono affrontare situazioni drastiche nella vita, pertanto lo ritengo un capitolo chiuso. Fortunatamente posso continuare a fare musica tramite il pianoforte che è anche il mio primo strumento. Riconoscimenti ne ho avuti anche come pianista ho vinto tanti concorsi pianistici, all'inizio della mia carriera musicale, poi era sopraggiunta la fisarmonica, quindi si è semplicemente riaperto un ciclo della mia vita, molto emozionante e di grande stimolo creativo. Sono consapevole del fatto che sarà difficile farmi accettare nuovamente dal pubblico e dalla critica sotto questa mia veste pianistica, ma la musica per me è qualcosa di più profondo, lo strumento è solo un mezzo con il quale esprimere la mia musica. Posso farlo anche con l'orchestra e dirigere solamente, la mia musica resta la stessa. Continuerò in futuro quindi come pianista e mi dedicherò anche all'orchestra jazz che adoro, quindi alla composizione e conduzione, con la speranza di essere accettata con amore di nuovo dal pubblico e dalla critica.

Ci sono nomi di musicisti a cui sei ancora oggi legata per aspetti stilistici o magari anche affettivi?
Nella mia vita artistica ho affrontato vari generi musicali e prima del jazz c'è la musica classica. Quindi sicuramente sono affezionata a Bach, Alban Berg, Mozart, Beethoven, Debussy, Bartok e Chopin. Successivamente nel mio percorso come fisarmonicista Astor Piazzolla mi ha dato tanto, ho affrontato questo compositore studiandolo nei minimi dettagli, straordinario. Poi ci sono alcuni jazzisti Louis Armstrong, Duke Ellington e Benny Goodman i primi che ho ascoltato, dall'età di quattro anni, prima dell'esperienza classica. Più tardi Thelonious Monk, Coltrane e Shorter, Bill Evans, Cecil Taylor e Sun Ra sono stati per me di grande ispirazione.

E tra le collaborazioni? Qualcuna che ti è rimasta particolarmente cara?
Sicuramente sono legata ancora a Pino Jodice, d'altronde è mio marito! A parte questo è stata una grande collaborazione con grande affinità musicale. Entrambi diplomati in pianoforte classico abbiamo eseguito stessi repertori all'esame di diploma pur non conoscendoci. Con lui ho collaborato per molti anni, tanti dischi, tanti progetti e tanti concerti. Una bella esperienza che però ora a causa del mio cambiamento di strumento è terminata. Continua però il progetto Orchestra Jazz Parthenopea di Pino Jodice e Giuliana Soscia e forse decideremo di ripristinare il Giuliana Soscia & Pino Jodice Duet ma a due pianoforti. Tra le altre collaborazioni sicuramente il sassofonista Tommy Smith, con il quale ho inciso l'album "North Wind", Tommy è un grandissimo musicista e debbo dire che ha interpretato magistralmente i miei brani, è stato un vero onore collaborare con lui. Precedentemente avevo collaborato con lui in un bellissimo tour in tutta la Scozia come special guest, con la sua Scottish National Jazz Orchestra. Bellissima esperienza anche collaborare con Paolo Fresu, un musicista di una grande sensibilità. Con lui ho realizzato l'album "Megaride", nel quale mi sono alternata alla conduzione dell'Orchestra Jazz Parthenopea con Pino Jodice.

Hai anche una cospicua attività didattica. Quali sono i principali aspetti che cerchi di trasmettere agli studenti?
Cerco di far scoprire ai miei allievi l'essenza profonda della musica, la sua funzione di linguaggio universale che può toccare le corde delle nostre emozioni. Insegno la libertà della musica, che non ha confini, senza le barriere tra i vari generi musicali, ognuno con il proprio stile. Poi insegno soprattutto come bisogna porsi nei confronti della musica: con tanta generosità, coerenza, massima serietà, completa dedizione, umiltà, rigore e senza alcuna barriera emotiva. Infine, cerco di tirar fuori la creatività dall'allievo, che spesso viene un po' limitata o addirittura bloccata a causa della rigidità delle numerose regole da seguire e da imparare: la musica è prima di tutto arte.

Da donna musicista, compositrice, a capo di progetti ed ensemble, che visione hai del jazz in Italia oggi o, per meglio dire, del "sistema jazzistico" in Italia?
In Italia, il sistema jazzistico è sofferente come ogni altro settore. Gli spazi per esibirsi si sono ridotti enormemente negli ultimi anni, a causa della crisi economica, e direi anche a causa dell'affermazione di internet. Il pubblico è sempre più assente poiché su YouTube puoi ascoltare qualsiasi concerto dal vivo e i social hanno reso "tutti famosi", accresciuto a dismisura l'ego delle persone e di molti musicisti. Si verifica spesso che musicisti o allievi non vadano più ad assistere ai concerti dei loro colleghi o propri maestri. Per quanto riguarda le donne, c'è ancora molto maschilismo, la donna compositrice è vista ancora con grande sospetto. Solo alcune donne molto famose nel jazz possono godere dei consensi dei colleghi uomini, ma debbo dire sempre con qualche critica. Per il resto trovo che in Italia ci siano dei grandissimi talenti musicali anche nel jazz, c'è molta creatività e molta musicalità. Speriamo in un sostegno maggiore delle istituzioni e in tempi migliori.

Se dovessi selezionare alcuni brani dai tuoi album per una ipotetica compilation, quali sceglieresti?
"Alpha Indi" e "Samsara" dall'ultimo album "Giuliana Soscia Indo Jazz Project";" The Old Castle" dall'album "North Wind" del Giuliana Soscia & Pino Jodice 4tet feat. Tommy Smith; "Variazioni- Sonata per luna crescente" e " Lu Scottis" dall'album "Megaride" dell'Orchestra Jazz Parthenopea di Pino Jodice e Giuliana Soscia feat. Paolo Fresu; "Contemporay Tango" dall'Album Sonata per luna crescente del Giuliana Soscia & Pino Jodice Duet; "Contemporary Swing" dall'album Contemporary del Giuliana Soscia & Pino Jodice 4tet; "Antiche Pietre" dall'omonimo album del Giuliana Soscia & Pino Jodice Italian Tango Quartet.

Cosa prevede quindi l'agenda di Giuliana Soscia?
Il concerto live e presentazione dell'album Giuliana Soscia Indo Jazz Project a Radio Tre Suite "La Stanza della Musica" il prossimo 7 giugno. Come accennavo precedentemente la masterclass del 13/14 settembre e concerto finale il 14 settembre ore 18,00 in sala Accademica presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Poi prossimi concerti con il Giuliana Soscia Trio, dove sono naturalmente nel ruolo di pianista con Dario Rosciglione e Alessandro Marzi e un grande progetto per Orchestra Jazz diretto da me, con progetti di mie composizioni, sono in vista altri due lavori discografici a breve.







Articoli correlati:
18/08/2018

Sedici (Elisabetta Serio)- Alceste Ayroldi

24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

26/01/2015

Sonata per luna crescente (Giuliana Soscia & Pino Jodice Duet)- Nina Molica Franco

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

01/01/2010

Antiche Pietre (Giuliana Soscia & Pino Jodice Italian Tango Quartet)- Alessandro Carabelli

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

28/03/2007

Il giovanotto matto (Lorenzo Hengeller)





Video:
Luigi Di Nunzio Quartet @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 -"Giant Steps" (HD Video)
Temi di Coltrane e Brecker per l'esibizione del giovanissimo sassofonista Luigi Di Nunzio con il suo quartetto alla XX Edizione dell'E...
inserito il 27/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4082


Inserisci un commento


© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 236 volte
Data pubblicazione: 04/05/2019

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti